fbpx

I canadesi si inzuppano di tasse nascoste sugli alcolici

La "tassa mobile" federale nasconde efficacemente gli aumenti annuali, rimuovendo la discussione dal processo democratico

La proposta "Buck A Beer" di Doug Ford ha reso nuovamente la regolamentazione dell'alcol un argomento di discussione. Molti cittadini dell'Ontario della classe operaia lodano la mossa di Ford, anche solo come un gesto, perché ha mostrato ai consumatori che l'aiuto era in arrivo per fermare l'aumento dei prezzi.

Sebbene "Buck A Beer" sia stato concepito per dare un po' di sollievo ai consumatori, il Premier Ford ha ancora in programma di aumentare la tassa sulla birra dell'Ontario, ed è stato giustamente criticato per questo. Il 1° novembre, la tassa sulla birra alla spina e non aumenterà di tre centesimi al litro, un aumento di quasi il 10%.

Detto questo, c'è un'altra discussione, molto più ampia, da fare quando si tratta di politica sull'alcol, in particolare la tassa sulle scale mobili del governo federale su birra, vino e liquori. La maggior parte dei consumatori non sa che il 47% del prezzo della birra va direttamente al governo.

Quando guardiamo agli alcolici, questa cifra è ancora più sorprendente: l'80% del prezzo di una bottiglia di alcolici è tassato. Ciò che rende queste cifre più preoccupanti e preoccupanti per i consumatori è che, a causa della tassa sulle scale mobili per l'alcol del governo federale, la tassa su tutto l'alcol aumenterà automaticamente ogni anno, per sempre.

La tassa sulle scale mobili imporrà che la tassa sul peccato sull'alcol aumenti, a un tasso indicizzato all'inflazione, ogni anno il 1 aprile, indipendentemente da chi è in carica.

L'impatto di questa tassa sconvolgerà ovviamente i produttori di birra e i distillatori che producono questi prodotti, ma, cosa più importante, avrà un impatto sui consumatori e danneggerà in modo sproporzionato i consumatori a basso reddito. Per quei consumatori a basso reddito, gli aumenti fiscali perpetui significano che ogni anno dovranno spendere di più per questi prodotti. Per molti, questa sembra una punizione crudele per il reato di voler gustare una bevanda alcolica e socializzare o rilassarsi.

Il confronto di come l'alcol è tassato negli Stati Uniti strofina il sale nella ferita per i consumatori canadesi. Per l'americano medio, l'acquisto di una cassa di birra ha $4.12 di tasse associate. Per il canadese medio, la tassa pagata su quella stessa cassa di birra è oltre cinque volte superiore, a $20.31. L'aliquota fiscale federale sulla birra in Canada è 2,8 volte superiore a quella degli Stati Uniti, mentre l'aliquota fiscale provinciale media è oltre sei volte superiore all'aliquota fiscale media statale degli Stati Uniti.

Lo stesso vale per le accise sulle bevande spiritose. L'aliquota dell'accisa su una bottiglia di alcolici in Canada è superiore dell'83% a quella degli Stati Uniti. Mentre le tasse salgono sui canadesi, i nostri amici americani stanno riducendo il loro carico fiscale. È abbastanza chiaro che i consumatori canadesi stanno ottenendo un affare grezzo quando si tratta di come il nostro governo ci tratta.

Coloro che sostengono queste tasse sui peccati le sostengono per due ragioni. Il primo è l'affermazione che tasse più alte scoraggeranno il consumo. Il secondo è che l'aumento della tassazione aumenterà le entrate del governo. Ma queste ragioni si contraddicono a vicenda. Se le tasse sui peccati scoraggiano l'uso, ovviamente le entrate del governo non aumenteranno. Se le tasse sui peccati non scoraggiano l'uso, allora la tassa non è altro che un accaparramento fiscale. I sostenitori dall'altra parte di questo problema hanno simultaneamente perpetuato queste giustificazioni contraddittorie e nessuno li ha chiamati a farlo.

In fin dei conti stiamo parlando di consumatori adulti, e i consumatori adulti meritano di essere trattati con rispetto, da adulti. Prima che vengano introdotte nuove tasse, i consumatori dovrebbero essere consultati, o almeno avere la possibilità di votare per i politici che sono a favore o contrari a nuove tasse.

La tassa sulle scale mobili rimuove quella discussione dal processo democratico ed elimina del tutto i consumatori dalla discussione. Il governo deve smetterla di martellare i redditi disponibili dei canadesi e lasciare che i consumatori adulti godano di questi prodotti in modo responsabile.

David Clement è il direttore degli affari nordamericani per il Consumer Choice Center. Seguilo su Twitter all'indirizzo @ClementLiberty

Originariamente pubblicato qui

Descrizione