fbpx

Internet non aveva bisogno della “neutralità della rete” della FCC nel 2015, e sicuramente non ne abbiamo bisogno adesso

PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA | 26 settembre 2023

Internet non aveva bisogno della neutralità della rete della FCC nel 2015, e sicuramente non ne abbiamo bisogno adesso

WASHINGTON DC – Oggi, la presidentessa della Federal Communications Jessica Rosenworcel annunciato la sua agenzia sta iniziando i passi per riclassificare i fornitori di banda larga come servizi di pubblica utilità ai sensi del Titolo II del Communications Act del 1934, comunemente noto come “neutralità della rete”.

Ciò segna un passo indietro per tutti gli utenti Internet americani, che finora hanno beneficiato di un mercato della banda larga più innovativo dopo l’abrogazione di queste regole nel 2017 da parte dell’ex presidente Ajit Pai.

Yaël Ossowski, vicedirettrice del Consumer Choice Center, ha reagito all'annuncio:

“Resuscitare l’idea di una regolamentazione di Internet del Titolo II, dopo la sua abrogazione riuscita nel 2017, è l’idea di cui nessuno ha bisogno nel 2023. Da allora, abbiamo assistito a innovazioni e investimenti incredibili, poiché sempre più clienti Internet iniziano a utilizzare hotspot mobili e Internet via satellite, mettendo online più americani che mai.

"Regolamentare gli ISP come i servizi idrici o i fornitori di elettricità è un percorso verso un maggiore controllo e supervisione di Internet da parte del governo, chiaro e semplice", ha affermato Ossowski.

“Come abbiamo visto di recente Missouri contro Biden In tribunale, il principale problema di Internet di oggi non è rappresentato dai provider di banda larga che bloccano determinati accessi o servizi, ma dalle agenzie governative che tentano di imporre la forza e la forza ai fornitori e alle piattaforme Internet di censurare o rimuovere i contenuti con cui non sono d'accordo. Ciò è più preoccupante di qualsiasi scenario peggiore immaginato dai commissari della FCC.

“Riportare in vita queste norme morte sarà una questione persa per milioni di americani che godono di un accesso e di servizi Internet più grandi che mai.

“Piuttosto che sostenere l’accesso degli americani a Internet, rischia di minacciare i vasti spazi imprenditoriali e tecnologici in tutto il nostro paese e spingerà le aziende a stabilirsi in giurisdizioni che promettono una vera libertà di Internet piuttosto che una regolamentazione imposta dallo stato dei contenuti e della distribuzione di Internet. Servizi.

"Imploriamo la FCC di avviare un processo di coinvolgimento pubblico aperto e onesto su queste normative proposte sulla neutralità della rete, e siamo certi che i consumatori avranno voce in capitolo contro questa proposta", ha aggiunto Ossowski.

Contatto

Stephen Kent, direttore dei media

Stephen@consumerchoicecenter.org 


Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra, Lima, Brasilia e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org.

***Si prega di inviare richieste ai media a yael@consumerchoicecenter.org.***

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Aggiungi elemento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Descrizione
it_ITIT