fbpx

Non c'è bisogno di salvataggi, basta abbassare le tasse di volo

Nel tentativo di contenere il coronavirus, i governi di tutto il mondo hanno imposto varie restrizioni di viaggio. Come di solito accade, la strada per l'inferno è lastricata di obiettivi nobili e buone intenzioni. L'industria aerea che ha reso i viaggi tra continenti e città più piacevoli, efficienti in termini di tempo e convenienti sarà, purtroppo, enormemente colpita da questi divieti di viaggio. 

In effetti, il potenziale danno potrebbe finire per essere così esteso che alcune compagnie aeree tradizionali e low cost cesseranno di esistere e i biglietti economici saranno solo un dolce ricordo del passato. Ciò sarebbe disastroso per la scelta del consumatore.

Non tutto è perduto però. Ci sono diversi modi in cui i governi possono aiutare l'industria durante questi tempi difficili. I salvataggi di solito vengono prima in mente. Airlines for America, l'associazione di settore di varie compagnie aeree statunitensi, ha già chiesto un sostegno di 50 miliardi di dollari. Probabilmente ne seguiranno molti altri. 

Poiché il governo è in parte responsabile dell'imminente caduta delle compagnie aeree, è comprensibile il motivo per cui le compagnie aeree dovrebbero cercare la sua assistenza per mitigare il danno. Tuttavia, ogni salvataggio è una ridistribuzione del denaro dei contribuenti senza il loro consenso. Tutti i contribuenti vogliono che i loro soldi vengano usati per salvare compagnie aeree in bancarotta? Hanno viaggiato tutti in aereo? O forse sono più preoccupati per le minacce poste dalla pandemia e preferirebbero che il governo incanalasse i loro soldi nei servizi sanitari? Probabilmente quest'ultimo avrebbe più senso vista la situazione attuale.

Una volta revocate le restrizioni di viaggio, i consumatori e i passeggeri saranno molto felici di viaggiare di nuovo. E per catapultare la domanda, i governi dovrebbero ridurre le tasse imposte sui biglietti che acquistiamo. Questo non solo aiuterà a dare impulso a un'industria senza la necessità di salvataggi, ma consentirà anche ai passeggeri di ogni fascia di reddito di visitare le loro famiglie, partecipare a riunioni e viaggiare senza ulteriori barriere. 

Ogni tassa imposta alle compagnie aeree aumenta il prezzo del volo per i consumatori. Mai crederci quando i governi dicono che stanno tassando le compagnie aeree: in realtà siamo noi consumatori a pagare il conto. E una volta che la pandemia sarà finita, il nostro valore soggettivo di viaggiare senza limiti aumenterà, facendoci così apprezzare molto di più i miracoli del viaggio aereo. Vorremo volare di più, non di meno. Gli incentivi sotto forma di prezzi più bassi, grazie a tasse più basse, saranno una buona notizia per ogni consumatore.

Abbiamo iniziato a dare per scontati il volo e i viaggi, e la globalizzazione che ne è stata favorita è stata messa a fuoco alla luce dell'epidemia di coronavirus. 

Ma questi brutti tempi temporanei non dovrebbero farci dimenticare le possibilità del viaggio aereo. Molti di noi sono in quarantena in questi giorni e si sentono intrappolati tra le quattro mura dei nostri appartamenti. Sfogliare le nostre foto dei viaggi passati e sognare ad occhi aperti di poter visitare più posti lo rende più sopportabile. 

Quando tutto questo finirà, vorremo che i governi si assicurino che possiamo volare proprio come prima e nel modo più economico possibile. Non c'è bisogno di salvataggi, basta abbassare le tasse di volo. Ciò renderà la nostra realtà post-coronavirus molto più piacevole e garantirà una posizione di forza alle compagnie aeree per gli anni a venire.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Aggiungi elemento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Descrizione