fbpx

Le aziende responsabili hanno bisogno di protezioni contro la responsabilità COVID-19

Mentre i clienti tornano lentamente nei negozi e i lavoratori tornano a colpire le attività riaperte, c'è un pensiero in tutte le nostre menti: cautela.

Scudi e schermi protettivi in plastica, mascherine e guanti sono una nuova realtà, ed è un piccolo prezzo da pagare per uscire dai blocchi imposti dallo stato.

Ma mesi dopo l'onnicomprensiva pandemia di coronavirus, c'è un altro costo che molti imprenditori e amministratori temono: le future spese legali. 

Mentre le precauzioni volontarie saranno abbondanti in ogni situazione in cui un cliente, studente o lavoratore sta tornando nel mondo, la natura del virus significa che è quasi certo che qualcuno, da qualche parte, prenderà il virus. Ciò significa enormi potenziali ramificazioni legali se una persona vuole ritenere responsabile un'istituzione o un'azienda.

In questa foto d'archivio del 15 aprile 2020, due persone passano davanti a un cartello chiuso in un negozio al dettaglio a Chicago. Nam Y. Huh, AP

C'è già un'epidemia di azioni legali dimostrabile. Tra marzo e maggio di quest'anno, oltre 2.400 cause legali relative al COVID sono state intentate nei tribunali federali e statali. È probabile che questi casi facciano saltare in aria il nostro sistema legale così come lo conosciamo, sollevando accuse di colpa e intasando ogni livello dei nostri tribunali che terranno occupati giudici e avvocati per un po' di tempo.

Ecco perché ha preso piede l'idea di uno scudo di responsabilità per scuole, imprese e organizzazioni.

In una recente lettera ai leader del Congresso, 21 governatori, tutti repubblicani, hanno invitato entrambe le camere del Congresso a includere protezioni di responsabilità nel prossimo ciclo di aiuti per il coronavirus.

“Per accelerare la riapertura delle nostre economie nel modo più rapido e sicuro possibile, dobbiamo consentire ai cittadini di tornare ai propri mezzi di sussistenza e guadagnarsi da vivere per le proprie famiglie senza la minaccia di frivole azioni legali”, hanno scritto i governatori.

Sebbene uno scudo di responsabilità non fornisca copertura alle istituzioni che sono negligenti o sconsiderate, e ragionevolmente, garantirebbe che le azioni legali palesemente frivole o infondate non possano andare avanti.

Per l'imprenditore medio o l'amministratore scolastico, ciò aiuterebbe ad alleviare alcune delle preoccupazioni che tengono chiuse o severamente limitate molte di queste istituzioni.

Nessuno vuole che clienti o lavoratori prendano il virus in questi ambienti, ma creare zone 100% COVID-free sarebbe quasi impossibile, un fatto che molti scienziati sono pronti a riconoscere. Ecco perché i governatori statali, i legislatori e gli imprenditori vogliono garantire che i nostri stati possano riaprire, ma siano consapevoli del rischio. 

C'è ancora molta incertezza relativa alla trasmissione del virus, come hanno sottolineato i Centers for Disease Control and Prevention, ed è per questo che ha senso uno scudo di responsabilità, almeno per coloro che seguono le raccomandazioni in materia di salute e sicurezza. Tuttavia, le imprese e le scuole che mettono intenzionalmente in pericolo i cittadini per negligenza dovrebbero essere giustamente ritenute responsabili.

Questa è l'idea attualmente in discussione nella capitale della nazione, poiché i repubblicani del Senato hanno dichiarato di volere uno scudo di responsabilità per evitare il contagio di una causa.

Sfortunatamente, è probabile che l'idea sia impantanata in una tossica spirale di morte partigiana. Il leader della minoranza al Senato Chuck Schumer di New York denuncia un piano del genere come "immunità legale per le grandi società" e la cronaca sull'argomento ha assomigliato a tale. 

Ma queste protezioni andrebbero maggiormente a vantaggio delle piccole imprese e delle scuole che seguono le raccomandazioni sanitarie e si trovano ancora oggetto di azioni legali. 

Non è un segreto che molti avvocati vedano un potenziale giorno di paga sulla scia della pandemia. Ci sono già molti studi legali che propongono "avvocati di coronavirus" e molti hanno riassegnato interi team e dipartimenti per concentrarsi sulla fornitura di consulenza legale e consulenza per i casi di COVID-19. 

E proprio come nei casi di frode dei consumatori prima della pandemia, uno strumento preferito degli avvocati per danni causati dal coronavirus saranno le grandi azioni legali collettive che cercano enormi pagamenti. Questi sono i casi che di solito finiscono per riempire le tasche degli studi legali invece che dei querelanti legittimamente danneggiati, come rileva un recente rapporto di Jones Day. E questo non parla nemmeno del merito o meno di questi casi.

Nel discutere il prossimo livello di sollievo dalla pandemia per gli americani, incluso uno scudo di responsabilità sarebbe una grande misura di fiducia per le imprese e le istituzioni responsabili e caute nel nostro paese. 

Che si tratti del college o del panificio della comunità locale, dobbiamo tutti riconoscere che l'assegnazione della colpa per la contrazione del virus sarà un frequente argomento di preoccupazione. Ma quelle accuse devono essere fondate, ed essere il risultato di un comportamento assolutamente dannoso e negligente, non solo perché gli studenti sono tornati in classe oi clienti stanno di nuovo comprando torte.

Uno scudo di responsabilità per i cittadini responsabili del nostro Paese è non solo una buona idea ma necessaria.

Originariamente pubblicato sul Detroit Times qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Aggiungi elemento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Descrizione