fbpx

Consultazioni

Risposte e consultazioni ufficiali del CCC.

consultazione pubblica dell'UE sul futuro del settore delle comunicazioni elettroniche e delle sue infrastrutture

La Commissione europea ha avviato la consultazione esplorativa sulla visione per l'
futuro del settore della connettività e delle infrastrutture di connettività.

Di seguito è possibile leggere la risposta inviata dal Consumer Choice Center.

[UE] Consultazione pubblica sulla tassazione dei prodotti del tabacco e dei nuovi prodotti

In qualità di gruppo di consumatori globale che rappresenta milioni di consumatori in Europa e nel mondo, abbiamo lavorato per diffondere il messaggio di riduzione del danno per aiutare a diffondere la consapevolezza sullo svapo come strumento salvavita sia tra i fumatori che tra i non fumatori. Alla luce del piano dell'UE contro il cancro, del divieto olandese di aroma di svapo e della proposta tassa tedesca sugli e-liquid alla nicotina, sembra che l'Unione Europea e gli Stati membri abbiano deciso di chiudere un occhio sui fumatori e spingerli all'astinenza attraverso la coercizione. Tale approccio è disastroso e dovrebbe essere riconsiderato.

Esortiamo la Commissione europea a seguire la scienza e tenere presenti gli interessi dei fumatori e degli ex fumatori, nonché i costi economici della tassazione eccessiva sia dello svapo che dei prodotti del tabacco.

Lo svapo è uno strumento salvavita

Lo svapo ha dimostrato di essere 95% meno dannoso del fumo ed è stato approvato da più organismi sanitari internazionali come un'alternativa più sicura. Mentre alcuni critici hanno affermato che lo svapo è una porta per fumare, è vero il contrario. Lo svapo è una via d'accesso al fumo ed è stato utilizzato da milioni di adulti per ridurre i rischi per la salute associati al consumo di tabacco. 

L'aumento delle tasse sui prodotti di svapo è particolarmente dannoso per le fasce di reddito più basse della popolazione

La percentuale più alta di fumatori attuali proviene da segmenti di popolazione a basso reddito. "Tasse più elevate sullo svapo di liquidi aumenterebbero la percentuale di adulti che fumano sigarette ogni giorno di circa 1 punto percentuale, traducendosi in 2,5 milioni di fumatori adulti in più ogni giorno" negli Stati Uniti. Con l'aumento delle tasse nell'UE, si vedrebbero conseguenze simili in Europa.

L'eccessiva regolamentazione dei prodotti del tabacco stimola il commercio illecito

Il fumo dovrebbe essere visto come una questione di scelta del consumatore e di responsabilità personale. I prodotti del tabacco non dovrebbero essere oggetto di ulteriori controlli. Le prove sull'efficacia delle tasse, del marketing e di altre restrizioni sono troppo deboli per giustificare interventi così drastici. Inoltre, tali politiche incoraggiano il commercio illegale. La disparità di prezzo del tabacco tra l'UE e altri paesi europei è un fattore che contribuisce; tuttavia, ciò dimostra anche che, nonostante gli sforzi contro il tabacco, la domanda di sigarette non va via. 

I consumatori adulti dovrebbero essere incoraggiati a compiere scelte responsabili tenendo presenti le conseguenze delle loro azioni. Le politiche basate sul rispetto delle scelte dei consumatori, come l'istruzione, dovrebbero essere preferite alle restrizioni.

Risposta:

[UE] Prima fase di consultazione delle parti sociali ai sensi dell'articolo 154 TFUE su possibili azioni per affrontare le sfide legate alle condizioni di lavoro nel lavoro su piattaforma

Questa posizione è in risposta alla prima fase di consultazione sulla regolamentazione del lavoro su piattaforma da parte della Commissione europea. Il Consumer Choice Center è un'organizzazione di consumatori, quindi non tra le categorie chiamate a reagire a questa consultazione. Detto questo, con questa risposta esprimiamo l'appello urgente che il punto di vista del consumatore è molto importante nella regolamentazione del lavoro su piattaforma e che meritiamo il nostro posto nelle prossime considerazioni della Commissione europea. Dato lo status dell'organizzazione come gruppo di consumatori, non possiamo parlare in dettaglio delle norme specifiche sul lavoro. Ciò detto, la regolamentazione su un ambito ha ramificazioni verticali su altri settori, nel senso che la regolamentazione del lavoro su piattaforma ha l'effetto collaterale di alterare, in modo positivo o negativo, la disponibilità di prodotti e servizi ai consumatori. prendere in considerazione il nostro punto di vista nel prossimo processo di consultazione.

  1. Ritenete che la Commissione europea abbia correttamente e sufficientemente individuato le questioni e le possibili aree di azione dell'UE?

    La Commissione europea ha fornito un'ampia panoramica sulla questione e ha contestualizzato le sfide associate alla questione. Le citazioni del documento sottolineano questo fatto. "A livello macro, non affrontare i problemi affrontati dalle persone che lavorano attraverso piattaforme nell'UE può avere ripercussioni sui mercati del lavoro e sulle società europee, aggravando la segmentazione e le disuguaglianze del mercato del lavoro e portando potenzialmente a una base fiscale ridotta per i governi dell'UE e quindi riducendo l'efficacia dei sistemi di sicurezza sociale”.

    e

    "Una regolamentazione eccessivamente restrittiva potrebbe avere un effetto soffocante sull'innovazione e sul potenziale di creazione di posti di lavoro, in particolare per scale-up e start-up europee su piccola scala e per i lavoratori autonomi, a seconda del suo campo di applicazione".

    Ciò mostra una visione differenziata sulla questione del lavoro su piattaforma e sulle implicazioni della regolamentazione in entrata. Tuttavia, riteniamo che la Commissione abbia sottovalutato la prospettiva del consumatore nella sua analisi. Tutti gli attori, compresi gli stessi lavoratori delle piattaforme, sono benefattori dell'economia della condivisione, grazie al suo potenziale di riduzione dei costi e dell'efficienza, nonché ai notevoli benefici ambientali.

    Le piattaforme di ride-sharing hanno dato l'opportunità di ridurre i costi per tutti i consumatori nelle principali città, consentendo l'ingresso nel mercato di un nuovo gruppo di consumatori, ovvero quei consumatori che in precedenza non erano in grado di permettersi una corsa nel tradizionale mercato dei taxi.

    Questo non vale solo per le corse brevi con piattaforme come Uber, Bolt o Heetch, ma anche per i viaggi a lunga distanza attraverso siti di carpooling come BlaBlaCar. Questi servizi hanno consentito un'esperienza più sociale, pur essendo più rispettosi dell'ambiente grazie all'ottimizzazione delle risorse.

    Altri servizi di sharing economy hanno fornito maggiore flessibilità ed equilibrio tra lavoro e vita privata a tutti i consumatori e a coloro che utilizzano i servizi, ad esempio attraverso spazi di co-working. In aggiunta a ciò, le aziende hanno trovato nuove opportunità, ad esempio attraverso la connessione di servizi di consegna intelligenti. La Commissione europea dovrebbe rendere conto del valore aggiunto del lavoro su piattaforma per i consumatori.
  2. Ritenete che sia necessaria un'azione dell'UE per affrontare efficacemente le questioni individuate e raggiungere gli obiettivi presentati?

    L'azione dell'UE può contribuire a facilitare il coordinamento tra gli Stati membri, in particolare quando un servizio attraversa le frontiere. Ad esempio, un passaggio Uber da un paese all'altro. Ciò detto, non riteniamo che vi sia un legittimo bisogno di un'azione dell'UE su questo argomento, a causa della diversa natura dei servizi di sharing economy. Gli Stati membri affrontano sfide diverse nel settore degli alloggi, della mobilità e di altri prodotti e servizi di consumo, pertanto un approccio legislativo generale non sarebbe appropriato. Ciascuno Stato membro dovrebbe prendere le decisioni normative necessarie.

    Ciò vale non solo per la questione della politica dei consumatori, ma anche per la normativa sul lavoro. Sapendo che esistono requisiti previdenziali diversi in tutti gli Stati membri, un allineamento normativo in un settore potrebbe complicare eccessivamente il sistema di regole interne di ciascun paese. In aggiunta a ciò, questo approccio non tiene conto delle specificità regionali. Ad esempio, il settore della mobilità potrebbe essere gravato da un sistema di licenze restrittivo, che può essere alleviato solo con l'introduzione di una piattaforma di ride sharing. Rendere più difficile l'introduzione di quest'ultima danneggerebbe i consumatori.

    Se vogliamo seguire i principi del mercato unico, la Commissione europea dovrebbe sostenere la legalità dei servizi di ride sharing in tutto il blocco.

[Regno Unito] Una consultazione sui regolamenti sul tabacco e sui prodotti correlati 2016 e sui regolamenti sull'imballaggio standardizzato dei prodotti del tabacco 2015

Avvisi di testo e immagini sullo stato di salute

Domanda 1: Fino a che punto sei d'accordo o in disaccordo sul fatto che l'introduzione di avvertenze sulla salute combinate a rotazione (foto e testo) sulle sigarette e sul tabacco da arrotolare abbia incoraggiato i fumatori a smettere?

  • fortemente d'accordo
  • essere d'accordo
  • né d'accordo né in disaccordo
  • disaccordo
  • fortemente in disaccordo
  • non lo so

Disaccordo. Nonostante la persistente convinzione che la tata dei consumatori smetta di fumare, le etichette di avvertenza sulla salute non si sono dimostrate efficaci nell'aiutare i fumatori a smettere. Ad esempio, nel 2012, la Corte d'appello degli Stati Uniti ha affermato quanto segue: "La Food and Drug Administration non ha fornito uno straccio di prova - tanto meno le "prove sostanziali" - che dimostrino che gli avvertimenti grafici "faranno avanzare direttamente" il suo interesse per riducendo il numero di americani che fumano”. I consumatori sono già a conoscenza dei danni e dei rischi associati al fumo, motivo per cui non ci sono molte prove che suggeriscano che gli avvertimenti scoraggino effettivamente l'uso del tabacco.

È particolarmente difficile stabilire un chiaro nesso causale tra l'introduzione di etichette di avvertimento per la salute e il suo impatto sulla riduzione dei tassi di fumo. Inoltre, la potenziale causalità è complicata dalla distinzione tra fumatori accaniti e non accaniti e dal modo in cui rispondono alle etichette di avvertenza sulla salute. Lo stesso vale per tutti i tipi di divieti di marketing e branding.

Un esperimento del 2019 pubblicato in Health Education Research ha rilevato che la presenza di etichette grafiche di avvertimento sulla salute non ha influenzato l'acquisto di sigarette da parte dei partecipanti come effetto principale. Il suddetto studio ha anche rilevato che i fumatori che erano fortemente dipendenti dalla dipendenza da nicotina avevano una probabilità leggermente maggiore di acquistare sigarette quando erano presenti etichette grafiche di avvertenza sulla salute. Potrebbe anche essere probabile che le etichette di avvertimento per la salute abbiano l'effetto opposto e attirino una reazione difensiva e, alla fine, non riescano a raggiungere l'obiettivo previsto di ridurre i tassi di fumo.

Sarebbero necessarie ulteriori ricerche scientifiche nel Regno Unito per determinare se un calo nella cessazione del fumo da parte degli adulti possa essere correlato ai divieti di esposizione.

I prodotti del tabacco non dovrebbero subire ulteriori controlli. Le prove relative all'efficacia delle etichette di avvertenza per la salute sono, pertanto, inconcludenti. I consumatori adulti dovrebbero essere incoraggiati a fare scelte responsabili tenendo conto delle conseguenze delle loro azioni. Le politiche lungimiranti basate sul rispetto delle scelte dei consumatori, come l'istruzione, dovrebbero essere preferite alle etichette di avvertenza sulla salute. 

Domanda 2: Fino a che punto siete d'accordo o in disaccordo sul fatto che l'introduzione di avvertenze sanitarie combinate a rotazione (foto e testo) sulle sigarette e sul tabacco da arrotolare abbia dissuaso i giovani dal fumare?

Disaccordo.

In primo luogo, tenendo conto delle argomentazioni di cui sopra, le avvertenze sulla salute sulle sigarette non si sono dimostrate efficaci nel dissuadere i fumatori, in particolare i forti fumatori, dal fumare. I giovani dovrebbero essere educati al fumo e alla libertà di scelta in modo che diventino consumatori adulti responsabili più avanti nella vita. 

Ad esempio, uno studio del 2019 condotto in Australia ha rilevato che sia gli studenti universitari fumatori che quelli non fumatori percepito gli attuali avvertimenti sui pacchetti di sigarette in Australia hanno perso gran parte della loro efficacia come interventi per il controllo del tabacco. I non fumatori hanno percepito gli avvertimenti sulla salute sulle sigarette come preventivi e necessari per aumentare la consapevolezza sul fumo. I fumatori, al contrario, erano pessimisti su tali interventi.

Domanda 3: Tutti i prodotti del tabacco dovrebbero avere un'avvertenza combinata (foto e testo) sulla confezione?

Sapori caratterizzanti

Domanda 4: Fino a che punto sei d'accordo o in disaccordo sul fatto che il divieto di aromi caratterizzanti abbia aiutato i fumatori a smettere di fumare?

Domanda 5: Fino a che punto sei d'accordo o in disaccordo sul fatto che il divieto di aromi caratterizzanti abbia dissuaso i giovani dall'iniziare a fumare?

Sigarette elettroniche

Domanda 6: Fino a che punto sei d'accordo o in disaccordo sul fatto che le attuali normative sulle sigarette elettroniche siano state proporzionate nel proteggere i giovani dall'iniziare a utilizzare questi prodotti?

Un rapporto commissionato da PHE all'inizio del 2020 ha affermato che quasi i due terzi dei giovani di età compresa tra 11 e 17 anni nel Regno Unito che attualmente svapano più di una volta al mese avevano acquistato prodotti da soli. Numeri come questi spesso portano a richieste proibizioniste per ulteriori divieti e restrizioni sui prodotti da svapare. Tuttavia, è fondamentale trovare un equilibrio tra la necessità di garantire che gli adolescenti non siano in grado di acquistare prodotti per lo svapo incoraggiando i fumatori adulti a smettere.

Un altro rapporto commissionato dal PHE ha mostrato che 38% di fumatori riteneva che lo svapo fosse dannoso quanto il fumo, mentre 15% riteneva che lo svapo fosse più dannoso. Questa idea errata del rischio è una grande preoccupazione, perché scoraggia molti fumatori attuali a passare all'alternativa meno dannosa: lo svapo. È fondamentale che i fumatori siano istruiti sulla possibilità di cambiare e ridurre i rischi per la salute associati al fumo convenzionale. La commercializzazione dei prodotti per lo svapo deve essere incoraggiata in modo che i consumatori abbiano accesso alle informazioni necessarie sullo svapo come mezzo per smettere.

Ulteriori divieti di prodotti da svapare spingeranno più consumatori a prodotti illegali sul mercato nero non regolamentato, dove non vi è alcuna garanzia di sicurezza o qualità. Un mercato nero più ampio renderà ancora più facile per i minori acquistare prodotti per lo svapo senza alcuna verifica dell'età. 

Tuttavia, l'uso di prodotti da svapo tra gli adolescenti non è molto diffuso. Sui giovani tra gli 11 e i 18 anni che non hanno mai fumato, solo lo 0,1% svapa più di una volta alla settimana. 

Domanda 7: Fino a che punto sei d'accordo o in disaccordo sul fatto che le attuali normative abbiano garantito che le sigarette elettroniche siano disponibili per quei fumatori che desiderano passare a questi prodotti?

Concordare. L'approccio a favore dello svapo del Regno Unito dovrebbe essere lodato: salva vite umane e altri paesi dovrebbero seguire l'esempio del Regno Unito. In particolare, ciò riguarda altri paesi europei poiché finché il Regno Unito continuerà a rimanere aperto all'innovazione volta a ridurre le tariffe, c'è la possibilità che scelgano di allontanarsi dal paternalismo che non regge al controllo. Nonostante gli appelli a limitare l'accesso allo svapo, in particolare quelli che cercano di inquadrare lo svapo come una via d'accesso al fumo, il Regno Unito dovrebbe preservare il suo ruolo di sostenitore globale della riduzione del danno.

Un'analisi di 61 paesi ha mostrato che 196 milioni di fumatori potrebbero passare allo svapo se altri paesi trattassero lo svapo allo stesso modo del Regno Unito.

Tuttavia, il Regno Unito dovrebbe migliorare ulteriormente il suo attuale quadro normativo per raggiungere il suo obiettivo 2030 senza fumo (vedi domanda 8).

Domanda 8: Quale effetto pensi che le normative abbiano avuto sui fumatori che hanno preso in considerazione il passaggio alle sigarette elettroniche?

Sfortunatamente, come accennato in precedenza, il 38% dei fumatori nel Regno Unito ritiene che lo svapo sia dannoso quanto il fumo, mentre il 15% ritiene che lo svapo sia più dannoso. Molte normative hanno reso più difficile per i fumatori attuali ottenere informazioni corrette sullo svapo. La direttiva UE sui prodotti del tabacco ha impedito gli sforzi di passaggio e, dopo la Brexit, il Regno Unito ha un'opportunità unica per abbandonare l'approccio restrittivo dell'UE. Gli eccessivi divieti sulla pubblicità dello svapo dovrebbero essere revocati per garantire che i fumatori, in particolare i forti fumatori, siano in grado di ottenere tutte le informazioni necessarie sullo svapo. Dovrebbero essere incanalati sforzi di comunicazione significativi per aiutare a sensibilizzare sullo svapo come mezzo sicuro per smettere di fumare.

Domanda 9: Ritieni che le restrizioni sulla pubblicità delle sigarette elettroniche siano un modo efficace per scoraggiare i giovani e i non fumatori dall'uso di sigarette elettroniche?

D'accordo, non dovremmo tollerare lo svapo degli adolescenti e qualsiasi aumento del numero è preoccupante. Tuttavia, non possiamo allo stesso tempo privare milioni di fumatori adulti di alternative più sicure (secondo Public Health England, lo svapo è almeno 95% meno dannoso del fumo tradizionale) a causa di attività che sono già illegali. Tutti gli studi e i sondaggi mostrano che l'uso regolare tra i minori è raro, quindi lo sforzo dovrebbe essere posto nell'aiutare i fumatori adulti a smettere o per coloro che non vogliono o non sono in grado di smettere di passare allo svapo o ad alternative simili. È quindi fondamentale distinguere tra la comunicazione relativa ai limiti di età e all'accesso alle sigarette elettroniche per i minori in quanto tali e quella rivolta ai fumatori adulti.

Nuovi prodotti del tabacco

Domanda 10: Fino a che punto sei d'accordo o in disaccordo sul fatto che i requisiti del TRPR sui nuovi prodotti del tabacco siano proporzionati?

Pienamente d'accordo, è fondamentale che l'imminente aggiornamento legislativo distingua tra TRPR e tabacco convenzionale. Lo svapo è stato inizialmente inventato come un'alternativa più sicura volta a ridurre i rischi associati alla salute e dovrebbe essere visto come tale. Abbiamo bisogno di una rampa per la riduzione del danno che è lo svapo: sostenere le sigarette elettroniche come uno strumento efficace per aiutare i fumatori a passare a un'alternativa più sicura per consumare nicotina e alla fine smettere se lo desiderano.

Rinforzo

Domanda 11: Sei d'accordo o in disaccordo sul fatto che le sanzioni per violazione delle norme siano un deterrente efficace per garantire il rispetto delle norme?

Concordare. Nel Regno Unito, un venditore di videogiochi può essere multato fino a 20.000 GBP per la vendita di giochi soggetti a limiti di età a clienti minorenni. Allo stesso tempo, un venditore che vende liquidi da svapo a minorenni riceve una multa massima di appena 2.500 sterline, un ottavo rispetto ai videogiochi. Dato che uno studio ha rilevato che 5 negozi su 9 vendono prodotti per lo svapo ai minori, potrebbe essere necessario aumentare le multe del Regno Unito.

Il Regno Unito dovrebbe astenersi da una regolamentazione più severa che riguardi gli adulti e di conseguenza scoraggiarli dal cambiare. L'obiettivo dovrebbe essere un'applicazione migliore e più intelligente delle restrizioni esistenti sulle vendite.

Altra domanda

Domanda 12: Fino a che punto sei d'accordo o in disaccordo sul fatto che ci sia stato un impatto economico del TRPR, positivo, negativo o entrambi?

Nient'altro su TRPR?

Domanda 13: C'è qualcos'altro che vorresti condividere sugli impatti negativi o positivi che i regolamenti hanno avuto su argomenti non trattati sopra? In tal caso, spiega e includi qualsiasi prova e ricerca che potresti avere a sostegno della tua risposta.

In qualità di gruppo di consumatori globale che rappresenta milioni di consumatori in Europa e nel mondo, abbiamo lavorato per diffondere il messaggio di riduzione del danno per aiutare a diffondere la consapevolezza sullo svapo come strumento salvavita sia tra i fumatori che tra i non fumatori. Plaudiamo all'approccio progressista del Regno Unito allo svapo e crediamo che possa fare ancora meglio dopo la Brexit. In particolare, ciò riguarda le restrizioni pubblicitarie e l'applicazione più rigorosa delle norme relative allo svapo per adolescenti. 

Speriamo che il Regno Unito non ceda agli appelli scientificamente ingiustificati contro lo svapo e rimanga un sostenitore della riduzione del danno. In aggiunta a ciò, è anche fondamentale garantire che la legislazione in arrivo non prenda di mira involontariamente i fumatori adulti nel tentativo di ridurre i tassi di svapo tra gli adolescenti. Sebbene il Regno Unito sia l'esempio per l'Europa e il mondo, c'è spazio per miglioramenti.

Requisiti SPOT

Domanda 14: Fino a che punto siete d'accordo o in disaccordo sul fatto che i requisiti sull'imballaggio e l'etichettatura dei prodotti del tabacco siano stati un modo efficace per proteggere i giovani dall'iniziare a fumare?

Né d'accordo né in disaccordo. L'unico modo per proteggere i giovani dall'iniziare a fumare è attraverso l'istruzione e l'applicazione dei limiti di età. Inoltre, l'imballaggio semplice come politica non si è dimostrata efficace a lungo.

Domanda 15: Fino a che punto sei d'accordo o in disaccordo sul fatto che i requisiti sulla confezione e l'etichettatura dei prodotti del tabacco abbiano aiutato i fumatori esistenti a smettere?

A prescindere dalle nobili motivazioni in atto, i fallimenti del packaging semplice sono numerosi ed evidenti. Nel 2012, l'Australia ha approvato un decreto nazionale sugli imballaggi semplici. L'obiettivo era ridurre i tassi di fumo. Durante i primi anni del divieto, Di più giovani iniziato a fumare. I tassi di fumo tra gli australiani nella fascia di età 12-24 anni sono aumentati dal 12% nel 2012 al 16% nel 2013. Poco o niente imiglioramento è stato realizzato tra persone di età pari o superiore a 30 anni tra il 2013 e il 2016. Le persone di età compresa tra 40 e 49 anni hanno continuato a essere la fascia di età con maggiori probabilità di fumare ogni giorno (16,9%) e i tassi di fumo in questa fascia di età sono aumentati da 16,2% nel 2013. A allo stesso tempo, l'Australia ha registrato un enorme aumento delle sigarette da arrotolare: da 26% nel 2007, a 33% nel 2013 ea 36% nel 2016. 

L'imballaggio semplice, come la tassazione, ha lo scopo di allontanare i consumatori da particolari prodotti considerati dai governi dannosi, malsani e dannosi per il benessere della società. Ciò che i politici tendono a trascurare, tuttavia, è che la domanda di sigarette è anelastica e quindi né le tasse né i divieti di branding possono influenzare sostanzialmente il comportamento dei consumatori. 

Domanda 16: Le norme SPoT si applicano alle sigarette e al tabacco da arrotolare a mano. Fino a che punto sei d'accordo o in disaccordo sul fatto che i regolamenti SPoT dovrebbero essere limitati alle sigarette e al tabacco da arrotolare a mano (e non ad altri prodotti del tabacco)?

Dimensioni della confezione

Domanda 17: Fino a che punto siete d'accordo o in disaccordo sul fatto che l'introduzione di una confezione o di un peso minimo sia un modo efficace per proteggere i giovani dall'iniziare a fumare?

Il governo del Regno Unito dovrebbe astenersi dall'introdurre ulteriori interventi non solo perché sono costosi e paternalistici, ma anche perché non si sono dimostrati efficaci nel raggiungere l'obiettivo prefissato. Invece, il governo dovrebbe concentrarsi sull'approvazione dello svapo come mezzo per smettere di fumare

Aspetto delle sigarette

Domanda 18: Fino a che punto siete d'accordo o in disaccordo sul fatto che i requisiti sull'aspetto delle sigarette siano proporzionati?

Rinforzo

Domanda 19: Sei d'accordo o in disaccordo sul fatto che le sanzioni per violazione delle norme siano un deterrente efficace per garantire il rispetto delle norme?

  • essere d'accordo
  • disaccordo
  • non lo so

Altra domanda

Domanda 20: Fino a che punto sei d'accordo o in disaccordo sul fatto che ci sia stato un impatto economico di SPoT, positivo, negativo o entrambi?

Nient'altro su SPoT?

Domanda 21: C'è qualcos'altro che vorresti condividere sugli impatti negativi o positivi che i regolamenti hanno avuto su argomenti non trattati sopra? In tal caso, spiega e includi qualsiasi prova e ricerca che potresti avere a sostegno della tua risposta.

LA CONSULENZA È DISPONIBILE QUI

[AGGP COP9] Convenzione quadro per il controllo del tabacco (FCTC)

1) QUALE PROBLEMA DOVREBBERO AFFRONTARE QUESTE POLITICHE E POSIZIONI?

Al momento, l'organizzazione FCTC si astiene dal raccomandare o addirittura menzionare positivamente sistemi elettronici di erogazione di nicotina o dispositivi di svapo. Uno degli ultimi brief, datato 24 maggio 2018, loro reclamo le prove sui dispositivi di svapo sono "inconcludenti" e "esortano la COP a non impegnarsi in un lungo dibattito su questo argomento".

Cosa c'è di più, hanno espressamente rivendicato che i dispositivi ENDS non hanno abbastanza ricerche o prove per dimostrare che sono meno dannosi del tradizionale tabacco da combustione.

Questa affermazione è direttamente contraddittoria con la ricerca e la posizione ufficiale di Public Health England, che ha ripetutamente scoperto che lo svapo è 95% meno dannoso del fumo. 

Alla riunione COP8 dell'FCTC del 2018 a Ginevra, in Svizzera, Anne Bucher, direttore generale della direzione per la salute e la sicurezza alimentare dell'UE, menzionato che nonostante non contengano tabacco, i dispositivi di svapo e sigaretta elettronica dovrebbero essere considerati "prodotti del tabacco", soggetti a tutte le stesse leggi, restrizioni e divieti. Il trattato stesso ha cercato di imporre le stesse restrizioni allo svapo e alle sigarette elettroniche di sigarette e sigari. Ciò in realtà ostacolerà la capacità delle persone di smettere di fumare, e quindi è antitetico alla missione e alle dichiarazioni delle agenzie sanitarie pubbliche del Regno Unito.

Le proposte del trattato della FCTC mirano a equiparare i prodotti da svapo ai prodotti del tabacco tradizionali, un'affermazione che non regge al controllo e dovrebbe essere apertamente contestata dai delegati membri del Regno Unito alla COP9.

Piuttosto, l'FCTC deve rivedere le sue raccomandazioni sui prodotti ENDS per differenziarli completamente dal tabacco tradizionale e per incoraggiare gli Stati membri ad attuare la ricerca condotta da organismi come Public Health England che danno il via libera allo svapo come potente strumento di riduzione del danno per i fumatori.

2) GIUSTIFICAZIONE DELLE PROPOSTE

L'FCTC è un trattato globale organizzato dall'Organizzazione mondiale della sanità. Rivendica la sua autorità dalla Conferenza dei paesi membri delle Parti, nonché dal Segretariato della Convenzione. Pertanto, tutte le raccomandazioni che provengono dai dibattiti e dalle discussioni della delegazione si basano esclusivamente su argomenti e prove scientifiche accettate dal Segretariato della Convenzione, piuttosto che proposte dai singoli paesi membri.

Ciò è antitetico ai più ampi obiettivi democratici del Regno Unito a livello nazionale e al suo impegno per un'ulteriore politica basata sull'evidenza nelle organizzazioni che stipulano trattati all'estero.

Le principali autorità decisionali all'interno del processo COP giungono alle loro conclusioni sulla base di considerazioni politiche piuttosto che scientifiche, rifiutando apertamente le affermazioni scientifiche sottoposte a revisione paritaria che cercano di amplificare le voci più ampie della riduzione del danno del tabacco. Piuttosto, l'FCTC e il COP si concentrano principalmente su controllo del tabacco e eradicazione, piuttosto che mitigazione e riduzione del danno.

3) TRASPARENZA E CONSULTAZIONE

La stragrande maggioranza dei consigli e delle prove accettati dalla FCTC e dalla COP è presentata da membri di organizzazioni non governative e Stati membri. La maggior parte, se non tutte, le organizzazioni non governative che sono anche membri della COP sono strettamente gruppi di controllo del tabacco che inoltre non discutono i vantaggi o il potenziale salvavita delle tecnologie che riducono i danni come lo svapo. 

A gruppi come la Rete internazionale delle organizzazioni dei consumatori di nicotina è stato rifiutato lo status di osservatore alla COP per motivi così futili. Poiché l'intera missione della loro organizzazione non è "l'eradicazione del tabacco" nel nome, non è consentito partecipare o addirittura assistere al procedimento. Questo vale anche per la nostra organizzazione, il Consumer Choice Center.

Il solo prova scientifica sullo svapo che è stato ammesso nel procedimento sono redatti, finanziati e proposti da gruppi di controllo del tabacco. Con sorpresa di nessuno, gran parte di queste prove postula che ENDS e i dispositivi di svapo "non hanno alcun potenziale comprovato" per essere un'alternativa più sicura al tabacco tradizionale.

Inoltre, il COP della FCTC, negli ultimi anni, ha dedicato gran parte della sua programmazione e del tempo dei membri delegati a decidere se consentire ai giornalisti di assistere o riferire sui vari atti delle parti presenti. Questo ha risultato in dozzine di giornalisti che vengono privati del loro accreditamenti e rimosso con la forza dall'evento fisico. Questo contrasta con la difesa della libertà di parola da parte del Regno Unito.

Questo rifiuto delle attuali prove scientifiche e del consenso, in particolare da parte degli stessi organismi sanitari del Regno Unito, è uno stato di cose preoccupante e problematico per l'intera procedura COP dell'FCTC. Così come i crescenti procedimenti a "porte chiuse" che non consentono la libertà di stampa. Questo deve essere contestato su tutti i fronti.

4) ESPLORARE LA MINACCIA DI CONSEGUENZE INASPETTATE DELLE PROPOSTE ALL'INTERNO DELLA COP9.

Le politiche di salute pubblica nel Regno Unito sono danneggiate dalla FCTC perché il meccanismo del trattato serve a disincentivare le politiche che sostengono la riduzione generale del danno tramite dispositivi di svapo. Visto dalla COP, le politiche del Regno Unito che incoraggiano i fumatori a passare allo svapo sono considerate problematiche e potrebbero comportare sanzioni e sanzioni da parte dell'organismo sanitario globale.

Inoltre, le raccomandazioni dichiarate di mettere al bando o scoraggiare in gran parte i dispositivi di svapo e la tecnologia di svapo da parte del trattato attribuiscono il rispetto dei "fondi di attuazione". Ciò significa che i paesi membri che approvano restrizioni sui prodotti di svapo vengono "ricompensati" con centinaia di milioni di sterline. Questo era il Astuccio con la Repubblica della Georgia nel 2017, che ha ricevuto milioni di sterline in cambio dell'approvazione di una dura legge anti-tabacco che prendeva di mira anche i dispositivi di svapo. Approvando il disegno di legge, il governo georgiano ha ricevuto la promessa che avrebbe notevolmente aumentato le sue possibilità di futura adesione all'Unione europea. Il stragrande maggioranza del denaro offerto proveniva dai contribuenti britannici, tramite la delegazione britannica alla FCTC.

In questo modo, l'adesione del Regno Unito alla COP della FCTC non solo aiuta a sostenere le politiche sanitarie che contraddicono direttamente il proprio istituto sanitario pubblico, ma significa anche che i dollari dei contribuenti britannici sono in uso come incentivo per i paesi ad attuare politiche che scoraggino lo svapo e lo rendano più difficile. Le politiche e le sovvenzioni della FCTC vengono anche utilizzate per costringere i paesi membri attuali e promettenti che hanno un grande bisogno di fondi per lo sviluppo per far crescere le loro economie.

5) IDONEITÀ ALLO SCOPO.

  1. A causa delle prove di cui sopra, il protocollo FCTC è diventato più uno strumento per il potere e il controllo politico piuttosto che politiche di salute pubblica premurose. L'obiettivo della riduzione del danno, che è la chiave delle politiche del Regno Unito nei confronti dei fumatori, è ora completamente abbandonato dalla FCTC, se non addirittura rifiutato in modo ostile quando viene sollevato da ricercatori e paesi membri.
  1. L'FCTC dell'OMS ha deviato dal suo intento originario di aiutare a passare dal tabacco per diventare un'organizzazione interamente concentrata sull'eliminazione di tutte le alternative che potrebbero aiutare a salvare vite umane. I prodotti a rischio ridotto sono strumenti innovativi che hanno aiutato milioni di cittadini britannici comuni e ancora più persone in tutto il mondo, ma lo status quo all'interno della FCTC COP garantisce che questi prodotti non possano ottenere un'udienza equa.
  1. Invece di fungere da piattaforma internazionale per discutere modi più intelligenti ed efficaci per ridurre il consumo di tabacco, l'FCTC è invece diventata una cassa di risonanza insulare per i gruppi di controllo del tabacco e le delegazioni dei paesi membri che desiderano centralizzare e burocratizzare gli sforzi per ridurre il fumo, per tutto il tempo negando i reali impatti positivi associati a prodotti alternativi per la somministrazione di nicotina come lo svapo. La rivoluzione della riduzione del danno è stata finora sostenuta dalle autorità sanitarie pubbliche del Regno Unito e ha incoraggiato milioni di imprenditori a offrire in modo creativo questi prodotti agli ex fumatori. Per la FCTC e le organizzazioni affiliate, questa vigorosa rivoluzione del settore privato è un movimento da condannare e contrastare. Il Regno Unito può più permettersi di concordare tacitamente con la direzione di questa organizzazione e si raccomanda di sostenere la causa scientifica e lo scopo delle tecnologie di riduzione del danno come lo svapo. Con l'influenza del Regno Unito, la FCTC potrebbe raggiungere ancora una volta il suo scopo di ridurre il consumo di tabacco nel mondo.

[BR] Pubblicità sanitaria (63281)

Il Consumer Choice Center sta contribuendo con le raccomandazioni che ci identificano in diversi paesi del mondo sulla pubblicità sanitaria nell'imballaggio dei prodotti fumiganti.

Collaboriamo con le informazioni che aiutiamo i consumatori a farcela mentre melhores escolhas nei loro hábitos in prol de uma sociedade mais saudável, mas ao mesmo tempo que tregua la liberdade de escolha dos consudores e do livre mercado.

Contribuímos no passado com o Ministério da Saúde do Governo da Dinamarca, com agência Nacional de Saúde (NHS) do Reino Unido e com agência reguladora dos Estados Unidos da América (FDA). 

Siamo a disposizione per presentare le nostre idee neste assunte.

Divieto di divulgazione e pubblicità

Nessun Regno Unito, come prove scientifiche esistenti Appunto per il fatto che la suscettibilità al fumo tra i giovani è diminuita dopo l'introduzione del divieto di esibizione di tabacchi a piccole e grandi logge. 

Una diminuzione della suscetibilidade del fumo non significa necessariamente un declino delle imposte sul tabagismo, una volta che essa diminuisce anche se correlata con una serie di altri fattori, tanto quanto il regolamento quanto educacional, sia come innovazioni come prodotti redutores de danos. Un effetto collaterale negativo di una proibizione di esibizione può essere che fumar è percepito come un ato sinistro e segreto, o che incoraggia alcuni giovani a pegá-lo. In forma comparativa, poiché le sostanze entorpecentes ilícitas sono anche acquistate in grande numero da giovani, sem qualquer pubblicità o esibizione. Sabemos por meio de evidências in países que legalizaram ou descriminalizaram essas substâncias (particolarmente no caso da cannabis) que as taxas de consumo dos jovens se normalizam à medida que o manuseio da substância atinge aceitação social.

Non seriamente informato che il governo brasiliano recrisse i molti effetti colati da proibizione in caso di tabaco. As evidências científicas apresentadas pela Organização Mundial da Saúde (OMS) aponte per l'esempio della Nuova Zelanda, dove il divieto di esibizione coincise con una diminuzione della prevalenza del tabagismo 9% per 7%. Non entanto, correlazione non significa causalità. A medidam tem sobreposição com as medidas regulatórias and educacionais, bem como com innovações, come produtos redutores de danos.

Somando-se a questo punto, siamo anche accreditati che è imprudente per il governo brasiliano che tratta le sigarette elettroniche e gli altri prodotti per la riduzione dei danni da parte dei sigari a combustione convenzionale. Ringraziamo i produttori di danos redutores, come i cigarros eletrônicos, che rappresentano una forma innovatrice di parar de fumar. Un abordagem permissiva do Reino Unido aos cigarros eletrônicos mostrou um impacto positivo. De acordo com o NHS, tra il 2011 e il 2017, il numero di fumantes del Regno Unito è di 19,8% per 14,9%. Allo stesso tempo, il numero di utilizzatori di sigarette elettroniche è aumentato: quasi il metade di consumatori usa le sigarette elettroniche come mezzo per fumare.

Considera tutti i liquidi del vaporizzatore contenham nicotina, una sostanza chimica viciante è la principale attrazione per i fumanti che desiderano fumare. Nel confronto con altre alternative, come adesivi e medicamenti da Terapia de Reposição de Nicotina, e vaporizzazione foi considerada mais eficaz para ajudar os fumantes a parar de fumar. 

Anche noi discordiamo da avaliação apresentada na avaliação de impacto que afirma:

“Os consumidores habituais de produtos de tabaco sabem quais produtos e marcas preferem; eles não precisam de lembretes visuais.”

Fora do fato de que tal abordagem paralisa a existência de concorrência leal – in particolare no que se refere a entradas de novos produtos – esta conclusão dificultaria a mudança dos usuários de tabaco convencional para alternatives de redução de danos, una vez que stariam menos expostos a questi prodotti.

Dato una quantità insufficiente di prove sulla questione dell'efficacia e sui rischi chiari che il Consumer Choice Center ha elencato una risposta sull'impatto del divieto di esibizione, non crediamo che le medie costituiscano una forma efficace per proteggere i bambini e i giovani da iniziare a fumare e poi aqueles que desejam parar.

Pacotes padronizados (senza etichetta)

Sulla base dell'esperienza esistente nel campo dei semplici imballaggi di tabacco, discordiamo dall'implementazione di tal medida.

In Austrália foi o primeiro país a introduzir embalagens simples. O governo australiano afirma que foi um sucesso, mas um estudo de Nel 2016 l'Università RMIT di Melbourne descrisse una politica come un fracasso totale. Ciò mostrò che l'avanzata del governo sulla politica era tendenziosa e perse nel rappresentare con precisione i dati raccolti e fu realizzato dai mesmos gruppi di difesa che avevano convocato la politica in primo luogo. As taxas de tabagismo realmente diminuíram na Austrália desde que a política de embalagem commum foi introduzida in 2012. ja caindo antes disso. In verità, il declino del tasso di fumante è diminuito rispetto a quello degli imballi comuns chegaram. Come embalagens lisas foram introduzidas ao mesmo tempo que os altos aumentos de impostos sobre produtos de tabaco, mas nenhum dos dois parece ter causado um grande impacto nas taxas de fumantes.

Allora, perché un imballo semplice non ha un buon effetto? Talvez perché uno dei pochi beneficiari della procura sembra essere dei falsificatori. Poiché i maços comuns sono più facili da copiare rispetto alle alternative di marca, il commercio di sigari iliciti sta prosperando. In Australia, dal 2012 al 2017, la proporzione di sigari venduti è aumentata illegalmente di 12 per cento per 17 per cento. É difficile capire se gli embalagens semplici o gli incrementi di imposte sono i maggiori responsabili di tale aumento. Ma è certo che imballagens lisas facilitam o trabalho de quem vende sigari ilegais e mais baratos para consudores de baixa renda. Nel 2018, il governo australiano ha promosso la ripresa di un'economia parallela e del commercio di tabaco ilícito era seu maior alvo.

È una storia semestrale in Francia, che introduziu a embalagem comum em janeiro de 2017. Nos primeiros seis meses da apólice, houve um ligeiro aumento nas vendas de cigarros de 0,9 per cento, in confronto con il mesmo periodo di un anno prima. Além disso, come vendas de tabaco da iscrivere è aumentato di 3,6 per cento dei nostri primi tre mesi del 2017, anche dopo l'introduzione di un nuovo imposto sul prodotto. L'aereo del governo francese ha aumentato il prezzo dei sigari di € 10 per tre anni. Ma, più di una volta, anche se è così conveniente diminuire nelle vendite nelle tabaccherie locali, aumenterà la probabilità che i consumatori si muovano per sigari iliciti. De accordo com come stimative atuais, um terço dos cigarros já são vendidos no mercado negro da França.

Nossos relativi:

[BR] Regolarizzazione dei prodotti fumi (63283)

O Consumer Choice Center sta contribuendo con le raccomandazioni che abbiamo identificato in diversi paesi del mondo sulla regolarizzazione dei prodotti fumigeni, in particolare, i prodotti per la riduzione dei danni al sangue come i vaporizzatori.

Collaboriamo con le informazioni che aiutiamo i consumatori a farcela mentre melhores escolhas nei loro hábitos in prol de uma sociedade mais saudável, mas ao mesmo tempo que tregua la liberdade de escolha dos consudores e do livre mercado.

Contribuímos no passado com o Ministério da Saúde do Governo da Dinamarca, com a Agência Nacional de Saúde (NHS) do Reino Unido e com agência reguladora dos Estados Unidos da América (FDA). 

Vaporizzazione (Vaping):

Quando si tratta di vaporizzazione politica, è importante tenere presente che la vaporizzazione è stata inventata come un'alternativa più sicura al fumo convenzionale e, quindi, il tuo principale alvo pubblico è quello dei consumatori di tabacco. Ci sono molte varietà che contribuiscono alla tassazione del tabagismo tra i giovani, e molti studi recenti che concludono che la vaporizzazione è una porta d'ingresso per il fumo che non viene presa in considerazione. Per esempio, um estudo descobriù Quegli adolescenti che erano meno soddisfatti della loro vita, in generale, erano più propensi a cercare esperienze arriscadas e avevano una tendenza maggiore a consumare regolarmente sostanze ilícitas. I legislatori devono, quindi, concentrarsi sulla soluzione di questi problemi come il commercio illecito e mentale e garantire che le restrizioni di idea siano state acquisite. 

O principal órgão de saúde do Reino Unido, Public Health England, disse ripetutamente que fumar e fumar são 95% meno nocivos do que fumar. A mesma conclusão foi tirada pelo Ministério da Saúde da Nova Zelândia e Ministero da Saude do Canada, che lançou iniciativas públicas implorando que os fumantes voltem a usar vaporizadores.

Sabores e Vaporizzatori:

Os sabores desempenham um papel fondamentale em ajudar os fumantes a parar de fumar. La legislazione sulle vaporizzazioni deve essere presa in considerazione. Ehm estudo pubblicato nel New England Journal of Medicine nel 2019 (https://www.nejm.org/doi/10.1056/NEJMoa1808779) ha designato i partecipanti ai gruppi di sigarette elettroniche e di deposito di nicotina e ha scoperto che la vaporizzazione era due volte più efficace di quella prodotti di deposito di nicotina per aiutare i fumanti a fumare. Fondamentalmente, i partecipanti al gruppo di sigarette elettroniche sono stati incentivati a fare esperienze con liquidi elettronici di diversi dosaggi e sabores. Tra i partecipanti che studiano che non riescono a fumare completamente, il gruppo di sigarette elettroniche ha maggiori probabilità di ridurre l'ingestione di fumo rispetto al gruppo di deposito di nicotina. Risultati da indagare Uno studio di indagine longitudinale della Scuola di Saúde Pública di Yale descobriu que “em relação aos sabores de dos produtos vaping (vaporizadores/cigarros eletrônicos), não foi associado ao aumento da iniciação do tabagismo pelos jovens, mas foi associado a um aumento nas chances de cessação do tabagismo adult”.

Riscos à Saude:

La nicotina, trovata anche nelle sigarette elettroniche e utilizzata nella terapia di deposito di nicotina convenzionale, non aumenta il rischio di gravi gravi (attacchi cardiaci, dermatiti) o mortali. O Serviço Nacional de Saúde Britânico mantém a following vião: “Embora a nicotina seja a substância que vicia nos cigarros, ela é relativamente inofensiva. Quasi tutti i malefici del fumo hanno due milioni di altri prodotti chimici presentati al fumo di tabaco, molti dei quali sono tossici.

Un'analisi più dettagliata dei risultati dell'indagine mostra ciò apenas 2,1% dos não fumantes individui indagati usavam cigarros eletrônicos com frequência. UN Ação sobre Tabagismo e Saúde (ASH) UK Relata descobertas semelhantes e afirma que as taxas de tabagismo entre os jovens estão in níveis mais baixos eo uso de cigarros eletrônicos pelos jovens é raro, ea maioria dos usuários são fumantes ou ex-fumantes. 

Public Health England ha stabilito nel 2015 che la vaporizzazione è 95% meno pregiudizievole – e confermata 2020 che la vaporizzazione è una piccola frazione di due riscos del tabagismo. A mesma conclusão foi tirada peloda Ministério da SaúdeNova Zelândia e Saude do Canada, que lançou iniciativas públicas implorando que os fumantes voltem a usar cigarros eletronicos (vaporizadores/vaping). Lo svapo è stato affidato a Joachim Schüz, chef de meio ambiente e radiação da agência de pesquisa do câncer da OMS, a Agência Internacional de Pesquisa sobre o Câncer, durante il suo discorso al Comitato per il Meio Ambiente, Saúde Pública e Segurança Alimentar do Parlamento Europeo in febbre de 2020. Em sua opinione, os cigarros eletrônicos “não são tão prejudiciais” quanto os cigarros de tabaco e podem ajudar os fumantes pesados ​​​​a parar de fumar.    

Gli adulti che usano lo svapo e le e-cigarros come un mezzo per fumare si stanno godendo molte possibilità di vita lunga, saudace e una vita produttiva perché scoprono di svapare le loro opportunità di fumare e fumare. Ehm estudo Scopriamo che l'aumento dell'uso di sigarette elettroniche tra i fumatori adulti negli Stati Uniti è stato associato a un aumento statisticamente significativo della tassa di cessazione del tabagismo a livello di popolazione. Outro estudo, condotto dal professor Peter Hajek della Queen Mary University de Londres, ha scoperto che i prodotti a vapore sono quasi due volte più efficaci per far fronte a una terapia di deposito di nicotina. 

Non c'è argomento che non esistano rischi per la salute. Inoltre, i riscos associati alla vaporizzazione devono essere confrontati con quelli relativi al fumo convenzionale. Anche questo è stato stabilito  Il rischio di cancro dovuto ai sigari elettronici in confronto con il fumo è inferiore al mezzo per cento. Quindi, la vaporizzazione è uno strumento importante per migliorare la salute pubblica.

Vaporizzazione e Menores de Idade:

Una motivazione principale per le proibizioni di sabores proposte è quella di proteggere le menores, che sono presumibilmente attratte dalla miriade di sabores del vapore. Ma considerando che tutti i minorenni che utilizzano questi prodotti o che stanno acquistando per il mercato legale, è chiaro che l'impatto più immediato sarà sui vapers adulti che preferiscono quelle conoscenze. 

L'ultimo CDC nos números dos EUA mostra che 20,8% dos alunos do ensino médio vaporizzaram pelo menos uma vez nos últimos 30 dias. Mas quase metade deses estavam vaporizando cannabis em vez de nicotina, generalmente prodotti acquistati illegalmente.

Conforme já mencionado, apenas 2,1% dos não fumantes individui indagati usavam cigarros eletrônicos com frequência. Os dados da Azione su fumo e salute (ASH) Regno Unito Relatam descobertas semelhantes and afirmam that as taxas de tabagismo entre os youngs estão in níveis mais baixos eo uso de sigaris eletrônicos pelos jovens é raro ea maggior parte degli usuários são fumantes atuais ou ex-fumantes. 

Concordiamo sul rapporto che i limiti di idea e le restrizioni di acquisto per gli adolescenti sono necessari. I minorenni non devono essere autorizzati ad acquistare prodotti di vaporizzazione, quindi è importante creare e mantenere le condizioni in quanto non hanno incentivi per acquistare sigarette elettroniche in altro luogo. Le regolazioni di vaporizzazione devono essere intelligenti e garantire che vengano implementate tutte le restrizioni di idee necessarie. Riduci le attività del mercato nero e il commercio illegale sono vitali per ridurre la vaporizzazione delle persone più piccole. Non entanto, una raccomandazione di proibire os sabores causerà più danni a chi quaisquer benefícios. Il divieto di sabores è un effetto profondamente negativo per la società, acquistando le fumante di volta in sigari o in mercatino nero, o quello che ho aconteceu, per esempio, in alcuni stati di Stati Uniti che implementano tais proibições, come mostra questo relativo.

Conclusione:

Per sviluppare una struttura di vaporizzazione coerente, non è sufficiente limitarsi a un lado da moeda. Come accennato, c'è un'evidenza scientifica esemplare dimostrando che [1] "Os cigarros eletrônicos foram mais eficazes para parar de fumar do que a terapia de reposição de nicotina" e [2] que "O aumento sostanziale no uso de cigarros eletrônicos entre os Fumantes adult nos EUA è stato associato a un aumento statisticamente significativo della tassa di cessazione del tabagismo a livello di popolazione. "

Inoltre, una revisione sistematica recente da Cochrane di più di 50 studi e più di 12.000 partecipanti ha scoperto che i sigari elettronici con nicotina possono aiutare più persone a parar de fumar do que a terapia tradizionale de reposição de nicotina (como gomas ou adesivos) o sigarette elettroniche senza nicotina .

[1] – https://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/add.14656 

[2] – https://www.bmj.com/content/358/bmj.j3262 

Siamo assolutamente d'accordo sul fatto che le sigarette elettroniche non sono aste di fumo. In questo modo, vediamo come una caratteristica principale che fata neste sembra preliminare un confronto in termini di livello di dano esibito ai sigari elettronici nel confronto con i sigari tradizionali. Ci sono forti prove di vari studi sul fatto che i sigari elettronici siano in media meno pregiudizi rispetto ai sigari tradizionali. 

Os sabores desempenham um papel fondamentale para ajudar os fumantes a parar. La legislazione sulle vaporizzazioni deve essere presa in considerazione. Risultati da indagare Uno studio di indagine longitudinale della Scuola di Saúde Pública di Yale descobriu que “em relação aos sabores de tabaco vaping, vaping cigarros eletrônicos sem sabor de tabaco não foi associado ao aumento da iniciação do tabagismo pelos jovens, mas foi associado a um aumento nas chances de cessação do tabagismo adult”.

Uno studio della Scuola di Saúde Pública di Yale scopre che i sabores frutados e doces têm due hanno più possibilità di aiutare i fumantes a parar de fumar.

L'affermazione che le fumantes mai introdotte in massa sul tabagismo deviato alla vaporizzazione sembrano non essere state cancellate dai dati più recenti di Action on Smoking and Health (ASH) del Reino Unido. Afirma que “apenas 0,3% dos nunca fumantes são vapers atuais (corrispondendo a 2,9% dos vapers), ante 0,8% em 2019”.

Ehm studio conducido pela University College London nel 2019 ha analizzato i dati di oltre 50.000 fumantes dal 2006 al 2017 e ha scoperto che l'uso di sigari elettronici per il fumo era positivamente associato alle tasse di successo dell'abbandono, con circa 1 per cento di aumento non uso di e -cigs associate a un aumento di 0,06% al tasso di successo dell'abbandono.

Una revisione delle evidenze della Public Health England ha scoperto che “i sigari elettronici possono contribuire a meno di 20.000 nuovi tentativi di abbandono da parte loro e possibilmente molti di più, o l'uso di sigari elettronici è associato a tassi di successo dell'abbandono migliori no Ultimo anno e una cosa accelerata senza tassi di tabagismo in tutto il paese, molti milioni di fumanti accreditati erroneamente che lo svapo è così pregiudizievole quanto fumar; cerca 40% dos fumante nem sequer experimentou um cigarro eletrônico.

Além disso, a Federação Francesa sobre Dependências (FFA) publicou um relatório oficial reconhecendo che i sigari elettronici sono “una ferramenta complementare alla riduzione dei rischi che permette a un grande numero di fumanti di ridurre se gli effetti negativi del tabacco sono ridotti”. 

Outra revisão sistemática e metanálises avaliou os achados de seis estudos, coinvolgendo 7.551 partecipanti, que relataram a cessação do tabagismo após o uso de e-cigarros constataram que o e-cigarros está associado à cessação e redução do tabagismo. 

Per aggiungere a questo punto, uno studio finanziario per Cancer Research UK pela University College London (https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31117151/), nel Regno Unito, scopri che gli utenti di prodotti a vapore têm 95% mais chances de ter sucesso em parar de fumar do que aqueles que não usam produtos a vapor. 

Sulla base dei dati longitudinali robusti in merito alla cessazione, gli studi esistenti non hanno la sensazione che European Heart Network non sia tenuto in considerazione. In accordo con uno studio longitudinale che ha valutato il comportamento di 844 utilizzatori di sigarette elettroniche per un periodo di 12 mesi, la conclusione è stata che "le sigarette elettroniche possono contribuire alla prevenzione delle perdite da ex fumanti e alla cessazione del tabagismo con le fumanti atuais".

[UK] AVANZARE LA NOSTRA SALUTE: LA PREVENZIONE NEGLI ANNI 2020

Quali idee dovrebbe prendere in considerazione il governo per raccogliere fondi per aiutare le persone a smettere di fumare?

Riteniamo che l'innovazione di alternative per la riduzione del danno non solo possa aiutare le persone a ridurre l'esposizione dannosa e persino aiutarle a smettere di fumare tabacco normale, ma anche a raggiungere tale obiettivo senza la necessità di fondi governativi. 

L'approccio permissivo del Regno Unito alle sigarette elettroniche ha mostrato un impatto positivo. Secondo il SSN, tra il 2011 e il 2017, il numero di fumatori nel Regno Unito è sceso da 19,8% a 14,9%. Allo stesso tempo, è aumentato il numero di utenti di sigarette elettroniche: quasi la metà di questi consumatori usa le sigarette elettroniche come mezzo per smettere di fumare. Sanità pubblica Inghilterra ha confermato che le sigarette elettroniche sono 95% più sicure delle sigarette convenzionali. Pertanto, i consumatori dovrebbero avere la possibilità di scegliere lo svapo. 

Inoltre, non crediamo che un approccio aggressivo alla questione aiuterà a smettere di fumare. Le rigorose misure anti-tabacco si sono dimostrate regressive e tendono a spingere e sigillare i consumatori nel mercato nero per molto tempo. Smettere di fumare è un compito difficile, che può essere raggiunto attraverso alternative che riducono i danni, come sigarette elettroniche, prodotti che non bruciano o snus (che è illegale nell'Unione Europea, ad eccezione della Svezia). 

Come possiamo fare di più per aiutare le madri ad allattare?

Sebbene l'allattamento al seno sia lodevole, in quanto potrebbe favorire il benessere fisico del bambino, va notato che non tutte le madri sono in grado di fornire la quantità necessaria. Ciò può portare alla disidratazione del bambino, portando a gravi condizioni mediche. Per quelle madri, il latte artificiale è un'alternativa necessaria. Sosteniamo quindi il mantenimento dell'aliquota zero per l'IVA sul latte per bambini.

Inoltre, il CCC sostiene la continuazione dell'Equality Act 2010, che consente alle madri di allattare al seno in tutti i luoghi pubblici.

Tuttavia, l'allattamento al seno rimane una scelta individuale della madre e può e non deve essere imposto. Questa è una scelta intima che deve essere fatta da una madre, in cui i legislatori non dovrebbero avere voce in capitolo.

Come possiamo sostenere al meglio le famiglie con bambini da 0 a 5 anni a mangiare bene?

Rimane una sfida continua per migliorare l'alimentazione dei bambini piccoli. Questa responsabilità spetta ai genitori, voi svolgete la funzione di custodi ed educatori. Nella fascia di età da 0 a 5 anni, questa responsabilità è più pronunciata e dovrebbe essere presa sul serio. Il Consumer Choice Center ritiene che i genitori abbiano l'obbligo morale di informarsi su una sana alimentazione per i propri figli. Tuttavia, l'inversione della piramide alimentare ha dimostrato che una guida nutrizionale istituzionalizzata può portare a effetti negativi. La Harvard School of Public Health ha sottolineato che la piramide alimentare “trasmetteva i consigli dietetici sbagliati”. Dice anche: "Con un cesto del pane ripieno come base, la Food Guide Pyramid non è riuscita a dimostrare che il grano integrale, il riso integrale e altri cereali integrali sono più sani dei cereali raffinati". Il CCC è quindi scettico sull'idea di diete consigliate dal governo per i bambini.

L'obbligo dei genitori di fare scelte informate sull'alimentazione dei propri figli non si esaurisce all'età di 5 anni. Al contrario, quando i bambini raggiungono l'età per poter essere attivi nello sport, hanno bisogno di essere incoraggiati a fare Così.

Nell'ottobre dello scorso anno, Public Health England ha indicato che più del 37% dei bambini di 10 e 11 anni a Londra sono in sovrappeso o obesi. Si sostiene spesso erroneamente, per questa età, che ciò sia causato da un'elevata assunzione di energia, ma i tassi di obesità dipendono dall'attività fisica, che secondo Public Health England è diminuita del 24% dagli anni '60. Anche l'apporto calorico giornaliero nel Regno Unito è decrescendo ogni decennio.

Inoltre, il governo dovrebbe cercare di alleggerire le misure normative che aumentano il prezzo dei cibi sani.

In quale altro modo possiamo aiutare le persone a raggiungere e mantenere un peso più sano?

Si sostiene spesso erroneamente che la crisi dell'obesità sia causata da un'elevata assunzione di energia, ma i tassi di obesità dipendono dall'attività fisica, che secondo Public Health England è diminuita del 24% dagli anni '60. Anche l'apporto calorico giornaliero nel Regno Unito è decrescendo ogni decennio.

L'attività fisica è quindi fondamentale. Il governo locale dovrebbe promuovere e incoraggiare la creazione di luoghi di fitness all'aperto e facilitare la creazione di percorsi pubblici interessanti e sicuri, che possono essere utilizzati per l'esercizio fisico. Il CCC ritiene inoltre che i programmi sportivi comunitari dovrebbero far parte della strategia del governo per combattere l'obesità.

Hai esempi o idee che aiuterebbero le persone a fare più esercizi di forza ed equilibrio?

L'attività fisica è fondamentale. Il governo locale dovrebbe promuovere e incoraggiare la creazione di luoghi di fitness all'aperto e facilitare la creazione di percorsi pubblici interessanti e sicuri, che possono essere utilizzati per l'esercizio fisico. Il CCC ritiene inoltre che i programmi sportivi comunitari dovrebbero far parte della strategia del governo per combattere l'obesità.

Quali sono le 3 cose principali che vorresti vedere coperte in una futura strategia sulla salute sessuale e riproduttiva?

A partire da ora, il Regno Unito applica un'aliquota IVA di 5% sui preservativi. Il Consumer Choice Center sostiene un'esenzione di questi prodotti dall'IVA. I preservativi non sono prodotti sanitari di lusso: servono essenzialmente a promuovere la salute sessuale e riproduttiva e garantiscono la scelta dei consumatori.

[UK] La regolamentazione delle tecnologie genetiche

Attualmente, gli organismi sviluppati utilizzando tecnologie genetiche come la GE sono regolamentati come organismi geneticamente modificati (OGM) anche se i loro cambiamenti genetici potrebbero essere stati prodotti attraverso l'allevamento tradizionale. Sei d'accordo con questo?

Risposta: No, non dovrebbero continuare a essere regolamentati come OGM

Spiega la tua risposta, fornendo prove specifiche se del caso. Ciò può includere suggerimenti per un approccio normativo alternativo.

Il Regno Unito dovrebbe sforzarsi di essere in linea con il Protocollo di Cartagena e non trattare gli organismi sviluppati utilizzando OGM come OGM, se avrebbero potuto essere prodotti attraverso l'allevamento tradizionale. Un'accurata valutazione del rischio dovrebbe essere basata sul singolo organismo, non sulla tecnologia che l'ha prodotta. In tal senso, il Regno Unito dovrebbe discostarsi dalla legislazione UE esistente e dalla relativa sentenza della Corte di giustizia del 2018.

Gli organismi prodotti da GE o da altre tecnologie genetiche comportano un rischio simile, minore o maggiore di danni alla salute umana o all'ambiente rispetto alle loro controparti allevate tradizionalmente a causa del modo in cui sono stati prodotti?

Fornisci prove a sostegno della tua risposta, compresi i dettagli della tecnologia genetica, i rischi specifici e il motivo per cui differiscono o meno. Si prega inoltre di indicare a quali applicazioni/aree si riferisce la risposta (ad esempio: si applica alla coltivazione di piante coltivate, all'allevamento di animali da allevamento, all'alimentazione umana, ai mangimi per animali, ai medicinali umani e veterinari, ad altre applicazioni/aree).

La domanda non rende giustizia alla complessità della questione. Fare dichiarazioni generali di sicurezza per tutti i prodotti derivati dall'ingegneria genetica non è possibile, né auspicabile. In effetti, la prospettiva della regolamentazione per tecnologia, non per organismo, è un fallimento della politica dell'UE, che dovrebbe essere rivisitata. La tecnologia dell'ingegneria genetica è un mezzo per un fine, di cui non possiamo fare dichiarazioni generiche.

Ci sono questioni non legate alla sicurezza da considerare (ad es. impatti sul commercio, sulla scelta dei consumatori, sulla proprietà intellettuale, sulla regolamentazione, sul benessere degli animali o altro), se gli organismi prodotti da GE o altre tecnologie genetiche, che potrebbero essere stati prodotti naturalmente o attraverso metodi di allevamento tradizionali , non erano regolamentati come OGM?

 sì

Fornisci prove a sostegno della tua risposta e approfondisci quali sono questi problemi non legati alla sicurezza.

Le questioni non relative alla sicurezza che devono essere prese in considerazione sono la legalità delle restrizioni sugli OGM nelle giurisdizioni dei partner commerciali. Se l'Unione europea non consente l'importazione di organismi geneticamente modificati a causa della sua direttiva sugli OGM, ciò ha implicazioni commerciali che possono attivare meccanismi di controversia internazionale.

Esiste una serie di normative esistenti, non GM, che controllano l'uso di organismi e/o prodotti da essi derivati. La legislazione sugli OGM applica controlli aggiuntivi quando l'organismo o il prodotto è stato sviluppato utilizzando particolari tecnologie. Ritenete che la legislazione esistente, non GM, sia sufficiente per trattare tutti gli organismi, indipendentemente dal modo in cui sono stati prodotti o è necessaria una legislazione aggiuntiva? Si prega di indicare nella tabella se, sì, la legislazione esistente non OGM è sufficiente o no, la legislazione esistente non OGM è insufficiente e sono necessarie ulteriori misure di governance (regolamentari o non regolamentari). Si prega di rispondere S/N per ciascuno dei seguenti settori/attività:

Coltivazione di piante coltivate: sì
Allevamento di animali da allevamento: Sì
Cibo umano: sì
Cibo per animali: sì
Medicinali umani e veterinari: Sì
Altri settori/attività: Sì

Fonte: https://consult.defra.gov.uk/agri-food-chain-directorate/the-regulation-of-genetic-technologies/

[UE] Tassazione del tabacco – accise sui tabacchi lavorati

Per chi è coinvolto,

La lotta contro il cancro nell'UE rimane una delle nostre maggiori priorità come società e, pertanto, dobbiamo affrontare questo problema in modo intelligente utilizzando un approccio basato sulla scienza che migliori la scelta dei consumatori.

La tassazione ha lo scopo di allontanare i consumatori da determinati prodotti, in questo caso le sigarette. Ciò che i politici tendono a trascurare, tuttavia, è che la domanda di sigarette è anelastica e le tasse, insieme ad altre restrizioni e divieti, non possono influenzare sostanzialmente il comportamento dei consumatori. I consumatori dovrebbero essere visti come individui responsabili del proprio benessere che prendono una decisione volontaria e informata di fumare. L'UE dovrebbe cercare di preservare la scelta dei consumatori e l'incoraggiamento potrebbe essere una via più equilibrata.

Inoltre, le tasse sul tabacco elevate guidano il commercio illecito di prodotti del tabacco. Secondo l'Ufficio per la lotta antifrode dell'Unione europea (OLAF), il contrabbando di sigarette e altre forme di commercio illecito di prodotti del tabacco provocano ogni anno una perdita stimata di 10 miliardi di euro per i bilanci dell'UE e nazionali. Nella catena di approvvigionamento legale, produttori, fornitori, distributori, rivenditori e consumatori sono tutti interessati dal commercio illecito. Il mercato nero del tabacco prende di mira i gruppi vulnerabili della società, minando le strategie per lo sforzo di prodotti per la riduzione del danno.

Per prevenire questi rischi, l'Unione Europea dovrebbe limitare la tassazione, e non aumentare la tassazione, sui prodotti del tabacco. Gli aumenti delle tasse incentivano i consumatori ad acquistare prodotti illegali e rendono più attraenti le alternative al mercato nero. La regolamentazione e la tassazione eccessive dei prodotti del tabacco ne riducono l'accesso e la disponibilità senza ridurre la domanda.

L'efficacia delle sigarette elettroniche come strumento per smettere di fumare è innegabile, tenendo presente che si rivolge ai fumatori piuttosto che ai non fumatori. Lo svapo è uno strumento salvavita ed è stato dimostrato che è 95% meno dannoso del fumo. Anche gli organismi sanitari internazionali, Public Health England, Ministero della salute e della salute canadese della Nuova Zelanda hanno approvato lo svapo per incoraggiare i fumatori a cambiare.

La nuova strategia per le accise sul tabacco dovrebbe prendere in considerazione questi fatti e sviluppare un quadro normativo separato per lo svapo. Gli Stati Uniti forniscono una preziosa lezione sui danni che possono essere causati dalle accise sulle sigarette elettroniche. Ricercatori statunitensi hanno scoperto che "una proposta di tassa nazionale sulle sigarette elettroniche di $1,65 per millilitro di liquido da svapare aumenterebbe la percentuale di adulti che fumano sigarette ogni giorno di circa 1 punto percentuale, traducendosi in 2,5 milioni di fumatori adulti giornalieri in più rispetto al controfattuale di non avendo la tassa”. Non dobbiamo dimenticare che il nostro obiettivo è sconfiggere il cancro nell'UE e, per farlo, non dobbiamo essere ciechi di fronte all'esperienza straniera e alle prove a portata di mano.

Ancora più importante, al fine di ridurre i tassi di cancro, è fondamentale garantire che lo svapo non sia accessibile solo dal punto di vista del prezzo, ma anche che i fumatori siano consapevoli della possibilità di passare a un'alternativa più sicura in grado di ridurre vari rischi associati alla salute. L'UE deve incoraggiare la commercializzazione e il marchio di prodotti per lo svapo sicuri e legali. L'informazione dei consumatori è necessaria per aiutare a sconfiggere il cancro nell'UE attraverso lo svapo.

Viste le suddette argomentazioni, consigliamo vivamente di astenersi da ulteriori aumenti delle accise sul tabacco per non incentivare il mercato nero. Chiediamo inoltre alla Commissione di seguire la scienza e di essere consapevole del fatto che lo svapo, in quanto strumento efficace per smettere di fumare, dovrebbe essere trattato in modo diverso dal fumo convenzionale. Restrizioni più severe e tasse più elevate non ci aiuteranno a sconfiggere il cancro nell'UE, ma mettere insieme un quadro scientifico e favorevole ai consumatori per quanto riguarda il fumo e lo svapo lo farà.

Cordiali saluti,

Maria Chaplia
Associato per gli affari europei
Centro di scelta dei consumatori

Originariamente pubblicato qui.

Descrizione
it_ITIT