fbpx

I marchi contano

Le organizzazioni globali e i populisti che mirano a sequestrare la tecnologia e la proprietà intellettuale per i vaccini COVID

Quando Donald Trump ha affermato nel settembre 2020 che ogni americano avrebbe avuto accesso ai vaccini entro aprile 2021, i suoi commenti hanno ricevuto disprezzo. Il Washington Post ha affermato che le sue affermazioni erano "senza prove"La CNN ha citato esperti sanitari che hanno affermato che lo era impossibilee Il New York Times ha sostenuto ci vorrebbe un altro decennio.

Ora, un anno dopo questa pandemia, quasi metà della popolazione ammissibile ha ricevuto almeno una dose di vaccino negli Stati Uniti e la distribuzione è avvenuta ha aperto a ogni adulto americano.

L'operazione Warp Speed, che ha investito denaro delle tasse e ha contribuito a ridurre la burocrazia su tutta la linea, ha contribuito a quello che è stato davvero uno sforzo miracoloso da parte delle aziende produttrici di vaccini.

Mentre i proclami di Trump alla fine diventano realtà e la questione della capacità del vaccino è stata risolta, ora c'è pressione sull'amministrazione Biden di cedere la fornitura nazionale di vaccini ai paesi con casi alle stelle.

Domenica, gli Stati Uniti dichiarato invierà ulteriori forniture mediche in India, attualmente in fase di sperimentazione più grande picco globale nei casi.

Ma negli organismi internazionali, paesi e gruppi di attivisti chiedono molto di più: vogliono costringere le aziende biotecnologiche a rinunciare ai diritti di proprietà intellettuale sui vaccini e sulla tecnologia medica correlata al COVID.

Insieme a quasi 100 altri paesi, India e Sud Africa sono gli architetti di a movimento presso l'Organizzazione mondiale del commercio chiamata TRIPS Waiver (Aspetti dei diritti di proprietà intellettuale relativi al commercio).

Se la rinuncia venisse attivata, apparentemente annullerebbe le protezioni della PI sui vaccini COVID, consentendo ad altri paesi di copiare le formule sviluppate da aziende private di vaccini per inoculare le loro popolazioni e giocare nelle mani dei futuri governi più ostili all'innovazione privata.

Questa settimana, la rappresentante commerciale degli Stati Uniti Katherine Tai incontrato con i vertici dei vari produttori di vaccini per discutere la proposta, ma è incerto se l'amministrazione Biden sosterrà il provvedimento in sede Wto.

Sebbene molte aziende si siano impegnate volontariamente a venderle al costo o addirittura si siano offerte di condividere informazioni con altre aziende, questa misura avrebbe implicazioni di più ampia portata.

Questa coalizione cerca la rinuncia al TRIPS include Medici Senza Frontiere, Human Rights Watch, e il Segretario generale dell'Organizzazione Mondiale della Sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus, che primo ha sostenuto questo sforzo nel 2020 prima che fosse approvato qualsiasi vaccino contro il coronavirus.

Affermano che, poiché il COVID rappresenta una tale minaccia globale e poiché i governi occidentali hanno versato miliardi per garantire e aiutare a produrre vaccini, i paesi a basso e medio reddito dovrebbero essere sollevati dall'onere di acquistarli.

Considerando le conoscenze specialistiche necessarie per sviluppare questi vaccini e l'infrastruttura di conservazione a freddo necessaria per distribuirli, non sembra plausibile che tutto ciò possa essere ottenuto al di fuori dei tradizionali contratti di appalto che abbiamo visto nell'Unione Europea e negli Stati Uniti

Detto questo, invece di celebrare l'importante innovazione che ha portato a quasi una dozzina di vaccini approvati a livello globale per combattere una pandemia mortale a tempo di record, questi gruppi stanno strombazzando un messaggio populista che contrappone i cosiddetti paesi "ricchi" a quelli poveri.

I diritti di proprietà intellettuale sono tutele che aiutano a promuovere l'innovazione e forniscono certezza del diritto agli innovatori in modo che possano trarre profitto e finanziare i loro sforzi. Un indebolimento delle regole di PI danneggerebbe attivamente i più vulnerabili che dipendono da medicinali e vaccini innovativi.

Se il costo della ricerca e della produzione di un vaccino contro il COVID è davvero $1 miliardo come si sostiene, senza alcuna garanzia di successo, ci sono relativamente poche aziende biotecnologiche o farmaceutiche che possono sopportare quel costo.

BioNTech, l'azienda tedesca guidata dal team marito-moglie di Uğur Şahin e Özlem Türeci che ha collaborato con Pfizer per le prove e la distribuzione del loro vaccino mRNA, è stata originariamente fondata per utilizzare l'mRNA per curare il cancro.

Prima della pandemia, hanno preso il sopravvento enorme debito e si sono dati da fare per finanziare la loro ricerca. Una volta iniziata la pandemia, hanno orientato le loro operazioni e prodotto uno dei primi vaccini COVID mRNA, che hanno ricevuto centinaia di milioni di persone.

Con miliardi di vendite ai governi e milioni di investimenti privati diretti, possiamo aspettarci che l'ormai fiorente BioNTech sia in prima linea nella ricerca sul cancro dell'mRNA, il che potrebbe darci una cura. Lo stesso vale per le numerose malattie rare e orfane che altrimenti non ricevono finanziamenti importanti.

Sarebbe stato possibile senza la protezione della proprietà intellettuale?

Moderna, dal canto suo, ce l'ha ha dichiarato non farà valere i diritti di proprietà intellettuale sul suo vaccino mRNA e consegnerà qualsiasi ricerca a coloro che possono aumentare la produzione. Gli sviluppatori del vaccino Oxford-AstraZeneca si sono impegnati a farlo vendilo a prezzo di costo fino alla fine della pandemia.

Mentre questo dovrebbe distruggere la narrativa presentata dai populisti e dalle organizzazioni internazionali che desiderano cancellare i diritti di PI, invece hanno raddoppiato, affermando che queste società dovrebbero affidare tutta la ricerca e lo sviluppo ai paesi che ne hanno bisogno.

Se vogliamo essere in grado di affrontare e porre fine a questa pandemia, continueremo ad aver bisogno dell'innovazione sia dei produttori di vaccini che dei produttori che lo rendono possibile. La concessione di una rinuncia una tantum creerà un precedente di annullamento dei diritti di proprietà intellettuale per una serie di altri medicinali, il che metterebbe in grave pericolo l'innovazione futura e milioni di potenziali pazienti.

Soprattutto di fronte alle mutanti varianti del COVID, abbiamo bisogno di tutti gli incentivi sul tavolo per proteggerci dalla prossima fase del virus. 

Piuttosto che cercare di abbattere coloro che hanno compiuto il miracolo di vaccini rapidi, economici ed efficaci, dovremmo continuare a sostenere le loro innovazioni difendendo i loro diritti di proprietà intellettuale.

Yaël Ossowski (@Yael Oss) è vicedirettore del Consumer Choice Center, un gruppo globale di difesa dei consumatori.

Per combattere le violazioni dei diritti umani, dovremmo proteggere i marchi credibili

Negli ultimi anni, è stata prestata una gradita attenzione a come la sicurezza e i diritti dei lavoratori sono protetti nei paesi che commerciano con l'Europa….

Sebbene la maggior parte del commercio avvenga all'interno di canali legali e regolamentati, rimane un intero settore dell'economia globale che vende contraffazioni e merci illecite.

Le minacce poste dal commercio illegale vanno ben oltre le considerazioni sulla sicurezza e sulla qualità dei prodotti. La creazione di filiere parallele che non rispettano i diritti umani mette in pericolo i nostri sforzi condivisi per garantire che tutti gli esseri umani siano trattati con rispetto e dignità. 

L'Unione europea dovrebbe intensificare i suoi sforzi per denunciare il lavoro minorile forzato e il duro trattamento dei lavoratori in tutto il mondo sensibilizzando su queste attività attraverso le sue politiche anti-commercio illecito e collaborando con i proprietari di marchi interessati per sradicare gli abusi e il commercio illegale .

Spesso non sappiamo come prodotti specifici arrivano ai nostri negozi locali. Usiamo il cioccolato come esempio. I lavoratori producono cacao in Sud America e Africa occidentale, e poi viene inviato in Europa dove i produttori di cioccolato trasformano il cacao in tavolette di cioccolato che vediamo sui nostri scaffali. I casi di lavoro minorile in queste aree sono numerosi e, probabilmente, molte di queste pratiche illegali passano inosservate. In Messico, ad esempio, prodotti come fagiolini, caffè, cetrioli e tabacco sono spesso prodotti utilizzando lavoro minorile, alcuni legali e altri no. Nel 2019, 152 milioni di bambini erano ancora nel lavoro minorile. 

La riluttanza della Cina a rispettare i valori liberali, a questo proposito, è ben nota. È stato stimato che almeno 100.000 uiguri, etnia kazaka e altre minoranze musulmane siano sottoposti a lavori forzati in Cina a seguito della detenzione nei campi di rieducazione. Il trattamento crudele viene utilizzato per produrre guanti, abbigliamento e prodotti di consumo che vengono successivamente spediti in Europa. Il commercio illegale, da questa prospettiva, è qualsiasi tipo di scambio economico che comporti abusi dei diritti umani in qualsiasi sua fase. 

I marchi a livello globale si sforzano di raggiungere la sostenibilità e applicare le norme sul lavoro, mentre le catene di fornitura parallele esistono solo per generare profitti rapidi sfruttando scappatoie legali e utilizzando altri esseri umani come mezzo per raggiungere un fine. Inoltre, il commercio illegale è stato collegato al terrorismo e gli stessi gruppi che contrabbandano sigarette e merci trafficano anche esseri umani e armi.

Le sigarette sono tra le merci più trafficate illegalmente al mondo. Il mercato nero globale dei prodotti del tabacco è ampio e in crescita e nei paesi che sono tra i maggiori produttori di tabacco al mondo come il Brasile e il Malawi, l'incidenza del lavoro minorile è elevata. I bambini coinvolti nel lavoro illegale perdono l'opportunità di ottenere un'istruzione e di elevare il proprio status nelle proprie società. Di conseguenza, le regioni in via di sviluppo continuano a essere paralizzate dalla povertà.

Come nel caso del cacao, dei guanti e di altri beni di consumo, l'unico modo per sapere con certezza che ciò che acquistiamo è stato prodotto e spedito legalmente è fidarci di marchi specifici. Le politiche dell'UE e quelle degli Stati membri dovrebbero incoraggiare il branding e la commercializzazione di beni prodotti legalmente e in conformità con le convenzioni sui diritti umani al fine di sradicare le catene di approvvigionamento parallele. Le politiche fiscali restrittive puniscono i rivenditori ufficiali e aprono le porte ai criminali che ignorano i diritti umani fondamentali e farebbero qualsiasi cosa per ottenere i profitti che cercano.

Una partnership efficace tra i marchi interessati e gli enti governativi è il modo per affrontare gli abusi e le attività illegali. Il programma Achieving Reduction of Child Labour in Support of Education (ARISE) eseguito dall'Organizzazione internazionale del lavoro è un ottimo esempio di tale cooperazione in azione. Affrontando i fattori sociali ed economici identificati che incoraggiano i piccoli coltivatori di tabacco ad impiegare bambini in lavori pericolosi, previene e fa passi avanti verso l'eliminazione del lavoro minorile nelle catene di approvvigionamento.

In conclusione, il commercio illegale facilitato attraverso catene di approvvigionamento parallele che violano i diritti umani esiste a causa delle lacune dinamiche esistenti. Ogni sforzo del governo per eliminare dal mercato alcune merci, come le sigarette, tassandole e imponendo varie restrizioni di marketing è un appello ai gruppi criminali che utilizzano il lavoro minorile e il lavoro forzato per aumentare il proprio lavoro. 

Spinti dal profitto, i criminali ignorano completamente le considerazioni etiche di base e non conoscono confini. Sebbene l'applicazione della legge sia fondamentale, è anche importante assicurarsi che i consumatori possano accedere prontamente alle informazioni sui prodotti prodotti da marchi affidabili e che siano disponibili in modo che non vi sia alcun incentivo a rivolgersi al mercato nero.

Originariamente pubblicato qui.

Grazie CHI, ma non ho bisogno del tuo consiglio sull'allattamento

L'OMS delude ancora una volta nascondendo informazioni vitali da una fascia demografica molto vulnerabile: le neomamme.

Gentile Organizzazione Mondiale della Sanità,

Questi ultimi mesi hanno rivelato molti problemi con le vostre politiche e raccomandazioni. Migliaia di persone in tutto il mondo sono in lutto per la morte dei loro cari, cosa che non sarebbe accaduta se non avessi ripetuto a pappagallo le scioccanti bugie della Cina sul coronavirus. Nessuna parola ufficiale di scuse avrebbe mai compensato le vite perse.

Le raccomandazioni dell'OMS sulla politica sullo stile di vita, come il divieto di commercializzazione di sostituti del latte materno, non fanno che aumentare le pressioni mentali ed economiche con cui le neomamme sono alle prese.

Nel tuo ultimo rapporto, rilasciato insieme all'UNICEF e all'International Baby Food Action Network (IBFAN), solleciti i paesi a vietare la promozione dei sostituti del latte materno, compresa la pubblicità e la distribuzione di campioni gratuiti.

Sebbene l'OMS meriti elogi per aver attirato l'attenzione sull'importante questione dell'allattamento al seno, fare pressione sulle donne affinché continuino ad allattare al seno durante la pandemia di COVID-19 e allo stesso tempo negando loro informazioni sulle alternative è scandaloso.

Infatti, le neomamme avevano bisogno di queste informazioni più che mai durante la pandemia. Con l'eccezionale livello di competenza dell'OMS, gli esperti dell'OMS devono essere consapevoli che alti livelli di stress nelle mamme che allattano possono portare a un riflesso deludente difficile e ad un diminuzione della produzione di latte materno.

Le donne possono anche soffrire di una condizione sottostante come l'HIV, la tubercolosi e alcuni tipi di cancro che rendono l'allattamento al seno difficile o impossibile.

Anche le madri sane, nelle migliori circostanze, hanno difficoltà ad allattare. Anche queste mamme hanno sentito uno stress estremo durante la pandemia, rendendolo, per alcuni, quasi impossibile.

L'allattamento al seno non riguarda solo l'alimentazione; aiuta anche a stabilire una connessione permanente tra madre e figlio. La salute mentale di una madre è proiettata sui propri figli. Cosa può offrire una madre emotivamente esausta a un bambino oltre alla sua ansia? A volte l'allattamento al seno semplicemente non vale la pena e le mamme hanno bisogno di alternative.

Vergognare queste mamme per aver scelto dei sostituti del latte materno è vergognoso. Le donne che vogliono allattare dovrebbero essere libere di farlo. Le donne che, per ragioni mediche o personali, preferiscono o necessitano di sostituti del latte materno, dovrebbero poter accedere alle informazioni su tali prodotti e fare una scelta informata, senza provare vergogna.

L'OMS deve riconoscere che il benessere di una donna conta tanto quanto quello del loro bambino.

L'OMS potrebbe avere i motivi più nobili, ma le mamme hanno bisogno di informazioni più che di consigli sgraditi. Negare alle neomamme informazioni sui sostituti del latte materno le rende vulnerabili a informazioni inaffidabili, persino pericolose, e potrebbe persino indurre alcune ad acquistare prodotti sul mercato nero non regolamentato.

Il danno del coronavirus è impossibile da invertire, ma l'OMS può aiutare ad alleviare alcune delle sofferenze garantendo alle madri - e a tutti i consumatori - le informazioni necessarie per scegliere i prodotti migliori per sé e per i loro bambini.

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

Perché i marchi contano ora più che mai

Sono passati quasi tre mesi da quando la maggior parte del mondo è entrata in blocco totale o parziale. Le conseguenze economiche della pandemia sono state devastanti, con milioni di persone che hanno perso il lavoro, individui che hanno perso i mezzi di sussistenza e le imprese sono fallite.

La buona notizia è che la digitalizzazione delle nostre società, e in particolare l'e-commerce, ha mitigato i danni. Potremmo attraversare una piaga di proporzioni epiche, ma almeno abbiamo marchi virtuali.

In un momento in cui prodotti e servizi migliori e meno costosi sono a portata di clic o due, l'opinione comune potrebbe essere che i marchi siano meno importanti di quanto non fossero una volta. Ma questo non ha senso. I marchi virtuali ora svolgono un ruolo chiave nel nostro mondo COVID-19 e dovremmo abbracciare maggiormente la libertà del marchio man mano che torniamo lentamente in carreggiata.

Sfortunatamente, il branding e il marketing vengono spesso presi di mira quando i responsabili politici intervengono per limitare il loro impatto sul processo decisionale dei consumatori. In altre parole, sono accusati di spingere i consumatori e indurli ad acquistare qualcosa che altrimenti non vorrebbero.

Un tale approccio pone la domanda: possiamo affermare che i consumatori che hanno accesso alle informazioni sui prodotti attraverso il branding e il marketing, purché le aziende siano oneste, stiano facendo scelte di acquisto irresponsabili? No, e affermare il contrario è mero paternalismo.

I governi che calpestano la libertà del marchio mettono a rischio non solo le industrie ma anche i consumatori. Negli ultimi mesi in cui tutti i negozi al dettaglio sono stati chiusi quasi ovunque in Europa, i consumatori hanno apprezzato molto la varietà dei marchi virtuali. La fiducia è una parte cruciale di quel rapporto.

Nel bel mezzo delle quarantene, i consumatori europei hanno utilizzato i canali di e-commerce e altre piattaforme per acquistare beni e prodotti senza dover interagire o ispezionare con loro nella vita reale. Le decisioni si basano quindi esclusivamente sulla fiducia per la piattaforma e il marchio.

La componente fiduciaria è fondamentale e ogni volta che i governi intervengono, la minano. Anche la reputazione delle aziende è a rischio: è nel loro interesse fornire ai consumatori informazioni complete sui loro prodotti per evitare insoddisfazione dei clienti, cattiva reputazione e potenziali azioni legali.

La digitalizzazione ha rafforzato questa nozione grazie al rapido accesso alle revisioni tra pari e ai social media. È diventato abbastanza facile compromettere la reputazione di alcuni marchi ed espandere quella di altri. I marchi sono quindi incentivati a essere trasparenti.

I marchi e il marketing aiutano anche a distribuire informazioni sui prodotti e di più è sempre meglio. Tra le altre cose, maggiori informazioni aiutano a ridurre i costi di ricerca.

Invece di dedicare più tempo e fatica alla ricerca e alla ricerca di prodotti e di tutti i dettagli, i marchi aiutano a trasmettere le informazioni di cui i consumatori hanno bisogno. Se non ci fossero i marchi, passeremmo ore a cercare di capire cosa ci viene offerto e quali sono le scelte migliori. Nel nostro mondo in rapido sviluppo, questo costo opportunità è molto alto.

La nostra strada verso la ripresa economica nell'UE sarà dolorosa e lunga. La posta in gioco è alta e dovremmo farlo bene se vogliamo ripristinare la prosperità di ogni individuo in Europa. Anche se potrebbe essere allettante imporre più normative di mercato per aiutare l'economia a rimettersi in piedi, questa non è sempre la soluzione migliore per i consumatori.

Soprattutto ora, abbiamo bisogno di più libertà di marchio e dobbiamo promuovere questa idea a tutti i livelli delle nostre istituzioni europee. In caso contrario, avremo meno informazioni e meno scelte. Non è un posto dove stare nell'Europa moderna.

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

I sostenitori della salute stanno usando questa crisi per limitare ulteriormente l'alcol

I sostenitori della salute globale non hanno chiare le loro priorità, sostiene Bill Wirtz

Con le recenti notizie che hanno rivelato le carenze strutturali dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), si potrebbe pensare che l'organismo sanitario globale delle Nazioni Unite sia interessato a tenere il passo con altre questioni che lo renderebbero impopolare. Tuttavia, in uno strano desiderio di morte, l'OMS non può fare a meno di tornare a ciò che vuole fare di più: regolare il comportamento dei consumatori.

In una recente raccomandazione, l'OMS chiamato governi di tutto il mondo per limitare il consumo di alcol in quanto può comportare un rischio maggiore di contrarre il COVID-19. L'Europa segna il focus particolare dell'organizzazione, che ritiene che le nuove restrizioni durante il blocco siano un prerequisito per la salute pubblica. Ma le prove su cui gli esperti potrebbero basarsi sono nel migliore dei casi fragili, poiché la nostra conoscenza del coronavirus è complessivamente complicata, con gruppi di controllo che difficilmente saranno numerosi e nessuno degli studi è sottoposto a revisione paritaria.

A parte questo, l'OMS confonde immediatamente l'uso di alcol con l'abuso di alcol. Sì, in paesi come gli Stati Uniti, le vendite di alcolici sono aumentate di 55% nell'arco di una settimana il mese scorso, secondo la società di ricerche di mercato Nielsen. Tuttavia, è altrettanto probabile che questo numero sia correlato all'ondata di consumatori che acquistano in preda al panico e al fatto che i consumatori responsabili fanno scorta di vino o birra per i loro pranzi e cene. La stragrande maggioranza dei consumatori ha un senso adulto di come gestire l'alcol e il suggerimento che abbiano un disperato bisogno di regolamentazione è puramente paternalistico.

In "The Case for Defunding the WHO" nel luglio 2018, ho sostenuto proprio su questa piattaforma che la spesa di questo organismo è uno spreco e le loro priorità sono fuori luogo. L'OMS ha una storia di coccole dittatori: il direttore generale Tedros Adhanom si è affrettato a farlo nome Il dittatore di lunga data dello Zimbabwe, Robert Mugabe, è un "ambasciatore di buona volontà" dell'OMS. Che si tratti della Turchia, che ha fortemente limitato la vendita e la pubblicità di alcolici, o dell'Iran, dove la vendita di alcolici è completamente illegale, l'organismo sanitario delle Nazioni Unite sembra prendere i suoi indizi politici dai proibizionisti più religiosamente ispirati del pianeta.

In un documento del 2017, l'OMS loda una miriade di ulteriori esempi di etichettatura degli alcolici.

Mentre il mondo sta combattendo la crisi del coronavirus, la European Alcohol Policy Alliance (EUROCARE) persegue la sponsorizzazione di alcolici sportivi in Scozia. Nel comunicato stampa di EUROCARE, il gruppo dice:

“Milioni di persone – inclusi bambini e giovani – sono esposte alla sponsorizzazione dell'alcol. L'evidenza è chiara che l'esposizione al marketing di alcol è una delle cause dell'abuso di alcol e dell'insorgenza di alcol tra i giovani. Influenza anche i loro atteggiamenti e aumenta la loro probabilità di sviluppare problemi con l'alcol più avanti nella vita.

Naturalmente, questi attivisti non si riferiscono a prove specifiche che indichino questo fenomeno. Con i bambini in giovane età che iniziano a fumare, compresa la cannabis - entrambi non pubblicizzati in alcun modo - porta alla conclusione che la sponsorizzazione non è certo l'origine dell'abuso di sostanze.

Infatti, quando guardiamo a questo problema capiamo rapidamente che non è la sponsorizzazione nello sport, o la sponsorizzazione in generale, il problema per questi gruppi, ma l'alcol in sé. I bambini sono sempre stati attratti dai prodotti rischiosi. Ma questi gruppi sono i nuovi proibizionisti, incapaci di contenersi finché non hanno bandito fino all'ultima goccia di divertimento.

In definitiva, quale sponsorizzazione non può essere vista dai bambini? Che si tratti di pubblicità nei trasporti pubblici o alle fermate degli autobus, o qualsiasi canale televisivo o programma radiofonico: i bambini possono tecnicamente ascoltare e vedere tutta la pubblicità a cui hanno accesso gli adulti. I canali che sono solo per bambini già non presentano questi annunci e portali online come YouTube consentono il controllo parentale che blocca tutti i pop-up inappropriati per l'età.

Dovremmo anche sottolineare che dovrebbe essere in primo luogo obbligo dei genitori proteggere i propri figli dai pericoli, educandoli all'uso appropriato e sicuro dell'alcol. Delegare questa responsabilità alle agenzie governative culminerà in una valanga di burocrazia che non è nell'interesse della scelta del consumatore.

Vietare la pubblicità in nome della protezione dei bambini è una backdoor per i palesi divieti sulla pubblicità dei prodotti. A rischio anche altri vizi, come rivela anche il comunicato stampa:

"Questa ricerca arriva in un momento in cui il posto del gioco d'azzardo nello sport è stato messo in discussione e dobbiamo considerare l'opportunità di collegare qualsiasi prodotto che crea dipendenza e dannoso per la salute con lo sport".

La realtà è questa: i consumatori vogliono prodotti e vogliono godersi in sicurezza vizi come l'alcol. Dovremmo mirare a consumatori responsabili e istruiti, al contrario di sfacciati divieti paternalistici. L'abuso di sostanze è un problema reale, ma dobbiamo riconoscere che ci sono problemi di fondo che lo spiegano, andando oltre la semplice sponsorizzazione.

Il fatto che l'alcol venga pubblicizzato o meno non ha alcun impatto sulla disoccupazione o su qualsiasi altro disagio personale che porti a eccessi nel consumo di alcol. Questi problemi devono essere risolti attraverso diverse istituzioni educative e sociali e, soprattutto, attraverso migliori relazioni personali. Come società abbiamo una responsabilità nei confronti dei nostri amici e della nostra famiglia, più di quanto qualsiasi istituzione governativa possa proclamare di possedere.

La pubblicità svolge un ruolo importante per i consumatori: li informa su prodotti nuovi e migliori e consente la concorrenza. La pubblicità è il braccio esteso della scelta del consumatore e dovrebbe essere protetta.

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

Il valore del design del packaging va oltre le belle immagini

Il valore del design del packaging va oltre le belle immagini, afferma Fred Roeder

Quando le persone parlano dell'importanza del design, le persone spesso indicano loghi e marchi iconici che ora diamo per scontati, che si tratti del motivo della Coca Cola, delle patatine Mr Pringles o delle bottiglie di Jack Daniels.

Ma l'importanza del design non risiede solo nel design in sé, ma anche nella proprietà intellettuale dietro il design e nel suo valore intrinseco per i titolari del marchio ei consumatori. Gli spunti di progettazione forniscono informazioni e conoscenze sui prodotti che i consumatori acquistano e aiutano a creare fiducia. La rimozione di elementi di design limita semplicemente la capacità di un individuo di prendere decisioni informate su ciò che sta acquistando.

Alla fine dell'anno scorso, l'ufficiale medico capo uscente del Regno Unito, Dame Sally Davies, ha invitato il governo a minacciare l'industria alimentare con imballaggi semplici "stile sigaretta" per dolci e cioccolatini se non fossero riusciti a raggiungere gli obiettivi di riduzione dello zucchero. Dame Sally ha chiesto che il programma di tassazione dello zucchero - già in atto per le bevande analcoliche - venga esteso a cereali, yogurt e torte se gli obiettivi non vengono raggiunti entro il 2021 e applicato agli alimenti ricchi di calorie entro il 2024.

Soluzioni creative

Il colpo d'addio di Dame Sally all'industria alimentare, delle bevande e della vendita al dettaglio arriva sulla scia del Food Ethics Council del Regno Unito che ha anche chiesto un divieto assoluto delle mascotte dei cartoni animati sul cibo spazzatura, comprese bevande gassate, patatine, cereali e biscotti, in un'offerta per frenare l'obesità e malattie come il diabete

Nessuno nega che ci sia un dibattito sensato sul consumo responsabile, ma leggi non provate non sono la soluzione. Piuttosto che spaventare le persone spingendole a cambiare il loro comportamento o punire le loro tasche attraverso "tasse sui peccati" e censura del marchio, i legislatori devono essere più creativi quando si tratta di promuovere la buona salute.

Sebbene non sia ancora una politica del governo nel Regno Unito, presto potrebbe esserlo e sarà interessante vedere se Chris Whitty, il sostituto di Dame Sally, raccoglierà il randello e continuerà a sottomettere produttori di alimenti e bevande, rivenditori e consumatori.

I legislatori spesso prendono spunto da enti di sanità pubblica come il Food Ethics Council e da organizzazioni sovranazionali 13 come l'Organizzazione mondiale della sanità, che adorano maneggiare il martello del divieto in nome della protezione della salute pubblica.

Sta già accadendo con la legge irlandese sulla salute pubblica (alcol), diventata legge nell'ottobre 2018, che regola la pubblicità e la promozione, insiste sull'obbligo di avvertimenti sul cancro e vieta il marchio di alcolici negli stadi sportivi.

Limitare il marketing e la comunicazione in determinate categorie di prodotti e, in alcuni casi, vietarne del tutto la disponibilità, servirà solo a soffocare l'innovazione e violare i diritti dei consumatori.

Devi solo tornare indietro di 100 anni negli Stati Uniti introducendo il Volstead Act, che proibiva la produzione e la vendita di bevande alcoliche, per sapere che vietare qualcosa spinge semplicemente la domanda nel sottosuolo, alimentando la criminalità.

Libertà di scelta

I prodotti senza marchio rappresentano un vantaggio per le bande criminali organizzate poiché le etichette, gli imballaggi e i contenitori sono molto più facili da falsificare. Spinto dalla promessa di enormi profitti, il commercio di prodotti illegali non regolamentati rappresenta una proposta allettante per i contraffattori, con costi enormi sia per i governi che per il pubblico. Pertanto, è probabile che il danno totale alle imprese colpite sia più elevato. La censura del marchio porterà quasi certamente a perdite nelle industrie creative, compresi i servizi di design e pubblicità, che dipendono fortemente dai contratti FMCG.

Brand Finance stima che la potenziale perdita di valore per le aziende di tutto il mondo sarebbe di $430,8 miliardi se l'imballaggio semplice in stile tabacco fosse esteso all'industria delle bevande. Ciò si riferisce alla perdita di valore derivata specificamente dai marchi e non tiene conto di ulteriori perdite potenziali derivanti da variazioni di prezzo e volume dei prodotti venduti o commercio illegale.

Ad aggravare il problema c'è una totale mancanza di dialogo basato sull'analisi tra proprietari di marchi, consumatori e regolatori. Le leggi e i quadri in materia di proprietà intellettuale sono esempi positivi di questi gruppi che lavorano insieme per proteggere e far rispettare gli interessi dei titolari dei diritti, consentendo allo stesso tempo ai consumatori la libertà di fare le proprie scelte. Nonostante questi sforzi, la violazione dei diritti di proprietà intellettuale rimane un problema significativo. Secondo un rapporto OCSE-EUIPO del 2019, il volume totale del commercio di falsi è stato stimato a $509 miliardi, ovvero il 3,3% del commercio globale (rispetto al 2,5% nel 2013).

La strada davanti

Nessun marchio ha il diritto divino di esistere o sopravvivere. Ma la minaccia di una regolamentazione restrittiva delle imprese e del commercio illegale servirà solo ad accelerarne la fine, minando i diritti di proprietà intellettuale e indebolendo il loro valore intrinseco.

Il Food Ethics Council e Public Health England hanno ragione a chiedere un dibattito su come possiamo rendere il paese più sano, ma l'impatto negativo della limitazione dei marchi potrebbe provocare il caos nelle industrie del packaging e creative, causando un grosso grattacapo ai grandi rivenditori, con nessuna prova conclusiva che la politica raggiungerà gli obiettivi di salute desiderati.

Questo è il motivo per cui una più stretta collaborazione e cooperazione tra responsabili politici e partecipanti all'industria, e l'istruzione piuttosto che la legislazione, rappresentano il modo migliore per andare avanti. Invece di avvertimenti sulla salute e censura del marchio, dovremmo usare incentivi e incoraggiamenti per cambiare il comportamento dei consumatori.

Fred Roeder è l'amministratore delegato del Consumer Choice Center, un'organizzazione indipendente senza scopo di lucro, che promuove la "scelta del consumatore" tra diversi prodotti, innovazioni e classi di prezzo. Il Consumer Choice Center sostiene la libertà dello stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta del consumatore. Il CCC ritiene che le autorità di regolamentazione a livello locale, nazionale e sovranazionale continuino a regolamentare sempre più aree della vita dei consumatori. Ciò porta a una minore scelta del consumatore e rende i prodotti più costosi.

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

"Pensa ai bambini!" – Come i ricercatori di Lancet si parodizzano

Il nuovo "Un futuro per i bambini del mondo?" di The Lancet il rapporto è ancora una volta una pesante dichiarazione di bambinaia. Ma questa volta si entra direttamente nella parodia della vita reale, sostiene Bill Wirtz.

Negli ultimi anni Lancet, un tempo molto rispettato, ma sempre più pazzo, ha approvato alcune delle più dure politiche di Nanny State in circolazione. Dalle restrizioni pubblicitarie alla tassazione delle bevande zuccherate, Lancet deve ancora trovare una politica paternalistica che non gli piaccia. Nella sua ultima versione, la rivista medica sta cercando di pubblicizzare i bambini, che considera una grave minaccia per bambini e giovani adolescenti.

Il caporedattore di Lancet Richard Horton ha recentemente dichiarato ai responsabili politici in un comunicato stampa che il marketing di sigarette, sigarette elettroniche, alcol e cibo spazzatura è sempre più preoccupante e sta peggiorando i problemi di salute pubblica. Questo nuovo rapporto chiede persino l'aggiunta di un protocollo facoltativo alla Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia che imporrebbe ai governi di regolamentare o vietare la commercializzazione ai bambini di cose come bevande zuccherate e alcol. “Viviamo in un'economia basata sui combustibili fossili, consumistica, orientata alla produzione, che crea le condizioni per nuocere alla salute dei bambini”, aggiunge Horton, dicendo che “non credo che nessuno di noi possa essere felice che questo sia il mondo che stiamo creando.”

L'affermazione di The Lancet secondo cui le aziende stanno deliberatamente commercializzando cibo malsano e altri vizi per i bambini è difficile da comprendere. Leggendo questo, tutti i lettori si chiederanno sicuramente se le compagnie del tabacco stiano mettendo le loro sigarette nei passeggini. Ovviamente finora non è successo nulla del genere.

Allo stesso modo, The Lancet continua a condannare il fatto che i bambini siano oggetto di pubblicità di alcolici durante gli eventi sportivi. Si riferiscono al fatto che durante le interruzioni delle trasmissioni sportive ci sono annunci di birra o superalcolici, che non sono rivolti solo agli adulti, ma sono anche accompagnati da messaggi di avvertimento sulla pericolosità di questi prodotti. In sostanza, i ricercatori affermano che qualsiasi annuncio che potrebbe essere visto da un bambino non dovrebbe contenere alcun prodotto rischioso, che, con le eccezioni marginali di luoghi come le proiezioni cinematografiche 18+, colpirebbe ogni singolo annuncio. In aggiunta: dalla mia esperienza, posso dire che eventi sportivi come il calcio o il motorsport sarebbero qualcosa che da bambino guardavo con mio padre... che beveva una birra durante l'evento. Non dovremmo gonfiare eccessivamente la nostra percezione di ciò che la pubblicità è realmente in grado di fare.

In un pezzo per Comment Central a settembre, avevo spiegato perché le restrizioni dell'ASA su determinate pubblicità erano ugualmente condiscendenti.

È inoltre del tutto contraddittorio che The Lancet si opponga alla pubblicità di prodotti che riducono i danni come le sigarette elettroniche, in particolare dopo la sua stessa ricerca in altre aree del mondo (come la Nuova Zelanda) mostra che lo svapo ha soppiantato il fumo di sigaretta giovanile.

Nel complesso, i consumatori non dovrebbero essere protetti da divieti pubblicitari oscurati. È necessario sostenere che i bambini dovrebbero essere protetti e molti servizi (come la piattaforma di streaming video YouTube) offrono già controlli parentali basati su browser. Tuttavia, sono i genitori che devono svolgere il ruolo più importante nell'educazione dei bambini. Affrontare e discutere la pubblicità e la disponibilità di prodotti potenzialmente dannosi è un ruolo dei genitori che non possono esternalizzare completamente o addirittura con fiducia allo Stato.

Seguire il consiglio di Lancet ci condurrebbe sulla strada dell'iperprotezione dei bambini, il tutto riducendo la scelta del consumatore e l'informazione dei consumatori adulti.

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

Gli annunci stanno cambiando e dovremmo esserne felici

Il cambiamento del comportamento dei consumatori sta cambiando il mondo della pubblicità così come lo conosciamo, afferma Bill Wirtz. 

Abbiamo fatto strada nell'evoluzione del business pubblicitario. Gli egiziani usavano il papiro per realizzare messaggi di vendita e poster murali, mentre il Medioevo ci ha fatto passare a banditori e cartelloni pubblicitari. Ma anche i marchi sono molto più antichi di quanto molti pensino: il primo marchio risale al 1300 aC in quella che oggi è l'India. La pubblicità è allo stesso tempo un riflesso della realtà e una grossolana esagerazione delle aspettative dei consumatori: sono appariscenti, sono volgari, presentano musicisti e attori. Alcuni annunci sono così divertenti che gli spettatori si sintonizzano per guardarlie generano enormi clic su piattaforme video come YouTube.

La TV terrestre è un buon esempio di come alcuni servizi siano stati finanziati solo dalla pubblicità già da molto tempo. Con lo spuntare della pubblicità online abbiamo visto interi giornali cambiare marcia sui loro modelli di business. The Guardian – che non è esattamente il difensore del capitalismo moderno – raccoglie più soldi online piuttosto che attraverso la stampa. Non c'è da stupirsi: la pubblicità online è migliore per inserzionisti e consumatori. La pubblicità mirata comunica all'azienda che pubblica l'annuncio se viene effettivamente visualizzato e cliccato, cosa che non puoi garantire in alcun modo in TV o in radio. Sulla piattaforma video YouTube, dice la compagnia che paghi per il tuo annuncio solo se le persone scelgono di guardarlo:

"Ad esempio, quando qualcuno sceglie di visualizzare il tuo annuncio TrueView per almeno 30 secondi o interagisce con il tuo annuncio, ad esempio facendo clic su un overlay di invito all'azione, una scheda o un banner companion".

Questo vale sicuramente per me: in quanto appassionato di birra artigianale, gli annunci di Google e Facebook mi parlano costantemente delle ultime uscite di birra. Perché dovrei essere arrabbiato? Posso utilizzare un servizio online gratuito e in cambio vengo informato sui prodotti che mi piacciono? Sarebbe strano affermare che questo è in qualche modo peggio dei vecchi tempi, quando mi venivano mostrate cose che in realtà non compro, come prodotti per l'igiene femminile o pneumatici nuovi per auto.

C'è anche un presupposto comune che la pubblicità sia una forma di lavaggio del cervello, il bombardamento costante è con cose che non vogliamo finché non finiamo per acquistarle. Pone l'antica vecchia domanda: puoi far comprare a qualcuno qualcosa che non vuole? Il giurista americano Cass Sunstein, amministratore dell'Office of Information and Regulatory Affairs sotto l'amministrazione Obama, ha pubblicato un saggio intitolato “Cinquanta sfumature di manipolazione“, in cui etichetta il marketing convenzionale come manipolazione. Scrive ad esempio: “È importante riconoscere che nel regno commerciale la manipolazione è diffusa; fa parte dell'impresa di base.

Sì, quando le aziende pubblicizzano i benefici per la salute dei loro prodotti che non possono essere dimostrati, stanno fuorviando intenzionalmente i loro clienti. Tuttavia, questo è molto lontano dalla pubblicità di un prodotto come fresco, rinfrescante, comodo o alla moda. Dobbiamo definire il solo fatto che un prodotto venga descritto dal produttore come “buono”, come manipolazione? Perché secondo questo stesso standard, potrei sentirmi ugualmente manipolato dal fatto che Sunstein chiama un libro che ha curato lui stesso, "rilevante" (che ha fatto).

Non puoi vendere a nessuno una candela per sostituire le lampadine elettriche, ma puoi pubblicizzare i prodotti in modo positivo. Certo che la pubblicità funziona, altrimenti non avrebbe senso. Tuttavia, il presupposto che sia negativo avere servizi basati sulla pubblicità e che gli utenti online e offline vi siano esposti, è un pensiero retrogrado. Molte carriere, comprese quelle dei giornalisti freelance, sono state rese possibili grazie alla pubblicità moderna. Molti consumatori sono più contenti di avere specifici annunci mirati online, invece di essere annoiati dalla loro TV.

La pubblicità sta cambiando perché stiamo cambiando come consumatori.

Originariamente pubblicato qui

Les publicités changent, et il faut s'en réjouir

Tanto che sei un consumatore, ti senti manipolato dalla pubblicità? Ou bien est-ce un moyen efficace, voire distrayant, de vous offrir ce que vous voulez?

Nous avons fait des progrès dans l'évolution du secteur de la publicité. Gli egiziani usavano il papiro per fare i messaggi di vendita e gli affissi murali, così come i Moyen Age nous faisait passer aux crieurs publics et aux panneaux publicitaires.

Anche le marche di commercio sono più antiche che beaucoup ne le pensent. La prima marca remonte a 1 300 av. J.-C., dans ce qui est l'Inde aujourd'hui.

La pubblicità è un riflesso della realtà e un'esagerazione volgare degli spettatori dei consumatori: sono appariscenti, sono grossi, sono entrati in scena tra musicisti e attori. Certe pubblicità sont tellement divertissantes que les téléspectateurs carattere in ordine di guardare, e loro generano clic massicci sulle piattaforme video raccontate da YouTube.

La télévision terrestre è un buon esempio di manière dont certains services ne sont financés que par la publicité depuis longtemps.

Avec l'apparition de la publicité en ligne, nous avons vu des journales entiers changer de modèle d'affaires. Le Custode – qui n'est pas exactement le défenseur du capitalisme moderne au Royaume-Uni – recueille plus d'argent en ligne qu'en version imprimée. Pas étonnant, car la publicité en ligne est meilleure pour les annonceurs et les consommateurs.

La publicité ciblée indique à l'entreprise qui affiche l'annonce si elle est réellement visionnée et cliquée, quelque choose que vous ne pouvez garantir d'aucune façon à la télévision ou à la radio. Sulla piattaforma video YouTube, l'impresa esplicito que non vous ne payez votre annonce que si les gens choisissent de la regarder:

“Per esempio, quando quella scelta di visione per la tua pubblicità TrueView dura solo 30 secondi o si attiva con la tua pubblicità  come fare clic su un overlay di invito all'azione, une carte ou une bannière d'accompagnement.

Cela s'applique sureement à moi-même: en tant qu'amateur de bière craftsale, les publicités Google et Facebook m'informent constamment sur les dernières sorties de bière. Pourquoi devrais-je m'énerver ? J'utilise un service en ligne gratuit, et en retour je suis informé des produits que j'aime.

Quella manipolazione?

Il serait étrange de prétendre que c'est pire qu'autrefois, quand on me montrait des choses que je n'achète pas, comme des produits d'hygiène féminine ou des pneus de voiture neufs.

Il ya aussi une supposition commune que la publicité est une forme de lavage de cerveau, nous bombardant constamment avec des choses que nous ne voulons pas. Elle pose la vieille question : peut-on faire acheter à quelqu'un quelque chose qu'il ne veut pas acheter ?

Le juriste américain Cass Sunstein, qui était administrateur du Bureau de l'information et des affaires réglementaires sous l'administration Obama, a publié un essai intitulé “Cinquanta sfumature di manipolazione“, dans lequel il qualifie le marketing conventionnel de manipolazione. Lo scritto per esempio:

“Il est important de reconnaître que dans le domaine commercial, la manipolazione est répandue ; elle fait partie de l'entreprise de base.

Sì, quando le imprese traggono la pubblicità sui buoni affari per la salute dei loro prodotti, che non possono essere provate, le loro induisent intenzionalmente portano i clienti in errore. Tuttavia, c'est loin d'annoncer un prodotto comme étant cool, rafraîchissant, confortable ou à la mode.

Doit-on définir le simple fait qu'un produit est décrit par le producteur comme “bon”, comme une manipolazione? Car, selon ce même critère, je me sentais également manipulé par le fait que Sunstein qualifie un livre qu'il a lui-même édité de “pertinent” (ce qu'il a fait sur Twitter).

Non puoi vendere un bougie à personne per sostituire le fiale elettriche, ma puoi fare pubblicità positiva per i tuoi prodotti. Bien sûr, la publicité fonctionne, sinon cela ne servirait à rien.

Tuttavia, l'ipotesi selon laquelle il est mauvais d'avoir des services based sur la publicité est une pensée rétrograde. De nombreuses carrieres, y compris celles de journales free-lance, ont été rendues possibles grâce à la publicité moderne. Nombreux consommateurs sont heureux d'avoir des publicités ciblées spécifiques on line plutot que de s'ennuyer avec leur téléviseur.

La pubblicità cambia parce que nous changeons en tant que consommateurs.

Leggi di più qui

Onerose leggi sull'etichettatura danneggiano i consumatori che desiderano alternative innovative alla carne

CONTATTO:
Yael Ossowski
Vicedirettore
Centro di scelta dei consumatori
yael@consumerchoicecenter.org

Washington DC - All'inizio di questo mese, i legislatori del Mississippi ha approvato onerose leggi sull'etichettatura che proibirà ai prodotti alternativi alla carne, come hamburger vegetariani e salsicce, di utilizzare la parola "carne" nel loro marketing e branding. Questo fa parte di una tendenza più ampia da parte di politici e industrie per limitare ciò che i consumatori possono sapere sui prodotti che consumano.

Yaël Ossowski, vicedirettore del Consumer Choice Center (CCC), ha dichiarato: “Per anni, i consumatori hanno chiesto una migliore degustazione e alternative di carne più innovative, e gli imprenditori hanno risposto. Lo sforzo di ostacolare queste innovazioni vietando l'uso della parola carne danneggia i consumatori che desiderano una scelta più ampia.

“Censurando quali informazioni e branding le aziende sono in grado di utilizzare, i consumatori devono indovinare quali prodotti stanno consumando e quale gusto devono aspettarsi.

“Questo non è altro che un tentativo di fermare preventivamente il mercato innovativo delle alternative alla carne che i consumatori attenti all'ambiente vogliono e richiedono. I marchi sono importanti e anche l'etichettatura è importante. Categorie più ampie e più informazioni sono sempre migliori per i consumatori e queste leggi per limitare ciò finiscono per danneggiare i consumatori ", ha affermato Ossowski. “Ecco perché il Consumer Choice Center ha lanciato il I marchi contano! iniziativa.

“Una legislazione come questa si basa sull'idea che i consumatori siano troppo stupidi per capire le differenze tra carne e alternative alla carne. Usare la legislazione per litigare sulla nomenclatura è ridicolo e rispecchia quando l'industria lattiero-casearia ha fatto pressioni contro le bevande alla mandorla e alla soia.

“Lasciamo che i consumatori scelgano”, ha concluso Ossowski.

*** Il vicedirettore Yaël Ossowski è disponibile a parlare con i media accreditati sulle normative dei consumatori e sui problemi di scelta dei consumatori. Si prega di inviare richieste ai media QUI.***

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org.

Descrizione
it_ITIT