fbpx

Il Consumer Choice Center critica la tassa sugli imballaggi in plastica del Cancelliere

NOTIZIE SULL'IMBALLAGGIO: Fred Roeder del Consumer Choice Center (CCC) ritiene che il Regno Unito non dovrebbe tassare gli imballaggi in plastica, ma far rispettare le leggi sull'abbandono dei rifiuti.

Pur plaudendo alla decisione di abbandonare i piani per un "latte levy", Fred Roeder, amministratore delegato londinese del Consumer Choice Centre che rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo, ha criticato i piani fiscali di Philip Hammond.

"La buona notizia è che il governo del Regno Unito ha abbandonato il piano per il 'latte levy', che avrebbe penalizzato i consumatori che acquistano bevande durante i loro spostamenti o in viaggio", ha affermato. "La cattiva notizia è che il governo conservatore non è passato dalla lotta contro la plastica all'effettiva applicazione delle leggi esistenti sui rifiuti".

“I nuovi piani per imporre una tassa sugli imballaggi in plastica importati e prodotti localmente non avranno un impatto significativo sull'inquinamento marino da plastica, ma graveranno solo i consumatori del Regno Unito con una nuova tassa. Tassare gli imballaggi in plastica penalizza tutti i consumatori per il cattivo comportamento di pochi che effettivamente sporcano. L'applicazione delle leggi esistenti sui rifiuti è il miglior motore nazionale per ridurre il contributo del Regno Unito all'inquinamento globale ", ha affermato Roeder

Roeder ha inoltre suggerito che l'impronta dell'inquinamento marino del Regno Unito è meramente marginale: "Dato che solo 0,1% dell'inquinamento marino globale da plastica è causato dal Regno Unito, dovremmo concentrarci maggiormente su come rendere i principali inquinatori come Cina, India e Indonesia far rispettare gli standard ambientali e i diritti di proprietà”.

Leggi di più qui

Descrizione