fbpx
Inside Sources Logo

Nella nostra era di pandemia, Internet ad alta velocità è diventata una necessità. Che si tratti di pagare le bollette, accedere a scuola o inviare domande di lavoro, il passaggio da carta e penna a browser ed e-mail è stato rapido.

Ha senso che il presidente Joe Biden e la maggioranza democratica al Congresso vogliano importanti investimenti nello sviluppo di Internet.

"Un pollo in ogni pentola, una connessione a banda larga in ogni casa", per usare un FDR-ismo.

Come parte dell'American Jobs Plan, l'amministrazione Biden vuole $100 miliardi per portare "una banda larga economica, affidabile e ad alta velocità a ogni americano". Un simile fattura presentato dal rappresentante Frank Pallone (DN.J.) chiede $109 miliardi per più connessioni rurali, fornitori di servizi Internet municipali e formazione tecnologica per gli anziani.

È vero che nel nostro Paese esiste un “divario digitale”; molte aree popolate del paese hanno una ricca concorrenza di fornitori di servizi Internet e velocità più elevate, mentre le terre rurali e tribali mancano di opzioni.

E mentre c'è una nobile spinta per l'equità della banda larga, la realtà è che miliardi di spesa e centralizzazione della politica non affrontano i problemi reali e non manterranno quanto promesso.

Esistono migliaia di regole diverse tra comuni e stati che sovrintendono all'infrastruttura Internet che fungono da barriera per far connettere più americani.

Un 2018 studia dalla Federal Communications Commission sugli oneri normativi statali e locali ha trovato oltre 700 singoli esempi di leggi e statuti che ostacolano i provider di Internet prima ancora che colleghino una casa.

Questi includono ambiguità sui processi di richiesta, costi di autorizzazione elevati per le reti, approvazione lenta, regole gravose e altro ancora.

Con un contesto normativo complesso e l'incertezza sull'eventuale approvazione dei progetti, è facile capire perché esistano ostacoli.

In un'udienza del sottocomitato del Congresso a Washington all'inizio di questo mese, i testimoni hanno sostenuto che i fondi federali per implementare la banda larga, o persino autorizzare i comuni ad avviare le proprie società Internet, sarebbero stati i più efficaci.

Ma ciò contrasta con le prove sulle reti municipali e le mutevoli tendenze nello spazio delle telecomunicazioni.

Uno studio del 2017 dell'Università della Pennsylvania ha rilevato che le utility Internet del governo locale lo sono del tutto troppo costoso da mantenere e che alcuni impiegheranno decenni per recuperare i costi iniziali. In molti casi, i progetti in fibra municipale hanno portato a progetti municipali default e la necessità di aumentare tasse e obbligazioni per compensare i costi.

La Taxpayers Protection Alliance sostiene un elenco attivo di ogni rete municipale a banda larga fallita nel paese, e cresce di mese in mese.

Il presupposto principale di questi piani per la banda larga da miliardi di dollari è che dovremmo utilizzare le nostre risorse per concentrarci esclusivamente sulle connessioni in fibra a banda larga, evitando investimenti in reti mobili e satellitari che sono molto più economiche, più efficienti e forniscono velocità elevate.

SpaceX di Elon Musk di recente lanciato altri 60 satelliti per il suo progetto Starlink, che mira a fornire Internet a banda larga via satellite a basso costo in tutto il mondo. Entro la fine del 2021, ci saranno 1.000 satelliti che forniranno Internet a oltre 10.000 clienti in tutto il mondo, accedendo a velocità di download fino a 300 megabit al secondo, oltre il minimo FCC di 25 megabit al secondo.

Piuttosto che investire tutte le nostre risorse in connessioni cablate a banda larga, il governo dovrebbe praticare la neutralità tecnologica, non favorire una tecnologia rispetto a un'altra. Questo è il modo più intelligente per fornire copertura a ogni americano.

Ad esempio, il 15% degli americani fa affidamento sugli smartphone per Internet e non ha la banda larga a casa, secondo Pew Research. Che è equamente diviso tra regioni urbane e rurali del paese. Tuttavia, non è chiaro se ciò sia dovuto al fatto che non esistono opzioni a banda larga o al fatto che i consumatori preferiscono Internet mobile.

Ma ciò che è chiaro è che man mano che le reti mobili si espandono e le velocità migliorano, come hanno fatto Fatto nell'ultimo decennio, e continuiamo ad espandere le opzioni di fibra e satellite, più americani saranno connessi a Internet più veloce e migliore. Tuttavia, per farlo, abbiamo bisogno del potere degli investimenti privati, di regole normative chiare e dell'eliminazione della burocrazia.

Se il nostro obiettivo è l'equità della banda larga, abbiamo bisogno di tutte le soluzioni disponibili, non solo quelle inventate a Washington.

Originariamente pubblicato qui.

Condividere

Seguire:

Altri post

Iscriviti alla nostra Newsletter

Descrizione