fbpx

L'obesità ha peggiorato le morti per Covid, ma non impariamo le lezioni sbagliate

In qualunque modo la si guardi, l'obesità è in aumento in Gran Bretagna. Entro il 2018, la percentuale di adulti britannici classificati come obesi lo era raggiunto 28 per cento. I decessi attribuiti all'obesità e al grasso corporeo in eccesso aumentano ogni anno che passa.

In effetti, uno studio recente è arrivato al punto reclamo che l'obesità è ora responsabile di più morti del fumo. I decessi legati al fumo sono diminuiti negli ultimi anni e nel 2017 il 23% dei decessi era legato all'obesità, contro solo il 19% per il fumo.

Come ormai sappiamo fin troppo bene, questo sembra averlo fatto ha contribuito al bilancio delle vittime di Covid-19 sproporzionatamente alto nel Regno Unito. L'obesità è uno dei principali fattori di rischio del coronavirus individuato dal SSN all'inizio della pandemia, per una buona ragione. Anche mettendo da parte altri fattori di rischio come il diabete e le malattie cardiache, dai dati che abbiamo finora, l'obesitàappare avere un suo effetto aggiuntivo.

Forse non sorprende che le tate della salute pubblica abbiano sfruttato questi fatti per promuovere la loro agenda politica straordinariamente dannosa. Dalle tasse sullo zucchero alle restrizioni sulla pubblicità alimentare, questo governo conservatore sembra essere stato veramente conquistato da coloro che vogliono vedere l'imposizione di imballaggi semplici su patatine e cioccolatini e il conteggio delle calorie sulle pinte nei pub.

Potrebbe sembrare un'iperbole, ma non lo è. Secondo i documenti, il conteggio delle calorie forzato è all'ordine del giorno trapelato al Sole. E l'idea di un semplice imballaggio per cibi malsani, come abbiamo già fatto per le sigarette, è un vero e proprio proposta dell'Institute for Public Policy Research, un think tank di sinistra, ed è stato pubblicamente approvato dalle tate in capo alla Public Health England.

Lo zucchero potrebbe benissimo essere il nuovo tabacco – e questi attivisti vogliono vederci ripetere tutti gli errori dannosi che sono stati commessi quando si è cercato di far cessare il fumo.

Purtroppo, il fatto che questa proposta provenga da sinistra non significa che non dobbiamo preoccuparci che diventi realtà sotto un governo Tory. Solo pochi anni fa, quegli stessi gruppi di lobbisti marginali erano gli unici a fare una campagna per i divieti pubblicitari sul cibo spazzatura e le tasse sulle bevande analcoliche, ma ora i divieti pubblicitari sono stati abbracciati come politica del governo e la tassa sullo zucchero è già in vigore.

Nessuna di queste politiche funziona ed entrambe hanno effetti collaterali disastrosi. Le cosiddette “tasse sul peccato” sono inefficace – l'evidenza mostra che di fronte alle tasse sulle bevande zuccherate, le persone pagano i prezzi gonfiati, passano ad altre opzioni ad alto contenuto di zuccheri e ipercaloriche come i succhi di frutta, o acquistano bevande analcoliche di marca propria più economiche per compensare la differenza di prezzo.

In altre parole, loro non hanno un impatto sulla quantità di calorie consumate dalle persone, come possiamo vedere dal fatto che i tassi di obesità continuano a salire.

Queste tasse regressive rendono anche i poveri più poveri. L'analisi ha costantemente mostrato che rendere più costosi elementi essenziali come cibo e bevande danneggia i poveri più di chiunque altro.

Le restrizioni pubblicitarie hanno problemi simili. La politica di divieto degli annunci del governo – cheappare essere stato tagliato all'undicesima ora, ma vista la mancanza di conferme ufficiali, potrebbe rialzare la testa da un momento all'altro – è limitare la pubblicità di ciò che ritiene essere “cibi malsani”. Il problema immediato è che la definizione del governo di cibi malsani che causano obesità e deve essere apparentemente limitata include miele, yogurt, senape e frutta sciroppata.

Ancora più schiacciante, lo stesso governo analisi della sua politica, a cui è rimasto fedele per molti mesi nonostante l'industria universale grido, conclude che rimuoverebbe in media 1,7 calorie dalla dieta dei bambini al giorno. Per il contesto, è l'equivalente di circa la metà di uno Smartie. E questo per non parlare dell'immenso costo di ostacolare il settore pubblicitario, proprio quando ci affidiamo alla crescita del settore privato per rilanciare la ripresa economica post-Covid.

Gli interventi del governo saranno sempre miopi e inefficaci per loro natura. Non dovremmo ignorare l'obesità, ma il modo in cui la affrontiamo deve consentire alle persone di mantenere il controllo sulla propria vita. Piuttosto che tassare o regolamentare l'obesità nella speranza che scompaia, la politica del governo dovrebbe creare un ambiente che possa facilitare la gestione del peso.

Ad esempio, recente ricerca scoperto che un farmaco per il diabete può fare miracoli per la perdita di peso. Le persone che hanno assunto semaglutide hanno improvvisamente scoperto che i chili di troppo si stavano abbassando, con molti che hanno perso il 15% del loro peso corporeo. 

E l'innovazione sanitaria va ben oltre il laboratorio e la chirurgia del medico di famiglia. Studi hanno dimostrato, ad esempio, che il semplice atto di masticare una gomma può aiutare le persone a perdere peso. "La gomma da masticare ha avuto un duplice effetto sull'appetito", disse ricercatori dell'Università di Liverpool e della Glasgow Caledonian University. "Riduce sia le sensazioni soggettive associate al mangiare che la quantità di cibo consumato durante uno spuntino... portando a una diminuzione dell'8,2% dell'appetito per snack dolci e salati".

Invece di dare libero sfogo alle tate della salute pubblica per governare le nostre diete e abitudini di acquisto, il governo dovrebbe investire in ricerche pionieristiche come questa per trovare risposte di libero mercato all'obesità. Se lo zucchero è davvero il nuovo tabacco, non ricorriamo ancora una volta all'eccessiva ingerenza dello stato. Sfruttiamo invece il potere dell'innovazione e lasciamo che i nostri istituti di ricerca scientifica di livello mondiale facciano il duro lavoro per noi.

Originariamente pubblicato qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Aggiungi elemento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Descrizione