fbpx

La rottura di Facebook danneggerà i consumatori

Rompere e regolamentare le aziende tecnologiche danneggerà i consumatori, non li servirà.

Il recente aumento dei download di app di messaggistica incentrate sulla privacy come Signal e Telegram è una grande testimonianza del potere di scelta dei consumatori nella sfera digitale. Dovrebbe infliggere un duro colpo ai tentativi di smantellare o regolamentare la società madre di WhatsApp, Facebook, poiché il mercato non è evidentemente dominato da un monopolio. Inoltre, l'intrusione nelle società private finirà per soffocare la scelta dei consumatori e, quindi, dovrebbe essere astenuta.

I consumatori e gli sviluppatori di oggi hanno un potere molto più grande che mai. Nessuna azienda è risparmiata dalla continua battaglia sugli utenti poiché il passaggio a un concorrente nel mondo tecnologico richiede pochi clic e un app store. Un gran numero di strumenti e servizi sono costantemente a disposizione di chiunque cerchi una soluzione migliore al proprio problema individuale.

Date queste dinamiche di mercato, i creatori di app sono incentivati a creare soluzioni per ogni problema di nicchia per soddisfare il loro gruppo di utenti target, competere in un mercato globale e scalare la loro soluzione in tutto il mondo. Alcune app possono accedere ai tuoi dati per fornire un servizio migliore analizzando i modelli di utilizzo. Altri potrebbero proteggere la tua privacy ma scendere a compromessi su un'altra funzionalità. La possibilità di scegliere tra queste opzioni (o di utilizzarle entrambe per casi d'uso diversi!) costituisce un paradiso di scelta del consumatore piuttosto che un monopolio degno di regolamentazione.

Inoltre, l'interferenza nei mercati scindendo le società o regolamentandole raramente è gratuita. Qualsiasi violazione danneggia l'innovazione e riduce gli investimenti.

Facebook, ad esempio, ha acquistato Instagram e WhatsApp rispettivamente per $1 miliardo e $19 miliardi. Sebbene entrambi avessero una base di utenti esistente, nessuno dei due generava ingenti somme di entrate prima di essere rilevato. Semplicemente non si può dire se senza investimenti nell'innovazione da parte della loro nuova società madre, quei servizi avrebbero generato profitti a lungo termine e fornito ai propri utenti i servizi che amano oggi.

Retroattivamente, tornare indietro nel tempo costituirebbe un pericoloso precedente per qualsiasi azienda che voglia investire nella creazione di esperienze superiori per la propria base di utenti e dimostrerebbe che nessun investimento è al sicuro dalle autorità di regolamentazione. Il prezzo per innovare per arricchire tutte le nostre vite sarebbe un incerto ritorno sull'investimento. La vittima finale dell'eccessiva regolamentazione di un mercato naturalmente liberale: i consumatori.

I timori di danneggiare l'innovazione a causa di regolatori troppo zelanti non sono puramente teorici. Lo sforzo di separare il software e il sistema operativo di Microsoft da un altro nei primi anni 2000 ha fatto ben poco per liberare i mercati. Piuttosto, ha impedito all'azienda che ha sviluppato il sistema operativo più popolare di innovare trascinandola in aula per preinstallare Internet Explorer su macchine Windows.

Alla fine, non erano necessarie autorità di regolamentazione per decidere per conto dei consumatori. Man mano che sono emersi naturalmente più browser, i consumatori hanno sostituito Internet Explorer come il browser più popolare indipendentemente dal fatto che fosse fornito fuori dagli schemi. Tuttavia, non si può dire quanti danni siano stati arrecati a Microsoft e agli utenti dagli sforzi normativi per distruggere un'azienda semplicemente a causa del suo successo.

Gli sforzi di oggi vanno anche oltre le fantasie di rottura. Un altro approccio preferito dai legislatori di tutto il mondo è quello di imporre l'interoperabilità, ordinando ai servizi di messaggistica di comunicare tra loro per ridurre le barriere all'ingresso. A prima vista, l'idea ha senso: consentire agli utenti di scegliere il servizio preferito e consentire loro di comunicare con chiunque indipendentemente dall'opzione preferita. Purtroppo, tuttavia, l'interoperabilità danneggerà solo i consumatori.

L'interoperabilità richiede standard comuni. Le e-mail, ad esempio, sono interoperabili in quanto puoi comunicare con chiunque, indipendentemente dal provider. Lo standard potrebbe essere stato il gold standard qualche decennio fa. Ma per gli standard odierni le e-mail non sono sicure, non sono facili da usare e non ci sono stati miglioramenti significativi ai protocolli per decenni. Allo stesso modo, i messaggi di testo sono interoperabili, il che non è certo un vantaggio in quanto sono semplicemente inferiori alle app di messaggistica. 

In assenza di qualsiasi regolamentazione, gli sviluppatori possono personalizzare queste app per i propri utenti, introdurre nuove funzionalità e innovare per conquistare gli utenti. Questa libertà di innovare è il motivo per cui le app disponibili gratuitamente forniscono il modo più sicuro per comunicare che sia mai esistito grazie a standard di crittografia superiori. Ha inoltre consentito a milioni di utenti di passare a un'app alternativa la scorsa settimana, cercando condizioni non standardizzate dalla legge e più applicabili a loro.

Qualsiasi sforzo governativo per definire questi standard di crittografia, come sarebbe necessario per consentire l'interoperabilità, renderebbe anche più facile rompere questi sigilli sulla privacy che i consumatori desiderano disperatamente. I legislatori devono capire che le loro azioni non forniscono valore ai consumatori. Né rompere i cosiddetti monopoli né imporre regolamenti arbitrari è nell'interesse della loro gente. I consumatori sono più che in grado di fare le proprie scelte. Milioni di loro lo hanno fatto la scorsa settimana perché non erano d'accordo con una nuova politica imposta loro da WhatsApp.

Kya Shoar è Digital and Tech Fellow presso il Centro di scelta dei consumatori.

1 commento su “Facebook Breakup will harm consumers

  1. Daniel ha detto:

    Non posso argomentare in anticipo a favore della legislazione ma non è ovvio che l'interoperabilità favorisca la concorrenza? Lo storico monopolio di Windows/Office su uffici e abitazioni ne è la prova. Come mai? Windows era più sicuro, più performante? No, ha solo goduto di un effetto di rete e ha avuto una strategia efficace per rendere molto difficile per utenti e sviluppatori spostarsi dal loro ecosistema.

    Le app web di oggi sono state costruite su protocolli aperti di Internet e Google, Facebook eccetera non sarebbero possibili senza questo ecosistema aperto. Useresti MSN per sempre. I social media e la messaggistica non sono tecnologia avanzata. La maggior parte delle innovazioni non riguarda i protocolli in sé ma nel frontend delle app. TCP/IP, DNS, REST, HTTP, TLS hanno dieci anni. Le tue argomentazioni sono fallaci perché si basano su false premesse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Aggiungi elemento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Descrizione