fbpx

Genitori e politici hanno espresso preoccupazione per la sicurezza online dei giovani sin dall’inizio della vita online. Ora vengono presentate proposte per la verifica obbligatoria dell’età davanti ai legislatori statali e stanno guadagnando terreno serio. Ad esempio, recentemente la Camera a guida repubblicana della Florida ha approvato una legislazione che richiede che “molte piattaforme vietino a chiunque abbia meno di 16 anni di creare un account” e impone alle società di social media “di chiudere gli account per gli utenti nello stato sotto i 16 anni”. La legge della Florida ricorda quella Consulenza genitoriale avvertimenti approvati negli anni '80 e poi divieti di videogiochi degli anni '90.

Tali restrizioni basate sull’età ignorano il fatto che i bambini si sviluppano a velocità diverse e che lo scopo delle attività online può variare notevolmente.

Prendiamo, ad esempio, Malal Yousafzai, che ha iniziato bloggare su l'ingiustizia nel suo paese quando aveva solo 11 anni. Yousafzai è sopravvissuto per un pelo a una pallottola alla testa dopo essere stato preso di mira dai talebani per aver parlato sia online che offline della repressione dei bambini in Pakistan. In riconoscimento della sua lotta per il diritto di tutti i bambini all'istruzione, Yousafzai è diventata la più giovane vincitrice della storia, all'età di 17 anni, a ricevere il Premio Nobel per la pace.

Dall'altra parte del mondo, James Stephen “Jimmy” Donaldson, alias MrBeast, ha iniziato a utilizzare YouTube all'età di 13 anni a Charlotte, nella Carolina del Nord. Oggi MrBeast è uno dei gruppi più prolifici e influenti al mondo creatori di contenuti con l’incredibile cifra di 235 milioni di abbonati. Che si tratti di pulire gli oceani del mondo o fornire supporto per i bambini bisognosi di cure mediche, MrBeast mette i suoi soldi dove dice, al somma di $100 milioni solo nel 2023.

Chiaramente, Internet è uno strumento di potere per alcuni adolescenti, e il disegno di legge della Florida sembra soffocante per i MrBeasts e gli Yousafzais del mondo.

Va inoltre sottolineato che alcune delle aziende più innovative di cui beneficiamo oggi sono state create da adolescenti che hanno testato presto i limiti di Internet. e senza ostacoli. Steve Jobs incontrò Steve Wozniak quando aveva solo 14 anni e dopo molte esplorazioni e tentativi, Apple Computer Inc. nacque quando Jobs aveva solo 21 anni.

Mark Zuckerberg ha iniziato a giocare con la programmazione del computer all'età di 11 anni e ha continuato a lanciare Facebook quando aveva 19 anni. Se solo avesse saputo quante volte in futuro sarebbe stato interrogato dal Congresso per tutto ciò che aveva realizzato e che un giorno sarebbe stato processato e biasimato per la “crisi dello sfruttamento sessuale dei minori online”. Infatti, proprio la scorsa settimana, Zuckerberg, che rappresenta Meta, insieme a Linda Yaccarino di X, Evan Spiegel di Snapchat e Jason Citron di Discord, sono stati accusati di aver messo in pericolo i bambini attraverso le loro piattaforme di social media. Vale la pena notare, tuttavia, che l'età media degli utenti di Meta e Discord è compresa tra 25 e 34 anni, mentre l'età media degli utenti di Snapchat è compresa tra 18 e 34 anni.

Ora, questo non vuol dire che queste piattaforme non ne pongano alcuna problemi per i bambini; davvero, ci sono molte preoccupazioni. Ma istituire maggiori restrizioni governative sugli utenti di Internet e sui siti di social media è problematico a molti livelli, e di seguito sono riportati alcuni rapidi motivi per cui.

Ciò che costituisce i social media si sta evolvendo rapidamente e anche il modo in cui ci si accede può variare notevolmente. Dato che i consumatori desiderano transazioni senza attriti, le aziende sono ansiose di conformarsi. Le piattaforme e le app ora dispongono di sistemi Single Sign-On e funzionalità di sincronizzazione e la registrazione per nuovi servizi è semplificata quando si trasferiscono dati da un account esistente. Pertanto, il consenso dei genitori potrà essere facilmente aggirato o diventare una richiesta sempre più ripetitiva (simile ai popup di autorizzazione dei cookie).

Se esiste un limite di età per l'accesso al sito o se è necessario concedere il permesso dei genitori, deve esserci un mezzo per dimostrarlo. Pertanto, verranno raccolti dati sensibili per confermare l'identità sia dei bambini che dei loro genitori e non vi è alcuna garanzia che tali informazioni possano essere mantenute al sicuro. Secondo la Corte di sorveglianza dell’intelligence estera degli Stati Uniti, negli ultimi anni l’FBI ha consapevolmente abusato delle libertà civili americane utilizzando i dati in modo improprio attraverso la raccolta di comunicazioni personali.

I critici del consenso obbligatorio dei genitori hanno sostenuto che ottenere il permesso a volte è più facile a dirsi che a farsi. Non dovremmo dare per scontato che ogni bambino abbia una famiglia stabile o genitori che lo sostengano. L’accesso ai social network può essere cruciale per coloro che partecipano a programmi di affidamento o di scambio di studenti e per coloro che necessitano di sostegno e comunità fuori casa. Inoltre, a seconda del background e dello status di cittadino, potresti avere genitori che si sentono ancora persi nella navigazione dei protocolli digitali o insicuri nel caricare moduli di documentazione personali.

Piuttosto che chiedere ai politici di assumere una posizione da “stato-bambinaia” per l’uso dei social media, i genitori e gli operatori sanitari dovrebbero essere incoraggiati a svolgere un ruolo maggiore nello sviluppo online del loro bambino. Ponendo il governo come custode, si minimizza lo scopo del coinvolgimento e dell’autorità dei genitori e questa è una questione preoccupante dato che gli studi mostrano una forte “la genitorialità mitiga i problemi di salute mentale legati ai social media”.

Dotare i genitori degli strumenti necessari per aiutare i bambini a navigare in sicurezza nel mondo online dovrebbe avere la priorità rispetto all’istituzione di politiche precauzionali. Opzioni per migliorare sicurezza dei bambini online sono già disponibile, e ce ne sono una varietà di utensili e tecniche che può essere sfruttato. E, se i genitori nutrono preoccupazioni significative riguardo alle attività online dei propri figli, la soluzione più semplice (ma potenzialmente più difficile) è semplicemente impedire l'uso del dispositivo.

Quindi, come dibattiti l'età e l'accesso proliferano, sarebbe bene considerare tutte le aree problematiche che potrebbero sorgere con protocolli online più rigidi. E sebbene ci siano alcuni inconvenienti davvero devastanti associati all’uso dei social media, dobbiamo ricordare che non sono tutti i giovani utilizzano i social media allo stesso modo e la genitorialità, non la politica, è ciò di cui oggi c’è più bisogno.

Originariamente pubblicato qui

Condividere

Seguire:

Altri post

Iscriviti alla nostra Newsletter

Descrizione
it_ITIT