fbpx
Anton

I vaporizzatori costituiscono l'alternativa per ridurre il consumo di sigari, quindi son 95% meno dannosi che fumano

Gli attivisti affermano che i vaporizzatori costituiscono l'alternativa per ridurre il consumo di sigari, quindi sono 95% meno dannosi che fumano.

Se realizó la 7ª edizione del Forum globale sulla nicotina, che in questa occasione è arrivato a cabo online e in cui hanno partecipato più di 30 specialisti di 15 paesi.

Contrario al suo obiettivo, il decreto presidenziale per proibire l'importazione e l'esportazione di vaporizzatori detonanti in Messico la presenza di infermiere polmonari, alertaron especialistas en el marco del Séptimo Foro Global de Nicotina (GFN), e dove partecipano più di 30 specialisti di 15 paesi .

Nel marco dell'evento, che si è svolto nei giorni 11 e 12 giugno e che per questa occasione è stato lanciato su Internet per l'emergenza sanitaria, il Centro per l'elezione dei consumatori (CONSUMER CHOICE CENTER), ha confermato che il decreto è stato emesso el gobierno de México el pasado 19 de febrero para prohibir la importación y exportación de cigarros electrónicos y/o productos de tabaco calentado tendrá gravi conseguenze negative para la salud, al presionar a los usuarios de vapeadores mexicanos a comprar productos en el mercado negro.

“México -spiega l'organizzazione-, ha un mercado bien desarrollado para sustancias ilícitas, liderado por los carteles y, sirve como un centro de tránsito masivo para el tráfico mundial de drogas. No le costará mucho al crimen organizado contrabandear productos de vapeo de países vecinos a México y venderlos en el mercado negro o (aún más preocupante) vender líquidos de vapeo falsificados a vapeadores mexicanos”.

“La crisi del vapeo negli Stati Uniti que refiere el proprio decreto presidenziale messicano -agregó la institución-, fue causada por líquidos ilícitos de vapeo con THC y acetato de vitamina E del mercado negro. Empujar a los vapeadores mexicanos al mercado negro causerà esattamente quello che il Decreto intende evitare: Más enfermedades pulmonares”.

Nell'ambito dell'evento che ha riunito specialisti di paesi come il Regno Unito, il Canada, gli Stati Uniti, il Messico, l'India, l'Italia, la Grecia, la Nuova Zelanda e la Svizzera, il Centro per l'elezione dei consumatori ha detto che ironicamente l'Organización Mundial de Salud (OMS), ha riconosciuto la proibizione dello svapo del Messico come un registro della salute pubblica, anche se la postura antivapeo del Messico manterrà i fumatori e i consumatori di nicotina limitando il consumo unico di sigarette tradizionali.

Al riguardo, John Oyston, Jefe de Anestesiología dell'Hospital Scarborough de Canada, e quien ha anche partecipato al forum, destacó los beneficios que han demostrado los vaporizadores nel processo per abbandonare il consumo di sigari convenzionali, tal come lo sostiene il principale organismo de salud del Reino Unido, el Public Health England, el quale afirma que el vapeo es 95 por ciento menos dañino que fumar.

Por ello, allo stesso modo in cui il resto dei partecipanti, ha replicato l'intenzione in alcuni paesi, come Stati Uniti, di proibire l'uso di vaporizzatori.

Capire che la principale differenza tra i vaporizzatori e i sigari convenzionali è la combustione, quindi mentre nei primi si genera vapore (vaporización de sustancias), nel secondo c'è l'humo, derivato dalla coda di tabaco e chimico, che danna direttamente la salute di chi lo consuma e dei terzi che inalano l'humo.

All'evento ha partecipato anche il messicano Roberto Sussman, direttore di Provapeo México, che ha avvisato dell'esistenza di una valanga di disinformazione sull'uso e le vendite di svapo rispetto al consumo di sigari convenzionali. 

Por lo general, el GFN se financia únicamente con tarifas de registro. Quest'anno, è stata offerta una forma gratuita con gli organizzatori a carico del costo. L'evento ha una politica di porte aperte. Los consumatori, los encargados de formular políticas, los académicos, los científicos y los expertos en salud pública partecipano insieme a rappresentanti di fabbricanti e distributori di prodotti di nicotina più sicuri.

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

Condividere

Seguire:

Altri post

Iscriviti alla nostra Newsletter

Descrizione
it_ITIT