fbpx

Questo membro del Congresso della Carolina del Nord sta vendendo Bitcoin?

La scorsa settimana, Neeraj K. Agrawal, direttore delle comunicazioni per il think tank di criptovalute Coin Center, ha twittato un collegamento a un sito web vuoto: whitehouse.gov/bitcoin.pdf.

L'idea che stava cercando di trasmettere, in Internet, è che, si spera, un giorno potremo guardare avanti al giorno in cui il white paper di Bitcoin sarà ospitato sul sito web della Casa Bianca.

Ciò segnalerebbe che il ramo esecutivo ha approvato elementi della criptovaluta e ha ospitato il documento di fondazione fondamentale per creare fiducia nel governo utilizzando Bitcoin come unità di valuta.

Questo è un ottimismo futuristico alimentato da criptovalute che in quel momento non era altro che un tweet sfacciato.

Portandolo al livello successivo, l'investitore tecnologico e imprenditore Balaji Srinivasan ha lanciato una sfida: quale paese o stato degli Stati Uniti lungimirante ospiterebbe il white paper Bitcoin sul loro dominio principale?

Entra il membro del Congresso della Carolina del Nord Patrick Mc Henry.

Il rappresentante degli Stati Uniti Patrick McHenry (R-NC)

Proveniente da Gastonia, una città in cui ho lavorato una volta come giornalista, McHenry rappresenta il decimo distretto nella parte nord-occidentale dello stato, sede dei piloti NASCAR, il possente fiume Catawba e che si estende fino alle splendide Blue Ridge Mountains.

Una volta rappresentava parte della contea di Gaston nella State House e successivamente è stato eletto al Congresso come uno dei più giovani membri del Congresso nel 2004.

Come la membro di classifica nel comitato per i servizi finanziari, McHenry è stato spesso coinvolto in dibattiti normativi e discussioni su criptovalute e progetti finanziari, incluso il progetto Libra di Facebook.

Almeno nelle dichiarazioni e nelle lettere precedenti, McHenry di solito si univa ai suoi colleghi democratici per opporsi a qualsiasi concorrenza al dollaro USA, come abbiamo notato in precedenti comunicati stampa.

Tuttavia, sembra che McHenry stia cambiando tono sul futuro dell'innovazione nello spazio delle criptovalute.

Mercoledì lui ha preso sulla sfida originariamente postata da Agrawal e seguita da Srinivasan: ha pubblicato il whitepaper Bitcoin sul proprio sito web.

Non solo, ma ha affermato che "i responsabili politici dovrebbero essere dalla parte dell'innovazione e dell'ingegnosità, che sono vitali per la competitività americana" e ha esortato i suoi colleghi a unirsi a lui.

Questo membro del Congresso repubblicano della Carolina del Nord sta vendendo Bitcoin? Sembra che la risposta sia sì.

Esaminandolo di più, negli ultimi due anni è diventato più ottimista su Bitcoin e sui servizi finanziari legati alla tecnologia e ha persino chiarito la sua posizione sul motivo per cui progetti come Libra non rappresentano una vera criptovaluta.

Apparendo in una serie di podcast, Compreso uno con il collega membro del Congresso repubblicano Dan Crenshaw, McHenry è stato più esplicito sul perché la tecnologia di Bitcoin è come niente prima, e in effetti, rappresenta il futuro dei servizi finanziari e digitali.

E per finire, ha pubblicato il whitepaper di Bitcoin sul server web del Congresso!

Se le affermazioni di McHenry sono vere e se sta usando la sua posizione di membro del comitato dei servizi finanziari per portare avanti quelle idee, penso che potremmo avere un membro del Congresso campione dei consumatori da seguire nei prossimi due anni.

In qualità di collega della Carolina del Nord e sostenitore delle politiche a favore dei consumatori, in passato sono stato critico nei confronti delle varie posizioni di McHenry, in particolare sulla legittimazione dei servizi finanziari per le società legate alla cannabis.

Credo che lo slogan esatto che ho usato fosse "Il repubblicano della Carolina del Nord blocca da solo i progressi nel settore bancario della cannabis“.

Ovviamente, le idee e le politiche di McHenry sono più sfumate e meritano uno sguardo più attento. Non vedo l'ora che spieghi molto di più. Quindi, anche se potremmo non essere d'accordo sulla banca della cannabis, potrebbe esserci ancora molto su cui essere d'accordo con il membro del Congresso.

Se più politici a Washington e in vari stati si avvicinassero a questo problema come McHenry, forse i nostri governi sarebbero veicoli migliori per promuovere l'innovazione e aiutare a far crescere la scelta dei consumatori.

Complimenti a te, rappresentante McHenry.

Yael Ossowski è vicedirettore del Consumer Choice Center

Condividere

Seguire:

Altri post

Iscriviti alla nostra Newsletter

Descrizione