fbpx

Health Canada tira fuori una politica controintuitiva sullo svapo

Divieto del succo di vaporizzazione aromatizzato, i limiti di nicotina spingeranno i fumatori a tornare alle sigarette

Proprio quando si pensava che fosse sicuro svapare piuttosto che fumare sigarette, i Trudeau Liberals stanno involontariamente cospirando per far risorgere l'antico peccato del fumo di sigaretta.

Non pensano che questo accadrà ovviamente, ma accadrà

Il 19 luglio, come da federale Gazzetta, i liberali del primo ministro Justin Trudeau annunceranno nuove normative per non solo ridurre il livello di nicotina nei prodotti per lo svapo di sigarette elettroniche, ma vietare i liquidi aromatizzati per svapo oltre al tabacco e al mentolo/menta.

"Health Canada sta spingendo i fumatori a tornare a fumare sigarette e tra le braccia di 'Big Tobacco'", afferma Shai Bekman, presidente di DashVapes Inc., la più grande azienda canadese di sigarette elettroniche di proprietà indipendente.

La mossa preventiva dell'Ontario per vietare gli aromi di vaporizzazione influenzerà i grandi marchi di sigarette elettroniche che vendono principalmente nei minimarket, come Juul e Vype.

Entrambe le società vendono cialde di sigarette elettroniche in gusti come cetriolo, mango, fragola e vaniglia.

Ma cosa sta pensando Health Canada?

Secondo vari esperti di comportamento sociologico, e confermato in molti articoli sottoposti a revisione paritaria, piuttosto che ridurre il fumo, questo alla fine riporterà i vapers alle sigarette vere e, a causa della severa tassa del 70 e più sul fumo, causerà anche un aumento domanda di sigarette di contrabbando.

Dopotutto, se hai intenzione di fumare, perché pagare un pacchetto $20 pesantemente tassato quando un viaggio nell'amichevole baracca fumatori in una riserva Mohawk in Ontario e Quebec ti darà un pacchetto esentasse per un minimo di $4?

Come ha recentemente scritto David Clement, North American Affairs Manager presso il Consumer Choice Center Posta finanziaria, “il nostro governo federale sta ignorando ciò che sta funzionando all'estero e sta rifiutando il suo solito principio guida di riduzione del danno.

"Fermare l'accesso dei giovani ai prodotti di svapo è molto importante, ma vietare gli aromi per i fumatori adulti che cercano di smettere di fumare è un errore enorme, che potrebbe avere conseguenze mortali", ha affermato Clement.

“Circa 1,5 milioni di canadesi usano prodotti di vaporizzazione, la maggior parte dei quali fumatori che cercano di smettere. La ricerca sui modelli di acquisto dei consumatori mostra che 650.000 di quegli utenti di vaporizzatori attualmente fanno affidamento su aromi che sarebbero vietati se il divieto venisse approvato".

A maggio, anche nel Posta finanziaria, Fred O'Riordan, un ex direttore generale di Revenue Canada, ha affermato che “il budget federale ha qualcosa per tutti, compresi i commercianti di contrabbando.

"Il loro regalo inaspettato è arrivato sotto forma di un aumento di $4 per cartone delle accise sulle sigarette prodotte legalmente, un forte aumento che potrebbe segnare la fine di un'era - in cui la politica fiscale era uno strumento efficace per controllare l'uso del tabacco - e l'inizio di un altro.

"Più fumatori passeranno a prodotti di contrabbando prontamente disponibili e molto più economici", ha scritto.

"(Questo) sarà dannoso per il lato sanitario della politica, specialmente per i giovani poiché i venditori illegali non chiedono un documento d'identità comprovante l'età".

Lo scopo delle tasse sul tabacco, ovviamente, è aumentare le entrate, ma le proiezioni sono in calo da anni.

Lo scorso novembre, l'Agenzia delle entrate del Canada ha stimato la perdita del 2014 delle entrate delle accise federali derivanti dalle sigarette illegali - il cosiddetto "tax gap" - a circa $483 milioni.

La perdita di entrate fiscali provinciali raddoppierebbe quella stima. E quei numeri "ultimi" hanno sette anni.

Ciò che serve è la mossa coraggiosa di ridurre le tasse sul tabacco abbastanza da rendere l'acquisto di contrabbando un non pensiero. Il premier dell'Ontario Mike Harris ha fatto questo e prevedibilmente le entrate del tabacco della tassa sul peccato sono aumentate.

E mantieni i vaporizzatori aromatizzati: il mango, la vaniglia e persino la gomma da masticare, tutti venduti anche in riserva.

Health Canada deve smettere di essere così controintuitivo.

La sua non funziona.

Originariamente pubblicato qui.

1 commento su “Health Canada coughs up counterintuitive vape policy

  1. Steven B ha detto:

    E il divieto delle buste di nicotina senza tabacco? Quello era un prodotto che mi ha allontanato da tutte le forme di consumo di nicotina per inalazione. Chiaramente le ultime politiche di Health Canada sono state modellate da una quantità significativa di interesse per il "grande tabacco". Molto triste, molto molto triste.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Aggiungi elemento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Descrizione