fbpx

Con la sua buona reputazione, la Germania non è solo un modello in questo, ma viene anche utilizzata per esercitare maggiore pressione e legittimità sulla legislazione proposta. È difficile evitare questa responsabilità….

Il progetto di legge “NetzDG” del governo tedesco viene duramente criticato. Gli operatori dei social network sono costretti a cancellare i contenuti che violano la legge tedesca entro un breve periodo di tempo. Ciò crea un incentivo economico: è meno rischioso eliminare contenuti legalmente discutibili piuttosto che mantenerli pubblicati. Molti temono che ciò creerebbe una sorta di “censura preventiva”, imposta dallo Stato ma alla fine imposta da una società privata.

Nonostante le critiche giustificate, il NetzDG sta riscuotendo un successo internazionale. Insieme ad automobili, macchine, prodotti chimici e altri prodotti di alta qualità della Repubblica federale di Germania, il NetzDG è anche un successo per le esportazioni. Come un rapporto pubblicato dal think tank danese Justitia nel 2020, il NetzDG serve da esempio per numerose leggi approvate in altri stati. Come istituzione, Justitia si occupa principalmente dei problemi dello stato di diritto, dei diritti umani e delle libertà civili – ed è qui che iniziano i primi problemi.

Nel 2019 è stato pubblicato il think tank un report dimostrando che almeno 13 stati (e l'Unione Europea) hanno approvato o stanno pianificando di approvare leggi simili e nel 2020 altri 11 si sono uniti a loro. Stati liberali come Francia, Regno Unito e Australia sono solo una minoranza; la maggior parte sono stati con deficit significativi dello stato di diritto.

Ad esempio, una legge simile era già stata approvata nel 2017 in Bielorussia, dove da settimane osserviamo le proteste contro la frode elettorale di Lukashenko. A differenza della Germania, la legge mira “solo” alla diffusione di informazioni false. Non è difficile intuire che si tratta di un tentativo di restringere la libertà di espressione e, soprattutto, di mettere a tacere i giornalisti critici nei confronti del governo. Secondo l'Augsburger Allgemeine Zeitung, il dittatore ha fatto riferimento all'esempio tedesco del NetzDG e al volto della legge, Heiko Maas.

Secondo i rapporti da Reporter senza frontiere (RSF) e diverse classifiche, la Bielorussia è uno stato che ha reso la restrizione alla libertà di stampa la norma. Ad esempio, i media alternativi in Bielorussia sono costretti a operare al di fuori del Paese. A loro volta, i corrispondenti di tali punti vendita non ricevono l'accreditamento statale, il che significa che devono lavorare illegalmente. Riferito RSF nel novembre 2018 almeno 99 sanzioni erano state inflitte ai giornalisti per mancato accredito fino a quel momento.

Nel Rapporto Libertà in Rete 2020 di Freedom House (Justitia fa riferimento al Rapporto 2019), la Bielorussia è valutata "non libera" con 38 punti su 100.

Anche l'AKP di Erdogan ha deciso di adottare l'innovazione. Il partito al potere ha approvato una legge che, secondo un rappresentante dell'AKP, si basa sul NetzDG tedesco.

Come risultato della legge, i social network con più di un milione di utenti dovranno assumere dipendenti in Turchia responsabili delle questioni legali nel paese. Inoltre, secondo il rapporto, gli operatori devono ora memorizzare i dati degli utenti in Turchia. Se la legge viene violata, potrebbero incorrere in pesanti multe fino a $1,5 milioni di dollari USA, nonché altre misure come il blocco e la limitazione dei siti Web interessati.

La Turchia è stata criticata per la sua politica contro la libertà di stampa. Il Comitato per la tutela dei giornalisti segnalato almeno 68 giornalisti incarcerati nel 2018, un triste picco globale. Nel Rapporto Libertà in Rete 2020, la Turchia ha un punteggio molto scarso. Con un punteggio di 35 su 100, il Paese è classificato come “non libero”.

Un altro imitatore della Germania è il partito al governo russo "Russia Unita" con il "democratico impeccabile" Vladimir Putin. Il rapporto Justitia afferma che già due settimane dopo l'approvazione della legge in Germania, c'era un progetto di legge finito alla Duma russa, che secondo RSF, era più o meno una copia della legge tedesca.

Mentre il rapporto continua, Putin ha finalmente firmato due leggi il 18 marzo 2019 che impongono sanzioni per la diffusione di "informazioni inaffidabili". Inoltre, sarà punito anche chiunque tratti online con grande mancanza di rispetto “la società, il governo, i simboli ufficiali del governo, la costituzione o parti del governo”. Un'istituzione autorizzata dallo stato russo ha il potere di notificare i siti Web interessati e, se il contenuto non viene eliminato, i siti potrebbero essere bloccati.

Il documento esplicativo ufficiale del governo russo si riferiva al NetzDG. Il Cremlino sostiene che leggi contro le fake news sono standard in altri paesi europei e sono quindi necessari anche in Russia.

Bielorussia, Turchia e Russia, ovviamente, non sono gli unici Stati problematici che hanno introdotto la legge. Non è lo scopo di questo articolo esaminarli tutti. Eppure, gli esempi (Venezuela, Etiopia, Mali, Marocco, Nigeria, Pakistan, Egitto, solo per citarne alcuni) mostrano il pericolo che ora si sta realizzando attraverso il NetzDG.

Lo stato tedesco non è autoritario ma uno stato costituzionale democratico. Non è affatto lo scopo accusare il governo tedesco di cattive intenzioni. In effetti, tuttavia, ha creato una mostruosità che i regimi autoritari di tutto il mondo utilizzano come modello per leggi che possono e dovrebbero limitare la libertà di espressione dei propri cittadini e il libero scambio di informazioni.

Con la sua buona reputazione, la Germania non è solo un modello in questo, ma viene anche utilizzata per esercitare maggiore pressione e legittimità sulla legislazione proposta. È difficile evitare questa responsabilità.

Originariamente pubblicato qui.

Condividere

Seguire:

Altri post

Iscriviti alla nostra Newsletter

Descrizione
it_ITIT