fbpx

L'opposizione dell'Europa all'editing genetico, ai pesticidi significa prezzi alimentari più elevati per le persone più povere del mondo

featured image blog

BNel 2070 il mondo sarà popolato da circa 10,5 miliardi di persone. Ciò significa che dovremo essere in grado di nutrire 3 miliardi di esseri umani in più ogni anno. Fortunatamente, i progressi tecnologici nell'agricoltura e nella tecnologia ci hanno aiutato a fornire cibo a 5,5 miliardi di persone in più nell'ultimo secolo rispetto ai 2 miliardi di esseri umani che popolavano la terra nel 1920. Secondo il Vertice mondiale sull'alimentazione, dal 1992 il numero di affamati le persone nei paesi a reddito medio-basso sono diminuite di oltre 200 milioni, da 991 milioni a 790,7 milioni.

La Stanford University ha stimato che se avessimo ancora utilizzato la tecnologia agricola del 1960, avremmo bisogno di ulteriori terreni agricoli delle dimensioni della Russia, il paese più grande del mondo, per guadagnare gli stessi raccolti della tecnologia attuale. Questo è un enorme successo, ma ci lascia anche il compito di migliorare la situazione dei bambini e degli adulti rimasti che affrontano la fame come una sfida quotidiana.

Sfortunatamente, l'attuale narrazione politica in una delle regioni più ricche del mondo sembra ignorare le sfide che ci attendono e vuole che ci rivolgiamo a un'agricoltura meno efficiente. La strategia Farm to Fork (F2F) dell'Unione europea si propone di creare un sistema alimentare più sostenibile entro la fine di questo decennio. Tuttavia, guardando le idee attualmente proposte, è preoccupante che questo nuovo quadro politico raggiunga l'opposto dell'agricoltura sostenibile e porti non solo l'Europa ma il mondo intero in una potenziale crisi alimentare con enormi ramificazioni geopolitiche.

L'UE prevede di aumentare la quota dell'agricoltura biologica sul totale della produzione agricola dall'attuale 7,5% a 25%. Inoltre, pianificano una riduzione di 50% nei pesticidi. Allo stesso tempo, la strategia F2F non abbraccia nuove tecnologie che consentono agli agricoltori di ottenere le stesse rese che sono in grado di produrre utilizzando l'attuale livello di pesticidi.

Per diverse ragioni, tra cui le sue basse rese e la conseguente necessità di destinare più terra alla produzione agricola, l'agricoltura biologica è particolarmente dannosa per soddisfare la domanda alimentare mondiale.

Cosa significa questo per nutrire 10,5 miliardi di persone nel 2070?

world population

Più agricoltura biologica in Europa significa rendimenti inferiori della produzione alimentare dell'UE e prezzi più elevati per i consumatori. La carenza in Europa sarà probabilmente compensata da ulteriori importazioni di cibo da altre parti del mondo. Ciò porterà a un aumento globale dei prezzi dei generi alimentari. Per le regioni ricche del mondo come l'Europa, questo sarà piuttosto un fastidio per i consumatori. Ciò avrà conseguenze molto negative per le persone che già vivono ai margini dell'esistenza e affrontano la fame.

Il Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) ha stimato che gli agricoltori a livello globale perderebbero 30%-40% dei loro raccolti a causa di parassiti e malattie se non avessero a disposizione strumenti per la protezione delle colture come insetticidi o erbicidi. Fino a 28% di tutti i tumori del fegato nel mondo possono essere attribuiti alle aflatossine, un tipo di micotossine. Senza consentire agli agricoltori di applicare fungicidi che riducono l'esposizione umana a queste tossine, continuiamo a rischiare milioni di vite.

food production

Negli ultimi 100 anni, i pesticidi si sono rivelati un male necessario per ottenere raccolti più elevati e prevedibili. Negli ultimi 60 anni, abbiamo assistito a una riduzione di 40% nell'uso di pesticidi per acro e molte sostanze meno sicure sono state gradualmente eliminate. L'emergere di colture geneticamente modificate e le ultime scoperte nell'editing genetico consentono un'ulteriore riduzione dell'irrorazione di sostanze chimiche sui campi.

Circa 20% della popolazione mondiale vive nell'Asia meridionale. A causa del sistema delle caste dell'India, gli agricoltori delle caste più basse vivono e coltivano su terreni che hanno maggiori probabilità di subire inondazioni regolari, con risultati dannosi per il loro raccolto di riso. Le colture geneticamente modificate consentono al riso di immergersi sott'acqua per un massimo di due settimane e fornire comunque raccolti elevati. Tali tecnologie sono un chiaro punto di svolta per i poveri e gli affamati e dovrebbero essere abbracciate. Non c'è un caso umanitario contro di loro, ma uno forte per loro.

gene editing game changer

Sfortunatamente, anche molti critici dei pesticidi si oppongono all'uso dell'editing genetico. Questo porta a un dilemma che alla fine ci porta a produrre meno cibo mentre la domanda alimentare globale continuerà a crescere. Non è necessario essere un economista per capire che ciò comporterà un aumento dei prezzi dei generi alimentari.

Tutti abbiamo assistito alla drammatica crisi dei rifugiati nel 2015, comprese tutte le terribili sofferenze e annegamenti di bambini e donne nel Mediterraneo. Sebbene le politiche dell'UE non abbiano innescato questa crisi, le nostre future politiche agricole potrebbero causare carestie diffuse in alcune parti dell'Africa e dell'Asia. Potrebbero dare inizio a un'ondata migratoria che non abbiamo visto dal periodo migratorio nel V e VI secolo. La storia purtroppo mostra che flussi migratori così massicci e incontrollati di solito si accompagnano anche a guerre e disordini.

L'idea "occidentale" di rendere l'agricoltura più biologica porterà a un'inflazione globale dei prezzi alimentari e danneggerà coloro che già lottano. In effetti, condividiamo tutti un pianeta e quindi abbiamo bisogno di politiche alimentari sensate che riconoscano che la fame è ancora un problema che la popolazione mondiale affronta quotidianamente. Nessuno, non importa se sostenitore della migrazione di massa o meno, dovrebbe desiderare un massiccio afflusso di persone che muoiono di fame. Sono necessari diversi adeguamenti alle future politiche dell'UE per mitigare molti fattori negativi della povertà e della fame.

La strategia dell'UE Farm to Fork deve tenerne conto e non mettere a repentaglio la nostra capacità di sfamare una popolazione in continua crescita.

Fred Roeder è un difensore dei consumatori ed economista sanitario tedesco e ha lavorato alla riforma sanitaria in Nord America, Europa e diverse ex repubbliche sovietiche. Dal 2012 è ricercatore associato presso il Montreal Economic Institute. Fred può essere trovato su Twitter @FredCyrusRoeder

Originariamente pubblicato qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Aggiungi elemento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Descrizione