fbpx

Nei mesi che hanno preceduto le tanto attese elezioni europee di inizio giugno, agricoltori di tutta Europa stavano guidando proteste praticamente in ogni angolo dell’UE. Le loro richieste principali variavano da stato a stato, ma il messaggio dei rappresentanti degli agricoltori a Bruxelles, ascoltato in 24 lingue, era chiaro: l’Unione Europea sovra-regolamenta gravemente l’antica pratica agricola. Che sia costose indagini di impatto ambientale, restrizioni su prodotti chimici e fertilizzanti per la protezione delle colture, o il fatto che l’accesso ai pagamenti diretti da parte del governo potrebbe anche richiedere agli agricoltori di possedere una laurea in scrittura di domande di sovvenzione, gli ostacoli al successo per gli agricoltori europei sono elevati. 

Gli agricoltori che protestavano lamentavano il fatto che la classe politica europea soffre di una profonda incomprensione del loro settore. I legislatori di Bruxelles vedono l’agricoltura come un pugno nell’occhio e un ostacolo al raggiungimento dei loro rosei obiettivi di protezione del clima sin dagli Accordi sul clima di Parigi del 2015. Il regolamento sulla condivisione degli sforzi del 2020 richiede ai paesi membri dell’UE di ridurre la loro quota di emissioni di gas serra in proporzione alle loro emissioni, il che significa che i paesi con terreni meno fertili e un uso elevato di fertilizzanti devono in qualche modo ridurre le emissioni di protossido di azoto. Questo è ciò che ha portato il governo olandese a tentare un programma di acquisizione di allevatori di bestiame, che ha provocato massicce proteste da parte degli agricoltori una vittoria elettorale per il partito dei contadini noto come BBB.

Nonostante le ambizioni grandiose del movimento ambientalista un tempo organizzato attorno a Greta Thunberg, la realtà politica ha preso terreno. Partiti di destra ottenuto importanti guadagni nelle più recenti elezioni europee, in parte allineandosi ai messaggi pro-agricoltori sulla sicurezza alimentare e sulla tutela della dignità dei coltivatori che nutrono il continente. I politici a Bruxelles vogliono restare a Bruxelles. Ecco perché il Partito popolare europeo (PPE), il più grande gruppo politico del Parlamento europeo, ha cambiato rapidamente le sue opinioni ad una posizione più favorevole agli agricoltori. Il PPE ha respinto proposte legislative chiave come quella di dimezzare l’uso dei pesticidi entro il 2030, un obiettivo politico chiave degli attivisti ambientalisti privo di supporto scientifico. 

Oggi l’Europa si trova ad affrontare una realtà diversa. Lo ha affermato la presidente della Commissione Ursula von der Leyen ha buone possibilità di essere riconfermato pur essendo stato uno dei principali motori della “Strategia “Dal produttore al consumatore”, che si propone di vietare i pesticidi, ridurre i fertilizzanti e riconvertire i terreni agricoli nell’UE del 10%. Von der Leyen, che ora finge di guidare l’Europa in una direzione più favorevole all’industria, sta cercando di adattare il suo marchio quadrato attraverso un buco rotondo. Ci vorrà molto tempo e impegno affinché i cittadini prendano sul serio il suo rebranding politico. Negli ultimi mesi del suo primo mandato, Von der Leyen ha attuato politiche più indulgenti per l’accesso ai sussidi agricoli, imponendo regole meno burocratiche agli agricoltori. Ha inoltre ritirato i piani per limitare l'uso di prodotti chimici fitosanitari. Questa correzione di rotta sembra più estetica che ideologica.

Per i politici americani sarà difficile capire la situazione attuale dell’Europa. I partiti di destra in ascesa non sono avidi liberisti, il che significa che un accordo globale di libero scambio con gli Stati Uniti è ancora una volta una prospettiva lontana. Oltre a ciò, a Bruxelles per i prossimi cinque anni si parlerà delle cosiddette “clausole specchio”, il che significa che l’Europa sosterrà l’idea che la regolamentazione UE dovrebbe essere il punto di riferimento per il commercio internazionale di prodotti agricoli. Non rispetti le norme ambientali dell'UE? Non posso portarlo dentro. 

Perversamente, gran parte della destra europea che ha sfidato le norme ambientali nelle proprie campagne sarà comunque felice di vedere rese popolari le clausole speculari, perché sono un modo conveniente per erigere misure protezionistiche per i propri elettori. Molti agricoltori europei credono erroneamente che il protezionismo commerciale favorirà i loro interessi e si oppongono all’idea di esportare più vino francese, formaggio olandese o olio d’oliva italiano oltreoceano verso gli entusiasti consumatori americani. In ogni caso, gli agricoltori di tutta l’UE hanno inviato un messaggio forte agli Stati Uniti: le gravose normative ambientali rappresentano una sfida per la sicurezza alimentare e offendono la maggior parte degli elettori. Alla gente comune piace vedere il cibo ben fornito sugli scaffali del mercato e apprezza l’idea che il cibo provenga dalle fattorie vicine. 

Il commercio globale sarà sempre una questione di divisione, ed è abbastanza chiaro che le pesanti restrizioni nazionali al commercio agricolo sono una campana a morto politica.

Originariamente pubblicato qui

Condividere

Seguire:

Altri post

Iscriviti alla nostra Newsletter

Descrizione
it_ITIT