fbpx

Molte cose sono "probabilmente" cancerogene, a seconda di come e in che quantità le consumi

L'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC), un organismo associato al Organizzazione mondiale della Sanità, recentemente annunciato classificherà il dolcificante artificiale aspartame come "possibilmente cancerogeno". L'agenzia deve ancora rivelare l'intero set di dati su cui si basa questa decisione, ma qualunque cosa dica l'imminente rilascio, l'annuncio ha già preoccupato molti consumatori per il loro consumo di sostituti dello zucchero.

La verità è che l'aspartame è sicuro per il consumo. La nuova classificazione dell'OMS dice di più sui difetti nella strategia di comunicazione del rischio dell'agenzia che sull'aspartame.

IARC categorizza quelli che chiama "agenti" in quattro categorie di agenti cancerogeni. Il gruppo 1 include quelli in cui vi è una forte evidenza di un legame con cancro — radiazioni, per esempio, o oppio e tabacco. Gli agenti del gruppo 3 sono stati analizzati e hanno dimostrato di non rappresentare alcun rischio di cancro. Senza dubbio, per il sollievo di molti lettori, un agente del Gruppo 3 è la caffeina. Il gruppo 2A comprende quegli agenti che sono "probabilmente cancerogeni", indicando un rischio più elevato rispetto al gruppo 2B, che elenca quegli agenti che sono "possibilmente cancerogeni", che è dove sta andando l'aspartame.

Per determinare se un agente è cancerogeno o meno, IARC effettua una valutazione basata sui pericoli, il che significa che esamina il potenziale di un agente di causare danni, non la probabilità che effettivamente lo faccia. Ma la IARC non è un'agenzia per la sicurezza alimentare e le sue conclusioni non dicono nulla sul fatto che un consumo ragionevole possa costituire un rischio per i consumatori. Nel caso dell'aspartame, ne avrebbe bisogno un individuo del peso di 60 chilogrammi bere Da 12 a 36 lattine al giorno di soda zuccherata con aspartame per aumentare il suo potenziale rischio di cancro oltre i livelli basali, motivo per cui l'uso dell'aspartame è consentito in Canada e in molte altre giurisdizioni da oltre 40 anni. Sebbene non sia chiaro quanto di un aumento presumi nella gamma di bevande 12-36, è probabilmente inferiore a un centesimo di punto percentuale, in termini assoluti. Al di sotto di questa quantità di consumo, i consumatori non sono a rischio.

I consumatori devono capire che le responsabilità dell'IARC sono molto diverse da quelle del Comitato congiunto FAO/OMS di esperti sugli additivi alimentari (JECFA) e che utilizza metodi molto diversi. JECFA non ha mai trovato l'aspartame cancerogeno, mentre IARC, nel lungo elenco di prodotti che ha valutato, trova quasi sempre agenti cancerogeni, perché non tiene conto di quanto un consumatore ragionevole ne prenderà.

Affinché l'aspartame sia incluso nella categoria 2B (cioè "possibile cancerogeno"), deve essere soddisfatta solo una delle seguenti caratteristiche: "limitate prove di cancerogenicità nell'uomo, o prove sufficienti di cancerogenicità negli animali da esperimento, o forti prove meccanicistiche, che dimostrino che l'agente presenta caratteristiche chiave di cancerogenicità per l'uomo". "Prove limitate" significa che l'agenzia non ha bisogno di stabilire una relazione lineare tra l'agente e il cancro nello stesso modo in cui lo fa nel Gruppo 1. Questo fa sì che "possibilmente" in "possibilmente cancerogeno" faccia un lavoro pesante.

Il problema con le classificazioni della IARC è che alla fine danno ai consumatori informazioni molto limitate. Quando togliamo i livelli di esposizione, cioè il dosaggio, dall'equazione, quasi tutto può diventare dannoso. Il sole è dannoso in una calda giornata estiva, tuttavia la maggior parte dei consumatori limita la propria esposizione applicando la protezione solare o cercando l'ombra. Mentre ci sono casi in cui il sole potrebbe essere considerato cancerogeno, non sarebbe una buona comunicazione del rischio etichettarlo come agente cancerogeno, e quindi qualcosa da evitare a tutti i costi, non senza avvisare i consumatori del fatto che c'è una buona quantità di luce solare che dovrebbero sentirsi a proprio agio. Proprio come c'è una quantità eccessiva di luce solare che causerebbe il cancro, c'è anche una quantità eccessiva di aspartame che teoricamente potrebbe farlo. Tuttavia, la maggior parte dei consumatori non prende il sole a un livello che induce il cancro o beve 10 litri di dieta pop al giorno.

L'aspartame e simili additivi alimentari ci hanno aiutato ad allontanarci da un additivo che probabilmente dovremmo consumare con più attenzione: lo zucchero. Il consumo eccessivo di zucchero può portare a gravi problemi di salute, tra cui obesità e diabete. Spaventare le persone dai dolcificanti artificiali offuscando la realtà della percezione del rischio rischia di riportarle a bevande zuccherate che alla fine sono peggio per loro.

La classificazione dell'aspartame come possibile cancerogeno apre anche le porte a un flagello completamente diverso: gli avvocati di responsabilità civile. Soprattutto negli Stati Uniti, le valutazioni basate sul rischio della IARC hanno favorito azioni legali collettive che nei processi con giuria hanno frivolosamente sottratto milioni di dollari ai produttori di prodotti sicuri. Ciò potrebbe consentire ad alcuni avvocati del processo di permettersi appartamenti in grattacieli a New York, ma fa ben poco per avanzare salute pubblica.

Il cancro è un grave problema nella nostra società e dovrebbero essere compiuti maggiori sforzi per persuadere i consumatori a modificare comportamenti che ne aumentano il rischio. Detto questo, decisioni consultive come l'avvertimento sull'aspartame rendono il dibattito sulla salute pubblica un disservizio distorcendo la percezione del rischio e alimentando cospirazioni sull'industria alimentare globale che avvelena i consumatori.

Originariamente pubblicato qui

Condividere

Seguire:

Altri post

Iscriviti alla nostra Newsletter

Descrizione
it_ITIT