fbpx

La coalizione mette in guardia contro le proposte di banda larga

Il Consumer Choice Center è entrato a far parte di una coalizione di organizzazioni di difesa dei consumatori e fiscali che segnalano gli sviluppi nei negoziati sulla legge sulle infrastrutture. Controllo dei prezzi e regolazione tariffaria; drammatica espansione del marchio esecutivo e dell'autorità dell'agenzia; e Internet controllato dal governo non dovrebbe mai essere sul tavolo.

Puoi leggere la lettera qui sotto o fare clic QUI per una versione completa:

23 luglio 2021

RE: spesa per infrastrutture a banda larga

Cari Senatori:

Vi scriviamo oggi su alcuni sviluppi preoccupanti nei negoziati bipartisan sulle infrastrutture sulla banda larga. Siamo guidati dai principi del governo limitato e crediamo che i difetti nel quadro infrastrutturale vadano ben oltre le questioni discusse qui. Ciò nonostante, il nostro obiettivo attuale è quello di difendere in modo specifico le proposte che metterebbero in atto controlli sui prezzi, espanderebbero notevolmente l'autorità delle agenzie e darebbero priorità a Internet controllato dal governo. 

Il piano infrastrutturale non dovrebbe prevedere la regolamentazione tariffaria dei servizi a banda larga. Il Congresso non dovrebbe autorizzare alcun ente federale o governativo a fissare il prezzo di qualsiasi offerta a banda larga. Anche i passi che aprono la porta alla regolamentazione tariffaria dei servizi a banda larga si riveleranno dannosi a lungo termine.  

Né il Congresso dovrebbe continuare ad abdicare alle sue responsabilità di supervisione ad agenzie del ramo esecutivo come la National Telecommunications and Information Administration. Dare all'NTIA l'autorità incontrollata di modificare o rinunciare ai requisiti, rende privi di significato tutti i guardrail posti dal Congresso. Ci deve essere una supervisione dei programmi per garantire che i dollari dei contribuenti vadano a collegare più americani alla banda larga invece che a progetti dispendiosi per animali domestici. 

Storicamente, i tentativi dell'NTIA di colmare il divario digitale attraverso sovvenzioni discrezionali sono falliti, portando a inutili sovrastrutture, corruzione e spese improprie. L'American Recovery and Reinvestment Act del 2009 ha creato il programma di sovvenzioni BTOP (Broadband Technology Opportunities Program) da $4 miliardi amministrato da NTIA. Dal 2009, anno di istituzione del BTOP, al 2017, almeno un terzo di tutte le segnalazioni effettuate dall'Ispettore Generale del Dipartimento del Commercio riguardavano il programma BTOP, e i dati del censimento hanno mostrato che il programma BTOP non ha avuto alcun effetto positivo su adozione della banda larga. E questo era con solo $4 miliardi di dollari dei contribuenti. Non possiamo permetterci di commettere lo stesso errore con somme molto maggiori.

La legislazione deve essere chiara e non creare ambiguità che sono lasciate ai capricci dei regolatori. Sebbene il "redlining digitale" sia inaccettabile, la FCC non dovrebbe essere autorizzata a definire il termine nel modo che ritiene opportuno e promulgare qualsiasi regolamento che ritiene possa risolvere i problemi, reali o immaginari. Ciò darebbe all'agenzia carta bianca per regolamentare e microgestire la banda larga in qualsiasi modo desideri. Questa sarebbe un'enorme espansione dell'autorità FCC. Inoltre, le definizioni e i regolamenti potrebbero cambiare ogni volta che cambia il controllo del partito sull'agenzia, portando a un andirivieni che crea incertezza per i consumatori e le imprese. 

Il legittimo desiderio di garantire che gli americani a basso reddito abbiano accesso all'infrastruttura a banda larga non dovrebbe essere utilizzato come cortina fumogena per codificare aspetti del recente Ordine esecutivo sulla concorrenza, che non dovrebbe essere incluso in alcun accordo infrastrutturale bipartisan. I repubblicani hanno combattuto duramente per sostenere il Restoring Internet Freedom Order della FCC. Qualsiasi legislazione sulle funzioni e l'implementazione delle tecnologie Internet deve passare come un disegno di legge autonomo attraverso un ordine regolare con revisione del comitato. Queste domande sono troppo importanti per essere inserite in un disegno di legge massiccio senza un dibattito rigoroso.   

Qualsiasi finanziamento per lo sviluppo della banda larga deve prima mirare a località senza alcuna connessione a banda larga, e questo dovrebbe essere determinato dalle mappe della banda larga FCC richieste dal Congresso. Il Congresso ha la supervisione della FCC e la FCC ha già condotto diverse aste al ribasso. Le aste inverse ottengono il massimo da ogni dollaro dei contribuenti per colmare il divario digitale. Le aree in cui esiste già un impegno da parte di un vettore a costruire una rete non dovrebbero essere prese in considerazione per le sovvenzioni e l'NTIA non dovrebbe essere in grado di ignorare la mappa della FCC per ridefinire "non servito" e sovvenzionare le costruzioni duplicate.  

Internet controllato dal governo non dovrebbe avere la priorità in nessun programma di sovvenzione. Con poche eccezioni, le reti di proprietà del governo (GON) sono state miserabili fallimenti. Ad esempio, KentuckyWired è un GON di 3.000 miglia che è stato venduto ai contribuenti come un progetto da $350 milioni che sarebbe stato completato entro la primavera del 2016. Quelle proiezioni non avrebbero potuto essere più sbagliate. Più di cinque anni dopo la presunta data di completamento, la costruzione della fibra per KentuckyWired è ancora "in corso" in alcune parti dello stato e un rapporto del revisore dei conti statale ha concluso che i contribuenti finiranno per sprecare un enorme $1,5 miliardi in questo ridondante "rete di proprietà del governo" nei suoi 30 anni di vita. NTIA non dovrebbe certamente incoraggiare la replica di questi fallimenti.

Apprezziamo il tuo lavoro per aiutare a colmare il divario digitale e concordiamo sul fatto che l'accesso a Internet affidabile è una priorità, tuttavia non dovremmo utilizzare questa necessità per fungere da copertura per un'espansione del governo non necessaria. Non esitate a contattare una qualsiasi delle organizzazioni o persone sottoscritte in caso di domande o commenti. 

Saluti,

Grover G. Norquist
Presidente
Gli americani per la riforma fiscale

Jennifer Huddleston*
Direttore della politica della tecnologia e dell'innovazione
Forum d'azione americano

Phil Kerpen
Presidente
Impegno americano

Krisztina Pusok, Ph.D.
Direttore
Istituto americano dei consumatori
Centro per la ricerca sui cittadini

Brent Wm. Gardner
Responsabile degli affari governativi
Americani per la prosperità

Jeffrey Mazzella
Presidente
Centro per la libertà individuale

Andrew F. Quinlan
Presidente
Centro per la Libertà e la Prosperità

Jessica Melugin
Direttore Centro per la tecnologia e l'innovazione
Istituto per l'impresa competitiva

Matteo Kandrach
Presidente
Azione dei consumatori per un'economia forte

Yael Ossowski
Vicedirettore
Centro di scelta dei consumatori

Roslyn Layton, dottore di ricerca
Fondatore
Minaccia tecnologica cinese

Ashley Baker
Direttore delle Politiche Pubbliche
Il Comitato per la Giustizia

Tom Schatz
Presidente
Consiglio per i cittadini contro lo spreco del governo

Katie McAuliffe
Direttore esecutivo
Libertà digitale

Annette Thompson Meeks
Amministratore delegato
Fondazione Libertà del Minnesota

Adam Brandon
Presidente
FreedomWorks

Giorgio Landrith
Presidente
Frontiere della Libertà

Garrett Bess
vicepresidente
Patrimonio azione per l'America

Carrie Lukas
Presidente
Forum indipendente delle donne

Erica Higgins
Amministratore delegato
Voce femminile indipendente

Tom Giovanetti
Presidente
Istituto per l'innovazione politica

Ted Bolema
Direttore esecutivo
Istituto per lo Studio della Crescita Economica

Seton Motley
Presidente
Meno governo

Zach Graves
Responsabile Politica
Rete Lincoln

Matteo Gannon
Amministratore delegato
Istituto di politica del Maine

Matteo Nicaud
Specialista in politica tecnologica
Centro del Mississippi per l'ordine pubblico

Brandon Arnold
Vicepresidente esecutivo
Unione Nazionale Contribuenti

Tom Hébert
Direttore esecutivo
Centro Concorsi Aperto

Ellen Weaver
Presidente e Ceo
Istituto Promessa Palmetto

Eric Peterson
Direttore
Centro Pelican per la tecnologia e l'innovazione

Lorenzo Montanari
Direttore esecutivo
Alleanza per i diritti di proprietà

Jeffrey Westling
Resident Fellow, Technology & Innovation Policy
R Street Institute

Giacomo L. Martin
Fondatore/Presidente
Associazione 60+

Saulius "Saulo" Anuzis
Presidente
Associazione 60+

Davide Williams
Presidente
Alleanza per la protezione dei contribuenti

Dan Mead Smith
Presidente
Entra la politica di Washington

Mark Harmsworth
Direttore delle piccole imprese
Centro politico di Washington

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Aggiungi elemento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Descrizione