fbpx

Riduzione del danno

6 motivi per cui la nicotina non è il tuo nemico

Il festival di Natale di questo mese ha grandi novità sulla salute pubblica. Nei paesi che hanno incoraggiato e accettato le politiche di riduzione del danno da tabacco, il numero di fumatori è diminuito in modo significativo.

Nel Regno Unito, ad esempio, i livelli di fumo sono diminuiti di 25% dal 2013 (quando le sigarette elettroniche sono diventate popolari). Negli ultimi quattro anni in Giappone, le vendite di sigarette sono diminuite di 34%, mentre le vendite di alternative a basso danno come il tabacco non bruciato sono salite a 30% nel 2019.

Ciò è stato ottenuto perché le persone che di solito cercano la nicotina lo fanno in modo innocuo.

Ma mentre questi numeri sono vittorie importanti per i consumatori, l'intero esercito di capri espiatori non scientifici della nicotina ne mina il successo. Questo approccio ha conseguenze disastrose: meno persone passano ad alternative meno dannose come lo svapo, le buste di nicotina o i dispositivi per il tabacco che non bruciano.

Nelle Filippine, ulteriori categorie di riduzione del danno sono in fase di legalizzazione, ma non riescono ancora a raggiungere l'adozione diffusa richiesta.

Leggi l'articolo completo qui

I ricercatori chiedono la fine della "guerra alla nicotina"

Una nuova documento di ricerca tenta di chiarire la confusione che circonda il consumo di nicotina e il ruolo che svolge nelle malattie causate dal fumo. Il documento, pubblicato dal Consumer Choice Center, delinea sei ragioni principali per cui la "guerra alla nicotina è inutile" e dovrebbe finire.

"Invece di celebrare il calo del numero di fumatori e molti meno decessi, molti governi, agenzie di salute pubblica e attivisti antifumo sono stati alla ricerca di nuovi nemici", hanno scritto i ricercatori. “Hanno deciso di fare da capro espiatorio alla nicotina e, di conseguenza, la lotta contro il fumo si è gradualmente trasformata in una lotta contro la nicotina. Un tale approccio ha conseguenze disastrose: meno persone passano a alternative meno dannose”.

Leggi l'articolo completo qui

Una nuova ricerca spera di aiutare a porre fine alla guerra alla nicotina

Una nuova documento di ricerca tenta di chiarire la confusione che circonda il consumo di nicotina e il ruolo che svolge nelle malattie causate dal fumo. Il documento, pubblicato dal Consumer Choice Center, delinea sei ragioni principali per cui la "guerra alla nicotina è inutile" e dovrebbe finire.

"Invece di celebrare il calo del numero di fumatori e molti meno decessi, molti governi, agenzie di salute pubblica e attivisti antifumo sono stati alla ricerca di nuovi nemici", hanno scritto i ricercatori. “Hanno deciso di fare da capro espiatorio alla nicotina e, di conseguenza, la lotta contro il fumo si è gradualmente trasformata in una lotta contro la nicotina. Un tale approccio ha conseguenze disastrose: meno persone passano a alternative meno dannose”.

L'articolo è stato scritto in collaborazione da Michael Landl, direttore della World Vapers' Alliance, e Maria Chaplia, responsabile della ricerca presso il Consumer Choice Center. Questi sei motivi elencati per fermare la guerra contro la nicotina raccomandati dal giornale sono:

  • Le persone consumano nicotina, ma muoiono per il fumo
  • La nicotina nei cerotti e nelle gengive non è un problema: non è (un problema) quando viene vaporizzata o in un sacchetto
  • La dipendenza è complessa e non risolta da una guerra alla nicotina
  • La nicotina rende alcune persone più intelligenti, più forti e più attraenti
  • Le idee sbagliate sulla nicotina stanno ostacolando il progresso
  • Il divieto non funziona mai

Leggi l'articolo completo qui

Шість причин чому не варто демонізувати нікотин

Добрі новини для початку тижня: у к кїнах, як пш] шляхом ззччш аш к..

У Великій Британії, наприклад, рівень куріння впав на 25% з 2013 року (час, коли вейпінг став попнул). 

Але для к китикі ц у усхв ноотин ст к кзлом вдпщщщ і р п і бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт бт б9 б т т9 Такий підхід має жахливі наслідки: менше людей переходить на менш шкідливі альтернативи.

Шість причин чому треба перестати демонізуватин:

1. Люди споживають нікотин, але вмирають від куріння

Це правда, що не слід заохочувати людей починати вживати нікотин. Per saperne di più Британська національна служба охорони здоров'я (British National Health Service) дотримуєтьсяпрагматичного підходу до споживання нікотину та вейпінгу, заявляючи наступне: «Хоча нікотин викликає залежність у сигаретах, він сам по собі є відносно нешкідливим. Майже вся шкода ві крння походить вд т т чч інших хмм ч рччи т т т тalo т т т т тalo т т т т all'uso

2. Нікотин у патчах і жувальних гумках не є проблемою, а тому він не має вважатись проблемою я

Королівський коледж лікарів Великобританії узагальнив роль вейпінгу як методу споживання нікотину таким чином: «Електронні сигарети відповідають багатьом критеріям ідеального продукту для зменшення шкоди від тютюну. Хоча споживання нікотину з електронних сигарет залежить від ряду факторів, […], вони можуть містити високу дозу нікотину, але при цьому не мати шкідливих компонентів тютюнового диму […]». 

3. Залежність від нікотину складна і вона не вирішується заборонами

Безсумнівно, нікотин викликає виділення дофаміну і, таким чином, сприяє звиканню до куріння, але це не може бути єдиною причиною, чому так багато людей не можуть кинути палити. Якби ніотин бв єєиною причиною залежності вд крріня, кж к к к к к к к к к к к к к к з з з з9

Як показало дослідження, опубліковане у 2015-ому році в науковому журналі Dipendenza da droghe e alcol, за відсутності тютюнового диму потенційна залежність від нікотину дуже низька, тому більшість вейперів відчувають набагато менший тиск залежності, ніж курці.

4. Нікотин має медичні переваги 

Дослідження, проведені в 1960-х роках, показали, що у курців спостерігається нижчий рівень хвороби Паркінсона, і нещодавні дослідження показало, що причиною цього є нікотин. Бло доведено, що «чоловіки, які не крили, але жживаian с с т тиurante ти tribus Однією з причин є те, що нікотин має позитивну когнітивну дію.

5. Помилкові уявлення про нікотин гальмують прогрес

Сприйняття громадськості щодо нікотину, на жаль, викривлене. 57% респондентів американського опитування помилково погодилися з твердженням, що «нікотин в сигаретах є речовиною, яка викликає більшість ракових захворювань, викликаних курінням», і навіть 80% лікарів помилково вважають, що нікотин викликає рак. Ці неправильні переконання громадськості та експертів мають негативні наслідки, адже вони викривлюють уявлення про вейпінг, який є на 95 відсотків менш шкідливий ніж куріння.

Недавній огляд 755 тематичних досліджень про загальні наслідки вейпінгу прийшов до висновку, що лише 37 «відповідають точним критеріям наукової якості».

6. Політика заборон ніколи не є ефективною

Per saperne di più Заборона алкоголю в США була повною катастрофою, що призвело до збільшення споживання алкоголю, споживання неощадливих продуктів і породило величезні картелі. Війна з наркотиками в усьому світі є повним провалом і в багатьох випадках призвела до контрпотїндип. Тому справедливо припустити, що війна з нікотином матиме такі ж результати.

Оскільки куріння і хвороби, які ним спричинені, залишається одним з викликів людства, дуже важливо підходити до їх вирішення зважено і без нав'язаних ідеологій. Нікотин – не ворог.

Originariamente pubblicato qui

Apresiasi Inggris Negara Pertama yang Melegalkan Vape sebagai Produk Medis

Isu mengenai produk rokok elektronik, atau yang dikenal juga dengan nama vape, saat ini masih menjadi kontroversi. Perdebatan mengenai isu terkait vape umumnya muncul pada aspek kesehatan, terlebih lagi, dari tahun ke tahun, jumlah pengguna vape di seluruh dunia kian meningkat.

Bagi sebagian kalangan, vape atau rokok elektronik merupakan produk yang sangat berbahaya, dan tidak jauh berbeda dengan rokok konvensional yang dibakar. Untuk itu, akan sangat berbahaya pula bila produk ini dapat dijual bebas ke masyarakat seperti produk-produk konsumen lainnya.

Mereka yang memiliki pandangan bahwa vape atau rokok elektronik sebagai produk yang sangat berbahaya umumnya akan meengadvokasi berbagai kebijakan yang bertujuan untuk mencegah seseorang mengkonsumsi produk tersebut. 

Berbagai kebijakan ini ada dalam berbagai bentuk, mulai dari kebijakan untuk mengenakan cukai atau pajak yang tinggi, untuk mengurangi insentif seseorang mengkonsumsi vape, hingga kebijakan pelarangan total.

Sementara itu, di sisi lain tidak sedikit pula pihak-pihak yag memiliki pandnagan bahwa vape atau rokok elektronik merupakan produk yang tidak lebih berbahaya daripada rokok konvensional yang dibakar. Oleh karena itu, vape atau rokok elektronik memiliki potensi untuk membantu for perokok untuk mengurangi kebiasaan merokoknya yang sangat berbahaya bagi kesehatan.

Mereka yang memiliki pandangan tersebut umumnya justru menentang keras berbagai kebijakan yang ditujukan agar seseorang semakin sulit untuk mendapatkan akses terhadap produk-produk vape. 

Mereka melihat kebijakan tersebut justru akan membawa Damak yang kontra produktif, karena bukan hanya akan semakin menyulitkan per perokok untuk mendapatkan produk alternativetif yang dapat membantu mereka berhenti merokok, namun juga berpotensi besar akan semakin membuka praktik pasar gelap vape yang sanget berbahaya bagi .

Di Indonesia sendiri, tidak sedikit pihak-pihak yang memiliki pandangan pertama terkait dengan produk-produk vape. Mereka memiliki pandangan bahwa vape atau rokok elektronik adalah produk yang sangat berbahaya dan harus dilarang oleh pemerintah. Ikatan Dokter Indonesia (IDI) misalnya, menganjurkan agar produk-produk vape dilarang di Indonesia (cnnindonesia.com, 24/9/2019).

Tetapi ada pula negara lain yang memiliki pendekatan yang berbeda terkait dengan produk-produk vape atau rokok elektronik. Salah satu dari negara tersebut adala Britania Raya, yang bukan hanya tidak melarang vape, tetapi justru menjadikan produk tersebut sebagai alternatif yang dapat membantu seseorang untuk berhenti merokok.

Kebijakan yang diambil oleh Inggris ini memang tergolong unik. Ketika berbagai negara di dunia berupaya untuk memberlakukan kebijakan yang membatasi hingga melarang vape, mulai dari Amerika Serikat hingga Australia, Inggris justru memberlakukan kebijakan yang berbeda 180 derajat dari kebijakan yang diambil oleh negara-negara lainnya.

Pendekatan yang diambil oleh Pemerintah Inggris ini bisa ditarik kembali ke tahun 2015. Di tahun tersebut, lembaga kesehatan publik Inggris, Public Health England (PHE), mengeluarkan laporan mengenai vape, yang isinya secara eksplisit menyatakan bahwa kandungan dalam vape atau rokok elekdah 951t lebihtronik 951 berbahaya bila dibandingkan dengan rokok konvensional yang dibakar. 

Tidak hanya itu, PHE juga menyatakan bahwa produk rokok elektronik dapat membantu seseorang untuk berhentu merokok (theguardian.com, 28/12/2018).

Laporan tersebut kelak menjadi salah satu dasar kebijakan resmi dari Pemerintah Inggris untuk menjadikan vape atau rokok elektronik sebagai produk alternatif untuk membantu seseorang berhenti merokok. Kebijakan ini akhirnya secara resmi diterapkan di negara tersebut pada akhir bulan ottobre 2021 lalu.

Pada bulan Oktober lalu, lembaga regulasi medis Inggris, Regno Unito Medicines and Healthcare products Regulatory Agency (MHRA) menerbitkan panduan untuk menjadikan produk-produk vape sebagai salah satu resep medis bagi seseorang untuk berhenti merokok. Resep tersebut bisa dikeluarkan oleh lembaga kesehatan nasional Inggris, Servizio sanitario nazionale (NHS) (edition.cnn.co, 29/10/2021).

Melalui aturan ini, perusahaan produsen produk-produk vape bisa mendaftarkan produk yang mereka buat ke MHRA untuk diteliti agar bisa mendapatkan lisensi medis bagi produk tersebut. Proses tersebut diberlakukan sama dengan produk-produk medis lainnya.

Kebijakan ini sendiri diambil sebagai salah satu upaya dari Pemerintah Inggris untuk mengurangi jumlah populasi perokok di negaranya. Bila kelak nanti sudah ada produk vape yang lolos proses regulasi dari MHRA dan mendapatkan lisensi medis, maka Inggris akan menjadi negara pertama di dunia yang melegalkan produk-produk vape untuk digunakan sebagai produk pengobatan medis.

Namun, Pemerintah Inggris dalam hal inibukan berartoi menyatakan bahwa vape merupakan produk yang 100% aman untuk dikonsumsi, tetapi resiko tersebut jauh lebih rendah bila dibandingkan dengan rokok elektronik yang dibakar. 

NHS menyatakan bahwa, rokok elektronik tidak memproduksi tar dan karbon monoksida, yang merupakan dua zat yang pallido berbahaya yang terkandung dalam rokok konvensional yang dibakar (edition.cnn.co, 29/10/2021).

Kebijakan yang diambil oleh Pemerintah Inggris ini sendiri tentu merupakan kebijakan unik dan yang patut diapresiasi, di mana Pemerintah Inggris dalam hal ini berupaya untuk bersikap pragmatis untuk mengurangi populasi perkok di negaranya. Indonesia sendiri tentu dapat menngambil pelajaran dari kebijakan yang diambil oleh Inggris tersebut.

Indonesia merupakan salah satu negara dengan jumlah populasi dewasa perokok tertinggi di dunia. Pada tahun 2021 ini, Indonesia menduduki peringkat negara dengan populasi perokok tertinggi ketiga di dunia, dengan jumlah 65,7 juta penduduk Indonesia adalah perokok aktif, atau 33,8% dari jumlah total penduduk (jpnn.com, 29/4/2021).

Hal ini tentu merupakan sesuatu yang sangat berbahaya, dan bukan hanya membahayakan kesehatan publik, tetapi juga dapat semakin menambahkan beban pemerintah untuk membiayai biaya pengobatan masyarakat Indonesia. 

Untuk itu, kebijakan pragmatis untuk menanggulangi hal tersebut adalah hal yang sangat penting, salah satunya adalah mencontoh kebijakan yang diambil oleh Pemerintah Inggris tersebut.

Originariamente pubblicato qui

Possiamo per favore avere un dibattito su questioni politiche?

Cercando di parlare di politica con i giornalisti attivisti di Le Monde confusi

Hai mai provato a discutere con un complottista? 

Non tutti indossano cappelli di carta stagnola e discutono di vaccini o complotti del governo. Alcuni guadagnano stipendi da rispettabili media. Altri sono finanziati da filantropi miliardari per seminare dubbi e far girare narrazioni.

Il Consumer Choice Center ha recentemente incontrato alcuni Giornalisti finanziati da Michael Bloomberg — un problema ragnatela da solo - presumibilmente per discutere il nostro campagne sulla riduzione del danno da tabacco, una questione importante per noi e per un miliardo di fumatori nel mondo. Ieri hanno pubblicato la loro “ricerca” dopo mesi di inchiesta.

Volevamo parlare con loro di questioni politiche. Ma apparentemente non erano interessati al grande lavoro che facciamo sulla scelta dei consumatori e sulle politiche innovative e intelligenti in tutto il mondo. A loro non importava della nostra lotta salvare le vite di milioni di fumatori, o i nostri sforzi per fare il ride-sharing a disposizione per tutti e ridurre la guida in stato di ebbrezza, o combattere i criminali e gli spacciatori di droga approvando legalizzazione della cannabis. Sosteniamo soluzioni innovative per affrontare i problemi del mondo, dalla fame alle pandemie, ma avevano una narrativa diversa da vendere.

I giornalisti attivisti cinici non sembrano preoccuparsi del potenziale salvavita dello svapo, ma mirano invece a diffamare le persone che lo approvano e lo usano. Dov'è la soluzione alternativa fornita da questi intrepidi giornalisti? Inoltre non si preoccupano del fatto che noi e i nostri volontari siamo dei veri consumatori: questo mi fa venire voglia di mostrare centinaia di testimonianze video di vapers nel prossime settimane in tutta Europa. Quasi 70 milioni di fumatori (cioè l'1% della popolazione mondiale e circa 200 volte più persone dei lettori di Le Monde) hanno potuto smettere grazie allo svapo. Questa è probabilmente la più grande vittoria per la salute pubblica dall'invenzione del vaccino contro la poliomielite! 

Invece, la grande storia che volevano prendere di mira è che il CCC riceve denaro da società a scopo di lucro. Questo è vero e non dovrebbe essere una sorpresa. È chiaramente indicato sul ns sito web, e abbiamo risposto a queste domande centinaia di volte. Se ci vogliono tre mesi di "giornalisti" per capirlo, allora Michael Bloomberg e coloro che gestiscono la sua fondazione, che ha finanziato la loro ricerca, dovrebbero probabilmente considerare il ritorno sull'investimento. 

Nonostante le loro affermazioni ambigue, CCC ha ZERO legami con la famiglia Koch, le loro aziende o i loro soldi, e sebbene questo sia stato chiarito agli intrepidi giornalisti, hanno dedicato la stragrande maggioranza del loro massetto a cercare di forzare un collegamento che non t esiste. Questo non è né giornalismo onesto né reportage basato sui fatti, ma si adatta alla visione del mondo illiberale e moralista di una setta di giornalisti e al loro senso inventato di giusto e sbagliato. 

Credono che la lotta per la scelta dei consumatori e le politiche basate sull'evidenza sia una ricerca marginale e un'impresa solitaria, che nessuno oserebbe provare a meno che non sia finanziato da varie incarnazioni del diavolo. Non siamo d'accordo. 

Ho dedicato più di un'ora a parlare di persona con questi giornalisti e ho fornito risposte a tutte le loro domande successive, in buona fede. Lo stesso si può dire per i miei colleghi che hanno fornito loro risposte nei mesi precedenti. Il loro suggerimento che fossi evasivo semplicemente non corrisponde ai fatti. Siamo aperti e orgogliosi del lavoro che facciamo. 

C'è un enorme bisogno di alzare e amplificare la voce dei consumatori che vogliono accedere a prodotti innovativi, che vogliono decidere da soli e che non vogliono essere presi in giro da giornalisti-attivisti con un'ascia ideologica da macinare. 

Il Consumer Choice Center è orgoglioso dei suoi successi nei nostri anni di esistenza, e che il mio colleghi ei nostri volontari lavorano duramente ogni giorno per portare prove e scelte dei consumatori nel dibattito pubblico. Sono molto grato per tutto il supporto che abbiamo ricevuto in passato e non vediamo l'ora di aumentare i nostri sforzi per le politiche dei consumatori del 21° secolo! 

PS: La storia che i consumatori e gli ex fumatori (come me) si battono per il diritto allo svapo sembrava essere una tale non-storia che gli sceneggiatori hanno deciso che fosse opportuno commentare le scelte di moda di me e Michael. Quando vanno in basso, andremo in alto, quindi non risponderemo in modo gentile. Ma vorrei dire che ho comprato con orgoglio il mio trench Burberry in un mercatino dell'usato. Ma questo non si adatterebbe alla loro narrativa. 

PPS: Tutto ciò che voglio per Natale è che Michael Bloomberg e l'Organizzazione Mondiale della Sanità si rendano conto che lo svapo può salvare milioni di vite. Babbo Natale, puoi aiutarci con questo?

PPPS: Se vuoi leggere il risultato della suddetta ricerca di 3 mesi, puoi divertirti qui.

Aggiunta: questo filo di Michelle Minton al Competitive Enterprise Institute mostra i conflitti di interesse non dichiarati di alcuni degli autori della 'ricerca' di riferimento.

Trapelato: strategia globale "Campagna per bambini senza tabacco" finanziata da Bloomberg per vietare lo svapo di prodotti corrompendo enti pubblici

Per le persone negli Stati Uniti, il miliardario Michael Bloomberg è noto soprattutto come uno spavaldo ex sindaco di New York che ha speso un sacco di soldi in una sfortunata corsa alle primarie presidenziali.

Ma in tutto il mondo, la sua rete di enti di beneficenza e gruppi selezionati che fornisce con milioni di dollari in sovvenzioni sono, a tutti gli effetti, un sorta di governo privatot che influenzano i leader di governo, finanziano l'intero stipendio dei funzionari della sanità pubblica e scrivono la legislazione che viene poi introdotta negli organi legislativi, compreso il recente esempio di divieti di svapo in Messico e nelle Filippine.

Alcune di queste organizzazioni sono quelle presiedute e controllate direttamente da Bloomberg, tra cui Bloomberg Philanthropies, ma la maggior parte sono vari gruppi di campagna che fanno molto affidamento sui finanziamenti e sulla guida del miliardario di New York City, compresi quelli incentrati sull'ambiente, l'istruzione, la salute pubblica e controllo generale del tabacco.

Secondo l'ultimo articolo da Michelle Minton al Competitive Enterprise Institute, che è riuscita a mettere le mani su documenti interni dal Bloomberg finanziato Campagna per bambini senza tabacco organizzazione, l'impatto pernicioso delle campagne per colpire i paesi in via di sviluppo va ben oltre le misure standard di controllo del tabacco come le tasse, la limitazione dell'età e le restrizioni pubblicitarie.

Influenza e governi a corto di liquidità

Invece, ci sono pagamenti diretti offerti agli enti governativi e ai funzionari della sanità pubblica che implementano la lista dei desideri della legislazione CTFK. Perché le nazioni in via di sviluppo spendere di meno sulle misure e sui programmi di salute pubblica rispetto ai paesi sviluppati, alle ONG straniere che cercano misure politiche specifiche in cambio di milioni di dollari di finanziamenti pubblici viene concessa un'enorme influenza.

In quanto tali, piuttosto che un'effettiva richiesta democratica interna di misure contro il tabacco e i prodotti di svapo, compresi i divieti a tutto campo sullo svapo di aromi e tecnologia, queste nazioni approvano leggi in cambio diretto di sovvenzioni, spesso molto più grandi dei budget dei propri dipartimenti nazionali. In altri contesti, ciò sarebbe giustamente definito corruzione.

Considerando che gli enti di beneficenza di Michael Bloomberg hanno speso quasi $700 milioni a livello globale per rendere legge queste misure, il lungo braccio del movimento globale di difesa del tabacco ha già accumulato diverse storie di successo.

Nel governo, CTFK e i suoi partner si impegnano in attività di lobbying, come la maggior parte delle altre organizzazioni di advocacy, ma la strategia di CTFK per influenzare la politica sul tabacco dipende davvero dall'affermarsi come una risorsa indispensabile per i regolatori e i legislatori. Ad esempio, il piano CTFK elenca una miriade di esempi di supporto che ha fornito a enti governativi, come l'assistenza in cause contro l'industria del tabacco in Brasile, Perù, Uruguay, Uganda, Nigeria e Kenya. A Panama, rileva “la collaborazione con il Ministero della Salute di Panama, interessato a finanziare uno sforzo regionale” per il contenzioso sul tabacco.

Michelle Minton, Esposto: l'ingerenza anti-tabacco di Bloomberg nei paesi in via di sviluppo

I documenti delineano gli sforzi degli attivisti della CTFK per approvare varie misure di controllo del tabacco e anti-vaping in paesi come Brasile, Cina e Nigeria, incluso il "sostegno finanziario" a ministeri e uffici governativi.

Più che solo funzionari governativi ed enti sanitari, finanziamenti esorbitanti vengono messi a disposizione anche di università e istituzioni dei media, dimostrano i documenti, per amplificare i messaggi e gli obiettivi fondamentali del CTFK.

La cortina fumogena

Piuttosto che sostenere misure generali di controllo del tabacco, una buona parte delle campagne di CTFK si è concentrata sul divieto o sulla restrizione severa di tecnologie di riduzione del danno come lo svapo, specialmente nei paesi in via di sviluppo come l'India, le Filippine, la Cina, il Brasile, il Perù, l'Uruguay, l'Uganda, Nigeria, Kenya e altro ancora.

Deviando dalla loro missione di "bambini veramente senza tabacco", le organizzazioni collegate di Bloomberg hanno invece usato la loro influenza per concentrarsi su prodotti di svapo tecnologici innovativi e innovativi che forniscono nicotina aerosolizzata e non hanno nulla a che fare con il tabacco.

Invece, organizzazioni come Campaign for Tobacco-Free Kids hanno usato una potente retorica sulla necessità di eliminare il fumo come letterale cortina fumogena per eliminare o limitare severamente tutte le alternative alla nicotina non combustibili, inclusi dispositivi di svapo, dispositivi che non bruciano, sacchetti di nicotina e altro ancora.

Considerando il potenziale di salute dimostrato che deriva dall'approvazione di alternative di somministrazione di nicotina come mezzo per smettere di fumare, come raccomandato dai relativi ministeri della salute nel Regno Unito e Nuova Zelanda, le centinaia di milioni di dollari spesi per minare questi sforzi nei paesi in via di sviluppo con tassi di fumo relativamente alti dovrebbero essere uno scandalo di proporzioni epiche.

Ma, ahimè, quei titoli sono tutt'altro che importanti. Al contrario, abbiamo molteplici vittorie politiche che limitano la scelta dei consumatori e l'accesso alle alternative senza molto riguardo per l'effettiva salute pubblica.

Raggiungere la vera salute pubblica

Ciò che rende queste rivelazioni più sorprendenti è che non c'è spazio per sfumature sul fatto che i nuovi dispositivi di svapo innovativi e altre alternative, che non contengono tabacco, debbano essere considerati prodotti del tabacco. Organizzazioni come la Convenzione quadro sul controllo del tabacco, un organo dell'Organizzazione mondiale della sanità, affermano di non essere diverse.

Ma si sbagliano. La crescita compendio di studi accademici e rapporti del governo che dimostrano che lo svapo è 95% meno dannoso del tabacco combustibile ne parla.

Il fatto che milioni di persone siano state in grado di smettere di fumare utilizzando dispositivi di svapo di nicotina dovrebbe essere una testimonianza sufficiente di come il mercato può fornire soluzioni per la salute pubblica, non usare un randello per ostacolare i muscoli posteriori della coscia e negare alle nazioni in via di sviluppo la reale opportunità che hanno di migliorare e salvare la vita di milioni di cittadini.

Ma come notato da Minton al Competitive Enterprise Institute, "la strategia di CTFK e il più ampio sforzo anti-tabacco finanziato da Bloomberg sembra mirare a vincere battaglie politiche e ad approvare leggi con poca considerazione se si traducono in effettive riduzioni del fumo o miglioramenti della salute”.

Se questo è il volto del moderno movimento per il controllo del tabacco, allora sappiamo che la salute pubblica non è in realtà il loro obiettivo.

36 organizzazioni firmano una lettera di coalizione che condanna la proposta di divieto del mentolo

All'inizio di oggi, Americans for Tax Reform ha pubblicato una lettera firmata da 36 importanti organizzazioni nazionali e statali che rappresentano milioni di contribuenti e consumatori negli Stati Uniti esortando la Food and Drug Administration a respingere una proposta di divieto sulle sigarette al mentolo. Questa lettera si aggiunge a una lettera simile firmata da 27 organizzazioni per la libertà civile e la giustizia razziale organizzate dall'American Civil Liberties Union (ACLU) e dimostra una schiacciante opposizione bipartisan a questa proposta.  

La lettera rilevava l'impatto sociale devastante della criminalizzazione di un'attività intrapresa da oltre 18 milioni di americani, principalmente appartenenti a comunità minoritarie, affermando: "Se questa proposta dovesse essere approvata, è inevitabile che porterebbe a ulteriori scontri tra individui e forze dell'ordine e la rottura abbassare ulteriormente la fiducia. Inoltre, dirottando le risorse delle forze dell'ordine per prevenire la vendita di sigarette al mentolo, questa politica ridurrà le risorse disponibili per la prevenzione e la risoluzione di reati contro il patrimonio e violenti”. 

La lettera continuava: "Attiriamo ulteriormente la vostra attenzione sul fatto che qualsiasi analisi completa dei dati provenienti da giurisdizioni in cui i prodotti a base di mentolo sono stati vietati dimostra che, mentre la maggior parte degli utenti passa alle sigarette senza mentolo, oltre 20% di fumatori di mentolo si è trasferito a acquisto di prodotti illeciti attraverso il mercato nero. Questo non solo mette tutte le parti coinvolte a rischio del coinvolgimento della polizia, ma il mercato illecito del tabacco è sempre più gestito da sofisticati sindacati criminali internazionali, spesso con collegamenti al traffico sessuale, al riciclaggio di denaro e persino, sempre più, al terrorismo”. 

Per questi motivi, come si legge nella lettera, il Dipartimento di Stato americano ha esplicitamente definito il contrabbando di tabacco “una minaccia alla sicurezza nazionale”. 

La lettera ha anche riconosciuto l'importanza di promuovere la riduzione del danno rispetto al divieto, scrivendo: "Se la FDA desidera ridurre i tassi di fumo, il modo migliore per farlo non è attraverso i divieti, ma piuttosto abbracciare nuove tecnologie salvavita per aiutare i fumatori a smettere. La scienza ora è schiacciante sul fatto che il modo più efficace per smettere di fumare per i fumatori sia attraverso l'uso di alternative al tabacco a rischio ridotto non combustibili, che vanno dai dispositivi a vapore e "calore non bruciato", a sistemi di somministrazione orale di nicotina o tabacco sfuso umido (che il La FDA consente già di essere commercializzato per ridurre il rischio di cancro per le persone che effettuano il passaggio)." 

La lettera si concludeva esortando la FDA a "impegnarsi in politiche basate sull'evidenza e ad abbracciare nuove tecnologie e sistemi alternativi di somministrazione della nicotina che hanno dimostrato di poter salvare milioni di vite americane". 

Originariamente pubblicato qui.

Planet of the Vapes: lo svapo è la porta d'uscita dal fumo

La rivista Parliament ha cadenza quindicinale per informare ed educare i politici con “una copertura equilibrata, obiettiva e informativa”. L'ultimo numero riporta un articolo di Maria Chaplia del Consumer Choice Center e Michael Landl della World Vapers' Alliance che affermano che "Lo svapo è la via d'uscita dal fumo".

La World Vapers' Alliance è stata eccezionalmente attiva ultimamente, attaccando il Rapporto SCHEER [collegamento] e manifestando al Parlamento europeo [collegamento] all'organizzazione di una protesta spettacolare nei Paesi Bassi [collegamento].

Lo dice il Consumer Choice Center, “è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.”

The Parliament Magazine e le sue pubblicazioni sorelle sottolineano: “innovazione e migliori pratiche nei settori chiave della politica regionale, oltre a fornire notizie e analisi aggiornate sulla legislazione e sugli sviluppi della politica regionale a livello dell'UE, nazionale e regionale.”

Nell'ultima edizione Chaplia e Landl dicono: “La natura innovativa dello svapo ha contribuito al suo successo e gli ha permesso di guadagnare rapidamente popolarità tra i fumatori.”

Sostengono che, nonostante la nuova tecnologia sia presa di mira dagli oppositori come una via d'accesso al fumo, la verità è l'opposto e più a lungo l'UE continua ad attaccare la riduzione del danno, "meno fumatori hanno la possibilità di passare a un'alternativa più sicura e salutare.”

L'ultimo rapporto di Action on Smoking and Health (ASH) UK afferma che "solo lo 0,3% dei non fumatori sono vapers attuali (pari al 2,9% dei vapers)". Pertanto, nei dati non si riflette un effetto gateway per il fumo e molti studi mostrano l'effetto opposto. Ad esempio, i tassi di fumo nel Regno Unito, dove le autorità sanitarie pubbliche incoraggiano lo svapo come via d'uscita dal fumo, sono ai minimi storici e non vi è alcun segno che lo svapo causi più fumo.”

Affrontano il fatto che i paesi che hanno abbracciato la riduzione del danno, come il Regno Unito, hanno assistito a un calo accelerato dei tassi di fumo, mentre paesi come l'Australia hanno assistito a una decelerazione verso uno stallo abietto.

La correlazione tra l'introduzione e la popolarità dello svapo e il calo dei tassi di fumo suggerisce che lo svapo è un'importante innovazione per aiutare le persone a smettere di fumare. Il rapporto 2018 delle accademie nazionali di scienze, ingegneria e medicina degli Stati Uniti ha rilevato che il tasso di fumo è diminuito nel complesso più rapidamente da quando lo svapo è diventato più importante negli Stati Uniti.”

Mentre i politici possono leggere il testo, ascolteranno il messaggio? È molto chiaro: “Nonostante molte voci cerchino di minare lo svapo come via d'uscita dal fumo, le prove sono solide: lo svapo salva vite.”

Originariamente pubblicato qui.

Regno Unito: Inchiesta bipartisan sui dannosi regolamenti anti-vaping delle Nazioni Unite

Con il crescente riconoscimento internazionale del pericolo per la salute pubblica rappresentato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, è piacevole vedere che dall'altra parte dello stagno è stato istituito un comitato bipartisan per avviare un'indagine sulla burocrazia finanziata dai contribuenti soggetta a scandali. 

Il gruppo parlamentare di tutti i partiti per lo svapo, composto da membri del parlamento di tutti i lati della politica, sta attualmente raccogliendo prove sul fallimenti delle politiche di riduzione del danno da tabacco delle Nazioni Unite

L'Americans for Tax Reform Affiliate, la Property Rights Alliance, ha presentato la seguente testimonianza all'inchiesta (è possibile scaricare la versione completa con citazioni qui): 

29 gennaio 2021

Oggetto: Commenti al gruppo parlamentare di tutti i partiti per l'inchiesta sullo svapo alla nona conferenza delle parti

Gentile Presidente Pawsey,

Grazie per l'opportunità di inviare commenti all'inchiesta del gruppo parlamentare di tutti i partiti per lo svapo (APPG) sulla nona conferenza delle parti (COP9).

Property Rights Alliance (PRA) è un'organizzazione internazionale di difesa e ricerca con sede a Washington, DC, dedicata alla protezione dei diritti di proprietà intellettuale, dei diritti di proprietà fisica e alla promozione dell'innovazione in tutto il mondo.

1. Le politiche del governo del Regno Unito dovrebbero promuovere gli strumenti di successo per smettere di fumare.

C'è un consenso nel Regno Unito tra accademici, scienziati e comunità medica sul fatto che le alternative al tabacco a rischio ridotto come le sigarette elettroniche da svapare sono significativamente meno dannose del fumo di sigarette combustibili. Un'ampia ricerca di Public Health England e del Royal College of Physicians ha stabilito che fornendo agli utenti nicotina, ma bypassando il processo di combustione che è la causa principale della morbilità correlata al tabacco, le sigarette elettroniche sono 95% meno dannose (Public Health England, 2018) rispetto al tabacco combustibile. Per questo motivo, oltre 30 dei la principale organizzazione mondiale di sanità pubblicas hanno approvato lo svapo di nicotina come più sicuro del fumo e un modo efficace per aiutare i fumatori a smettere.

Oltre alla loro relativa sicurezza rispetto al tabacco combustibile, i dati scientifici supportano la funzione dei prodotti di svapo come uno strumento di successo per smettere di fumare notevolmente più efficace delle tradizionali terapie sostitutive della nicotina. Uno studio del 2019 del Servizio sanitario nazionale del Regno Unito pubblicato sul New England Journal of Medicine ha rilevato che le sigarette elettroniche possono aiutare gli adulti a smettere. Un gruppo assegnato alle sigarette elettroniche come sostituto del tabacco combustibile aveva maggiori probabilità di rimanere astinente per un anno rispetto a un gruppo che utilizzava prodotti sostitutivi della nicotina (18% contro 9,9%).

Secondo un rapporto commissionato sulle sigarette elettroniche dalle National Academies of Sciences, Engineering and Medicine (2018) che ha analizzato i risultati di 800 studi sottoposti a revisione paritaria, è stato stabilito che esistono prove moderate che il rischio e la gravità della dipendenza sono inferiori per sigarette elettroniche rispetto alle sigarette di tabacco combustibile. e che ci sono prove conclusive che la sostituzione completa delle sigarette elettroniche con sigarette di tabacco combustibili riduce l'esposizione di un utente a numerose sostanze tossiche. L'aggiornamento pubblicato della revisione della Cochrane Collaboration nell'ottobre 2020 ha anche mostrato che le sigarette elettroniche hanno aiutato i fumatori a raggiungere l'astinenza dal fumo a lungo termine. Ha valutato i risultati di 50 studi provenienti da 13 giurisdizioni, che rappresentano 12.430 partecipanti.

Grazie alla loro efficacia come aiuto per smettere di fumare, le sigarette elettroniche sono diventate estremamente popolari, passando da circa sette milioni di utenti nel 2011 a 41 milioni nel 2018 (Euromonitor International). Nei prossimi 10 anni si potrebbero evitare circa sei milioni di morti premature, se la maggior parte dei fumatori passasse alle sigarette elettroniche. Con l'introduzione delle sigarette elettroniche, un rapido calo del tasso di fumo ha coinciso da 19.3% nel 2010 a 13.7% nel 2018 .

Public Health England ha svolto un ruolo significativo nel promuovere la definizione di politiche basate sull'evidenza e nel garantire che dispositivi alternativi per la somministrazione di nicotina, che sono meno dannosi del fumo, siano disponibili per i fumatori che stanno cercando di smettere. In quanto tale, ciò è in linea con la politica del governo volta a ridurre i tassi di mortalità.

L'FCTC ha come missione di "proteggere le generazioni presenti e future dalle devastanti conseguenze sanitarie, sociali, ambientali ed economiche del consumo di tabacco e dell'esposizione al fumo di tabacco .... ridurre continuamente e sostanzialmente la prevalenza del consumo di tabacco e l'esposizione al fumo di tabacco.' Le politiche attuate in questo quadro devono quindi mirare a ridurre effettivamente la prevalenza del fumo. Le prove hanno dimostrato che le recenti politiche promulgate non solo si sono allontanate da questo obiettivo, ma si sono opposte attivamente ad esso. Sebbene il Regno Unito abbia svolto un ruolo positivo in termini di riduzione dell'onere delle persone che fumano e con le sigarette elettroniche che hanno aiutato milioni di fumatori adulti a smettere di fumare, è inquietante che l'Organizzazione Mondiale della Sanità finora si rifiuti di riconoscere la scienza e stia attivamente consigliando governi contro efficaci politiche di riduzione del danno da tabacco. Il governo del Regno Unito dovrebbe promuovere pratiche di riduzione del danno all'interno delle discussioni dell'OMS e ridurre le barriere all'accesso a prodotti innovativi che sono rivoluzionari per le politiche antifumo. Qualsiasi misura proposta dalla COP9 dovrebbe riconoscere i dati presentati e considerare l'esperienza nazionale del Regno Unito.

Il Regno Unito, in quanto leader mondiale nel controllo del tabacco, può garantire che le misure normative si basino su dati sufficienti e convincenti. Questo è l'unico caso per attuare misure realistiche per ciascun paese che saranno efficienti. Un'idea generale sulla tutela della salute pubblica non basta. I rapporti alla COP9 continueranno probabilmente a raccomandare ai paesi di vietare i nuovi prodotti per la riduzione del danno o di regolamentarli rigorosamente per scoraggiarne l'uso. Un esempio di regolamentazione rigorosa è il Plain Packaging implementato per il tabacco, che è stato definitivamente dimostrato di non aver avuto alcun impatto sui tassi di fumo in nessuna giurisdizione in cui è stato provato, ma ha invece portato a un vantaggio nel mercato nero il contrabbando di tabacco da parte di sindacati criminali internazionali.  

2. Le discussioni all'interno dell'OMS e della COP non riflettono prove della vita reale.

Le posizioni politiche presentate dall'OMS dovrebbero basarsi su criteri realistici e accurati sul consumo di tabacco e sull'efficacia dei prodotti del tabacco per la riduzione del danno. Una procedura basata sulla trasparenza e sulla consultazione pubblica contribuirà maggiormente all'obiettivo della riduzione del fumo. Gli organi consultivi (TobReg e TobLanNet) e l'organo direttivo della COP dovrebbero raccogliere dati da gruppi scientifici indipendenti e renderli visibili a paesi come il Regno Unito. Allo stesso modo, è un principio fondamentale del buon governo che le decisioni siano prese in modo aperto, responsabile e trasparente. Sfortunatamente, le riunioni della COP si sono svolte a porte chiuse, senza alcuna possibilità per giornalisti, scienziati o organismi di vigilanza senza scopo di lucro di osservare o partecipare. Inoltre, non vi è alcuna consultazione pubblica tra la pubblicazione del rapporto del Segretariato e la sessione del COP. L'OMS dovrebbe inserire la trasparenza nella propria politica.

Poiché la maggior parte delle politiche e della legislazione anti-tabacco ratificate ai sensi della Convenzione quadro dell'OMS sul controllo del tabacco (WHO FCTC) mirano a ridurre la prevalenza del fumo, la giustificazione delle proposte di COP dovrebbe essere formata sulla base del tasso di fumo di ciascuna categoria (adulti, giovani, ecc.), il consumo di tabacco e il successo degli strumenti di aiuto per smettere in ogni paese. Divieti massicci o rimozioni di marchi sono tattiche commerciali orientate alla struttura del mercato e non alla tutela della salute pubblica. Il proibizionismo ha dimostrato più e più volte di fallire.

In contrasto con la politica "solo astinenza" dell'OMS, Public Health England (PHE) ha offerto una guida ai datori di lavoro e alle organizzazioni che cercano di introdurre politiche sulle sigarette elettroniche e sullo svapo in pubblico e raccomanda che tali politiche siano basate sull'evidenza. Si tratta di un sistema di regolamentazione più sensato, che lavora con i consumatori per garantire migliori risultati in materia di salute pubblica. Si noti che il governo del Regno Unito può migliorare ulteriormente alcuni aspetti della sua politica sul tabacco e che i vincoli (avvertimenti sanitari e divieto di pubblicità) imposti dalla direttiva dell'UE sui prodotti del tabacco dovrebbero essere rimossi in modo da garantire ai fumatori l'accesso a informazioni adeguate sui benefici per la salute di smettere di fumare attraverso lo svapo.

3.Le politiche di controllo del tabacco per gli adolescenti e le conseguenze indesiderate delle proposte.

Nel Regno Unito, il tasso di minori che utilizzano prodotti di vaporizzazione è stato costantemente inferiore al 2%. I dati del sondaggio ASH YouGov Smokefree Youth GB del 2019 suggeriscono che una grande maggioranza (93,8% in totale) dei bambini di età compresa tra 11 e 18 anni nel Regno Unito che ha non hanno mai fumato, inoltre, non hanno mai usato una sigaretta elettronica (87.8%) o non ne sono nemmeno a conoscenza (6.0%). La tendenza generale del consumo di tabacco nel tempo sia negli adulti che nei bambini è in diminuzione dal 2010, quando l'uso di sigarette elettroniche si è diffuso tra i fumatori adulti e gli ex fumatori (Abitudini di fumo degli adulti nel Regno Unito, 2017-2018). Un rapporto del 2018 di Public Health England ha rilevato che le sigarette elettroniche stanno attirando pochissimi giovani che non hanno mai fumato per un uso regolare e che l'uso di sigarette elettroniche tra i non fumatori è inferiore a 1%. Un possibile divieto del gusto del gusto è una misura politica che danneggia la salute pubblica e il governo del Regno Unito dovrebbe essere consapevole delle conseguenze indesiderate di tali misure. Le politiche governative dovrebbero proteggere i giovani e allo stesso tempo fornire un aiuto per smettere di fumare per le persone che tentano di smettere di fumare. 

Il Regno Unito ha seguito la Direttiva europea sui prodotti del tabacco in risposta all'invito all'azione dell'OMS per impedire ai giovani di utilizzare i prodotti del tabacco. In un quadro per diventare completamente "senza fumo" entro il 2030, il Regno Unito ha vietato la produzione e la vendita di sigarette al mentolo dal 20 maggio 2020, nonostante la mancanza di prove che il tabacco aromatizzato sia responsabile di un aumento del consumo di tabacco. Prodotti alternativi come il mentolo prodotti per lo svapo  sono ancora disponibili sul mercato. In alcuni paesi come i Paesi Bassi, il governo ha proposto di vietare anche gli aromi nei prodotti per lo svapo elettronico, una misura che non ha considerato i benefici per la salute pubblica di uno strumento di riduzione del danno.

Gli aromi devono rimanere disponibili attraverso i canali legali per una questione di sicurezza del consumatore. Altrimenti, il mercato nero prospererà mettendo prodotti pericolosi nelle mani di migliaia di consumatori. Vietare gli aromi di svapo praticamente disinforma i fumatori sui rischi relativi delle sigarette elettroniche e limita l'utilità dello svapo. Significativamente più adulti e giovani potrebbero tornare a fumare tabacco combustibile. Secondo il Consumer Choice Center, l'accesso ai sapori aumenta la probabilità di smettere di fumare di 230% e 260.363 vapers verrebbero spinti a fumare senza di essi.

Secondo il sondaggio ASH Smokefree Great Britain 2019, se i gusti fossero stati vietati, 1 fumatore su 5 ha affermato che fumerebbe più tabacco o tornerà a fumare tabacco. Un'indagine statunitense del 2017 su giovani adulti che utilizzano sia sigarette elettroniche che prodotti di svapo, ha indicato che il divieto di aromi liquidi porterebbe ad un aumento dell'uso di sigarette combustibili e contemporaneamente porterebbe a riduzioni dell'uso di sigarette elettroniche. Pertanto, qualsiasi proposta attraverso il processo COP per limitare ulteriormente l'accesso ai prodotti da svapo aromatizzati porterebbe senza dubbio a un aumento delle persone che fumano sigarette combustibili.

4.L'OMS vieta l'uso di strumenti di riduzione del danno da tabacco, allontanandosi dagli obiettivi dell'FCTC.

Secondo l'ultimo rapporto GSTHR (Global State of Tobacco Harm reduction) (GSTHR, Burning Issues 2020) quasi 100 milioni di persone ora utilizzano una gamma di prodotti per lo svapo e non usano affatto sigarette combustibili. Le prove fornite da questo rapporto mostrano l'effetto dei prodotti per la riduzione del danno come le sigarette elettroniche sul calo globale del consumo di sigarette per adulto.

Al contrario, l'OMS nel suo ultimo rapporto del suo comitato di esperti sulla regolamentazione dei prodotti del tabacco, pubblicato il 23 dicembre, ha raccomandato di vietare e vietare le sigarette elettroniche e i prodotti del tabacco riscaldati (Rapporto della riunione del comitato di esperti dell'OMS, 23 dicembre 2020). Questa raccomandazione è in conflitto con il protocollo FCTC per eliminare il commercio illecito di prodotti del tabacco che mirava a eliminare tutte le forme di commercio illecito nell'ambiente del tabacco. Il divieto dei prodotti di svapo porterebbe i fumatori ad acquistare le loro sigarette elettroniche da mercati illeciti o da giurisdizioni in cui sono legali. La salute pubblica potrebbe essere danneggiata da un forte aumento del contrabbando e della vendita di sigarette elettroniche illegali. Il commercio illecito di sigarette elettroniche è un problema crescente in tutto il mondo che danneggia le economie e può anche essere utilizzato per finanziare attività terroristiche e criminali simili. Inoltre, ignora le prove scientifiche fornite che indicano il potere dello svapo di prodotti di aumentare più efficacemente i tassi di smesso o di modificare i comportamenti associati alle sigarette combustibili.

Nonostante il fatto che la Convenzione quadro dell'OMS sul controllo del tabacco (FCTC) miri a ridurre il consumo dannoso di tabacco, ci sono stati solo pochi tentativi di valutare empiricamente l'impatto di questo trattato internazionale. Sfortunatamente, non esiste uno studio empirico interventistico per valutare l'efficacia della decisione di adottare un trattato sul controllo del tabacco come strategia per ridurre il consumo globale di sigarette. L'analisi delle tendenze del consumo di tabacco è necessaria per discernere i modelli per le future politiche di controllo del tabacco, comprese le diverse priorità della strategia di ciascun paese. Non sono disponibili dati comparabili a livello internazionale sul consumo di tabacco per l'analisi mediante quasi esperimento. Nell'ambito dell'OMS è necessaria una collaborazione interdisciplinare e internazionale, che stabilisca standard per la ricerca e valuti rischi e benefici.

Tra i mandati di FCTC c'era l'indagine su nuovi prodotti del tabacco. L'FCTC non è un buon forum per incoraggiare nuove idee. L'indagine dell'FCTC si limita a norme rigorose sui prodotti del tabacco che spesso si riferiscono ai prodotti come a "un serio ostacolo al progresso". C'è un problema persistente con l'OMS che si basa su prove scarse o sul ragionamento motivato degli attivisti. La riunione della 146a sessione del comitato esecutivo dell'OMS (febbraio 2020) ha invitato i paesi a vietare o limitare l'uso di sigarette elettroniche e prodotti del tabacco nuovi ed emergenti. L'FCTC ha esaminato una quantità limitata di prove scientifiche e, per loro stessa ammissione, "non è stato ancora raggiunto un consenso scientifico internazionale" sugli effetti sulla salute esistenti.

L'OMS dovrebbe dare uno sguardo nuovo alla funzione delle sigarette elettroniche come strumento di riduzione del danno e accettare i progressi compiuti dall'industria del tabacco nello sviluppo di prodotti in grado di ridurre significativamente il fumo. La scienza dovrebbe essere al primo posto in ogni problema o situazione di salute. La crisi pandemica ha confermato questa affermazione. Le politiche dell'OMS, inclusi l'imballaggio semplice e il divieto di vaporizzare i prodotti, danneggiano i diritti di proprietà intellettuale e l'innovazione. Gli Stati possono proteggere la salute pubblica senza danneggiare le tutele dei diritti di proprietà privata e la sicurezza dell'innovazione. Il controllo del tabacco dovrebbe essere un problema sociale, di salute pubblica e della qualità della vita piuttosto che un problema commerciale e commerciale.

5. I diritti di proprietà intellettuale sono importanti per i prodotti innovativi che riducono il danno.

Le sigarette elettroniche sono diventate possibili solo grazie ai forti diritti di proprietà intellettuale in un mercato aperto e competitivo. I diritti di proprietà intellettuale collegano gli innovatori con la domanda dei consumatori di prodotti che riducono il danno. Gli Stati possono proteggere la salute pubblica senza compromettere la protezione dei diritti di proprietà privata e l'innovazione guidata dal mercato. L'effettiva tutela dei diritti intellettuali e di proprietà è essenziale e può favorire gli investimenti nel mercato.

Quando viene introdotto un divieto sui prodotti del tabacco, il diritto di proprietà (articolo 1, Primo Protocollo alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo) viene soppesato rispetto al legittimo interesse della salute pubblica. La logica della funzione sanitaria di vietare i prodotti di svapo contraddice le prove schiaccianti sulle sigarette elettroniche come l'aiuto per smettere di fumare di maggior successo. Si tratta di una misura discriminatoria per i consumatori, ai quali viene negato l'accesso a prodotti a rischio ridotto. Può sostenere alcuni diritti fondamentali tra cui il diritto alla salute e un ambiente pulito, ma viola indebitamente il diritto alla libertà, alla proprietà e all'uguaglianza. Pratiche come queste scoraggiano gli investimenti e mettono le aziende a rischio di perdere il loro vantaggio competitivo. Le politiche che minano l'innovazione hanno spesso conseguenze indesiderate e Property Rights Alliance si oppone a tutte le misure che danneggiano irreparabilmente la proprietà intellettuale.

6. Conclusione

L'intenzione iniziale del processo COP era di ridurre la dipendenza dal tabacco e la mortalità associata causata dal fumo di prodotti del tabacco convenzionali. Nell'opporsi attivamente alle opportunità offerte dalle nuove alternative al tabacco a rischio ridotto come le sigarette elettroniche, l'Organizzazione Mondiale della Sanità sta ora lavorando attivamente contro la sua missione dichiarata. È inoltre profondamente preoccupante che esperti scientifici indipendenti rimangano esclusi dal processo COP9 e la totale mancanza di trasparenza e consultazione viola ogni norma di sana politica pubblica.

Come risultato del fatto che l'OMS persegue un'agenda politica contraria alla scienza, il Regno Unito deve affrontare minacce significative che il suo modello di riduzione del danno di successo potrebbe essere minato e l'accesso ai prodotti salvavita potrebbe essere limitato. Pertanto, a meno che il Regno Unito e i governi filo-scientifici che la pensano allo stesso modo non siano in grado di realizzare una seria riforma strutturale dell'OMS, il Regno Unito deve rivalutare la sua partecipazione all'FCTC.

Originariamente pubblicato qui.

Descrizione