fbpx

La carne fa male e uccide il clima? No, non lo è

Ho avuto la grande fortuna di imbattermi in un eccellente articolo sul media medico tedesco "Ärzteblatt". In questo pezzo intitolato “Nutrizione e clima: mangiare senza carne, sano e rispettoso del clima: mancano le prove“, Dott. med. Johannes Scholl, presidente dell'Accademia tedesca di medicina preventiva, espone i vari miti sul consumo di carne. È sempre più noto che i nemici della carne stanno facendo di tutto per demonizzarne la prevalenza, facendo dichiarazioni sui suoi effetti sulla salute e sull'impatto sull'ambiente. Ho avuto la mia esperienza di argomentare contro queste tendenze su un pannello TV su TRT World:

Torna all'articolo in questione. Scholl presenta una serie di punti molto interessanti e vorrei darvi le pepite più istruttive.

“Le segnalazioni di svantaggi del consumo di carne sono in aumento e si aggiungono a un bouquet apparentemente coerente di argomenti a favore di una dieta priva di carne. Di recente, ad esempio, è stato pubblicato un nuovo studio che proclama un'associazione tra aumento del consumo di carne e mortalità cardiovascolare e mortalità per tutte le cause. In 6 coorti (29.682 pazienti), è stato riscontrato un aumento del rischio per entrambi gli endpoint in 19 anni di osservazione per consumo di 2 porzioni di carne rossa non lavorata a settimana, ma solo di 3%.

Questo è uno "pseudo risultato" e può essere facilmente invalidato. Sia le imprecisioni nella raccolta dei dati che i possibili errori sistematici negli studi osservazionali significano che un rischio relativo di 1,03 (intervallo di confidenza 95%: 1,01-1,06) semplicemente non dice nulla. Uno sguardo ai dettagli rende anche questo studio inaffidabile: presumibilmente, il consumo medio di alcol nello studio era di 1 g al giorno. Questo sottostima le quantità reali di consumo di almeno dieci volte, come è stato sufficientemente dimostrato da altri studi”.

Scholl mostra come qualsiasi affermazione palese sulla scienza nutrizionale debba essere presa con le pinze. Dopo decenni di scienza nutrizionale, sappiamo quanto sia difficile rendere conto degli aspetti multifattoriali della salute umana. Egli solleva un punto simile più avanti:

“Ad esempio, gli studi sul consumo di carne mostrano che i gruppi con un basso consumo di carne erano in media più istruiti, più magri, più atleticamente attivi, meno propensi a fumare e generalmente più sani rispetto ai gruppi di carnivori. Tali differenze sistematiche sono tentate di essere estrapolate statisticamente – aggiustate multivariate, cioè. Tuttavia, ciò spesso non è trasparente, poiché l'entità dell'aggiustamento per i fattori di rischio individuali e distribuiti in modo non uniforme non viene divulgata. Una distorsione dei risultati è quindi inevitabile anche nelle meta-analisi. Un ulteriore problema è il cosiddetto “recall bias”. Si riferisce all'incertezza circa il corretto richiamo del comportamento nutrizionale. Gli autori intorno a Guyatt, quindi, sottolineano che le meta-analisi potrebbero anche fornire prove insufficienti per un'influenza della carne sui rischi di malattie. Il valore probatorio complessivo è troppo debole per trarre raccomandazioni serie per la popolazione”.

Scholl ci porta anche notizie riguardanti lo stato del dibattito accademico all'interno delle scienze nutrizionali, in particolare come alcuni nel campo della scienza attivista stanno cercando di impedire la pubblicazione di informazioni basate sull'evidenza.

“Serve una discussione scientifica invece di polemiche e diffamazione, chiede Sharp ad Harvard. Ha sottolineato che non c'erano prove che l'industria della carne avesse sponsorizzato gli studi. È vero: la Texas A&M University, come istituzione per il suo settore agricolo, riceve anche donazioni dall'industria della carne per circa 1,5% del suo budget totale.

L'ostacolo della feroce controversia è stata una serie di articoli pubblicati nel 2019 negli Annals of Internal Medicine. In esso, gli autori hanno concluso, sulla base di criteri rigorosamente basati sull'evidenza, che non c'erano prove scientifiche qualitativamente sufficienti per giustificare una raccomandazione per ridurre il consumo di carne. Uno dei principali autori della pubblicazione è il dottor Gordon H. Guyatt della Canadian McMaster University di Hamilton/Ontario, uno dei padri della medicina basata sull'evidenza.

Non ci sono quasi studi nutrizionali controllati randomizzati con endpoint rigidi sul tema del consumo di carne. Nello studio Womens' Health Initiative Study, le donne randomizzate a una dieta a basso contenuto di grassi hanno ridotto il consumo di carne di circa 20%. Tuttavia, ciò non ha comportato alcuna differenza nei vari endpoint come la mortalità per tutte le cause, il cancro o le malattie cardiovascolari”.

In effetti, si scopre che una dieta puramente vegetale potrebbe produrre anche l'effetto opposto.

“Dal punto di vista della medicina nutrizionale, la distinzione tra alimenti animali e vegetali non ha comunque senso. Perché non solo le verdure, la frutta e l'olio d'oliva, ma anche lo zucchero, le bibite e tutti i prodotti a base di farina bianca ricchi di amido sono verdure. Con un metabolismo basale ipotizzato di 2.000 kcal, la “Dieta Planetaria Sanitaria” corrisponderebbe ad un apporto di oltre 330 g di carboidrati al giorno ovvero 55-60% delle calorie totali. Lo studio PURE ha dimostrato che una dieta così ricca di carboidrati è dannosa per la stragrande maggioranza delle persone e aumenta la mortalità complessiva (23, 24). Non è un caso che molti esperti considerino la riduzione dei carboidrati - "low carb" - una pietra miliare per un'alimentazione sana".

Infine, Scholl esamina anche la denuncia del danno ambientale dovuto al consumo di carne. Anche in questo caso, l'accusa non corrisponde al crimine.

“L'argomento secondo cui il consumo di carne è già sufficientemente elevato – non ultimo in Germania – e un ulteriore aumento non sarebbe sicuramente sensato potrebbe essere vero. Ma anche se tutta la Germania fosse vegana, secondo il ricercatore climatico Frank Mitloehner, l'impatto sulle emissioni globali di CO2 non sarebbe nemmeno misurabile.

In passato si diceva: “La carne è un pezzo di vitalità”, oggi è più probabile: “Il consumo di carne è il killer numero uno del clima”. Il contenuto di una simile affermazione è però tanto discutibile quanto le affermazioni sul consumo di carne che è dannoso per la salute. Secondo i dati aggiornati della US Environmental Protection Agency (EPA), l'intero settore agricolo contribuisce con 9,3 % alle emissioni di gas serra. Tuttavia, più di tre quarti provengono dai trasporti (27,9 %), dalla produzione di energia (26,9 %) e dall'industria (22,2 %). La fermentazione nei ruminanti rappresenta 2,7% delle emissioni totali. Quasi il triplo di metano viene rilasciato dal fracking, dalle discariche e dalla produzione di carbone e benzina, un aspetto spesso trascurato”.

Il consumo di carne è sotto accusa da parte degli attivisti che usano discutibili scienze nutrizionali per sostenere le loro affermazioni. È nostra responsabilità, come sostenitori della scelta del consumatore, mettere le cose in chiaro e difendere la scelta in tutti gli aspetti della vita. Questo non vuol dire che sosteniamo il consumo di carne di per sé. Difendiamo il diritto dei consumatori responsabili a fare le proprie scelte, con dati accurati, guidati dalla scienza, non dall'ideologia. 


Fonti:

Zeraatkar D, Johnston BC, Bartoszko J, et al.: Effetto di Lower Versus Higher Assunzione di carne rossa sugli esiti cardiometabolici e cancerosi: una revisione sistematica di studi randomizzati. Stagista Ann Med 2019; 171 (10): 721–31 CrossRef MEDLINE

Zeraatkar D, Han MA, Guyatt GH, et al.: Consumo di carne rossa e trasformata e rischio di mortalità per tutte le cause ed esiti cardiometabolici: una revisione sistematica e una meta-analisi degli studi di coorte. Stagista Ann Med 2019; 171 (10): 703–10 CrossRef MEDLINE

Han MA, Zeraatkar D, Guyatt GH, et al.: Riduzione dell'assunzione di carne rossa e trasformata e mortalità e incidenza del cancro: una revisione sistematica e una meta-analisi degli studi di coorte. Stagista Ann Med 2019; 171 (10): 711–20 CrossRef MEDLINE

Johnston BC, Zeraatkar D, Han MA, et al.: Consumo di carne rossa non trasformata e carne trasformata: raccomandazioni delle linee guida dietetiche del consorzio delle raccomandazioni nutrizionali (NutriRECS). Stagista Ann Med 2019; 171 (10): 756–64 CrossRef MEDLINE

Vernooij RWM, Zeraatkar D, Han MA, et al.: Modelli di consumo di carne rossa e trasformata e rischio di esiti cardiometabolici e cancerosi: una revisione sistematica e una meta-analisi degli studi di coorte. Stagista Ann Med 2019; 171 (10): 732–41 CrossRef MEDLINE

Valli C, Rabassa M, Johnston BC, et al.: Valori e preferenze relativi alla salute per quanto riguarda il consumo di carne: una revisione sistematica di metodi misti. Stagista Ann Med 2019; 171 (10): 742–55.
CrossRef MEDLINE

Carroll AE, Doherty TS: Consumo di carne e salute: spunti di riflessione. Stagista Ann Med 2019; 171 (10): 767–8 CrossRef MEDLINE

Assaf AR, Beresford SAA, Risica PM, et al.: Intervento sul modello dietetico a basso contenuto di grassi e qualità della vita correlata alla salute: l'iniziativa per la salute delle donne Studio randomizzato di modificazione della dieta. J Acad Nutr Dieta 2016; 116 (2): 259–71 CrossRef MEDLINE PubMed Central


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

2 commenti su “Is meat unhealthy and killing the climate? No, it isn’t

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Aggiungi elemento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Descrizione