fbpx

Scienza

Il rapporto Verdi/ALE va dopo i ricercatori delle piante e le organizzazioni dell'UE. Fallisce

Un'estate molto secca insieme a una scarsa fornitura di fertilizzanti e picchi energetici hanno creato la tempesta perfetta per il settore agricolo europeo, con colture di base come il girasole e il mais da granella che sono crollate rispettivamente del 12 e del 16% (1).

Non c'è da stupirsi che vi siano crescenti pressioni (2) da parte di Stati membri come Repubblica ceca, Romania, Lituania, Svezia e Italia per riconsiderare le norme dell'UE che hanno portato alla decisione della Corte di giustizia europea del 2018 sulle tecniche di miglioramento genetico delle piante. La sentenza della Corte modifica la direttiva originaria della Commissione europea del 2001 sulla modifica delle piante trattando le piante basate su CRISPR e la manipolazione genetica tradizionale come una cosa sola. I critici sottolineano giustamente come il giudizio ostacoli l'innovazione in un momento di crisi in cui l'ingegno è più che mai necessario.

La risposta del gruppo dei Verdi dell'Alleanza libera europea a queste pressioni può essere definita tempestosa. L'EFA è uscita oscillando nell'arena del discorso pubblico con un rapporto (4) che include poche pagine di rivendicazioni e molte più pagine di accuse personali.

Indipendentemente dal tuono emotivo, né le affermazioni del rapporto né le sue accuse reggono.

Le sue affermazioni sugli effetti dell'ingegneria genetica sono che produce mutazioni incontrollabili, non intenzionali e pericolose nelle cellule, ben oltre quelle trovate naturalmente o nell'allevamento mutageno standard (come in, indotto tramite radiazioni o reazioni chimiche). Sarebbe meglio attenersi invece all'agricoltura biologica con piante biologiche.

Eppure queste affermazioni non sono all'altezza delle prove schiaccianti (5) (che pesano migliaia di studi su un periodo di 21 anni) che le piante geneticamente modificate riducono (piuttosto che aumentare) la necessità di pesticidi (6), sono meno inclini alle malattie ( 7) e sono più affidabili dei vecchi metodi di miglioramento genetico delle piante (8). Analisi ancora più critiche degli studi (9) non hanno trovato alcuna prova che non siano sicuri per l'uomo.

Le affermazioni ignorano il fatto che l'agricoltura biologica 100% è spesso più energetica e ad uso intensivo (e quindi più inquinante) (10) e non si adatta (11) al compito di nutrire miliardi di persone in tutto il mondo.

Queste affermazioni rabbiose sono spesso illogiche. Una linea di argomentazione afferma che avere un brevetto è la prova che la nuova procedura genetica non può produrre lo stesso risultato di un processo naturale. Questo deve essere vero, dice, perché altrimenti non sarebbe stato brevettato! Detto questo, un brevetto può essere concesso per motivi diversi dal raggiungimento di un risultato diverso, ad esempio trovare un mezzo nuovo e più semplice per ottenere lo stesso risultato. Per "coincidenza", questo è più vicino al vero argomento a favore del miglioramento genetico delle piante.

Per non parlare di come il rapporto esageri cercando di screditare l'allevamento mutageno nello stesso respiro delle nuove tecniche. A questo punto, la ragione per rifiutare l'allevamento mutageno (pratica ormai vecchia di quasi un secolo) è che danneggia le piante, nonostante non danneggi persone o animali. Si potrebbe facilmente rifiutare le piante mangiatrici, o la selezione naturale, per gli stessi motivi.

La maggior parte del rapporto riguarda meno la scienza che la politica nella scienza. Accusa accademici e gruppi favorevoli all'innovazione come EPSO, ALLEA o EU-SAGE di non essere affatto ricercatori. Piuttosto, sono attivisti che si atteggiano subdolamente a esperti neutrali per eseguire i sinistri ordini di aziende e politici dalle porte girevoli. Quindi nomina e svergogna diverse persone che lavorano nel settore prima di concludere che è necessaria maggiore trasparenza a livello dell'UE.

Mettiamo da parte per un momento che le accuse sono false: molti di questi stessi ricercatori non hanno mai nascosto i loro CV all'esame pubblico e sono stati molto espliciti riguardo alle loro opinioni (12).

Dimentica per un momento quanto sia insolito affermare che i ricercatori affermati non dovrebbero perseguire "sviluppi di carriera" nel campo in cui sono specializzati, devono limitare i contatti nel settore di cui sono invitati a commentare le prestazioni e non possono accedere a nessuna parte del pubblico fondi privati che sono tariffa accademica standard.

Concentriamoci invece su ciò che finisce per fare il rapporto. Cercando di avvelenare il dibattito con discorsi su interessi oscuri, mina la fiducia nelle istituzioni scientifiche dell'UE, dal momento che i consumatori non hanno motivo di fidarsi di organizzazioni corrotte ed egoiste come l'EFA le presenta. Stabilisce un punto di vista che dipinge tutte le critiche come una "rivendicazione di lobby" e il suo lato come "realtà". La relazione fa tutto questo fraintendendo la scienza e la pratica della modificazione genetica.

Meglio quindi fare un respiro profondo e calmarsi.

Originariamente pubblicato qui

La verità sull'agricoltura biologica

Fare acquisti in negozi di alimentari di lusso ti rende un consumatore migliore? Difficilmente. Infatti, contrariamente a quanto si possa già credere, il cibo biologico non solo è meno efficiente e quindi più costoso. È anche peggio per l'ambiente.

Uno studio dell'Università di Melbourne in Australia Spettacoli che l'agricoltura biologica produce dal 43% al 72% in meno rispetto ai metodi convenzionali e che per ottenere la stessa produzione è necessario il 130% in più di terreno agricolo. Per quelli scettici sui risultati di un solo studio, puoi trovarne altri quiquiqui o qui. L'ultimo studio sottolinea il punto che "se tutta la produzione di grano degli Stati Uniti fosse coltivata in modo biologico, sarebbero necessari altri (30,6 milioni di acri) per raggiungere i livelli di produzione del 2014".

Il cibo biologico ha bisogno di più risorse rispetto all'agricoltura convenzionale. Gli effetti sulla biodiversità sono gravi: insetti e impollinatori possono accedere a un minor numero di riserve naturali con l'agricoltura biologica. Inoltre, in uno scenario di adozione del 100% dell'agricoltura biologica, le emissioni di anidride carbonica aumenterebbero fino a un enorme 70%, secondo i ricercatori nel Regno Unito aver mostrato.

Allora perché alcune persone negli Stati Uniti continuano a comprare cibo biologico a volte il doppio del prezzo del cibo convenzionale? Uno a portata di mano, è performativo. Fare acquisti in negozi di alimenti biologici di grandi dimensioni è popolare e presumibilmente il genere di cose che dovresti fare una volta che hai uno stipendio confortevole in una grande città. D'altra parte, alcuni consumatori sono fuorviati sui presunti benefici dell'agricoltura biologica. Si pensa che il cibo biologico sia più sano (non lo è) e che non usi pesticidi (lo fa).

L'agricoltura biologica è diventata un punto di discussione, più di un semplice effetto placebo benefico per gli abitanti delle città di classe superiore. È anche politico. "I democratici investiranno in ricerca e sviluppo per sostenere metodi agricoli resistenti al clima, sostenibili, a basse emissioni di carbonio e biologici", afferma la piattaforma del Partito Democratico 2020. Eppure i Democratici stanno facendo molto di più che semplici sovvenzioni: gli ambientalisti stanno minando il catalogo dei pesticidi a disposizione degli agricoltori sostenendo che sono pericolosi. In effetti, dipingere pesticidi che sono stati tranquillamente utilizzati nell'agricoltura americana dagli anni '60 come "uccisione di api" o "tossici" è stato un tropo frequente di attivisti che si lamentano di tutto, dall'"allevamento intensivo" alla disponibilità di carne.

Il senatore Cory Booker è felice di svolgere un ruolo in a Video di opinione del New York Times in cui dice "abbiamo superato l'emergenza nazionale", legando il cambiamento climatico al sistema alimentare americano. Booker, il cui stato natale del New Jersey produce un enorme... 0,35%. di tutto il cibo negli Stati Uniti, probabilmente travisa la realtà dell'agricoltura americana. In effetti, l'intensificazione agricola ha portato a picco di terreno agricolo raggiunto, il che significa che produciamo più cibo con meno terra in generale, il che consente al nostro ecosistema di ricrescere nel tempo. Ciò significa più foreste e fiori per le riprese aeree dei video delle campagne politiche.

La rappresentazione del sistema alimentare americano come tossico e malvagio può andare solo così lontano prima che diventi comica o triste. Nessuno dei due è di bell'aspetto.

Originariamente pubblicato qui

Le api stanno bene. Perché gli attivisti dicono che non lo sono?

Gli impollinatori sono essenziali per il nostro ecosistema; quindi, un loro drastico calo danneggerebbe non solo la natura che ci circonda, ma anche gli esseri umani. Con questo in mente, i legislatori di tutto il mondo si sono preoccupati dell'effetto del comportamento umano sulla sostenibilità delle colonie di api. Gli ambientalisti sono stati irremovibili sul fatto che la colpa sia dei "pesticidi che uccidono le api", e non solo negli ultimi anni: le loro affermazioni secondo cui le sostanze chimiche che utilizziamo per proteggere dalle perdite di raccolto e dalle malattie delle piante sono responsabili del collasso delle colonie di api. 

Tuttavia, i numeri non lo confermano. Dall'introduzione degli insetticidi neonicotinoidi - i pesticidi ritenuti responsabili della morte delle api - a metà degli anni '90, le popolazioni di api non sono diminuite. I dati mostrare che a partire dal 2020 si è registrato un aumento degli alveari di 17% dal 2010, 35% dal 2000 e 90% dal 1961. Negli Stati Uniti il numero di colonie di api è stabile da 30 anni, mentre in Europa, dove anche gli agricoltori utilizzare questi insetticidi, il numero è aumentato di 20%.

Possono verificarsi riduzioni locali o regionali delle api gestite perché gli apicoltori adattano il loro stock in base alla domanda del mercato. Poiché i prezzi del miele sono attualmente in aumento, è probabile che in molte aree gli apicoltori aumentino la loro offerta per beneficiare di prezzi più elevati. Per quanto riguarda le api selvatiche, non solo sono difficili da contare (perché, come suggerisce il nome, sono selvatiche), ma la ricerca esistente prevede un declino catastrofico è stato smentito nel passato.

Ciò non significa che non ci siano minacce per gli impollinatori o che l'agricoltura moderna non abbia un impatto su di loro. Infatti, il cambiamento climatico ha influito il tracciamento del riscaldamento dei bombi e li ha portati a cercare quote più elevate. In aggiunta a ciò, le api solitarie sono colpite dall'impatto di perdita dell'habitat dovuto alla rapida espansione dell'agricoltura negli ultimi secoli. Detto questo, dobbiamo contestualizzare la questione dell'habitat: la ricerca pubblicata il 30 maggio mostra come puntano i modelli comparativi il picco di utilizzo del suolo agricolo è già stato raggiunto. Ciò significa che, nonostante una popolazione in crescita, è improbabile che l'umanità aumenti ulteriormente il suo bisogno di terra per scopi agricoli. Anche se è così, la produzione alimentare continua a crescere perché le moderne tecniche agricole ci consentono di ottenere più raccolti con la stessa o addirittura meno terra.

Da un lato, la ragione di questo spostamento risiede nel fatto che i paesi in via di sviluppo hanno sempre più accesso a moderne attrezzature agricole e strumenti per la protezione delle colture. Laddove in precedenza gli agricoltori avevano bisogno di molto lavoro per diserbare a mano, le macchine sono in grado di coprire l'intero campo in una frazione del tempo e i fungicidi assicurano che il cibo sia sicuro per il consumo umano. D'altra parte, le innovazioni nel mondo sviluppato hanno anche modernizzato il modo in cui produciamo, consumiamo e consegniamo il cibo. Il miglioramento delle catene di approvvigionamento garantisce che non abbiamo più bisogno di un'azienda agricola in ogni piccola area rurale e la moderna ingegneria genetica ha reso le nostre colture più resistenti ed efficienti. Eppure, ancor prima, l'uso di prodotti chimici per la protezione delle colture ha assicurato che gli agricoltori non perdessero ogni anno una quota significativa dei loro raccolti.

Tuttavia, con lo sviluppo delle moderne pratiche agricole arrivarono i suoi oppositori. Gli attivisti ambientali hanno contestato la legittimità dell'uso dei pesticidi e hanno invece sostenuto l'agricoltura biologica. Questo non solo mina la fiducia negli enti regolatori che vigilano sulla sicurezza dei prodotti, ma trascura anche due fattori chiave: l'agricoltura biologica, contrariamente a quanto si crede, utilizza un lungo elenco di pesticidi, e il passaggio al tutto biologico aumenterebbe la necessità di terreni agricoli. Uno studio dell'Università di Melbourne fondare che l'agricoltura biologica produce dal 43 al 72% in meno rispetto all'agricoltura tradizionale e che richiede il 130% in più di terreno agricolo per produrre la stessa produzione.

I difensori dell'agricoltura moderna dovrebbero respingere con veemenza l'idea che il modello alimentare odierno mina la salute delle api o la salute umana, del resto. In effetti, le soluzioni degli attivisti ambientalisti sono così controproducenti rispetto ai loro obiettivi dichiarati che possiamo tranquillamente dire loro: noi siamo dalla vostra parte, ma voi no.

Originariamente pubblicato qui

Cosa possono imparare gli Stati Uniti dalla crisi alimentare indotta dalla guerra in Europa

Togli le sanzioni alla Russia e permetteremo all'Ucraina di esportare il suo cibo: quello era il messaggio che il viceministro degli Esteri russo Andrey Rudenko ha recentemente trasmesso ai suoi omologhi europei. Mosca è stata responsabile del blocco delle navi da trasporto ucraine che trasportavano grano dal passaggio attraverso il Mar Nero. Circa 24 milioni di tonnellate di grano e mais non possono attualmente lasciare il paese a causa dell'esplosione dei prezzi. I prezzi del grano sono aumentati, raddoppiando rispetto allo scorso anno, mentre i prezzi del mais sono aumentati dell'82%.

Mentre l'Europa si affretta a trovare importazioni di cibo da altri partner commerciali - la Russia è sanzionata e l'Ucraina impossibilitata ad esportare - i legislatori sono divisi sui passi avanti. In effetti, l'Unione Europea stava discutendo una riforma globale del suo sistema agricolo attraverso i cosiddetti piani "Farm to Fork". Questa tabella di marcia cerca di ridurre i terreni agricoli del 10%, dimezzare l'uso di pesticidi e aumentare l'agricoltura biologica a un quarto dell'uso complessivo dei terreni agricoli, rispetto all'attuale 8%. I rappresentanti degli agricoltori erano stati critici nei confronti dei piani e dell'USDA ha pubblicato una valutazione d'impatto mostrando che le riforme porterebbero a una riduzione del PIL tra il 7 e il 12 per cento. Tuttavia, i politici di Bruxelles hanno insistito sul fatto che i piani erano necessari per il bene degli obiettivi di riduzione delle emissioni di anidride carbonica del blocco.

Ora che la guerra in Ucraina infuria più a lungo di quanto ci si aspettasse, la marea sta cambiando.

Sia il più grande gruppo parlamentare del Parlamento europeo che il presidente francese Emmanuel Macron hanno chiarito che "Dal produttore al consumatore" arriva nel momento sbagliato e che in tempo di guerra l'Europa non può permettersi riforme ambiziose. A ciò si aggiunge la pressione della Brexit britannica: l'Inghilterra ha appena introdotto una legislazione che legalizzerebbe l'editing genetico nella produzione alimentare, in quella che è di gran lunga la divergenza più significativa dalla legislazione dell'UE dall'uscita. Un consulente del dipartimento per l'ambiente del Regno Unito ha affermato che ciò avrebbe numerosi vantaggi, dalla costruzione di colture più resistenti alla crisi climatica, ai parassiti e alle malattie, all'aumento dei raccolti, che potrebbe aiutare a combattere la fame nel mondo. Tutti questi fattori non sono solo cruciali nel lungo periodo, ma possono anche aiutare il paese a superare le interruzioni della catena di approvvigionamento alimentare come quelle create dalla guerra in Ucraina.

Questo arriva in un momento in cui gli scienziati appena sviluppato un pomodoro geneticamente modificato che aumenta i livelli di vitamina D. Tra il 13 e il 19 percento dei britannici ha un basso numero di vitamina D, rendendo essenziali innovazioni come queste.

I legislatori negli Stati Uniti hanno, in passato, tentato di copiare le normative alimentari dell'Unione Europea. Il Protect America's Children from Toxic Pesticides Act (PACTPA), sostenuto da legislatori tra cui la Sens. Elizabeth Warren (D-Mass.), Cory Booker (DN.J.) e Bernie Sanders (I-Vt.) copierebbe e incollerebbe il cibo dell'UE regolamenti in diritto federale. Questo atto legislativo, che potrebbe essere approvato dai Democratici, minerebbe l'intero sistema alimentare americano così come lo conosciamo. Gli Stati Uniti hanno sempre preferito l'innovazione a un approccio da falco al principio di precauzione, motivo per cui, contrariamente all'Europa, hanno assicurato che il cibo fosse prontamente disponibile e conveniente. Nel 2020, gli americani hanno speso il 5% del loro reddito disponibile in generi alimentari, rispetto a 8,7% in Irlanda (il più basso nell'UE), 10,8% in Germania, 12% in Svezia, 17% in Ungheria e 25% in Romania.

Sulla scala mondiale della produzione alimentare, gli Stati Uniti sono già rimasti indietro rispetto a Cina e India. La quota di entrambi i paesi nelle esportazioni alimentari è trascurabile rispetto alla produzione interna complessiva. Tuttavia, alleggeriti dalle crescenti restrizioni all'agricoltura moderna, potrebbero presto aumentare la concorrenza economica nei mercati alimentari internazionali. La Cina è già il principale partner commerciale per un numero crescente di paesi nel mondo, in particolare nei paesi in via di sviluppo.

Gli Stati Uniti non possono permettersi di rimanere indietro nel commercio alimentare mondiale e dovrebbero garantire il proprio vantaggio competitivo per sostenere i propri alleati in tempi di crisi.

Originariamente pubblicato qui

È ora di sfatare le falsità degli impollinatori

Il 20 maggio si è celebrata l'annuale Giornata mondiale delle api delle Nazioni Unite, un'ottima occasione per sfatare il mito secondo cui le api muoiono a causa dell'agricoltura moderna. Questo malinteso comune ha fatto il giro dell'attivismo ambientalista e dei media per quasi due decenni.

Quando gli apicoltori della California negli anni 2000 hanno subito perdite nelle loro colonie di api, gli ambientalisti hanno prima incolpato chi erano abituati a incolpare: l'ingegneria genetica. Ma a differenza di un episodio di South Park, non c'è nessun Dr. Mephesto che crea continui disastri con esperimenti stravaganti - in effetti, l'idea che gli OGM fossero da biasimare per quello che è stato soprannominato "Colony Collapse Disorder" è stata rapidamente respinta dalla comunità scientifica.

I gruppi verdi negli Stati Uniti hanno poi rivolto la loro attenzione ai pesticidi, che per lungo tempo sono stati nemici degli ambientalisti che sostengono un ritorno ai metodi di coltivazione tradizionalisti. I neonicotinoidi, così come i prodotti alternativi come il sulfoxaflor, sono stati presi di mira sin da allora come "pesticidi che uccidono le api", nonostante la loro significativa importanza per l'agricoltura moderna.

La comunità scientifica, tuttavia, ha anche respinto tali affermazioni per il sulfoxaflor di recente luglio dello scorso anno. Afferma che il suddetto composto è stato negato anche da entrambi i Autorità europea per la sicurezza alimentare EFSA e il EPA, che lo definisce "migliore per le specie su tutta la linea".

Tuttavia, non è solo che i fitofarmaci accusati del declino delle api non sono responsabili, ma anche che le perdite di colonie nel complesso sono un fenomeno temporaneo.

Basta dare un'occhiata alle statistiche dell'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) delle Nazioni Unite. I dati (che possono essere trovati qui) mostra che per i numeri del 2020, c'è un aumento di alveari di 17% dal 2010, 35% dal 2000 e un aumento di 90% da quando i dati sono stati raccolti nel 1961.

La minaccia più comune a cui le api sono presumibilmente sottoposte dall'uomo sono gli insetticidi neonicotinoidi, noti come neonics.

Tuttavia, la divulgazione dei neonic e delle sue alternative a metà degli anni '90 non provoca un collasso delle popolazioni di api. Negli Stati Uniti il numero delle colonie di api è stabile da 30 anni, mentre in Europa – dove anche gli agricoltori usano questi insetticidi – il numero è aumentato del 20%.

Eppure ci si aspetta che gli ambientalisti continuino a dipingere l'agricoltura moderna come un capro espiatorio, anche in tempi in cui l'inflazione alimentare e la carenza di approvvigionamento ci mostrano che non possiamo permetterci un modello che riduca la produttività (come fanno l'agricoltura biologica oi processi agroecologici).

Nonostante il fatto che gli agricoltori abbiano bisogno di prodotti per la protezione delle colture per garantire che i prodotti alimentari siano accessibili, sicuri e disponibili, gli attivisti verdi chiedono un modello agricolo che li metterebbe fuori legge, peggiorando così le condizioni dei consumatori.

L'Unione Europea sta lentamente tornando indietro sui suoi piani che avrebbero ridotto l'uso di pesticidi da parte del 50% nei prossimi anni, un ripensamento innescato dalla guerra in Ucraina, che ha creato significative interruzioni della catena di approvvigionamento.

Gli Stati Uniti dovrebbero essere orgogliosi del loro successo agricolo. Nel tempo, con tecnologie innovative, gli agricoltori utilizzano sempre meno fitofarmaci che lasciano meno residui.

Nel frattempo, i consumatori possono continuare a scegliere di acquistare alternative, anche se costose. Questo sistema costituisce la bellezza di un'economia aperta: scelte per i consumatori e stabilità per gli agricoltori.

Originariamente pubblicato qui

Proprio come le api, il mito della 'Beepocalypse' non sta morendo

In occasione della Giornata mondiale delle api, mettiamo le cose in chiaro. Sono passati sette anni dal Washington Post notoriamente sfatato il mito di un catastrofico declino delle api in un articolo intitolato “Annulla l'apocalisse delle api: le colonie di api da miele hanno appena raggiunto il massimo da 20 anni.” Il pezzo è stato uno dei tanti tentativi di sottolineare che gli impollinatori non sono minacciati, contrariamente alla credenza popolare.

Infatti, guardando le statistiche dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, gli alveari sono in aumento in tutto il mondo. I dati mostrare che a partire dal 2020 c'è stato un aumento degli alveari di 17% dal 2010, 35% dal 2000 e 90% dal 1961. Le minacce più comuni a cui le api sono presumibilmente sottoposte dall'uomo sono gli insetticidi neonicotinoidi, noti come neonics. Tuttavia, la divulgazione dei neonics a metà degli anni '90 non si è innescato un crollo delle popolazioni di api. Negli Stati Uniti il numero di colonie di api è stabile da 30 anni, mentre in Europa, dove anche gli agricoltori utilizzano questi insetticidi, il numero è aumentato del 20%.

Quando gli ambientalisti radicali hanno rivolto invece la loro attenzione alle api selvatiche - perché, a differenza delle api gestite, non devi affrontare quelle fastidiose statistiche - hanno tentato la stessa strategia di morte e oscurità. I ricercatori hanno affermato di aver scoperto che le api selvatiche negli Stati Uniti hanno rifiutato 23% tra il 2008 e il 2013, ma il modello che hanno prodotto per identificare questi numeri era alquanto dubbio. Così dubbio che Science 2.0 ha smontato la metodologia e descritto come segue: “Hanno creato un modello accademico che li avrebbe fatti licenziare da ogni singola azienda esistente perché estremamente sospetta e basata su troppi presupposti. Gli autori affermano quindi che il declino che non sanno sta avvenendo deve essere dovuto ai pesticidi, al riscaldamento globale e agli agricoltori. Questo passa per uno studio nel Vermont; semplicemente non passa per uno studio scientifico. Ahia!

In effetti, il declino delle api allevate e selvatiche avviene naturalmente a causa dei cambiamenti climatici e delle decisioni degli apicoltori sul numero di api di cui hanno attualmente bisogno. Poiché i prezzi del miele sono ora in forte aumento, è probabile che gli apicoltori aumenteranno il numero delle loro colonie per aumentare le vendite nei prossimi anni.

Allora, perché i giornalisti seri scrivono ancora nuove storie sui neonic con la frase "pesticidi che uccidono le api“? Si potrebbe pensare che nell'era della lotta alla disinformazione, le notizie sull'ambiente, in particolare, sarebbero meticolosamente verificate. È molto probabilmente un mix di possesso ideologico di quelli della stampa e una buona dose di giornalismo pigro. Ad essere onesti, "salvare le api" è più accattivante di "i crolli delle colonie di api sono statisticamente temporanei e non correlati ai moderni strumenti di protezione delle colture".

Originariamente pubblicato qui

La carenza di erbicidi ne sottolinea l'importanza

Gli Stati Uniti stanno affrontando una carenza storica di diserbanti a causa dei continui problemi della catena di approvvigionamento. I produttori stanno lottando per mettere le mani su alcuni dei prodotti chimici inerti necessari per produrre erbicidi, nonché scatole di cartone e brocche di plastica per i tappi. Il glifosato è una delle sostanze chimiche più colpite da questi problemi della catena di approvvigionamento, con gli agricoltori che cercano prodotti alternativi per combattere le erbacce indesiderate.

Ciò avviene in concomitanza con un giro di vite normativo e legislativo su un'ampia gamma di erbicidi in tutto il paese, limitando quest'anno la capacità degli agricoltori di controllare le erbacce.

Il fatto che le regole varino tra le contee complica ulteriormente la questione, con i professionisti dell'agricoltura confusi su quali ingredienti rimangano legalmente accessibili e che necessitano dell'assistenza di scienziati della cannabis per setacciare la giungla normativa. Ciò è particolarmente problematico in quanto molti agricoltori hanno terreni che si estendono in diverse contee.

Mentre le carenze influenzano la vita quotidiana degli agricoltori, le azioni a lungo termine dei legislatori hanno conseguenze di più vasta portata.

I diserbanti sono stati presi di mira da gruppi di attivisti che si oppongono all'uso della protezione delle colture, accusandola di danneggiare le specie in via di estinzione. La prevenzione dell'estinzione di queste specie è garantita dall'Endangered Species Act (ESA), un atto legislativo problematico a causa dei suoi standard ottusi su ciò che costituisce esattamente una specie in via di estinzione in primo luogo.

Come spiega Hank Campbell di Science 2.0, l'ESA è stata dirottata dagli avvocati del processo, che usano la legge per adattare arbitrariamente i loro scopi di contenzioso e perpetuano definizioni di "in pericolo" che sono molto lontane da ciò che il pubblico in generale intende con il termine. In effetti, Campbell mostra che il numero di specie in via di estinzione secondo l'ESA è salito alle stelle sotto le amministrazioni Clinton e Obama. Di conseguenza, abbiamo visto un gran numero di aziende chimiche citate in giudizio, poi risolte, con gruppi ambientalisti per la loro produzione di pesticidi.

Come consumatore, perché preoccuparsi? Come consumatori dobbiamo renderci conto che la protezione delle colture gioca un ruolo nella nostra vita quotidiana, e non nel modo in cui viene rappresentata dagli attivisti e, troppo spesso, dai media. Quando i notiziari pubblicano storie con il titolo "Diserbante al glifosato trovato nelle birre tedesche, risultati di studio", ha senso leggere l'intero pezzo e capire che una singola persona dovrebbe ingerire 264 litri di birra al giorno per farlo dannoso per la salute. Siamo d'accordo che una persona che ingerisce 264 litri di birra in un giorno avrà presumibilmente problemi più grandi dell'esposizione a un diserbante. A loro volta, gli erbicidi che vengono attaccati così ferocemente su basi non scientifiche forniscono vantaggi essenziali per gli agricoltori.

Pre-erbicidi che usavamo per consegnare l'erba, una pratica così dolorosamente visibile nelle nazioni in via di sviluppo che ancora la praticano. Gli erbicidi alleviano il carico sulle donne e troppo spesso sui bambini che devono diserbare a mano. Infatti, 80% di diserbo manuale in Africa è svolto da donne e 69% di bambini di età compresa tra 5 e 14 anni sono costretti a lasciare la scuola per lavorare nel settore agricolo durante i periodi di picco del diserbo, portando a deformità spinali a lungo termine. .

Gli erbicidi hanno anche aumentato la nostra produzione agricola e garantito la sicurezza alimentare. Sicurezza alimentare: quanto è immenso il progresso tecnologico che non pensiamo nemmeno alle possibilità che i prodotti alimentari non siano disponibili sui nostri scaffali.

Detto questo, l'attuale inflazione dei prezzi alimentari mostra quanto possa essere vulnerabile il nostro sistema. L'agricoltura è molto più che mettere un seme nel terreno e sperare che cresca. L'agricoltura è diventata un'intricata orchestra di attori, tutti interdipendenti, tutti basati sulla tecnologia e sulla scienza moderna. In qualità di consumatori, se vogliamo opzioni alimentari sicure, disponibili e convenienti, dobbiamo riconoscere il lavoro incredibilmente importante svolto dagli agricoltori e riporre la nostra fiducia nel loro rigore professionale.

Originariamente pubblicato qui

Gli Stati Uniti hanno fatto bene a mettere in guardia l'UE sull'agricoltura verde

Le Nazioni Unite hanno messo in guardia sull'incombente crisi alimentare alla luce della guerra in Ucraina. I paesi più poveri dell'Africa, fortemente dipendenti dall'Ucraina e dalle forniture di grano della Russia, sono ad alto rischio di fame e malnutrizione. La sicurezza alimentare si sta sgretolando anche in Europa, piena di rifugiati dall'Ucraina e da altre regioni politicamente instabili.

Fino all'ultimo momento, nessuno al mondo⁠—tranne il presidente russo Vladimir Putin—sapeva se la guerra sarebbe scoppiata. Si può quindi affermare che la crisi alimentare abbia colto di sorpresa l'Europa. Ma sarebbe sbagliato. L'Europa ha semplicemente ignorato le bandiere rosse⁠—e ora ne sta pagando il prezzo.

L'Europeo Strategia dal produttore al consumatore (F2F), presentato nel 2019, inteso a “consentire e accelerare la transizione verso un sistema alimentare equo, sano e rispettoso dell'ambiente”. Ciò implicava una riduzione dei pesticidi di 50% entro il 2030 e un aumento dell'agricoltura biologica di almeno 25%. Molti politici europei hanno difeso con veemenza gli obiettivi verdi di F2F. Nell'ottobre 2021, la maggior parte dei membri del Parlamento europeo ha votato a favore dell'F2F. 

Gli Stati Uniti, tuttavia, non si facevano illusioni sull'F2F. Un rivoluzionario Rapporto 2020 dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti ha rilevato che F2F ridurrebbe "la produzione agricola da 7 a 12% e diminuirebbe la competitività dell'UE sia nei mercati interni che in quelli di esportazione". Gli Stati Uniti hanno inoltre riconosciuto che l'F2F imporrebbe oneri aggiuntivi ai colloqui commerciali UE-USA. 

Commentando l'F2F, David Salmonsen, direttore senior delle relazioni congressuali presso l'American Farm Bureau Federation, stressato: "Una preoccupazione che ne deriva per noi è che, in futuro, [Dal produttore al consumatore] potrebbe portare a nuove barriere commerciali se decidono che il modo in cui vogliono produrre cibo è l'unico modo e vogliono solo far entrare i prodotti dall'esterno che producono cibo allo stesso modo? Queste preoccupazioni erano particolarmente giustificate e condivise soprattutto dai paesi africani Kenia, anche. A casa, diverse associazioni agricole dell'UE hanno messo in guardia sull'impatto negativo di F2F.

Tuttavia, ci è voluta la guerra in Ucraina per far capire all'UE la portata dannosa delle sue ambizioni verdi. L'Ucraina è uno dei principali partner agricoli dell'UE ed è naturale che l'interruzione del commercio abbia sollevato interrogativi sulla sicurezza alimentare dell'UE. A meno di due settimane dall'inizio della guerra, l'UE si è resa conto che l'agenda verde non è fattibile.

L'8 marzo, il Partito popolare europeo (PPE), il gruppo più numeroso del parlamento, ha chiesto di sospendere l'F2F. Anche il presidente francese Emmanuel Macron disse che "l'Europa non può permettersi di produrre di meno". L'UE ha impiegato meno di un mese di guerra⁠—nemmeno sul suo suolo⁠—per rendersi conto che l'agenda verde non è adatta alle sfide di oggi. E chi ha bisogno di politiche così insostenibili per cominciare?

Da un lato, è fantastico che l'UE abbia ora capito che l'agricoltura verde è impraticabile. D'altra parte, l'intero dramma avrebbe potuto essere evitato in primo luogo se l'UE avesse considerato attentamente le preoccupazioni degli Stati Uniti. Andando avanti, sia l'UE che gli Stati Uniti dovrebbero utilizzare l'F2F per ricordare che le politiche verdi suonano bene sulla carta⁠, ma non sono fattibili.

Originariamente pubblicato qui

La guerra in Ucraina è uno schiaffo in faccia all'agenda verde

Il 24 febbraio, la Russia ha iniziato una guerra su vasta scala non provocata contro l'Ucraina. Mentre gli ucraini muoiono sul campo di battaglia, i prezzi della benzina portano un senso di guerra in ogni famiglia a livello globale. L'8 marzo gli Stati Uniti registrato il prezzo del carburante più alto per gallone di $4.17. Anche i consumatori europei si preparano ulteriori aumenti.

La guerra in Ucraina ha cambiato le priorità politiche. Le comodità e i privilegi del periodo prebellico, quando potevamo permetterci di passare innumerevoli ore a discutere del cambiamento climatico, sono finiti. Ora dobbiamo affrontare crisi tangibili, con il rischio che la fame nel mondo sia il più grande.

L'Ucraina e la Russia sono i principali esportatori mondiali di grano, cereali e vari nutrienti. La Russia, ad esempio, conti per il 6% delle importazioni di potassio degli Stati Uniti, secondo solo al Canada. Anche la Bielorussia, ora sull'orlo di nuove sanzioni, contribuisce per il 6%. Mentre gli Stati Uniti riusciranno probabilmente a sostituire rapidamente queste importazioni, i soli costi di ricerca e gli alti prezzi del carburante daranno un peso alla produzione alimentare.

A livello globale, le cose sembrano ancora più cupe. Secondo le Nazioni Unite, i disagi causati dalla guerra potrebbero spingere i prezzi alimentari internazionali di uno sbalorditivo 22%. Di conseguenza, aumenteranno anche l'insicurezza alimentare e la malnutrizione nei paesi più poveri del mondo. Il Centro per lo sviluppo globale ha fondare che l'impennata dei prezzi del cibo e dell'energia spingerà oltre 40 milioni di persone nella povertà.

La guerra è servita da campanello d'allarme per l'UE, fortemente dipendente dalle importazioni di cereali dall'Ucraina e di fertilizzanti dalla Russia. L'Europa ha ora capito che non può più permettersi i suoi piani di agricoltura verde, una volta così appassionatamente sostenuti. La strategia Farm to Fork (F2F) è ambiziosa cercato ridurre del 50% l'uso di pesticidi nell'UE, aumentando la produzione dell'agricoltura biologica dal 7,5% al 25%. 

Ferocemente appoggiata dai gruppi verdi, la strategia è stata anche molto positiva costoso e difficilmente rispettoso del clima. Mentre il mondo si paralizza con risorse limitate, l'agricoltura biologica richiede più terreni agricoli. Ridurre drasticamente l'uso dei pesticidi – senza offrire agli agricoltori un'alternativa – sarebbe l'ultimo chiodo nella bara della produzione alimentare europea. Le associazioni di agricoltori hanno comprensibilmente protestato, ma ciò non è bastato a far cambiare idea ai politici europei.

La strategia dell'UE per l'agricoltura verde era così costosa che, secondo per il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti, il suo impatto "si estenderebbe oltre l'UE, facendo aumentare i prezzi alimentari mondiali del 9 (solo adozione dell'UE) all'89% (adozione globale)". Il suddetto studio fondare che F2F ridurrebbe "la produzione agricola da 7 a 12% e diminuirebbe la competitività dell'UE sia nei mercati interni che in quelli di esportazione". Un 2022 più recente studia da scienziati olandesi lo hanno scoperto produzionediminuirà di 10 a 20%, o in alcuni casi 30%. Con strategie come questa, il mondo non avrebbe bisogno di guerre per trovarsi in fondo al precipizio.

Ma, ironia della sorte, ci è voluta una guerra per far capire all'UE che l'F2F non era realizzabile. A meno di due settimane dall'inizio della guerra Ucraina-Russia, quando i prezzi del cibo sono aumentati e la sicurezza alimentare era a rischio, la strategia è stata annullata. Nel sostenere la sospensione della F2F, il presidente francese Emmanuel Macron disse che "l'Europa non può permettersi di produrre di meno".

L'UE si è convinta che l'agricoltura verde fosse la via da seguire, ed era solo una questione di tempo prima che il blocco avrebbe iniziato a dire al mondo di diventare verde. Per fortuna, gli Stati Uniti hanno visto attraverso queste intenzioni e disseccato la F2F come "protezionista", "non competitiva" e fuorviante". Commentando F2F, il segretario all'Agricoltura degli Stati Uniti Tom Vilsack disse, “Il mondo deve essere nutrito e deve essere nutrito in modo sostenibile. E non possiamo sostanzialmente sacrificare l'uno per l'altro. L'UE ha avuto la possibilità di apprendere che l'agricoltura verde non è sostenibile prima se ha ascoltato gli Stati Uniti Ora, mentre la sicurezza alimentare globale si sgretola, il blocco lo sta imparando nel modo più duro.

La guerra in Ucraina ci ricorda brutalmente che la nostra realtà rimane vulnerabile agli shock esterni, quindi dovremmo costruire solo sistemi alimentari che durino e resistano. L'agricoltura verde non è una di queste e non dovrebbe mai tornare all'ordine del giorno. Né nell'UE, né negli Stati Uniti, né da nessuna parte.

Originariamente pubblicato qui

Impariamo bene cos'era una volta l'agricoltura, non tornare indietro

Coloro che hanno avuto il privilegio di aver incontrato i loro nonni, o meglio ancora, i loro bisnonni, conoscono gli incredibili miglioramenti della prosperità umana negli ultimi 100 anni. Per coloro che sono nati nella ricchezza è evidente attraverso i progressi della medicina moderna (permettendoti di incontrare i tuoi bisnonni in primo luogo), ma i cambiamenti sono ancora più mozzafiato per coloro i cui antenati hanno un passato nell'agricoltura. 

In effetti, la maggior parte delle storie dei nostri antenati riguarda l'agricoltura. Gli immigrati europei negli Stati Uniti vengono spesso definiti "in cerca di una vita migliore", ma la realtà più dura è che nella maggior parte dell'Europa la carestia e le malattie perseguitavano coloro che vivevano alla giornata. La carestia irlandese del 1845 uccise un milione di persone, che all'epoca rappresentavano il 15% della popolazione totale. Circa un secolo prima dell'introduzione tradizionale dei fungicidi, la popolazione agricola non era in grado di combattere la peronospora della patata, portando a carestie in tutta Europa che causarono disordini civili, fino al rovesciamento della monarchia francese di luglio nella rivoluzione del 1848. 

Leggi l'articolo completo qui

Descrizione