fbpx

I divieti di sigarette e alcol sono senza precedenti e fuorvianti

Le politiche intese a rendere più gestibile una crisi di salute pubblica potrebbero finire per aggiungere benzina al fuoco ed essere l'ultima goccia per il collasso del sistema sanitario.


Mentre il divieto di alcol in Sud Africa è stato parzialmente allentato, fumatori e vapers vengono ancora privati dell'acquisto di sigarette e liquidi elettronici.

Quella che prima era una misura sanitaria temporanea a marzo, durante i primi giorni del blocco, ora è andata ben oltre la temporanea e sta attivamente violando la libertà di scelta del Sudafrica.

Fortunatamente, il Sudafrica non è stato uno dei paesi più colpiti dal Covid-19. Detto questo, la risposta delle politiche pubbliche del paese a vietare completamente la vendita di alcol e nicotina è una delle più pesanti al mondo.

Come consumatore di nicotina nel Regno Unito, uno dei paesi più colpiti a livello globale, sono sempre stato in grado di andare al mio negozio all'angolo locale e acquistare nuove cartucce di vaporizzatori o un pacchetto di sigarette. In tempi normali, questi prodotti sono una piacevole distrazione da una giornata stressante.

Durante un blocco senza precedenti, ha svolto un ruolo importante nel mantenermi sano di mente, permettendomi di affrontare la realtà di avere i miei movimenti limitati, qualcosa che miliardi di persone hanno sperimentato per la prima volta.

Riflettendo sulla mia capacità di acquistare questi prodotti durante la pandemia, diventa abbastanza chiaro che i divieti del presidente della SA Cyril Ramaphosa sono stati un enorme superamento. Il divieto è stato giustificato dal presidente sotto la bandiera della salute pubblica, ma si basava su una scienza imperfetta.

Mentre Ramaphosa ha giustificato il divieto di proteggere i sistemi respiratori dei sudafricani, il consumo di nicotina potrebbe effettivamente essere benefico per i pazienti in quanto potrebbe prevenire e ridurre la probabilità di forti sintomi di Covid-19. Contro prove scientifiche, lui e il suo ministro della salute hanno dichiarato che i fumatori avrebbero beneficiato del divieto e hanno annunciato un'estensione del divieto.

Sembra che questa politica avesse più a che fare con il costringere i fumatori a smettere di fumare il tacchino freddo, che con il Covid-19.

E, mentre i consumatori e i rivenditori in Sud Africa soffrono per questo eccesso di governo, la criminalità organizzata e il mercato nero prosperano.

Reti globali, come BBC e la CNN, hanno presentato storie sul boom delle attività del mercato nero di alcol e sigarette in tempi di blocco, che hanno agito come un vero programma di stimolo per i rivenditori illegali.

Quando cammino nel mio negozio di alimentari locale a Londra, vedo sforzi significativi da parte del personale per mantenere il posto pulito, avere una minima interazione con i clienti e ridurre al minimo il contatto fisico. Tutto ciò contribuisce a ridurre la diffusione del virus.

I commercianti illegali non rispettano le raccomandazioni di salute pubblica per aiutare a fermare la diffusione del virus perché stanno già compiendo atti illegali. Vietare la vendita di questi prodotti non significa che i sudafricani non li compreranno, significa solo che non li otterranno in contesti legali e sicuri. Un aumento dell'attività del mercato nero mette più cittadini a rischio di diffusione del virus, uno scenario perdente per tutti i soggetti coinvolti.

Il pericolo derivante dall'aumento della domanda di sigarette illegali o alcol contrabbandato non si esaurisce con la diffusione del virus. La scarsa, e spesso pericolosa, qualità del prodotto potrebbe mettere ulteriormente a dura prova il sistema sanitario pubblico sudafricano. Sappiamo da decenni di osservazioni che i prodotti del mercato nero sono molto più rischiosi per i consumatori.

Mentre commettono questi atti illegali, rivenditori e produttori tagliano quasi sempre gli angoli, il che esacerba i problemi di salute pubblica esistenti per l'alcol e la nicotina.

In poche parole, nel tentativo di impedire ai sudafricani di consumare alcol o nicotina, Ramaphosa ha spinto i suoi cittadini nelle mani di attori criminali e dei prodotti pericolosi che vendono.

Politiche che erano inteso a rendere più gestibile una crisi di salute pubblica potrebbe finire per aggiungere benzina al fuoco ed essere l'ultima goccia per il collasso del sistema sanitario.

Il Sudafrica dovrebbe porre fine al divieto di vendita di prodotti il prima possibile e seguire paesi come Regno Unito, Brasile, Canada o Germania e legalizzare la vendita di prodotti a base di nicotina.

– Fred Roeder è amministratore delegato del Consumer Choice Center, un gruppo di difesa dei consumatori che ha ricevuto finanziamenti dalle industrie del tabacco, della cannabis, dell'energia, dei beni di consumo e dello svapo.

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Aggiungi elemento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Descrizione