fbpx

Mercoledì, il rappresentante degli Stati Uniti Gregory W. Meeks (D-NY) guiderà un'audizione della sottocommissione sull'accesso ai servizi bancari per le imprese legate alla cannabis.

Per centinaia di milioni di americani in tutto il paese, la cannabis non è più la droga da strada "follia da barattolo" che era una volta.

Proprio come l'alcol prima di essa, la pianta di cannabis si è evoluta da un narcotico trafficato oltre confine e venduto sul mercato nero in uno dei più prodotti ricercati nel commercio legittimo, acquistato da consumatori che cercano i suoi benefici medici o terapeutici.

Negli stati in cui la cannabis è legale per uso ricreativo o medico, ora ci sono migliaia di attività legate alla cannabis che acquistano e vendono beni e servizi, che si stima valgano più di $50 miliardi a livello nazionale. Questi stati hanno, nello spirito del sistema federale americano, portato avanti i propri esperimenti economici e legali, o "laboratori di democrazia.” E hanno avuto un enorme successo.

I $1,4 miliardi di vendite totali di cannabis nello stato del Colorado l'anno scorso e $266 milioni di pollici entrate fiscali indicare questo. Si prevede che il mercato della cannabis in California valga la pena $7,7 miliardi entro il 2022.

I dipendenti stessi possono far chiudere i propri account anche solo per aver ricevuto un centesimo.

Eppure, sebbene 33 stati lo abbiano fatto qualche misura delle leggi regolamentate sulla cannabis e migliaia di dipendenti e consumatori, la stragrande maggioranza delle aziende legate alla cannabis rimane senza conti bancari, senza conti bancari e commerciando solo in contanti. Mentre quasi un terzo della popolazione del paese vive in uno stato in cui la cannabis può essere acquistata legalmente, il governo federale lo classifica ancora come Programma 1 narcotico senza alcun beneficio medico e con un alto potenziale di abuso.

Se una banca accetta depositi da una ditta che commercia in cannabis, rischia perdere la garanzia sui suoi depositi dalla Federal Deposit Insurance Corporation, per non parlare della loro licenza bancaria federale e della pressione dell'IRS e degli investigatori federali.

Ciò significa che tutte le aziende nello spazio della cannabis operano in un territorio rischioso: il governo federale le considera fuorilegge, le banche non toccheranno nemmeno i loro soldi e sono costrette a trattare solo in contanti. I dipendenti possono chiudere i propri account per anche ricevendo un centesimo dai loro datori di lavoro di cannabis e i dispensari esistenti sono sempre a rischio essere saccheggiato dalle forze dell'ordine.

Per il millennial digitale attento ai prezzi, un ulteriore ricarico del 20% sulla cannabis legale è una spinta per tornare al mercato nero.

Un rischio più elevato significa che le aziende di cannabis devono affrontare costi aggiuntivi. Loro devono assumere guardie giurate per il trasporto di contanti e il pagamento delle tasse locali e statali, assumi altri commercialisti per capire come rispettare le norme esistenti e dedicare ore a organizzare contanti per buste paga e spese aziendali. Finisce così alzando il costo del prodotto.

Per il millennial digitale attento ai prezzi che può confrontare i prezzi con il tocco di un telefono, un ulteriore Maggiorazione del 20%. sulla cannabis legale è una spinta a tornare al mercato nero non regolamentato, dove la cannabis è relativamente poco costosa. Ciò non solo mette a rischio la sicurezza dei consumatori, ma priva anche i governi e le comunità locali di entrate fiscali.

Almeno alcuni legislatori, tuttavia, stanno esprimendo questa preoccupazione e sono pronti ad agire.

Mercoledì, il rappresentante degli Stati Uniti Gregory W. Meeks (D-NY) condurrà un'audizione della sottocommissione sull'accesso ai servizi bancari per le imprese legate alla cannabis.

Il Comitato sentirai dalle forze dell'ordine, dai rappresentanti delle cooperative di credito che hanno rischiato di accettare clienti di cannabis e dagli amministratori statali che stanno affrontando le proprie crisi nel settore bancario della cannabis.

Se legalizzare o meno la cannabis è ormai una conclusione scontata. Viviamo nel momento della legalizzazione e Colorado, Washington, Oregon e altri stati hanno aperto la porta.

Resta da vedere se quelle voci saranno sufficienti per spingere il Congresso ad attuare il cambiamento, ma c'è almeno speranza per il migliaia di imprenditori e consumatori che cercano certezze.

Se gli imprenditori dell'industria della cannabis saranno in grado di accedere a capitali e prestiti simili alle aziende praticamente in ogni altro settore, ciò significa che saranno in grado di far crescere le loro operazioni, assumere più dipendenti e fare investimenti- e i consumatori staranno meglio per questo, per non parlare dello stato a corto di soldi e delle comunità locali.

Se legalizzare o meno la cannabis è ormai una conclusione scontata. Viviamo nel momento della legalizzazione e Colorado, Washington, Oregon e altri stati hanno aperto la porta. Ora, il nostro paese deve scegliere se abbracciare o meno i successi dei nostri "laboratori di democrazia" statali, che hanno dimostrato che la legalizzazione funziona e offrono soluzioni per legittimare la cannabis.

La domanda successiva è se le giurisdizioni federali e statali adotteranno una legalizzazione "intelligente" che incoraggi i mercati, la concorrenza, la sicurezza e lo sradicamento del mercato nero. È così che i consumatori e gli imprenditori trarranno i maggiori benefici e come la cannabis può godere dello status di industria matura di cui l'alcol ha goduto per quasi un secolo dalla fine del proibizionismo.

Originariamente pubblicato qui

Condividere

Seguire:

Altri post

Iscriviti alla nostra Newsletter

Descrizione
it_ITIT