fbpx

Salute pubblica

Скасування патентів на КОВІД-вакцини вб'є інновацію у світі

Що потягне за собою скасування патентів на вакцини

Раніше цього тижня адміністрація президента Байдена підтримала призупення захисту прав інтелектуальної власності у Світовій Організації Торгівлі (СОТ). Таке рішення було прийнято з метою пришвидишити вироблення вакцин і відповідно вакцинацію населення світу, зокрема це стосується країн, що розвиваються. Наслідком підривання прав інтелектуальної власності стане різке зменшення інновації у світі, чорний ринок вакцин, і негативне бачення вакцинації як такої.

Передісторія

У жовтні 2020 року Індія та Південно-Африканська Республіка вперше висунули глобальну пропозицію про відмову від деяких положень Угоди про торгові аспекти прав інтелектуальної власності (TRIPS) Світової організації торгівлі (далі – СОТ), щоб дозволити будь-якому виробникам фармацевтичних препаратів виготовляти вакцини COVID та розповсюджувати їх. Крім патентів, йшлось про інші форми захисту прав інтелектуальної власності, щоб забезпечити виготовлення та розповсюдження необхідних медичних виробів, таких як маски, вентилятори, засоби індивідуального захисту.

Per questo motivo, ti propongo di spendere meno di 100 centesimi in Francia, in Spagna e in Francia.

Але австралія, поряд з ве иобританєюєю, єє, шшйцйцйц, японєю, бзз та н. Н. Н. Н. Н. Н. Н. Н. Н. Н. Н. Н.. L'unica opzione disponibile per il rilascio del brevetto.

“L'approvazione del Consiglio di sicurezza per la protezione dei brevetti delle vaccinazioni contro il COVID-19 è più sicura per il virus”, – ція сказала речниця уряду Німеччини. Dopotutto, questo è "l'intellettuale intelligente che cerca di capire l'innocenza e il modo migliore per farlo".

Що таке VIAGGI

Угода TRIPS є невід'ємною частиною правової бази СОТ щодо інтелектуальної власності. Згідно зі статтею 27 (2) Угоди TRIPS, країни-члени СОТ можуть виключити патентоспроможність винаходів, необхідних для захисту здоров'я населення. Стаття 30 дозволяє учасникам робити обмежені винятки з прав, наданих патентом.

Серед іншого, угода, основною метою якої є захист прав інтелектуальної власності, також включає положення про примусове ліцензування або використання предмета патенту без дозволу правовласника (стаття 31). По суті, це означає, що “у разі надзвичайної ситуації в країні чи інших обставин надзвичайної невідкладності або у випадках некомерційного використання в державних цілях” держава-член може дозволити комусь іншому виробляти запатентований продукт без згоди власника патента.

Тоді як за звичайних обставин особа чи компанія, яка подає заявку на ліцензію, повинна спочатку спробувати отримати добровільну ліцензію у правовласника на розумних комерційних умовах (стаття 31b). Una volta che non sei riuscito a trovare un'altra soluzione per il tuo viaggio, puoi farlo durante il tuo viaggio.

Таким чином, гнучкість TRIPS дозволяє країнам замінити глобальні правила інтелектуальної власності, щоб зменшити шкоду, заподіяну надзвичайною ситуацією, і в основному має предметом фармацевтичні препарати.

Potevano proporre Індії та Південної Африки спрямовані на більшу гнучкість, ніж передбачена в Угоді TRIPS.

Скасування патентів на вакцини є політичним та недалекоглядним рішенним.

Якими будуть наслідки

Імплементація пропозиції зробить можливим виробляння вакцин компаніями, які за нормальних умов могли би не отримати дозвіл на виготовлення вакцини через брак виробничих потужностей і знань загалом, чи можливості забезпечити правильне зберігання. Таким чином, після скасування патентів не буде жодних гарантій безпеки виробництва вакцин, що стане прямою загрозою для здоров'я людства. Якщо дози будуть вироблятись сторонніми постачальниками, спираючись на запатентовані формули та процеси, але без спеціалізації, це збільшить ризики псування вакцин або виготовлення поганих недіючих вакцин, які підірвуть вакцинацію загалом.

Le vaccine sbagliate non sono in grado di fornire alcun tipo di video in caso di pandemia, ma solo dopo aver ricevuto un messaggio.

Кращий спосіб заохотити справедливий розподіл існуючих вакцин – це не усунути фінансові стимули а зробити те, що більшість виробників вакцин проти COVID-19 насправді вже роблять: зниження їх цін для країн, що розвиваються, або продаж вакцини на вартість. Розробники вакцини Оксфорд-АстраЗенека пообіцяли продавати за собівартістю, поки пандемія не закінчиться.

Chi è il tuo punto di vista per l'internet?

Противники прав інтелектуальної власності часто роблять помилку, сприймаючи інновації як належне, тим самим закриваючи очі на рушійну силу будь-якого виду підприємництва: економічні стимули. I brevetti di una forma intellettualmente intellettiva non sono mai stati superati dal vino. Prima di tutto, ti garantiamo che l'azienda può inviare il tuo prodotto all'indirizzo di posta elettronica.

Короткотерміновим результатом зниження прав інтелектуальної власності буде розширений доступ до інновацій, але в довгостроковій перспективі інновацій не буде. 

Ora puoi fare un'esperienza di intrattenimento intelligente, quindi ho bisogno di una corona per ottenere informazioni sul tuo conto. Пацієнти, яким одного разу можуть поставити діагноз невиліковних захворювань, таких як хвороба Альцгеймера, діабет або ВІЛ/СНІД, повинні скористатися шансом на отримання ліків, а захист прав інтелектуальної власності – це єдиний спосіб надати їм такий шанс.

Originariamente pubblicato qui.

BRASIL TEM QUE FORTALECER AS LEIS DE PI PARA COMBATER A PANDEMIA E VOLTAR A CRESCER

Centro di scelta dei consumatori (Centro de Escolha do Consumidor) è stato accompagnato da perto os efeitos da pandemia nella vita dei consumatori, da o accesso e distribuito da vacina até come conseguenze sul mercato interno e internazionale.

Per Fabio Fernandes, direttore globale di Relações Institucionais e Governamentais da entidade de defesa do consumidor Consumer Choice Center, “agora que grande parte dos países do mundo tem acesso à vacina, a próxima luta não será contra o vírus mas pela recuperação econômica”

“As leis e acordos de propriedade intelectual como o TRIPs – do qual o Brasil é signatário – foram fundamentais na descoberta e desenvolvimento in un brevissimo spazio di tempo da vacina para o COVID-19. Porém algumas pessoas querem flexibilizar essas regras, o que causaria danos irreversíveis” disse Fernandes.

“Precisiamo permanecer firmes in nossa defesa dos direitos de propriedade intelectual se quisermos derrotar o coronavírus e come sue varianti, anche di molte altre doenças che hoje são incuráveis. Proteggere la proprietà intellettuale è l'unico modo per dare a questi pazienti una possibilità di cura. Se agirmos sem temperamento agora, expandindo ou flexibilizando a TRIPs e enfraquecermos ainda mais os direitos de PI, causamos danos que dificilmente serão reversíveis, eo mundo pós-pandêmico terá de pagar a conta.

No Brasil, o artigo 40 da Lei de Direitos de Propriedade Intelectual nº 9.279/1996 que está sendo julgado pelo STF, é um mecanismo creato per compensare attrasos administrativos do Inpi (Instituto Nacional de Propriedade Industrial) e concede automaticamente à patente uma exclusividade mínima de dez anos.

Para Fernandes “I consumatori sono preoccupati per la possibilità di nuovi prodotti, tecnologie e farmaci non sono disponibili in Brasile per un'insicurezza giuridica. A lei de propriedade intelectual no Brasil está de acordo com o padrão internacional ed essa decide do STF pode enfraquecer esse direito pondo a rischio o futuro da inovação no Brasil”

“Vaccinas para o setor de agropecuária, remédios contra o Câncer, componentes de informática como microchips para celulares, telecomunicações como a rede 5G e até Inteligência Artificial são alguns exemplos de produtos e innovações que podem atrasar ou até mesmo nunca chegarem ao mercado brasileiro se o Artigo 40 per derrubado” afirmou Fernandes.

“A raiz do problema não é o parágrafo 40 e sim os enormes atrasos que os órgãos públicos brasileiros causam na aprovação de patentes. Esses attrasos prejudicam não apenas as empresas que sollecitam de protection de patentes, mas também os consumeres e pacientes que aguardam a aprovação das patentes para ver a entrada de produtos e medicamentos no mercado brasileiro. spiega Fernandes.

“Os maiores interessados em derrubar o parágrafo 40 são as indústrias farmacêuticas de medicamentos genericos e biossimilares, que usam os consumadores para fazer campanha para 'redução nos preços'. Ciò che precisamo nella realtà è un appassionato di politica che baixem impostos e minutam burocracia e não aquelas que legalizam o roubo de propriedade intelectual, infine, os consumeres querem as mais novas technos com preços competitivas e não produtos velhos baratos. argomento Fernandes.

“L'innovazione è il risultato di un ambiente di sicurezza giuridica che permette all'inventore di essere remunerato con un tempo enorme e denaro investito nello sviluppo di una nuova tecnologia. Privare l'inventore di seu direito acaba per privare anche i consumatori dell'accesso alle innovazioni eo país de crescer economicamente non medio e lungo prazo. Por isso a Estratégia Nacional de Propriedade Intelectual tem um horizonte de 10 anos” disse Fernandes.

“Qualquer tentativo di erodere una proprietà intellettuale deve essere vista pelo che realmente è: un'ameaça à inovações futures e à nossa recuperação econômica post-pandemia.” conclude Fernandes.

Originariamente pubblicato qui.

Il Canada deve bloccare un'erogazione di brevetto per i vaccini contro il COVID

L'octroi d'une dérogation unique crea un pericolo precedente di annullamento dei diritti di proprietà intellettuale, mettendo in pericolo il futuro dell'innovazione e la vie de miliardi di vittime di virus.

Affaires World Canadas n'a toujours pas pris de décision sur l'opportunité de soutenir une dérogation aux droits de propriété intellectuelle pour les vacins COVID-19. Le Canada, ainsi que les États-Unis, l'UE, le Royaume-Unis, la Suisse, le Japon, la Norvège, l'Australie et le Brésil, ont tous retardé leur décision sur la «dérogation aux ADPIC» proposta par l 'Inde et l'Afrique du Sud l'année dernière. L'ADPIC est le volet «Aspects des droits de propriété intellectuelle liés au commerce» de l'OMC.

L'Inde et l'Afrique du Sud sono seguiti da una coalizione che comprende Medici senza frontiere, Human Rights Watch e il segretario generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus. La nostra argomentazione a favore della deroga è semplice: cela sopprimerait les barrières juridiques qui empêchent les pays en développement de produire i loro propri vaccini con la tecnologia sviluppata dalle imprese di vaccini.

I partigiani della deroga soutiennent che parce che il COVID rappresenti una minaccia globale e che i vaccini sul mantenimento siano stati sviluppati, i pagamenti a reddito faible e l'intermediario siano stati autorizzati a fabbricare le stesse persone – che qui sulla tecnologia e sul capitale humain pour le faire, c'est-à-dire.

Bien que l'objectif d'accroître la disponibilité des vacins dans le monde en développement soit à la fois nobile et réalisable, una deroga alla propriété intellectuelle est une mauvaise façon d'y parvenir. L'annullamento dei diritti di proprietà intellettuale détruit il fondamento di ciò che rende possibile l'innovazione medica. Les droits de propriété intellectuelle sont des protections qui contribuent à favoriser l'innovation et offerent une sécurité juridique aux innovateurs afin qu'ils puissent profitteur de leurs sforzi et les financer. Un'affaiblissement des règles de propriété intellectuelle nuirait active à tous ceux qui dépendent de médicaments et de vaccins innovants, y comprende les plus vulnérables du monde.

Se il costo della ricerca e della produzione di un vaccino contro il COVID è di 1 miliardo di dollari, senza garanzia di successo, il ya relativo peu di società biotecnologiche o farmaceutiche che possono sostenere questo costo. In caso di COVID, tenuto conto delle conoscenze specialistiche necessarie per lo sviluppo di questi vaccini e dell'infrastruttura di stoccaggio del frigorifero necessaria per un certo distributore, sembra plausibile che possa essere sviluppato senza i contratti di approvazione tradizionali che noi Avons Vus en Amérique du Nord.

BioNTech, la société allemande dirigée par l'équipe mari-femme d'Uğur Şahin et Özlem Türeci qui s'est associée à Pfizer pour les essais et la distribution de leur vaccin ARNm, a été fondée à l'origine pour saggier de développer des moyens d'utiliser les techniques d'ARNm pour guérir le cancer. Avant la pandémie, il s'est endetté massivement et s'est brouillé pour finanziare ses recherches. Una volta che la pandemia è iniziata, ha fatto ruotare le sue operazioni e ha prodotto uno dei primi vaccini contro l'ARNm COVID, che ha raccolto centinaia di milioni di persone.

Con miliardi di dollari di vendite ai governi e centesimi di milioni di investimenti privati diretti, possiamo partecipare a ciò che BioNTech, désormais florissante, così come la punta della ricerca sul cancro all'ARNm, che potrebbe eventualmente vincere la maladie. Il en va de même pour les nombreuses maladies «orphelines» et rares qui, autrement, ne reçoivent pas de financement majeur.

Cela aurait-il été possibile senza le protezioni della propriété intellectuelle? Non. Le protezioni della proprietà intellettuale garantiscono che gli innovatori possano trarre profitto dai loro sforzi, recuperare i loro costi e reinvestire nella ricerca e nello sviluppo di nuovi farmaci e vaccini.

Una migliore façon d'incoraggiamento a una distribuzione equa dei vaccini esistenti non è in grado di eliminare le incitazioni finanziarie per creare nuove opportunità, ma è meglio che la maggior parte dei fabbricanti di vaccini COVID-19 sia già in realtà: réduire leurs prix pour les pays en développement ou vendre le vaccin à Coût. Gli sviluppatori del vaccino Oxford-AstraZeneca sono impegnati a vendere al prezzo giusto proprio alla fine della pandemia.

Per parte sua, Moderna ha deciso volontariamente di non applicare i diritti di proprietà intellettuale sul suo vaccino ARNm tanto che la pandemia non è stata dichiarata terminata. Après cela, Moderna rappresenta l'applicazione dei suoi diritti di proprietà intellettuale sulla tecnologia, che gli permette di continuare a recuperare i costi e finanziare la futura ricerca e sviluppo. La non esecuzione est son droit, bien sûr: c'est le titulaire des droits. Les gouvernements et autres agences, y compris privées, peuvent également acheter des vaccinins en vrac et les distributore gratuito aux pays à faible revenu, come le fait le plan multilatéral COVAX.

Vous pourriez penser que ces concessiones des producteurs de vaccinans et les contributi des gouvernements suffiraient à réprimer les appels à lo dissolution de la propriété intellectuelle, mais les partisans d'une dérogation à la propriété intellectuelle ont double. Medici senza frontiere, per esempio, souhaite que toutes les recherches et technologies liées aux vaccinans COVID soient mises à la disposition des pays qui en ont besoin, ce qui équivaut à l'annulation complète des protections de propriété intellectuelle.

Plutôt que de célébrer l'innovation capitale qui, en un temps record, a conduit à près d'une douzaine de vaccins approuvés au niveau mondial pour lutter contre une pandémie mortelle, ces groupes diffusent un message populiste che si oppone ai pays pauvres aux riches. È ancora politicamente alla moda di s'en tenir à «Big Pharma», même après avoir fourni les vaccinis qui mettront fin à la pandémie, les conséquences de raids IP organisés de ce tipo seraient orribile.

Per affrontare la pandemia attuale e lottare efficacemente contro il futuro, ci avvantaggiamo dell'innovazione dei produttori di vaccini che rende possibile la campagna mondiale attuale di vaccinazione. L'octroi d'une dérogation supposée unique crea un pericolo precedente all'annullamento dei diritti di proprietà intellettuale che mette a rischio l'innovazione futura e donc la vie de miliardi di vittime di virus, effettivi e potenziali.

Originariamente pubblicato qui.

Il Canada dovrebbe bloccare una rinuncia al brevetto per i vaccini COVID

La concessione di una rinuncia una tantum crea un pericoloso precedente di annullamento dei diritti di proprietà intellettuale, mettendo a repentaglio l'innovazione futura e la vita di letteralmente miliardi di vittime del virus

Global Affairs Canada non ha ancora preso una decisione sull'opportunità di sostenere una rinuncia ai diritti di proprietà intellettuale per i vaccini COVID-19. Il Canada, insieme a Stati Uniti, UE, Regno Unito, Svizzera, Giappone, Norvegia, Australia e Brasile, hanno tutti ritardato la decisione sulla "rinuncia TRIPS" proposta da India e Sudafrica lo scorso anno. TRIPS è la sezione "Aspetti relativi al commercio dei diritti di proprietà intellettuale" dell'OMC.

India e Sudafrica sono sostenuti da una coalizione che comprende Medici senza frontiere, Human Rights Watch e il segretario generale dell'Organizzazione mondiale della sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus. La loro argomentazione a favore della rinuncia è semplice: eliminerebbe le barriere legali che impediscono ai paesi in via di sviluppo di produrre i propri vaccini con la tecnologia sviluppata dalle aziende produttrici di vaccini.

I sostenitori della rinuncia sostengono che poiché COVID rappresenta una tale minaccia globale e poiché i vaccini sono stati ora sviluppati, i paesi a basso e medio reddito dovrebbero essere autorizzati a produrli da soli, quelli che hanno la tecnologia e il capitale umano per farlo, cioè .

Sebbene l'obiettivo di aumentare la disponibilità di vaccini nel mondo in via di sviluppo sia nobile e raggiungibile, una rinuncia alla proprietà intellettuale è un pessimo modo per raggiungerlo. Annullare i diritti di proprietà intellettuale distrugge il fondamento di ciò che rende possibile l'innovazione medica. I diritti di proprietà intellettuale sono protezioni che aiutano a promuovere l'innovazione e forniscono certezza giuridica agli innovatori in modo che possano trarre profitto e finanziare i loro sforzi. Un indebolimento delle norme sulla proprietà intellettuale danneggerebbe attivamente tutti coloro che dipendono da farmaci e vaccini innovativi, compresi i più vulnerabili del mondo.

Se il costo della ricerca e della produzione di un vaccino COVID è $1 miliardo, senza alcuna garanzia di successo, sono relativamente poche le aziende biotecnologiche o farmaceutiche in grado di sopportare tale costo. Nel caso di COVID, considerando le conoscenze specialistiche necessarie per sviluppare questi vaccini e l'infrastruttura di celle frigorifere necessarie per distribuirne alcuni, sembra poco plausibile che avrebbero potuto essere sviluppati senza i tradizionali contratti di approvvigionamento che abbiamo visto in Nord America.

BioNTech, la società tedesca guidata dal team marito-moglie di Uğur Şahin e Özlem Türeci che ha collaborato con Pfizer per le prove e la distribuzione del loro vaccino a mRNA, è stata originariamente fondata per cercare di sviluppare modi per utilizzare le tecniche di mRNA per curare il cancro. Prima della pandemia, si è indebitata enormemente e si è affrettata a finanziare la sua ricerca. Una volta iniziata la pandemia, ha cambiato le sue operazioni e ha prodotto uno dei primi vaccini COVID a mRNA, che centinaia di milioni di persone hanno ricevuto.

Originariamente pubblicato qui.

Come affrontare l'obesità nell'UE

Con la fine della pandemia in vista, i responsabili politici europei stanno riflettendo su cosa si sarebbe potuto fare per prevenire i danni.

L'obesità, riconosciuta da molti scienziati come un grave fattore di rischio COVID-19, è probabilmente in cima all'agenda politica europea. Tuttavia, mentre la tentazione di scivolare nel paternalismo e imporre restrizioni pubblicitarie e di marketing, o potenzialmente tasse sui peccati, è alta, è fondamentale seguire le prove e proteggere la libertà di scelta.

All'inizio di questo mese, i membri del Parlamento europeo hanno discusso la possibilità di introdurre norme a livello dell'UE per limitare gli annunci di cibo spazzatura rivolti ai bambini, mentre la Germania spinto l'organismo di autoregolamentazione dell'industria pubblicitaria per inasprire le sue regole in materia di pubblicità di cibo spazzatura. 

Attualmente non esiste una definizione comune dell'UE su ciò che rende il cibo spazzatura, ma ci sono stati numerosi tentativi di introdurre una regolamentazione della pubblicità a livello di Unione. Articolo 9.4 del aggiornato 2018 Direttiva sui servizi di media audiovisivi 2010/13/UE incoraggia l'uso della coregolamentazione e la promozione dell'autoregolamentazione attraverso codici di condotta in materia di alimenti salati o zuccherati. Tuttavia, il nuovo regolamento tedesco ha una portata più ampia e mira a integrare tutti i canali online che possono avere un impatto sulle scelte nutrizionali dei bambini. Lo spostamento della Germania verso un maggiore paternalismo si farà sentire in tutta l'Unione, e ci sono tutte le ragioni per aspettarsi che altri Stati membri lo seguano.

Il legame tra la pubblicità, in particolare gli spot televisivi, e l'obesità infantile è infondato. Se fosse possibile ridurre l'obesità con l'aiuto dei divieti pubblicitari, il successo di tale strategia sarebbe visibile anche per quanto riguarda altri prodotti come l'alcol. Uno studio guardato ai divieti di pubblicità televisiva in diciassette paesi OCSE per gli anni 1975-2000, riguardanti il consumo pro capite di alcol. Si è constatato che un divieto totale di pubblicità televisiva di tutte le bevande non influisce sul consumo rispetto ai paesi che non vietano la pubblicità televisiva.

I divieti di pubblicità o di marketing derivano dal presupposto che l'unica ragione per cui l'obesità si sviluppa e persiste è dovuta a una cattiva alimentazione. Ma non è così: l'obesità è anche una questione di sedentarietà. Secondo un rapporto pubblicato dalla Commissione europea e dall'OMS nel 2018, solo 19% di 11-13 anni in Germania erano fisicamente attivo. La situazione è disastrosa e, optando per i divieti pubblicitari di cibo spazzatura, il governo tedesco regolerà semplicemente nella direzione sbagliata.

Anche l'efficacia di questi divieti è altamente discutibile. Il Regno Unito ha recentemente abbandonato i suoi piani per introdurre un tale divieto perché si è scoperto che l'alimentazione lo sarebbe stata diminuito di poco più di 1000 calorie annue per bambino, ma hanno un impatto negativo su imprese e consumatori.

Per combattere l'obesità infantile, dovremmo farlo incoraggiare responsabilità genitoriale. Le scelte dei bambini dipendono fortemente dall'ambiente in cui crescono e spesso modellano comportamenti considerati accettabili. I genitori che non conducono uno stile di vita sano probabilmente faranno sembrare che fare esercizio e mangiare verdure sia meno gratificante che stare sdraiati su un divano tutto il giorno e bere soda. Inoltre, è fondamentale che i genitori mostrino un comportamento alimentare sano attraverso attività come i pasti in famiglia.

Invece di ricorrere a divieti di pubblicità e commercializzazione, l'UE e gli Stati membri dovrebbero anche concentrarsi sull'educazione dei bambini al consumo di cibo spazzatura e alla salute generale per garantire che possano prendere decisioni di consumo informate e responsabili.

Originariamente pubblicato qui.

Perché il blocco di Covid potrebbe essere dannoso per la nostra salute dentale e la soluzione improbabile

Ormai, siamo tutti esperti nei problemi di salute associati al Covid-19. Ma gli effetti a catena in altri settori dell'assistenza sanitaria stanno iniziando a diventare chiari solo più di un anno dopo che il blocco è diventato la nuova normalità. Da le difficoltà affrontati dai malati di cancro alle conseguenze sulla salute mentale dell'essere confinati nelle nostre case, le ricadute della pandemia sono state profondamente dannose in tutta una serie di aree.

Ma una di queste aree è stata finora in gran parte trascurata. Gli effetti del Covid e del lockdown sulla nostra salute dentale sono stati quasi del tutto assenti dal forum pubblico. Grazie alla cancellazione di praticamente tutta l'assistenza sanitaria non di emergenza al fine di concentrare le risorse limitate sulla lotta al coronavirus, è scomparsa la normale routine di controlli regolari e diagnosi rapide, che potrebbero avere effetti molto gravi a lungo termine.

Di conseguenza, una vasta gamma di condizioni di salute orale minori è probabilmente passata inosservata nell'ultimo anno. È stato quindi permesso loro di marcire e quando alla fine vengono scoperti una volta ripreso il normale servizio sanitario e devono essere curati, potrebbero essere necessarie procedure molto più serie ed estese.

Il problema va ben oltre i tuoi denti. Innumerevoli condizioni mediche gravi iniziano in bocca e vengono rilevate per la prima volta dai dentisti. La parodontite, ad esempio, è un'infiammazione batterica del tessuto gengivale che può causare sanguinamento. Se non trattata, la parodontite può continuare a causare altri gravi problemi in un effetto domino quando i batteri contaminano il flusso sanguigno. Infezioni delle valvole cardiache, ascessi e persino sepsi potenzialmente letali, che a volte causano danni a più sistemi di organi, possono verificarsi a causa di un problema non risolto alle gengive.

Presenta queste informazioni a un politico, in particolare uno nell'attuale governo, e la sua risposta sarebbe abbastanza prevedibile. Sulla politica sanitaria, il governo nominalmente conservatore di Boris Johnson ha abbracciato la dottrina interventista dello stato bambinaia. Tassa questo, vieta quello. Dalle restrizioni pubblicitarie alle tasse sul peccato, sembra interferire l'istinto dei ministri quando identificano ciò che ritengono essere un problema di salute pubblica.

Ma la pandemia nascosta della salute dentale è un perfetto esempio del motivo per cui il libero mercato, non lo stato, è nella posizione migliore per affrontare questo tipo di problemi. La ricerca scientifica all'avanguardia è suggerendo che il semplice atto di masticare può risolvere da solo una grande quantità di problemi di salute orale, il che significa che un prodotto semplice e innocuo come una gomma da masticare senza zucchero potrebbe essere un proiettile d'argento per l'intera categoria di problemi.

Quando mastichi, produci saliva, che ha miriade conseguenze positive tra cui riequilibrare il pH in bocca e sfornare innumerevoli minerali sani come ioni calcio e fosfato. Masticare gomme senza zucchero ha anche altri effetti positivi aiutare le persone smettono di fumare riducendo appetito, risultante in meno spuntini e quindi dimagrimento.

In altre parole, una ricerca pionieristica ci sta dimostrando che i prodotti di uso quotidiano accessibili che sono già sul mercato possono affrontare i problemi di salute pubblica sottostanti, senza gli svantaggi di un intervento rumoroso da parte dello stato.

Al governo piace parlare della "Gran Bretagna globale" post-Brexit come leader mondiale nella ricerca scientifica. Se è così, è tempo di abbandonare la mentalità da bambinaia e consentire al libero mercato - e alle nostre università e istituti di ricerca di livello mondiale - di prendere il posto che le spetta in prima linea in tutte le battaglie per la salute pubblica. Nel caso della salute dentale, questo sta già accadendo: speriamo solo che il governo non si prenda la responsabilità di interferire.

Originariamente pubblicato qui.

Le organizzazioni globali e i populisti che mirano a sequestrare la tecnologia e la proprietà intellettuale per i vaccini COVID

Quando Donald Trump ha affermato nel settembre 2020 che ogni americano avrebbe avuto accesso ai vaccini entro aprile 2021, i suoi commenti hanno ricevuto disprezzo. Il Washington Post ha affermato che le sue affermazioni erano "senza prove"La CNN ha citato esperti sanitari che hanno affermato che lo era impossibilee Il New York Times ha sostenuto ci vorrebbe un altro decennio.

Ora, un anno dopo questa pandemia, quasi metà della popolazione ammissibile ha ricevuto almeno una dose di vaccino negli Stati Uniti e la distribuzione è avvenuta ha aperto a ogni adulto americano.

L'operazione Warp Speed, che ha investito denaro delle tasse e ha contribuito a ridurre la burocrazia su tutta la linea, ha contribuito a quello che è stato davvero uno sforzo miracoloso da parte delle aziende produttrici di vaccini.

Mentre i proclami di Trump alla fine diventano realtà e la questione della capacità del vaccino è stata risolta, ora c'è pressione sull'amministrazione Biden di cedere la fornitura nazionale di vaccini ai paesi con casi alle stelle.

Domenica, gli Stati Uniti dichiarato invierà ulteriori forniture mediche in India, attualmente in fase di sperimentazione più grande picco globale nei casi.

Ma negli organismi internazionali, paesi e gruppi di attivisti chiedono molto di più: vogliono costringere le aziende biotecnologiche a rinunciare ai diritti di proprietà intellettuale sui vaccini e sulla tecnologia medica correlata al COVID.

Insieme a quasi 100 altri paesi, India e Sud Africa sono gli architetti di a movimento presso l'Organizzazione mondiale del commercio chiamata TRIPS Waiver (Aspetti dei diritti di proprietà intellettuale relativi al commercio).

Se la rinuncia venisse attivata, apparentemente annullerebbe le protezioni della PI sui vaccini COVID, consentendo ad altri paesi di copiare le formule sviluppate da aziende private di vaccini per inoculare le loro popolazioni e giocare nelle mani dei futuri governi più ostili all'innovazione privata.

Questa settimana, la rappresentante commerciale degli Stati Uniti Katherine Tai incontrato con i vertici dei vari produttori di vaccini per discutere la proposta, ma è incerto se l'amministrazione Biden sosterrà il provvedimento in sede Wto.

Sebbene molte aziende si siano impegnate volontariamente a venderle al costo o addirittura si siano offerte di condividere informazioni con altre aziende, questa misura avrebbe implicazioni di più ampia portata.

Questa coalizione cerca la rinuncia al TRIPS include Medici Senza Frontiere, Human Rights Watch, e il Segretario generale dell'Organizzazione Mondiale della Sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus, che primo ha sostenuto questo sforzo nel 2020 prima che fosse approvato qualsiasi vaccino contro il coronavirus.

Affermano che, poiché il COVID rappresenta una tale minaccia globale e poiché i governi occidentali hanno versato miliardi per garantire e aiutare a produrre vaccini, i paesi a basso e medio reddito dovrebbero essere sollevati dall'onere di acquistarli.

Considerando le conoscenze specialistiche necessarie per sviluppare questi vaccini e l'infrastruttura di conservazione a freddo necessaria per distribuirli, non sembra plausibile che tutto ciò possa essere ottenuto al di fuori dei tradizionali contratti di appalto che abbiamo visto nell'Unione Europea e negli Stati Uniti

Detto questo, invece di celebrare l'importante innovazione che ha portato a quasi una dozzina di vaccini approvati a livello globale per combattere una pandemia mortale a tempo di record, questi gruppi stanno strombazzando un messaggio populista che contrappone i cosiddetti paesi "ricchi" a quelli poveri.

I diritti di proprietà intellettuale sono tutele che aiutano a promuovere l'innovazione e forniscono certezza del diritto agli innovatori in modo che possano trarre profitto e finanziare i loro sforzi. Un indebolimento delle regole di PI danneggerebbe attivamente i più vulnerabili che dipendono da medicinali e vaccini innovativi.

Se il costo della ricerca e della produzione di un vaccino contro il COVID è davvero $1 miliardo come si sostiene, senza alcuna garanzia di successo, ci sono relativamente poche aziende biotecnologiche o farmaceutiche che possono sopportare quel costo.

BioNTech, l'azienda tedesca guidata dal team marito-moglie di Uğur Şahin e Özlem Türeci che ha collaborato con Pfizer per le prove e la distribuzione del loro vaccino mRNA, è stata originariamente fondata per utilizzare l'mRNA per curare il cancro.

Prima della pandemia, hanno preso il sopravvento enorme debito e si sono dati da fare per finanziare la loro ricerca. Una volta iniziata la pandemia, hanno orientato le loro operazioni e prodotto uno dei primi vaccini COVID mRNA, che hanno ricevuto centinaia di milioni di persone.

Con miliardi di vendite ai governi e milioni di investimenti privati diretti, possiamo aspettarci che l'ormai fiorente BioNTech sia in prima linea nella ricerca sul cancro dell'mRNA, il che potrebbe darci una cura. Lo stesso vale per le numerose malattie rare e orfane che altrimenti non ricevono finanziamenti importanti.

Sarebbe stato possibile senza la protezione della proprietà intellettuale?

Moderna, dal canto suo, ce l'ha ha dichiarato non farà valere i diritti di proprietà intellettuale sul suo vaccino mRNA e consegnerà qualsiasi ricerca a coloro che possono aumentare la produzione. Gli sviluppatori del vaccino Oxford-AstraZeneca si sono impegnati a farlo vendilo a prezzo di costo fino alla fine della pandemia.

Mentre questo dovrebbe distruggere la narrativa presentata dai populisti e dalle organizzazioni internazionali che desiderano cancellare i diritti di PI, invece hanno raddoppiato, affermando che queste società dovrebbero affidare tutta la ricerca e lo sviluppo ai paesi che ne hanno bisogno.

Se vogliamo essere in grado di affrontare e porre fine a questa pandemia, continueremo ad aver bisogno dell'innovazione sia dei produttori di vaccini che dei produttori che lo rendono possibile. La concessione di una rinuncia una tantum creerà un precedente di annullamento dei diritti di proprietà intellettuale per una serie di altri medicinali, il che metterebbe in grave pericolo l'innovazione futura e milioni di potenziali pazienti.

Soprattutto di fronte alle mutanti varianti del COVID, abbiamo bisogno di tutti gli incentivi sul tavolo per proteggerci dalla prossima fase del virus. 

Piuttosto che cercare di abbattere coloro che hanno compiuto il miracolo di vaccini rapidi, economici ed efficaci, dovremmo continuare a sostenere le loro innovazioni difendendo i loro diritti di proprietà intellettuale.

Yaël Ossowski (@Yael Oss) è vicedirettore del Consumer Choice Center, un gruppo globale di difesa dei consumatori.

Come Greta Thunberg, l'OMS apprezza i segnali di virtù rispetto ai risultati politici

Greta Thunberg, un'adolescente manifestante per il clima, sembra essersi stancata di saltare la scuola per resistere cartelli sulla morte del pianeta. La scorsa settimana, ha trovato una nuova causa da compagnia: "l'equità del vaccino". Rivolgendosi a "governi, sviluppatori di vaccini e mondo", ha unito le forze con l'Organizzazione mondiale della sanità per raffica “Paesi ricchi” per aver offerto alle loro popolazioni troppe dosi di vaccino.

Potresti non pensare che l'OMS e un eco-truant svedese di 18 anni avrebbero molto in comune, ma Thunberg e l'OMS condividono una passione: i segnali di virtù. Entrambi hanno una lunga esperienza nell'emissione di diktat a governi sovrani di tutto il mondo e nel dire ai politici eletti cosa fare.

Nel caso di Thunberg, ciò ha portato all'ascesa del gruppo di estrema sinistra Extinction Rebellion e Rep. Alessandria Ocasio-Cortez'S New Deal verde, che è appena stato rianimato. Nel caso dell'OMS, che è finanziato di quasi $5 miliardi in due anni per salvaguardare la nostra salute, un'attenzione incessante sui segnali di virtù ha portato a una spaventosa negligenza dei preparativi vitali per la pandemia, portando alla morte di più di 3 milioni persone dal coronavirus.

Ma i problemi con l'OMS sono iniziati molto prima del primo caso di coronavirus rilevato a Wuhan, Cina, nel dicembre 2019. Fondamentalmente, ha perso di vista il suo scopo. Ha ampliato le sue operazioni ben oltre il motivo per cui è stato creato. Per decenni, l'OMS ha ampliato silenziosamente la sua responsabilità per includere molto più delle emergenze sanitarie. Ora spreca regolarmente tempo e denaro interferendo nella politica interna attraverso interventi normativi progettati per cambiare il modo in cui le persone vivono la propria vita.

Quando avrebbe dovuto concentrarsi sulle malattie trasmissibili, l'OMS stava invece spendendo il suo tempo e le sue vaste risorse in campagne su questioni di stile di vita e, nel frattempo, minando in modo flagrante la sovranità dei governi nazionali. Da tasse sul tabacco a leggi sull'alcol, da zucchero e tasse sul sale a restrizioni allo svapo, l'OMS sembra divertirsi molto nel tenerci conferenze sulle indulgenze quotidiane e nel renderci più difficile l'accesso ai prodotti che desideriamo.

La posizione predefinita dei burocrati statalisti che dirigono organi di governo internazionali irresponsabili come l'OMS è quella di negare alle persone il diritto di gestire la propria salute e il proprio stile di vita, chiedendo il divieto di prodotti efficaci per la riduzione del danno e insistendo invece su misure autoritarie come avvertenze sanitarie obbligatorie , legislazione sui divieti, divieti di pubblicità e accise.

La metà delle volte, le posizioni arbitrarie adottate dall'OMS ("bevi troppo", "il sale fa male") sono di fatto errate. Prendi le sigarette elettroniche, per esempio. L'anno scorso, l'OMS ha gettato le basi per la sua nuova strategia politica di svapo con a riunione sul suo sito web, insieme a a spruzzata di pubblicità. Il problema era che il briefing sembrava contenere una pletora di errori scientifici di base. Era stroncato da esperti del settore, portando l'OMS a modificare in silenzio senza dirlo a nessuno.

Anche mettendo da parte le apparenti inesattezze scientifiche, da dove l'OMS trae la legittimità di dirci come vivere la nostra vita? Forse ancora più importante, cosa le conferisce il diritto di istruire i governi democratici sulla politica interna? A differenza di Thunberg, l'OMS non può essere respinta con a opportunità fotografica o due. Richiede azione, anche quando non ha il diritto di farlo.

Quando Presidente Donald Trump mosso per ritirare gli Stati Uniti dall'OMS lo scorso anno, ci sono stati molti strilli e strilli da parte di persone che apparentemente credono che l'OMS fornisca ai cittadini e ai governi un servizio inestimabile. Il senatore democratico del New Jersey Bob Mendez della commissione per le relazioni estere disse al momento che il distanziamento dall'OMS "lascia gli americani malati e l'America sola".

Oltretutto accogliente fino al Partito Comunista Cinese, non è chiaro quale servizio l'OMS fornisca all'America. La sua leadership su COVID-19 è stata inesistente; i tragici 3 milioni di morti ne sono la prova. I suoi interventi contro le politiche di riduzione del danno sono attivamente dannosi per i risultati della salute pubblica. Se vuole giustificare il suo finanziamento, l'OMS deve fare a meno dei segnali di virtù alla Greta e invece concentrarsi nuovamente sui risultati positivi per la salute, in particolare sulle malattie trasmissibili, che è dove è veramente necessaria una guida internazionale.

Originariamente pubblicato qui.

Dopo il disastro di Covid sicuramente il gioco è pronto per la pietosa Organizzazione Mondiale della Sanità COMMENT

DA QUANDO il primo caso di Covid è stato rilevato a Wuhan nel dicembre 2019, il coronavirus ha infettato più di 130 milioni di persone in tutto il mondo, uccidendo quasi tre milioni.

Molte migliaia di parole sono state scritte sui fallimenti delle autorità sanitarie locali come Public Health England nel prepararci a una pandemia, ma forse l'organismo più importante di tutti non è stato ancora adeguatamente tenuto a rispondere: l'Organizzazione Mondiale della Sanità. Prima del 2020, la maggior parte dei britannici probabilmente non sapeva molto, se non altro, dell'OMS. È un braccio delle Nazioni Unite, come il Fondo monetario internazionale o l'Organizzazione mondiale del commercio, che trascorre la maggior parte del suo tempo lavorando in background per salvaguardarsi dalle emergenze sanitarie, lasciando il resto di noi ad andare avanti con le nostre vite.

Tranne, ovviamente, come abbiamo ora appreso, l'OMS stava deliberatamente trascurando i suoi doveri e generalmente stava facendo un lavoro terribile, a costi enormi.

L'OMS era selvaggiamente impreparata alla pandemia - con tragiche conseguenze - perché ha trascorso gran parte del suo tempo a fare politica invece di servire il suo scopo.

Non è riuscito a fare nessuna delle cose che avrebbe dovuto fare quando è scoppiato il virus per la prima volta, anche quelle fondamentali come essere trasparenti su ciò che stava succedendo.

Ha perso tempo prezioso prima di dichiarare una pandemia. Si è avvicinato alla Cina piuttosto che rintracciare l'origine del virus. Ha emesso consigli attivamente dannosi contro le maschere.

In parole povere, è difficile immaginare come un organismo ben finanziato incaricato di proteggere la salute delle persone avrebbe potuto comportarsi peggio.

Anche mettendo da parte i suoi rapporti politici spaventosamente stretti con il dittatoriale e genocida Partito Comunista Cinese, l'OMS non è riuscita a svolgere la sua funzione più elementare, inciampando a ogni ostacolo.

Se il mondo fosse stato più preparato, forse il Covid non avrebbe provocato la morte non necessaria di milioni di persone.

L'OMS ha forma quando si tratta di gestire male le epidemie. Durante la pandemia di influenza H1N1 del 2009, e di nuovo durante l'epidemia di Ebola del 2014, è stata oggetto di critiche diffuse.

Uno dei fattori individuati come causa della cattiva gestione di queste crisi è stata l'avversione a offendere gli Stati membri, esattamente nello stesso modo in cui ora è riluttante offendere la Cina.

Non c'è motivo per cui questi terribili fallimenti dovrebbero essere la nuova normalità. Nel 20° secolo, l'OMS è stata effettivamente responsabile dell'eradicazione del vaiolo. Ma da allora, le cose sembrano essere andate drasticamente in discesa.

L'OMS ha palesemente fallito nell'affrontare adeguatamente il flagello degli anti-vaxxer che porta a malattie come il morbillo, che sono state quasi debellate, ma che ora stanno tornando in auge in tutto il mondo.

L'OMS ha anche ricevuto critiche diffuse da gruppi di conservazione degli animali per aver riconosciuto la medicina tradizionale cinese nelle sue linee guida internazionali dopo le pressioni di Pechino, nonostante il suo ruolo nel guidare il commercio illegale e il bracconaggio di specie in via di estinzione, inclusi pangolini e tigri, un commercio che potrebbe ironicamente aver contribuito a l'epidemia di coronavirus in primis.

I problemi con l'OMS sono profondi. Non avrebbe dovuto essere necessario un disastro sanitario irripetibile per esporli.

È tempo di porre alcune domande esistenziali e di indagine. Cos'è l'OMS? Cosa serve? Da dove vengono i suoi ingenti fondi? Al momento, sta cercando di fingere che sia sia un'organizzazione benefica umile e benefica che ha a cuore i nostri migliori interessi, sia un'organizzazione sovranazionale onnipotente. Vuole essere il centro indiscusso del potere per la sanità in tutto il mondo, ma senza mai essere ritenuto responsabile delle sue azioni. Se l'OMS è un ente di beneficenza, non dovrebbe fare politica e accettare regimi dittatoriali. Se non è un ente di beneficenza, deve essere soggetto a un'adeguata supervisione democratica.

L'OMS non ha espresso alcun accenno di rimorso per i suoi fallimenti. Non c'è motivo di pensare che cambierà volontariamente il modo in cui opera. È giunto il momento per il resto di noi di resistere e chiedere alcune risposte.

Originariamente pubblicato qui.

L'obesità ha peggiorato le morti per Covid, ma non impariamo le lezioni sbagliate

In qualunque modo la si guardi, l'obesità è in aumento in Gran Bretagna. Entro il 2018, la percentuale di adulti britannici classificati come obesi lo era raggiunto 28 per cento. I decessi attribuiti all'obesità e al grasso corporeo in eccesso aumentano ogni anno che passa.

In effetti, uno studio recente è arrivato al punto reclamo che l'obesità è ora responsabile di più morti del fumo. I decessi legati al fumo sono diminuiti negli ultimi anni e nel 2017 il 23% dei decessi era legato all'obesità, contro solo il 19% per il fumo.

Come ormai sappiamo fin troppo bene, questo sembra averlo fatto ha contribuito al bilancio delle vittime di Covid-19 sproporzionatamente alto nel Regno Unito. L'obesità è uno dei principali fattori di rischio del coronavirus individuato dal SSN all'inizio della pandemia, per una buona ragione. Anche mettendo da parte altri fattori di rischio come il diabete e le malattie cardiache, dai dati che abbiamo finora, l'obesitàappare avere un suo effetto aggiuntivo.

Forse non sorprende che le tate della salute pubblica abbiano sfruttato questi fatti per promuovere la loro agenda politica straordinariamente dannosa. Dalle tasse sullo zucchero alle restrizioni sulla pubblicità alimentare, questo governo conservatore sembra essere stato veramente conquistato da coloro che vogliono vedere l'imposizione di imballaggi semplici su patatine e cioccolatini e il conteggio delle calorie sulle pinte nei pub.

Potrebbe sembrare un'iperbole, ma non lo è. Secondo i documenti, il conteggio delle calorie forzato è all'ordine del giorno trapelato al Sole. E l'idea di un semplice imballaggio per cibi malsani, come abbiamo già fatto per le sigarette, è un vero e proprio proposta dell'Institute for Public Policy Research, un think tank di sinistra, ed è stato pubblicamente approvato dalle tate in capo alla Public Health England.

Lo zucchero potrebbe benissimo essere il nuovo tabacco – e questi attivisti vogliono vederci ripetere tutti gli errori dannosi che sono stati commessi quando si è cercato di far cessare il fumo.

Purtroppo, il fatto che questa proposta provenga da sinistra non significa che non dobbiamo preoccuparci che diventi realtà sotto un governo Tory. Solo pochi anni fa, quegli stessi gruppi di lobbisti marginali erano gli unici a fare una campagna per i divieti pubblicitari sul cibo spazzatura e le tasse sulle bevande analcoliche, ma ora i divieti pubblicitari sono stati abbracciati come politica del governo e la tassa sullo zucchero è già in vigore.

Nessuna di queste politiche funziona ed entrambe hanno effetti collaterali disastrosi. Le cosiddette “tasse sul peccato” sono inefficace – l'evidenza mostra che di fronte alle tasse sulle bevande zuccherate, le persone pagano i prezzi gonfiati, passano ad altre opzioni ad alto contenuto di zuccheri e ipercaloriche come i succhi di frutta, o acquistano bevande analcoliche di marca propria più economiche per compensare la differenza di prezzo.

In altre parole, loro non hanno un impatto sulla quantità di calorie consumate dalle persone, come possiamo vedere dal fatto che i tassi di obesità continuano a salire.

Queste tasse regressive rendono anche i poveri più poveri. L'analisi ha costantemente mostrato che rendere più costosi elementi essenziali come cibo e bevande danneggia i poveri più di chiunque altro.

Le restrizioni pubblicitarie hanno problemi simili. La politica di divieto degli annunci del governo – cheappare essere stato tagliato all'undicesima ora, ma vista la mancanza di conferme ufficiali, potrebbe rialzare la testa da un momento all'altro – è limitare la pubblicità di ciò che ritiene essere “cibi malsani”. Il problema immediato è che la definizione del governo di cibi malsani che causano obesità e deve essere apparentemente limitata include miele, yogurt, senape e frutta sciroppata.

Ancora più schiacciante, lo stesso governo analisi della sua politica, a cui è rimasto fedele per molti mesi nonostante l'industria universale grido, conclude che rimuoverebbe in media 1,7 calorie dalla dieta dei bambini al giorno. Per il contesto, è l'equivalente di circa la metà di uno Smartie. E questo per non parlare dell'immenso costo di ostacolare il settore pubblicitario, proprio quando ci affidiamo alla crescita del settore privato per rilanciare la ripresa economica post-Covid.

Gli interventi del governo saranno sempre miopi e inefficaci per loro natura. Non dovremmo ignorare l'obesità, ma il modo in cui la affrontiamo deve consentire alle persone di mantenere il controllo sulla propria vita. Piuttosto che tassare o regolamentare l'obesità nella speranza che scompaia, la politica del governo dovrebbe creare un ambiente che possa facilitare la gestione del peso.

Ad esempio, recente ricerca scoperto che un farmaco per il diabete può fare miracoli per la perdita di peso. Le persone che hanno assunto semaglutide hanno improvvisamente scoperto che i chili di troppo si stavano abbassando, con molti che hanno perso il 15% del loro peso corporeo. 

E l'innovazione sanitaria va ben oltre il laboratorio e la chirurgia del medico di famiglia. Studi hanno dimostrato, ad esempio, che il semplice atto di masticare una gomma può aiutare le persone a perdere peso. "La gomma da masticare ha avuto un duplice effetto sull'appetito", disse ricercatori dell'Università di Liverpool e della Glasgow Caledonian University. "Riduce sia le sensazioni soggettive associate al mangiare che la quantità di cibo consumato durante uno spuntino... portando a una diminuzione dell'8,2% dell'appetito per snack dolci e salati".

Invece di dare libero sfogo alle tate della salute pubblica per governare le nostre diete e abitudini di acquisto, il governo dovrebbe investire in ricerche pionieristiche come questa per trovare risposte di libero mercato all'obesità. Se lo zucchero è davvero il nuovo tabacco, non ricorriamo ancora una volta all'eccessiva ingerenza dello stato. Sfruttiamo invece il potere dell'innovazione e lasciamo che i nostri istituti di ricerca scientifica di livello mondiale facciano il duro lavoro per noi.

Originariamente pubblicato qui.

Descrizione
it_ITIT