fbpx

C'è stato un tempo in cui gli investitori stranieri consideravano l'Ungheria come il paradiso fiscale dell'Unione Europea. Vantando una bassa aliquota dell'imposta sulle società, una nuova tassa fissa e, cosa più importante per molti investitori, massicci sussidi da parte del governo ungherese per "creare posti di lavoro", questa era la pretesa di fama dell'Ungheria. Ma questo non è un distintivo d'onore. Il governo ungherese ha fornito tutto questo a spese dei contribuenti dell'UE. Nell'ultimo decennio, l'Ungheria è diventata il secondo maggiore beneficiario netto di fondi dell'UE, con la maggior parte di quei fondi che sono finiti nelle tasche di oligarchi e compari ben collegati.

Di recente è accaduto l'imprevisto, poiché l'UE ha deciso di trattenere i fondi fintanto che criteri specifici intorno al norma di leggevengono violati. Il voto passato poco prima del Natale del 2022, con la Commissione europea che ha effettivamente congelato 22 miliardi di euro di fondi di coesione che l'Ungheria avrebbe dovuto ricevere. In questione c'è la crescente mancanza di indipendenza giudiziaria e libertà accademica dell'Ungheria, insieme alla corruzione sfrenata che è arrivata a caratterizzare il governo Orban.

In altre parole, gli altri membri dell'UE ne avevano abbastanza dell'Ungheria che gestiva male i loro soldi. Margaret Thatcher l'ha detto meglio quando ha notato che i governi alla fine "esauriscono i soldi degli altri". Questo è l'esempio da manuale che vediamo ora nel caso del regime di Viktor Orban, che pensava di poter svolgere il ruolo di "anticonformista" nell'UE e farla franca con l'innesto sistemico. Non più.

Quindi cosa fa in risposta l'uomo forte dell'Europa centrale? Orban sta cercando nuovi partner al di fuori dell'UE (Cina e paesi del Golfo) per finanziare il suo concerto e ha iniziato a tassare il popolo e l'industria ungheresi come mai prima d'ora.

Proprio la scorsa settimana, Orban ha usato il suo potere per governare per decreto, passando diverse leggi durante la notte. Mentre il paese affronta il più alto tasso di inflazione nell'Unione Europea oltre all'aumento dei prezzi dei prodotti alimentari, il governo è alla ricerca di nuovi modi per aumentare le entrate. Sembra che sia decisa a perseguire i risparmi delle persone imponendo un'imposta aggiuntiva 13% - chiamata "contributo sociale" - in aggiunta agli interessi guadagnati sugli investimenti degli ungheresi. Preso insieme a un'imposta sul reddito 15% precedentemente in vigore, l'aliquota fiscale complessiva sugli investimenti si trova a un orribile 28%. La maggior parte delle forme di risparmio per la gente comune sono state colpite. Il governo ora incoraggia i cittadini ad acquistare titoli di stato che promettono un buon rendimento. A tal fine, lo stato sta ora costringendo le banche a informare i consumatori su quanto perderebbero se scegliessero un investimento bancario rispetto ai titoli di stato.

Di conseguenza, per quanto bizzarro possa sembrare, gli ungheresi sono scoraggiati dal risparmiare denaro in un momento in cui ne circola troppo nell'economia.

Il bilancio deve essere in pessime condizioni e il governo ungherese ha un disperato bisogno di nuovi mezzi per tassare le società. Ad esempio, i rivenditori che sono già stati duramente colpiti dai massimali di prezzo del governo sono stati anche gravati da un'imposta sul reddito aggiuntiva. Il risultato è in bella vista: prezzi alimentari spaventosamente alti, penuria e molti negozi che chiudono definitivamente.

Il settore farmaceutico, che già soffre per la natura punitiva delle tasse di Orban, ha subito un altro colpo. La loro industria deve ora pagare più tasse dopo il costo di qualche medicina è aumentato fino a 40%. La mossa inaspettata sta costringendo le aziende farmaceutiche a spostare la propria strategia sulla disponibilità di determinati prodotti. A causa del fatto che il mercato ungherese è relativamente piccolo, affrontare un aumento così significativo delle tasse potrebbe spingere le aziende farmaceutiche a ritirarsi del tutto dal paese, sospendere le loro operazioni e interrompere la vendita di alcuni prodotti. Considera come in California, i fornitori di assicurazioni statunitensi hanno considerato l'aumento dei costi di fare affari, sia ambientale che normativo, e semplicemente optato tirare fuori. Questa è la realtà di come funzionano i mercati, che piaccia o no ai populisti.

Il risultato è che i consumatori ungheresi soffriranno di carenze nelle loro farmacie. Le conseguenze più terribili possono essere conosciute solo quando sarà troppo tardi.

Se ti stai chiedendo come fa il governo ungherese a farla franca con questo imbroglio in nome della riduzione del deficit, la risposta è semplice: il governo Orban ha usato la sua macchina di propaganda in modo molto efficiente per convincere il pubblico che queste misure sono necessarie per contrastare il ricatto finanziario da Bruxelles. Il regime afferma che l'UE sta trattenendo i fondi a cui l'Ungheria ha diritto e che ci sono settori "avidi" delle grandi imprese che dovrebbero contribuire di più.

Che dire del fatto che queste azioni non hanno alcuna prova di aver contribuito a ridurre l'inflazione e i prezzi dei generi alimentari ai massimi storici, o che non alleggeriranno le carenze di approvvigionamento? L'ultimo decennio ha visto la propaganda del governo ungherese diventare molto efficiente nel persuadere la sua gente. Sono state spese enormi somme di denaro per convincere la gente che tutti i mali che l'Ungheria deve affrontare sono causati dall'Occidente, da George Soros, dalle banche e dalle multinazionali. Il governo arriva al punto di affermare che il principale rivale della nazione è Bruxelles. Le stesse persone che una volta hanno sofferto sotto il dominio sovietico ora elogiano artisti del calibro di Vladimir Putin e la Cina di Xi mentre raccolgono i benefici dell'adesione alla NATO e all'UE. La propaganda funziona e il dissenso all'interno della legislatura ungherese è sempre più difficile da trovare. I fatti hanno perso da tempo il loro significato in un paese in cui c'è sempre qualcun altro da incolpare.

Originariamente pubblicato qui

Condividere

Seguire:

Altri post

Iscriviti alla nostra Newsletter

Descrizione