fbpx

Cannabis

Libera il mercato della cannabis

La rimozione dei prodotti a base di CBD dal Cannabis Act avrebbe diversi vantaggi immediati per i consumatori

La scorsa settimana Ottawa annunciato che il Cannabis Act, approvato nel 2018, avrà finalmente la sua revisione obbligatoria da tempo attesa, che avrebbe dovuto aver luogo nell'ottobre 2021.

Le autorità di regolamentazione dovranno rispondere ad alcune domande difficili sull'esperimento di legalizzazione del Canada. Come ha ammesso il deputato liberale Nathanial Erskine-Smith: "Non l'abbiamo ottenuto perfetto, o esattamente giusto la prima volta, e questa è un'opportunità per assicurarci di farlo andare avanti". Una delle priorità principali del gruppo di esperti che esamina l'atto è una migliore comprensione di come il mercato legale possa eliminare il mercato illegale, che è ancora importante.

Secondo l'Ontario Cannabis Store proprio rapporto, il mercato legale ha ottenuto guadagni significativi dal 2018, ma rappresenta ancora solo il 59% di tutta la cannabis consumata. Quindi cosa può essere cambiato nel Cannabis Act per prendere di mira il 41% di cannabis che continua ad essere fornita dal mercato illecito?

In primo luogo, i prodotti CBD, quelli contenenti cannabidiolo ma senza o pochissimo THC, che è ciò che produce lo sballo, dovrebbero essere RIMOSSO dall'atto di cannabis del tutto. I prodotti che non sono inebrianti e hanno un profilo di rischio significativamente più basso non dovrebbero essere trattati allo stesso modo dei prodotti a base di cannabis che includono THC.

La rimozione dei prodotti a base di CBD dal Cannabis Act avrebbe diversi vantaggi immediati per i consumatori. Il primo è che esonererebbe i prodotti CBD dalle pesanti restrizioni di marketing, branding e imballaggio stabilite nel Cannabis Act. Regolamentare la cannabis allo stesso modo in cui viene regolamentato il tabacco è stato un errore, date le importanti differenze di rischio tra i vari prodotti a base di cannabis. Ma regolamentare i prodotti CBD come il tabacco è decisamente comico. Per porre fine allo scherzo, dovremmo trattare qualsiasi prodotto CBD con una concentrazione di THC inferiore allo 0,3% (lo standard legale statunitense) come un prodotto naturale per la salute ed esentarlo dalle norme e dai regolamenti del Cannabis Act.

Dal lato dei produttori, la rimozione dei prodotti CBD dal Cannabis Act aiuterebbe i produttori autorizzati a sfruttare l'eccesso di cannabis che finisce per essere distrutta a causa dell'eccesso di offerta, un'offerta eccessiva che non riesce ad abbassare i prezzi perché le accise creano un prezzo minimo artificialmente alto , mentre il regime di bollo delle accise blocca il prodotto finito entro i confini provinciali. Completamente il 26 per cento della cannabis legale prodotto in Canada nel 2021, 426 milioni di grammi, sono finiti per essere distrutti a causa dell'eccesso di offerta. Se il CBD venisse rimosso dall'atto, questa cannabis in eccesso potrebbe essere utilizzata per creare prodotti CBD, che potrebbero essere venduti in altri punti vendita, non solo nei negozi di cannabis con licenza, ampliando così in modo significativo le opportunità di acquisto per i consumatori.

Sul marketing e il branding, le regole dovrebbero essere riscritte per rispecchiare ciò che i canadesi accettano per l'alcol. La cannabis non è più e probabilmente molto meno pericolosa dell'alcol, quindi la sua vendita agli adulti non dovrebbe essere regolamentata in modo più rigoroso. Questo non sarebbe solo per motivi di coerenza. Le persone che acquistano la loro cannabis nel mercato illegale devono essere commercializzate in modo aggressivo se il governo vuole continuare a far crescere il mercato legale. Regole di marketing e branding molto meno paternalistiche di quelle attualmente in vigore rappresenterebbero un enorme passo avanti nel consentire a rivenditori e produttori di raggiungere i consumatori che ancora acquistano al di fuori del regime legale.

Per quanto riguarda prodotto e prezzo, alcuni semplici passaggi farebbero molto. In primo luogo, i limiti di 30 grammi sia per l'acquisto che per il possesso in pubblico dovrebbero essere eliminati. Non esistono restrizioni all'acquisto di alcolici: un adulto maggiorenne può entrare in un negozio di liquori, il più delle volte di proprietà del governo, e acquistare tutte le bottiglie di liquore che vuole. Se i consumatori possono acquistare più di una dose letale di alcol da un negozio governativo, dovrebbero essere in grado di acquistare più di 30 grammi di cannabis da rivenditori legali.

Per quanto riguarda gli alimenti e le bevande, l'atto dovrebbe rimuovere la restrizione di 10 mg di THC o aumentarla in modo significativo. Questa restrizione dà un vantaggio al mercato illegale, dove i prodotti commestibili sono spesso da 10 a 20 volte più potenti. Se gli edibili legali devono competere, devono essere prodotti comparabili.

Infine, per quanto riguarda la regolamentazione dei prezzi, il mercato legale deve essere molto più competitivo. Semplificare e abbassare notevolmente le accise aiuterebbe a produrre cannabis a costi inferiori ea venderla a prezzi inferiori, rendendola così più attraente per coloro che ancora acquistano illegalmente. La sostituzione dell'imposta minima $1/grammo con una percentuale fissa darebbe un notevole impulso competitivo al mercato legale.

Vale la pena celebrare che il 59% del mercato della cannabis è ora legale, ma sono necessari seri cambiamenti per reprimere il restante 41%. Se il Cannabis Act non viene modificato per rendere il mercato legale più favorevole ai consumatori, gli sforzi per far crescere il mercato legale potrebbero fallire.

Originariamente pubblicato qui

Il governo dell'Ontario rende permanente il ritiro dal marciapiede per i rivenditori di cannabis

Solo un titolare dell'autorizzazione del negozio al dettaglio o i suoi dipendenti possono effettuare le consegne. La consegna a terzi non è consentita

È ufficiale: la Alcohol and Gaming Commission of Ontario (AGCO) ha annunciato che il governo provinciale ha dato il via libera permanente alla capacità dei rivenditori di cannabis di offrire servizi di consegna e ritiro all'esterno.

In un bollettino pubblicato questa settimana, l'AGCO ha riferito che la provincia ha stabilito delle regole per rendere permanente il cambiamento tanto atteso e tanto richiesto. Le nuove regole entrano in vigore il 15 marzo.

“Rendere la consegna di cannabis permanente piuttosto che temporanea sarebbe un enorme passo avanti per il mercato legale in Ontario. Sarebbe un vantaggio significativo per i rivenditori. Ma, cosa ancora più importante, andrebbe a vantaggio dei consumatori ampliando e migliorando le loro opzioni", David Clement, responsabile degli affari nordamericani per il Consumer Choice Center, scritto per La crescita Op nella primavera del 2020.

Leggi l'articolo completo qui

Nancy Mace: la repubblicana della Carolina del Sud che potrebbe fornire cannabis legale

Di Yael Ossowski

La rappresentante degli Stati Uniti Nancy Mace (a sinistra) con l'ex governatore della Carolina del Sud e ambasciatore delle Nazioni Unite Nikki Haley (a destra)

Durante i candidati presidenziali democratici durante le primarie elettorali del 2020, il tema della legalizzazione della cannabis a livello federale era esplicitamente approvato praticamente da tutti i candidati in gara, tranne Joe Biden.

Ora che i Democratici hanno il controllo maggioritario della Camera e del Senato, il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer ce l'ha promesso porre fine alla proibizione della cannabis negli Stati Uniti con il proprio disegno di legge, e alcuni dei suoi colleghi della Camera hanno detto lo stesso.

Tuttavia, il legislatore che potrebbe effettivamente realizzare una seria riforma della cannabis non sarà una figura di spicco del Senato e nemmeno un peso massimo democratico in nessuna delle due camere. Potrebbe poggiare sulle spalle di una deputata repubblicana al primo mandato del Lowcountry della Carolina del Sud.

UN REPUBBLICANO CORAGGIOSO

La rappresentante degli Stati Uniti Nancy Mace, che lo era spinto “dalla Waffle House alla US House”, ha già dimostrato di essere un legislatore unico tra i quadri d'élite dei rappresentanti eletti nella capitale della nazione.

Come madre single di due figli e prima donna a diplomarsi alla Citadel, un'accademia militare, Mace ha seguito una striscia più indipendente nel suo breve mandato fino ad ora a Washington.

Come prima donna repubblicana della Carolina del Sud eletta al Congresso, ha già lasciato il segno come a sostenitore dei diritti LGBT e riproduttivi, uno scettico nei confronti degli Stati Uniti interventi militari all'estero, ed è stato schietto condannando Il presidente Donald Trump dopo gli eventi del 6 gennaio.

Ora, ha fatto scalpore tra i colleghi della Camera e i sostenitori della riforma della cannabis per il Legge di riforma degli Stati, uno dei disegni di legge più stimolanti per legalizzare e regolamentare la cannabis.

LEGGE DI RIFORMA DEGLI STATI

Il disegno di legge modificherebbe il Controlled Substances Act per riprogrammare la cannabis, regolamentarla come l'alcol, offrirebbe riforme giudiziarie ai criminali non violenti accusati di crimini legati alla marijuana, autorizzerebbe gli imprenditori a entrare nello spazio della cannabis e darebbe poteri agli stati per decidere effettivamente su quali regolamenti la cannabis dovrebbe essere. Applicherebbe anche un'accisa di appena 3%, la più bassa di qualsiasi fattura sulla cannabis che sia stata introdotta al Congresso.

Ciò significa che la legge di Mace rispetta il federalismo dando l'ultima parola agli stati e riconoscendo il divieto federale come non più giusto. In aggiunta a ciò, cesserebbe immediatamente tutti i procedimenti e i casi federali per gli imputati non violenti nei casi di cannabis, rimuoverebbe queste accuse dai criminali non violenti che sono stati condannati e utilizzerebbe le entrate per sostenere le forze dell'ordine e gli investimenti della comunità.

Con questi elementi di federalismo, giustizia sociale e imprenditorialità, questo disegno di legge soddisfa i sostenitori politici sia di sinistra che di destra e potrebbe effettivamente aprire la strada a una vera soluzione alla proibizione della cannabis nel nostro paese.

La Fondazione Reason ha un grande rottura del disegno di legge per gli interessati.

RACCOLTA MOMENTO

Nonostante 68% del paese sostiene la legalizzazione della cannabis in un sondaggio Gallup o fino a 91% da a Sondaggio dei banchi, il numero più alto registrato, ci sono ancora molti ostacoli. Come si può immaginare, lo status di matricola del GOP di Mace non sarà sufficiente per ottenere un significativo sostegno democratico dai suoi colleghi della Camera per portare questo al voto, ma ci sono stati molti altri consensi chiave.

A gennaio Amazon, la seconda azienda più grande del paese, formalmente approvato Il conto di Mace. Sono più preoccupati per il modo in cui le normative sui test antidroga stanno ostacolando la loro capacità di assumere lavoratori.

Il Alleanza per la libertà della cannabis, composto da organizzazioni di difesa che spingono per riforme della cannabis favorevoli al mercato (incluso il Consumer Choice Center), ha pubblicamente sostenuto il disegno di legge. Ciò include anche l'organizzazione di difesa della giustizia del Progetto Saldon e il Partenariato per l'azione delle forze dell'ordine.

Il centro di scelta del consumatore sostiene questo disegno di legge perché crediamo che offra i cambiamenti più realizzabili e concreti che introdurrebbe politica intelligente sulla cannabis a livello federale, eliminando il mercato nero, ripristinando la giustizia e incentivando gli imprenditori creativi a entrare nel mercato. Sarebbe un enorme vantaggio per i consumatori.

Quando è stato chiesto, alcuni democratici sono stati ricettivi al disegno di legge, e lo hanno fatto impegnato a tenere udienze, ma finora la maggior parte dello slancio è stato tra avvocati e media.

Tanto è bastato per far riconoscere anche la deputata In tempo reale con Bill Maher, non necessariamente il programma televisivo più ospitale per i repubblicani. Maher, nemico di lunga data della proibizione della cannabis, ha sottolineato che i Democratici hanno trascinato i piedi su questo problema, ed era ora che il GOP "rubasse questo problema ai Democratici".

Detto questo, questo è tutt'altro che il problema politico più popolare nello stato di origine di Mace, la Carolina del Sud. Il capo dell'SC GOP ha fatto saltare il disegno di legge di Mace e qualsiasi tentativo di legalizzare la cannabis ricreativa o anche medica. Una sfidante principalmente repubblicana, Katie Arrington, che ha perso il seggio contro il democratico Joe Cunningham nel 2018, ha già mettere insieme un video criticando la posizione di Mace sulla cannabis. Sembrerebbe che questo problema stia suscitando più polemiche di altri nella politica repubblicana della Carolina del Sud.

L'ex capo dello staff ad interim della Casa Bianca Mick Mulvaney, anche lui ex membro del Congresso SC, da parte sua, ha scritto che il GOP SC sta "ignorando la volontà" degli elettori nel continuare a opporsi alla cannabis medica nello Stato di Palmetto.

Comunque cada, la deputata Nancy Mace ha dato qualcosa di cui tutti gli americani potrebbero potenzialmente beneficiare. Il suo States Reform Act, se riesce a resistere alla danza partigiana nella capitale della nazione, ha alcune delle riforme più positive sulla cannabis che abbiamo visto in oltre un decennio.

Questo è qualcosa da celebrare, ma è solo l'inizio se vogliamo vedere una vera riforma della cannabis nel nostro paese.

Yaël Ossowski è vicedirettore del Consumer Choice Center.

L'Ontario ha deciso di rendere permanente la consegna di cannabis e il ritiro sul marciapiede

Una nuova proposta del governo dell'Ontario, il Supporting People and Businesses Act, consentirebbe ai rivenditori privati di cannabis di offrire la consegna e il ritiro sul marciapiede in modo permanente. L'Ontario ha ora 1.000 negozi al dettaglio di cannabis Consentire la consegna di cannabis è un buon inizio. Ai rivenditori è stato consentito di offrire servizi di consegna e ritiro durante la pandemia e i sostenitori hanno sostenuto che il successo delle misure temporanee dimostra che si tratta di un'opzione praticabile e sicura per i consumatori.

L'Ontario ha recentemente superato i 1.000 negozi di cannabis e rendere permanenti queste funzionalità "consentirebbe ai rivenditori di continuare a sostenere il distanziamento fisico e le direttive generali sulla salute pubblica", una sintesi delle note della proposta. "Rendere la consegna di cannabis permanente piuttosto che temporanea sarebbe un enorme passo avanti per il mercato legale in Ontario", ha scritto David Clement, direttore degli affari nordamericani presso il Consumer Choice Center, per The GrowthOp lo scorso maggio.

Leggi l'articolo completo qui

Le parti interessate dell'industria della cannabis e i responsabili politici condividono le prospettive sulla legge di riforma degli Stati

La rappresentante degli Stati Uniti Nancy Mace ha presentato la legislazione il 15 novembre per consentire ai governi statali di regolamentare i prodotti a base di cannabis attraverso le sviste di salute e sicurezza di loro scelta.


Durante una conferenza stampa del 15 novembre, la rappresentante degli Stati Uniti Nancy Mace, una repubblicana della Carolina del Sud entrata in carica all'inizio dell'anno, ha presentato lo States Reform Act (SRA), legislazione che consentirebbe ai governi statali di regolamentare i prodotti a base di cannabis attraverso il sviste di salute e sicurezza di loro scelta.

Le 131 pagine progetto di legge propone un'accisa federale sulla cannabis 3%, con una moratoria di 10 anni sugli aumenti delle accise per mantenere un mercato competitivo.

L'Alcool and Tobacco Tax and Trade Bureau (TTB), che opera sotto il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, regolerebbe a livello federale il commercio interstatale dei prodotti a base di cannabis, mentre la Food and Drug Administration (FDA) sovrintenderebbe alla cannabis terapeutica.

La legislazione include anche disposizioni di espulsione, ma i membri del cartello, gli agenti di bande di cartelli o coloro che sono stati condannati per guida in stato di ebbrezza sarebbero esclusi dalla richiesta di espulsione.

Il Consumer Choice Center plaude allo sforzo del Rep. Mace di fornire agli americani un percorso intelligente, sicuro e favorevole al consumatore verso la cannabis legale. Un focus sulla creazione di mercati legali e sicuri andrà a beneficio di tutta la società, eliminando finalmente il mercato nero, ripristinando la giustizia e incentivando gli imprenditori creativi a entrare nel mercato. È passato il tempo che l'America avesse politiche intelligenti sulla cannabis. – Yaël Ossowski, vicedirettore, Centro di scelta dei consumatori

Leggi il testo completo qui

Cannabis Freedom Alliance approva la legge di riforma degli Stati del Rep. Mace

Oggi, la Cannabis Freedom Alliance (CFA) ha annunciato di aver approvato lo States Reform Act. La legge si allinea fortemente con la visione di CFA di porre fine al proibizionismo in modo coerente con l'aiutare tutti gli americani a raggiungere il loro pieno potenziale e limitare il numero di barriere che inibiscono l'innovazione e l'imprenditorialità in un mercato libero e aperto. Lo States Reform Act è il vero veicolo di principio per conservatori, libertari e tutti coloro che apprezzano un governo limitato per sostenere la riforma della cannabis. 

CFA è stata orgogliosa di lavorare con il team di Rep. Nancy Mace (R-SC) nell'elaborazione di questa legislazione e di prestarle il nostro supporto futuro. La legge crea un disegno di legge che protegge gli americani ei loro figli, ponendo fine alla prelazione federale e all'interferenza con le leggi statali sulla cannabis. La legge sulla riforma degli Stati:

  • Depenalizza a livello federale la cannabis e rimette completamente ai poteri statali il divieto e la regolamentazione commerciale
  • Regolamenta i prodotti a base di cannabis come i prodotti alcolici
  • Istituisce un'accisa federale 3% su tali prodotti per finanziare le forze dell'ordine e i programmi per le piccole imprese.
  • Garantisce la continua esistenza di programmi statali di cannabis terapeutica e l'accesso dei pazienti consentendo allo stesso tempo lo sviluppo di nuove ricerche e prodotti medici
  • Protegge i nostri veterani assicurando che non saranno discriminati nelle assunzioni federali per uso di cannabis o perderanno l'assistenza sanitaria VA per aver seguito il consiglio del loro medico di usare cannabis medica
  • Protegge i bambini e i giovani sotto i 21 anni dai prodotti a base di cannabis e dalla pubblicità a livello nazionale

Leggi il testo completo qui

Il Consumer Choice Center elogia la legge sulla legalizzazione della cannabis intelligente del rappresentante Nancy Mace

1acdbea962554e6ea67b12e24ed7f06e.png

Il Consumer Choice Center elogia la legge sulla legalizzazione della cannabis intelligente del rappresentante Nancy Mace

Washington DC – Lunedì, la rappresentante degli Stati Uniti Nancy Mace (R-SC) svelato il primo disegno di legge federale completo sulla depenalizzazione e legalizzazione della cannabis da parte di un membro repubblicano del Congresso.

Il Consumer Choice Center, un gruppo globale di difesa dei consumatori che sostiene politiche intelligenti sulla cannabis, elogia il disegno di legge di Rep. Mace come un primo passo significativo per porre fine alla guerra alla cannabis e fornire un modello di vendita e distribuzione a misura di consumatore per stimolare l'imprenditorialità. Si uniscono alla coalizione del Alleanza per la libertà della cannabis nell'approvare il disegno di legge.

"Il Consumer Choice Center plaude allo sforzo del Rep. Mace di fornire agli americani un percorso intelligente, sicuro e di facile consumo verso la cannabis legale", ha affermato Yaël Ossowski, vicedirettore del Consumer Choice Center. “Un focus sulla creazione di mercati legali e sicuri andrà a beneficio di tutta la società, eliminando finalmente il mercato nero, ripristinando la giustizia e incentivando gli imprenditori creativi a entrare nel mercato. È passato il tempo che l'America avesse politiche intelligenti sulla cannabis.

Il testo del disegno di legge sarà presentato entro la fine della giornata di lunedì.

“Per troppo tempo, vite e risorse sono state sprecate nella fallita Guerra alla Droga. Invitando i legislatori federali a legalizzare la cannabis ricreativa, Rep. Mace sta compiendo il prossimo passo pratico per salvare vite umane e migliorare le nostre comunità ", ha affermato David Clement, North American Affairs Manager presso il Consumer Choice Center.

“I vantaggi della legalizzazione hanno già pagato enormi dividendi alle persone in Colorado, California, Michigan, Oregon e altro ancora, tramite entrate fiscali e anche invertendo la dura criminalizzazione che ha avuto un impatto sproporzionato sulle comunità a basso reddito e minoritarie. Ora c'è l'opportunità di renderlo nazionale", ha detto Clement.

“Dobbiamo garantire che il governo federale adotti una politica intelligente sulla cannabis, che incoraggi la concorrenza, l'imprenditorialità, eviti la burocrazia e sradichi il mercato nero per stimolare una nuova rivoluzione nell'imprenditorialità e nelle opportunità.

"Il Consumer Choice Center plaude agli sforzi del rappresentante Mace e spera che i legislatori si schierino dietro questa proposta", ha affermato Clement.

Leggi di più sulle raccomandazioni sulla politica sulla cannabis intelligente del Consumer Choice Center

CONTATTO:

Yael Ossowski

Vicedirettore

Centro di scelta dei consumatori

yael@consumerchoicecenter.org

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra, Lima, Brasilia e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni suconsumerchoicecenter.org.

Opinione: il Missouri dovrebbe imparare dall'esperienza cannabica del Canada

Per dire che il Missouri è medico cannabis il lancio è stato roccioso è un eufemismo. In primo luogo, è emersa un'enorme polemica pubblica quando l'85 percento dei candidati per il business della marijuana le licenze sono state negate. In secondo luogo, con limitazioni sul numero di produttori e rivenditori, i consumatori hanno dovuto affrontare prezzi elevati, qualità incoerente e altre difficoltà nell'accedere legaleprodotti. Tuttavia, possiamo imparare alcune lezioni significative da luoghi che sono già stati legalizzati, in particolare il nostro vicino a nord, il Canada.  

Vent'anni fa, la Corte Suprema del Canada stabilì che la cannabis terapeutica poteva essere utilizzata per l'HIV/AIDS e una varietà di altre malattie. Quel momento alla fine pose le basi per la legalizzazione della cannabis ricreativa per uso adulto 17 anni dopo. Si può imparare molto dall'esperienza canadese, soprattutto dai numerosi errori commessi dal 2018.

Sfortunatamente, sembra che lo stato del Missouri stia replicando molti di questi errori. Il primo e più evidente errore è l'applicazione delle norme di produzione di livello farmaceutico per la cannabis terapeutica. Questo è problematico per alcuni motivi.

Sebbene la cannabis terapeutica sia una medicina, non è necessario che sia regolamentata in modo simile ai narcotici. Qualsiasi valutazione basata sul rischio dimostrerebbe chiaramente che non c'è bisogno di questo livello di controllo da parte delle autorità di regolamentazione, soprattutto dato che l'alcol non è regolamentato in questo modo. 

Oltre ad essere pesanti, queste restrizioni di livello farmaceutico agiscono come una barriera significativa all'ingresso e corrono il rischio di impedire al mercato medico legale di espandersi se la cannabis ricreativa viene legalizzata, sia iniziativa elettorale statale nel 2022, o se il governo federale assumerà un ruolo guida su questo tema. 

In effetti, questo è esattamente l'errore commesso dal Canada quando ha approvato il Cannabis Act nel 2018. Prima della legalizzazione della cannabis ricreativa, i produttori di medicinali con licenza regolamentati a livello federale erano costretti a rispettare le normative sulla produzione di livello farmaceutico, che gonfiavano artificialmente i costi operativi e prezzi gonfiati per i pazienti. Quando la cannabis ricreativa è stata legalizzata, quei produttori autorizzati hanno lottato immensamente per aumentare le loro operazioni per soddisfare il nuovo picco della domanda, che ha causato carenze, prezzi esorbitanti e scarsa disponibilità di prodotti. 

Questa è la situazione in cui si troverà il Missouri se continuerà il suo percorso attuale per quanto riguarda le rigide restrizioni alla produzione. Guardando a nord, i legislatori dello Show Me State hanno potuto vedere che quelle norme e regolamenti creavano una lunga lista di esternalità negative, tutte facilmente evitabili con un quadro normativo più appropriato. 

Un altro problema significativo con l'attuale configurazione del Missouri per la cannabis medica è l'esistenza di limiti di licenza per produttori, trasformatori e rivenditori. Oltre a essere soggetto all'errore umano, un sistema basato su cap è suscettibile a gravi conflitti di interesse e clientelismo. Sono state intentate oltre 800 cause legali per negazioni di licenza e l'ultima settimana una sentenza di $28 milioni è stata emessa contro Wise Health Solutions, la società incaricata di valutare queste applicazioni. Questa sentenza è arrivata dopo che un arbitro ha descritto Wise Health Solutions come negligente nell'eseguire il proprio ruolo. Numerosi altri stati americani hanno assistito a controversie simili sui limiti di licenza, incluso il vicino del Missouri, l'Illinois.

L'esempio canadese ha mostrato chiaramente che i limiti di licenza sono l'approccio sbagliato. Non esiste un limite federale sulle licenze dei produttori in Canada e diversi provincehanno sbloccato il processo di approvazione della licenza al dettaglio. Il governo conservatore dell'Ontario ha deciso quasi immediatamente dopo aver formato un governo che il mercato al dettaglio della cannabis sarebbe stato illimitato, con il procuratore generale affermando: “Non avere un limite sui punti vendita al dettaglio di cannabis significherà che il mercato della cannabis sarà in grado di rispondere con precisione alle pressioni del mercato e alla domanda del prodotto. Questo è un enorme passo avanti per quanto riguarda la lotta al mercato illegale”. Queste iniziative a favore del mercato sono in gran parte il motivo per cui il mercato legale in Canada esaurito il mercato illegale nel 2020. 

In fin dei conti, l'eccessiva regolamentazione rende più difficile per i pazienti l'accesso alle proprie medicine e incentiva l'acquisto dal mercato nero, che spreca preziose risorse della polizia. Peggio ancora, i regolamenti pesanti rendono più difficile per la gente comune capitalizzare la crescita economica che deriva dalla cannabis terapeutica o ricreativa, e questo è particolarmente vero per le minoranze che sono state colpite in modo sproporzionato dalla fallita guerra alla droga.  

Fortunatamente per i Missouri, c'è la possibilità di aprire il mercato della cannabis terapeutica e gettare le basi per un mercato ricreativo perfettamente funzionante. Il rappresentante repubblicano Shamed Dogan aveva introdotto a Risoluzione congiunta della Camera ciò eviterebbe del tutto le conseguenze di un eccesso di regolamentazione. Questo è qualcosa che sia i repubblicani del libero mercato che i democratici della giustizia sociale dovrebbero sostenere.

Originariamente pubblicato qui

Tre anni dopo, dobbiamo allentare la regolamentazione sulla cannabis

Allontanarsi dall'approccio "taglia unica" aiuterebbe a rendere il mercato legale della cannabis canadese più adatto ai consumatori Autore dell'articolo:

Tre anni fa domenica (17 ottobre 2018), il Canada ha legalizzato la cannabis ricreativa per uso adulto. Il governo Trudeau merita il merito di aver fatto in modo che ciò accadesse, poiché la maggior parte dei canadesi credeva da tempo che le conseguenze del divieto superassero qualsiasi aspetto negativo sarebbe derivato dalla legalizzazione. Detto questo, il Cannabis Act ha ormai tre anni e deve essere modificato per rendere il mercato legale della cannabis più favorevole ai consumatori e ai pazienti.

Un buon primo passo sarebbe rimuovere del tutto i prodotti "CBD" dal Cannabis Act. CBD sta per "cannabidiolo", una sostanza chimica che si trova principalmente nella canapa, che a sua volta è povera di THC. Di per sé, il CBD ha una varietà di usi medicinali e per il benessere. Il CBD è usato per trattare convulsioni, dolori articolari e infiammazioni e come aiuto per dormire. Poiché i prodotti a base di CBD non sono psicoattivi e hanno un profilo di rischio significativamente inferiore, non dovrebbero essere regolamentati allo stesso modo dei prodotti a base di cannabis contenenti THC. Qualsiasi prodotto a base di CBD con una concentrazione di THC inferiore allo 0,3% (lo standard legale statunitense) dovrebbe essere trattato come un prodotto naturale per la salute. L'allontanamento dall'approccio "taglia unica" aiuterebbe a rendere il mercato legale della cannabis canadese più a misura di consumatore in diversi modi.

In primo luogo, esonererebbe i prodotti CBD dalle pesanti restrizioni di marketing, branding e packaging stabilite dal Cannabis Act. Regolamentare la cannabis come il tabacco piuttosto che l'alcol è stato un grosso errore, date le differenze di rischio tra i due prodotti. Ma trattare i prodotti CBD come il tabacco è decisamente sciocco.

Oltre a intaccare il paternalismo incorporato nella legge, l'esenzione del CBD aumenterebbe notevolmente l'accesso dei consumatori. I mercati dei prodotti e delle bevande per il benessere al CBD, comprese le bevande sportive, probabilmente si espanderebbero in modo significativo, soprattutto se questi prodotti potessero essere venduti al di fuori dei rivenditori di cannabis autorizzati, che in molte province scarseggiano. Anche in Ontario, che ha aperto l'accesso alla vendita al dettaglio, alcune città - Oakville è una di esse - hanno mantenuto il divieto di vendita al dettaglio di cannabis. Con un regime normativo più flessibile, i prodotti a base di CBD sarebbero fuori dalla portata dei consiglieri locali dello stato balia.

Dal punto di vista dell'industria, la rimozione dei prodotti CBD dal Cannabis Act potrebbe aiutare a ridurre l'attuale eccesso di oltre uno miliardi grammi di canapa. Liberare il mercato del CBD dalla legge consentirebbe ai produttori con troppa cannabis in mano di estrarre semplicemente il THC e realizzare prodotti a base di CBD.

La riforma della legge dovrebbe riguardare anche il sistema delle accise sulla cannabis. La cannabis terapeutica dovrebbe essere esente, punto. Non abbiamo tasse extra per altri medicinali. Perché questo? La rimozione della tassa può anche avere il vantaggio di incoraggiare i pazienti medici ad acquistare cannabis medica legale, piuttosto che essere spinti a coltivare la propria con un permesso Health Canada, una strada che ha regolarmente è stato scoperto che riforniva il mercato illecito.

Per gli utenti ricreativi, l'accisa di $1/grammo dovrebbe essere sostituita con una percentuale variabile. L'accisa minima di $1/grammo gonfia artificialmente i prezzi, limita la disponibilità di marchi scontati e danneggia l'industria della cannabis artigianale. Una maggiore concorrenza sui prezzi andrebbe ovviamente a vantaggio dei consumatori, ma aiuterebbe anche a ridurre le vendite al mercato nero, che continuano a funzionare a $750 milioni all'anno.

Infine, la legge dovrebbe essere modificata in modo che le regole per la commercializzazione e la promozione della cannabis siano le stesse di quelle per l'alcol. Un marchio legale di cannabis dovrebbe essere autorizzato a sponsorizzare eventi, pubblicizzare in modo più ampio, marchiare in modo creativo i suoi pacchetti, utilizzare portavoce o approvazioni e fornire sconti e altri incentivi per le vendite, tutti consentiti per gli alcolici.

A loro merito, alcune province hanno fatto il possibile per rendere il loro mercato legale della cannabis più a misura di consumatore. L'Ontario, ad esempio, ha compiuto progressi significativi nell'espansione dell'accesso al dettaglio e si è appena impegnato a legalizzare in modo permanente il ritiro e la consegna sul marciapiede per i negozi al dettaglio di cannabis. Questi cambiamenti a livello provinciale sono in gran parte il motivo delle vendite legali di cannabis superato vendite illegali per la prima volta nel terzo trimestre del 2020.

Le province sembrano impegnate ad ampliare l'accesso dei consumatori. Con il Cannabis Act che ha ormai tre anni, è tempo che anche il governo federale si faccia avanti.

Originariamente pubblicato qui

L'Ontario ha deciso di rendere permanente la consegna di cannabis e il ritiro sul marciapiede

"Durante la pandemia, i rivenditori autorizzati di cannabis hanno dimostrato che possiamo effettuare consegne a domicilio in modo sicuro e protetto".

Una nuova proposta del governo dell'Ontario, il Legge a sostegno delle persone e delle imprese, consentirebbe ai rivenditori privati di cannabis di offrire in modo permanente la consegna e il ritiro all'esterno.

Ai rivenditori è stato consentito di offrire servizi di consegna e ritiro durante la pandemia e i sostenitori hanno sostenuto che il successo delle misure temporanee dimostra che si tratta di un'opzione praticabile e sicura per i consumatori.

La decisione di concedere queste opzioni durante la pandemia ha aiutato i rivenditori di cannabis a rimanere a galla e a limitare i licenziamenti, secondo Raj Grover, presidente e CEO di High Tide, un'azienda di cannabis focalizzata sulla vendita al dettaglio.

Leggi l'articolo completo qui

Descrizione