fbpx

I veri progressisti sosterrebbero Bitcoin e la criptoeconomia, non la regolerebbero

Quando i progressisti politici affrontano argomenti come l'inflazione, le tasse o illeciti aziendali, affermano di parlare per il popolo. Che si tratti della classe operaia o delle minoranze, i progressisti mirano a modellare la politica del governo per proteggere coloro che sono a rischio costante di sfruttamento.

Ma quando questi stessi individui, come la senatrice statunitense Elizabeth Warren (D-MA), rivolgono la loro attenzione a tecnologie innovative come Bitcoin e la sua progenie crittografica (criptovalute con un immenso potenziale per potenziare gli americani di classe media e inferiore) preferiscono il rullo compressore alla mano amica.

Molti ideali progressisti potrebbero essere raggiunti con le criptovalute: non di proprietà di banche, nessun intermediario, commissioni basse, transazioni veloci e un'ancora di salvezza da una vita intrappolata di debiti e povertà. 

Chiunque può scaricare un portafoglio mobile dall'app store del proprio smartphone, generare un indirizzo Bitcoin e ricevere immediatamente piccole porzioni della criptovaluta in modo affidabile e crittograficamente sicuro indipendentemente dalla razza, dal sesso, dall'orientamento, dallo stato economico o persino dalla posizione. 

L'autore Alex Gladstein ha fornito molte storie di Bitcoin fornendo una vera alternativa, responsabilizzando i cittadini in paesi con valute in rapida inflazione o in nazioni autoritarie con controlli sui capitali.

Per il vicino a 6 milioni di americani che sono unbanked (senza conti bancari) che usano criptovalute come Bitcoin potrebbe essere una manna dal cielo. Non ci sono requisiti di reddito per utilizzare Bitcoin, non è necessario un indirizzo fisico e non è necessario utilizzare un ID. 

Per i milioni di americani che inviano rimesse all'estero, a numero crescenteutilizzare transazioni Bitcoin a basso costo invece dei tradizionali servizi di bonifico bancario, che spesso prevedono commissioni percentuali a due cifre.

Cash App, una delle app finanziarie più popolari, ha completamente Bitcoin integrato per l'invio e la ricezione di fondi tra amici e familiari, e un numero crescente di entrambi commercianti online e di persona ora accettano Bitcoin.

Mentre ci saranno inevitabilmente alcune sfide tecniche, specialmente per gli anziani non innamorati della tecnologia, l'esperienza di crescente adozione nei paesi in via di sviluppo dà speranza all'idea che le criptovalute possano essere un progressivo trionfo.

La disintermediazione da corporazioni o entità politicamente connesse dovrebbe entusiasmare un campione populista come il senatore Warren, che ha ha fatto la sua reputazione combattere i salvataggi bancari e criticare i rapporti intimi tra le istituzioni finanziarie e la Federal Reserve.


Purtroppo, sulla scia del crollo di FTX, uno dei più grandi scambi di criptovalute al mondo, i progressisti come il senatore Warren vogliono spegnere completamente l'ecosistema crittografico, piuttosto che semplicemente applicare le leggi per liberarlo dai cattivi attori.

Le azioni del CEO di FTX Sam Bankman-Fried, il cripto prodigio e una volta il secondo più grande donatore politico ai Democratici, ora presunti per essere il perno di una frode da $8 miliardi o schema Ponzi, ci hanno portato a questo momento. Il accuse includono silos contabili sfocati tra i conti dei clienti e quelli aziendali, fondi mancanti e token del valore di miliardi di dollari dati al proprio hedge fund Alameda Research per sfruttare il potere economico nei mercati delle criptovalute.

Il senatore Warren ha il diritto di essere indignato, così come milioni di clienti FTX con fondi mancanti o bloccati in bancarotta, e milioni di altri detentori di criptovalute stanno ora affrontando la ricaduta dei prezzi.

Ma come afferma il senatore in un recente editoriale, questi presunti reati vengono affrontati dalle forze dell'ordine e dalle agenzie di regolamentazione esistenti, siano esse l'FBI o la SEC. Frode, abuso di informazioni privilegiate e manipolazione del mercato non sono improvvisamente diversi perché si verificano con token crittografici.

Dove il senatore si allontana troppo è nel cercare di smantellare completamente le criptovalute alternative e l'economia che le sostiene.

Una delle sue obiezioni è l'industria di estrazione di prove di lavoro che utilizza elettricità e potenza di calcolo per confermare nuovi blocchi e proteggere la blockchain di Bitcoin. A suo avviso, queste aziende sono "inquinatrici", mettendo a dura prova le reti elettriche. In qualsiasi altra era progressista di crescita economica, queste aziende sarebbero sostenute come nuovi arrivati innovativi che tracciano il sogno americano. 

La quota crescente di minatori utilizzando energia rinnovabile e riproporre inquinamento da metanodai pozzi di gas e petrolio alle macchine alimentate, limitando così le emissioni di gas serra, sarebbe sufficiente per essere il titolo di qualsiasi conferenza globale sul cambiamento climatico. Ma negli stati progressisti come New York, legislatori ho quasi ucciso questo.

Quella stessa mentalità guida il desiderio del senatore Warren di intensificare la sorveglianza su ogni singola transazione crittografica. Anche questo sarebbe un pericoloso precedente.

Donare criptovalute a un ente di beneficenza pro-choice o a un gruppo di attivisti ambientali potrebbe rendere qualcuno un bersaglio di figure che si oppongono a queste cause. Le nonne esperte di tecnologia che inviano pagamenti in criptovalute ai loro nipoti, o i lavoratori che scelgono di ricevere i loro pagamenti in Bitcoin, verrebbero effettivamente trattati come criminali. Elevare il potere del governo a questo livello, riducendo al contempo le nostre libertà individuali, è tutt'altro che progressista.

Sebbene non sia neanche lontanamente mainstream come sperano i suoi sostenitori, Bitcoin è stato creato a causa dei difetti del sistema bancario tradizionale. L'uso di regolamenti e leggi per soffocarlo nel settore bancario 2.0 non solo non coglie il punto, ma cancella l'opportunità per milioni di americani che vogliono un'alternativa.

I nostri funzionari politici dovrebbero moderare il loro istinto istintivo per regolamentare una nuova tecnologia come Bitcoin nell'oblio. Il progresso tecnologico dovrebbe essere una parte inevitabile di un'agenda pro-crescita nelle capitali politiche, e Bitcoin è solo un esempio. Le criptovalute possono ottenere un'adozione più ampia o fallire, ma meritiamo un'opportunità per provarci. Il governo dovrebbe in ogni circostanza essere neutrale dal punto di vista tecnologico: non dovrebbe cercare di scegliere i vincitori o i vinti di qualsiasi industria nascente.

I ricchi legislatori progressisti potrebbero non aver bisogno di Bitcoin su base giornaliera, ma ci sono milioni di altri che trarrebbero grandi benefici dalla possibilità di poterlo utilizzare. 

Usare i fallimenti e i crimini degli scambi crittografici politicamente connessi come FTX per raffreddare efficacemente l'innovazione in questo settore e regolarlo priverebbe molti americani di nuove tecnologie economiche che potrebbero cambiare la vita in meglio. Questa è la cosa più lontana dal progressismo e limiterebbe gravemente la nostra capacità di imprenditorialità, innovazione e prosperità umana.

Originariamente pubblicato qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Aggiungi elemento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Descrizione