fbpx

Giorno: 27 novembre 2023

Wagner ANCORA conduce una guerra segreta mentre i mercenari guadagnano 8 milioni di sterline al mese per torturare e massacrare civili per conto dei brutali signori della guerra del Mali

I mercenari Wagner della RUSSIA stanno ancora conducendo una guerra segreta guadagnando 8 milioni di sterline al mese per regnare il terrore per i brutali signori della guerra in Mali. 

È una commedia standard per l'esercito mercenario che terrorizza, mutila e uccide per conto dell'esercito russo stato in cambio di oro in sangue per sfamarsi La guerra di Putin macchina, hanno detto gli esperti al Sun.

Il Gruppo Wagner, che per anni è stata governata da oligarca e signore della guerra Evgenij Prigožin finché lui incontrò la sua fine infuocata in agosto, hanno trascorso decenni ad affondare segretamente i loro artigli in Africa.

La loro inquietudine insegne nere è stato visto calpestare tutta la democrazia e fomentando guerre per procura in tutta l’Africa centrale e occidentale.

Per lo più di recente, lo stato di povertà e fallimento Mali è diventato un ospite di zombi per gli spinosi tentacoli dello stato russo.

E gli affari sporchi vanno a gonfie vele.

Alla fine del 2021, la giunta militare che ha preso il potere con un colpo di stato ha invitato Wagner a portare le sue armi e combattenti incalliti per schiacciare il islamico Gruppo terroristico di Stato.

In realtà, hanno avviato l'ultimo dei ONU forza di mantenimento della pace e Quello della Francia truppe e sostenuto il corrotto regime militare del Mali, lasciando dietro di sé una scia polverosa di atrocità.

L’intelligence statunitense sostiene che questa cosiddetta “sicurezza” costa al Mali 8 milioni di sterline al mese.

L’esercito di fatto offre un “ampio portafoglio” di “violenza, atrocità e violazioni dei diritti umani”, secondo il professor Salvador Sánchez Tapi, esperto di analisi dei conflitti presso l’Università di Navarra.

Leggi il testo completo qui

Non aumentare le tasse sui prodotti da svapare. Aiutano le persone a smettere di fumare

L’Ontario prevede di raddoppiare le tasse sugli articoli da svapare. Sì, alcuni vapers potrebbero smettere. Ma altri torneranno a fumare

Se sei un fumatore in Ontario che sta cercando di smettere - e se sei un fumatore, tu dovrebbe prova a smettere: passare a prodotti di svapo a basso rischio diventerà molto più costoso. Nella sua dichiarazione economica autunnale all'inizio di questo mese, il ministro delle Finanze dell'Ontario Peter Bethlenfalvy annunciato la provincia collaborerà con il governo federale per raddoppiare il carico fiscale sui prodotti di svapo.

In questo momento una bottiglia da 30 ml di liquido da vaporizzare è soggetta a una tassa federale di $7. Secondo la nuova politica, raddoppierà fino a $14. Coloro che preferiscono i pod precompilati vedranno aumentare l’imposta da $1 per unità a $2. Nella partnership con Ottawa, la provincia riesce a trattenere la metà delle entrate fiscali generate dal programma.

L’Ontario ha giustificato la mossa come un tentativo di frenare la prevalenza dello svapo, soprattutto tra i giovani. Questo è certamente un obiettivo importante, ma i minorenni dovrebbero mai hanno accesso ai prodotti di svapo e gli adulti che li vendono o li aiutano ad aggirare tale regola dovrebbero essere perseguiti.

Ma molti adulti utilizzano prodotti di svapo per smettere di fumare, il che significa che rendere lo svapo più costoso potrebbe essere un grave effetto negativo per la salute pubblica. Svapare con l'obiettivo di smettere di fumare è un enorme passo nella giusta direzione per la salute delle persone. La Public Health England stima che l’accesso alla propria nicotina tramite lo svapo comporta una riduzione del 95% del rischio per la salute rispetto all’assunzione tramite tabacco. La maggior parte del pericolo del fumo deriva dall'inalazione di materiali combusti. Lo svapo elimina del tutto questo pericolo, motivo per cui renderlo più costoso è un grosso errore di politica sanitaria.

Un 2017 studia dai ricercatori dell’Università della California hanno scoperto, utilizzando i dati del censimento statunitense, che lo svapo aveva effettivamente contribuito a un aumento significativo della cessazione del fumo. Inoltre, lo svapo supera gli altri metodi per smettere di fumare. Il servizio sanitario nazionale del Regno Unito sito web spiega che "Hai circa il doppio delle probabilità di smettere di fumare se usi un vaporizzatore alla nicotina rispetto ad altri prodotti sostitutivi della nicotina, come cerotti o gomme da masticare".

Allora perché l’Ontario dovrebbe voler rendere i prodotti di svapo più costosi per i fumatori e quale sarà l’effetto di questi aumenti delle tasse?

I prezzi dello svapo aumenteranno chiaramente. In un 2020 foglio di lavoro pubblicato dal National Bureau of Economic Research, sei economisti statunitensi hanno analizzato i dati di vendita di 35.000 rivenditori statunitensi e hanno scoperto che per ogni aumento di un dollaro della tassazione i prezzi dei vaporizzatori aumentavano tra $0.91 e $1.16. L’imposta viene quasi interamente trasferita ai consumatori.

Come risponderanno i vapers a questi aumenti di prezzo? Molti torneranno a fumare. Lo stesso studio NBER ha dimostrato che un aumento di $1 nelle tasse sullo svapo ha aumentato le vendite di sigarette di un enorme 10%.

Pertanto, l’aumento delle tasse renderà più costoso quello che si è dimostrato uno strumento efficace per smettere di fumare, il che probabilmente spingerà gli ex fumatori a tornare a fumare, anche se il nostro governo federale afferma di essere fermo nel suo impegno di far sì che meno del 5% dei canadesi fumo entro il 2035.

In 2007, il 31 per cento dei canadesi si identifica come fumatore abituale. Nel 2020, quel numero è sceso solo all’11%. Questa è sicuramente una buona notizia. Sappiamo tutti l’impatto devastante che può avere il fumo. Circa 48.000 canadesi muoiono ancora ogni anno per malattie legate al tabacco. Ma mentre il calo del fumo è chiaramente qualcosa da festeggiare, rendere più difficile smettere per coloro che continuano a fumare non lo è.

Se vogliamo avere qualche possibilità di raggiungere l’obiettivo senza fumo entro il 2035, dovremmo vedere lo svapo come uno strumento che ci aiuterà a raggiungerlo. Gli aumenti fiscali pesanti creano più fumatori e nessuno ci guadagna se ciò accade.

Originariamente pubblicato qui

Gli attacchi legali ai combustibili fossili non faranno altro che renderci più poveri

Quasi la metà di tutti gli stati americani lo hanno fatto promesso eliminare completamente le emissioni di carbonio almeno entro il 2050.

Mentre molti stati e il governo federale stanno spingendo e sovvenzionando gli imprenditori per ampliare le alternative senza emissioni di carbonio ai combustibili fossili come l’energia nucleare, eolica e solare, altri stati sperano di raggiungere i loro obiettivi facendo apparentemente causa alle compagnie petrolifere e del gas fino all’estinzione.

Sebbene i consumatori americani siano stati i principali clienti delle aziende produttrici di combustibili fossili, diversi procuratori generali statali democratici hanno avviato elaborate cause legali sperando di attribuire legalmente il cambiamento climatico a una manciata di aziende.

Il procuratore generale del Minnesota Keith Ellison è stato in prima linea, ma ha ricevuto molto sostegno e finanziamenti lungo il percorso, anche da importanti studi legali in tutto il paese e dall'ex sindaco miliardario di New York, Michael Bloomberg.

Anche se il nostro sistema giudiziario dovrebbe essere immune dalle agende politiche, queste terze parti prendono di mira alcune industrie e società per contenziosi, sperando di far pendere l’ago della bilancia nei casi importanti che vengono ascoltati in tutto il paese.

Questa tendenza è così preoccupante che la commissione della Camera per la supervisione e la responsabilità ha tenuto una riunioneudito a settembre per valutare questa minaccia. Ma in quella discussione del Congresso sui movimenti ricchi e fortemente coordinati per influenzare l’azione legale mancava l’oggetto del contenzioso sul clima.

A settembre si è svolta la più grande causa sul cambiamento climatico archiviato da parte dello stato della California contro cinque importanti compagnie petrolifere e associati, accusando l’opinione pubblica di aver ingannato il pubblico sui rischi climatici associati ai combustibili fossili.

Con un'economia doppia rispetto a quella della Russia, della California diventa non solo il più grande Stato americano a citare in giudizio le società energetiche, ma anche la più grande economia a farlo. La California ha già fatto la sua parte in passato, citando in giudizio i produttori di automobili per le emissioni di gas serra e vietando legalmente la vendita di nuovi veicoli alimentati a combustione entro il 2035.

La vendetta della California contro petrolio e gas può sembrare impraticabile, ma il fatto che 17 stati abbiano seguito l'esempio riguardo al divieto finale delle auto a gas dimostra che “come va la California, così va la nazione” è più di un semplice detto.

Ciononostante, la California si trova ad affrontare la stessa dura battaglia della sua causa fallita contro l’industria automobilistica. Un professore di diritto ambientale all'Università di Yale detto Secondo il Wall Street Journal, “l’intera economia moderna fa affidamento sull’industria petrolifera, e potrebbe essere difficile attribuire la responsabilità esclusivamente alle aziende”.

La causa stessa, tuttavia, non farà nulla per promuovere il progresso climatico. In realtà, qualora dovessero avere successo, non faranno altro che aumentare gli oneri a carico dei consumatori. I prezzi del gas sono già sproporzionatamente alti in California, a 55 per cento in più rispetto alla media nazionale. Ma peggio ancora è la lunga campagna multimilionaria condotta da terzi per fare pressione sui produttori di energia e convincere il pubblico di essere stati ingannati.

Donatori privati dalle tasche profonde hanno convinto organizzazioni e avvocati ad intraprendere azioni legali sul clima, versando milioni in istituzioni come il Center for Climate Integrity (CCI) che incoraggiano aggressivamente i governi statali e locali a citare in giudizio i produttori di energia. Alleati come il Rockefeller Family Fund non solo aiutano a convogliare denaro verso la CCI – circa $10 milioni, in effetti – ma ospitano anche forum legali e avviano il sostegno alle controversie sul clima tra i funzionari eletti.

Il senatore Ted Cruz e il rappresentante degli Stati Uniti James Comer hanno sollevato queste preoccupazioni, mettere in evidenza il principale studio legale impegnato in cause sul clima, Sher Edling, è essenzialmente pagato per prendere di mira le società energetiche. Invece di implementare commissioni di contingenza, “le cause legali vengono finanziate, esentasse, da ricchi liberali tramite fondi di trasferimento di denaro oscuro”.

Oltre a ciò, il miliardario Michael Bloomberg ha messo la forza legale dietro al movimento, seminando l’Environment and Energy State Impact Center della NYU School of Law con $6 milioni offrire avvocati come “procuratori generali assistenti speciali”. Questi avvocati, incaricati a livello statale, forniscono più potere legale per perseguire cause climatiche.

Più recentemente, a indagine etica del Congresso è stato aperto su Ann Carlson, amministratore ad interim non confermato della National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA), per il suo programma estremo e la precedente collaborazione con Sher Edling. I membri affermano che è stata coinvolta nel coordinamento degli sforzi dello studio legale per portare avanti il contenzioso sul clima e ha lavorato per farlo raccogliere fondi attraverso fondi di denaro nero per sostenere quel lavoro.

Questa campagna pubblica per denigrare i produttori di energia ignora la realtà che dipendiamo dai combustibili fossili e di cui abbiamo bisogno per guidare la transizione energetica dell’America, come fanno ormai da anni.

I dati del 2022 mostrano petrolio e gas rappresentato quasi il 70% del consumo energetico americano, e la US Energy Information Administration riferisce che il consumo globale di combustibili liquidi (benzina e diesel) rimarrà elevato per il prossimo decennio.

Nonostante ciò, queste azioni legali prendono di mira i produttori di energia nella speranza di ridurre il ruolo dello sviluppo americano del petrolio e del gas e di affamare i consumatori di fonti energetiche a prezzi accessibili, anche se non esistono sostituti pronti.

Le pubbliche relazioni e la guerra legale contro i produttori di energia sono la strada sbagliata per un vero cambiamento – un errore amplificato solo dal denaro nero e dalle reti partigiane per incoraggiare ulteriori cause legali sul clima. È ora di perseguire soluzioni basate sul buon senso, invece di fuorviare il pubblico con azioni legali false che non combatteranno il cambiamento climatico e non miglioreranno le nostre vite.

Originariamente pubblicato qui

 L'Europa cede un vantaggio alla Cina

Le decisioni politiche di tutti i bordi devono adottare un approccio basato sui rischi legati alla regolamentazione del PFAS.

La Commission européenne s'est engagée à éliminer progressivamente les sostanze chimiche artificiali chiamate sostanze per- et polifluoroalchili, anche connues sous le nom de PFAS.

Dall'altra parte dell'Atlantico, il Congresso americano e i legislatori al livello degli Stati individuali tentano di raggiungere obiettivi simili attraverso il biais du PFAS Action Act, che attende maintenant un voto finale al Senato. Senza sorpresa, l'interdiction a été réclamée par les groupes ecologistes, qui ont tendence à confondre Danger et Risque, et favorisent l'approche consistentant à « tout interdire ».

I PFAS si retrouventno tra altri in articoli ménagers e altri prodotti di consumo, apparecchiature mediche, imballaggi alimentari e mousse anti-incendio. La loro popolarità è spiegata dalle loro qualità uniche, che indicano la loro resistenza chimica e la loro capacità di ridurre la tensione superficiale. L'efficacia dei PFAS rende la loro sostituzione difficile e costosa.

Nello stesso tempo, l'utilizzo dei PFAS è stato associato a diversi effetti negativi, come l'infertilità, le malattie della tiroide e del fegato, perché sono invertiti in modi inappropriati nell'approvvigionamento dell'acqua. Queste preoccupazioni sono giustificate e non devono essere sottovalutate o deformate. Tuttavia, come presque tout, c'est le degré d'exposition qui compte dans una valutazione basata sul rischio, in opposizione all'evitamento totale del pericolo. Poiché oltre 4.700 prodotti chimici appartengono al gruppo PFAS e presentano tutti i livelli di rischio e pericolo diversi, dobbiamo evitare di metterli tutti nello stesso panier.

L'Unione europea deve dividere ces produits chimiques in deux groupes: les produits essentiels et les produits non essentiels, mais à terme, tous devraient être interdits. Questo ha detto, i PFAS sono già stati in gran parte ritirati dalla circolazione perché non sono necessari. Un profilo tossicologico dei perfluoroalchili pubblicato nel 2018 dall'Agency for Toxic Substances & Disease Registry indica che «I rifiuti industriali sono diminuiti dopo che le imprese hanno iniziato a eliminare progressivamente la produzione e l'utilizzo di più perfluoroalchili all'inizio degli anni 2000».

Rien ne garantit que l'élimination progressive des PFAS nous rendra plus sûrs. L'UE e gli Stati Uniti hanno interdetto a tutti il bisfenolo A (BPA), una sostanza chimica presente nelle materie plastiche, nei biberon, au motivo che presenta rischi per la salute dei bambini. Tuttavia, il BPS e il BPF, che vengono generalmente utilizzati come sostituti, si rivelano completamente inoffensivi. In effetti, anche una debole esposizione del BPS ha avuto un impatto significativo sullo sviluppo degli embrioni.

Une interdiction totale de l'utilisation des PFAS non significa non necessariamente che queste sostanze chimiche artificiali cesseront d'être produites, ma semplicemente che altri pagano, come la Cina, probabilmente aumentano la loro produzione. Et compte tenu de la necessité des PFAS pour les équipements médicaux et les biens de consommation, une interdiction de l'UE ou des Stats-Unis serait très problématique.

Per i semiconduttori, questo è un problema considerevole. D'où les fabricants de puces europei sono importanti i PFAS, se la produzione europea cesse ? Ironicamente, gli europei devono importare la maggiore parte del deficit cinese, che è stato completamente raggiunto dall'obiettivo della rilocalizzazione della produzione in Europa. Cela s'est déjà produit lorsque l'usine belge de 3M a été temporaneamente fermée. I principali produttori di puces, come Samsung e SK Hynix, hanno acquistato PFAS dai fornitori cinesi per evitare spese di produzione.

Alcuni di questi composti chimici in PFAS sono essenziali per camicette e teli resistenti alla contaminazione, dispositivi medici impiantabili, endoprotesi, cerotti cardiaci, filtri per contenitori sterili, sistemi di recupero delle aghiglie, tracheotomie, s figlio guide del catetere per laparoscopia e rivestimenti delle scatole per inalazione. Dichiarare tutti i componenti chimici pericolosi, senza valutare i rischi associati a ogni utilizzo, a rischio delle tecnologie mediche che salvaguardano la vita e la sicurezza dei pazienti.

Dalla parte dei prodotti di consumo, come i telefoni portatili e la tecnologia 5G che continuano a svilupparsi e richiedono velocità sempre più rapide in dimensioni sempre più piccole, questi composti non sono impliciti in tutta la produzione di semiconduttori a supporto di raffreddamento dei centri dati per l'informatica in nuage (cloud computing). Il ritiro forzato di questi prodotti chimici nel processo di produzione, in particolare perché presentano molti piccoli rischi per l'uomo, perturba notevolmente le catene di approvazione e aumenta il costo per i 472 milioni di europei che attualmente utilizzano un smartphone.

I decisori politici di tutti i bordi dovranno adottare un approccio basato sui rischi legati alla regolamentazione del PFAS, ma si lasceranno guidare dagli appelli degli attivisti ecologisti per evitare completamente. Anche se alcuni prodotti chimici devono essere vietati o limitati, li interdiremo tutti perché ci lasceremo avere alternative ancora pire che potrebbero avere un impatto più importante sulla nostra salute e sul nostro benessere. Ces produits chimiques necessita di un approccio regolamentare molto rigido e dettagliato, senza un approccio «taille unique».

Generasi penamat: Jalan ke hadapan

Il nuovo Codeblue melaporkan bahawa kerajaan telah membuat keputusan per mengeluarkan klausa generasi penamat daripada Rang Undang-undang (RUU) Kawalan Produk Merokok per Kesihatan Awam 2023 kerana ia non berpelembagaan, atau dianggap bertentangan dengan prinsip kesamarataan dal sono Perlembagaan Persekutuan. 

Generasi penamat merujuk kepada peruntukan larangan dalam RUU ke atas mereka yang lahir selepas 2007 daripada membeli dan menggunakan produk tembakau serta vape.

Sehingga kini belum ada sebarang kenyataan rasmi daripada Kementerian Kesihatan Malaysia (KKM), namun kenyataan bekas menteri, Khairy Jamaluddin, terhadap kewujudan dua menteri dan “l’elettricista” sebagai penghalang kepada RUU itu menguatkan lagi kesahihan laporan tersebut.

Keputusan tersebut sudah tentu bukan tindakan yang mudah. Kerajaan berisiko mendapat imej politik yang negatif tetapi itulah perkara yang tepat e mesti dilakukan.

Menurut Peguam Negara Ahmad Terrirudin Mohd Salleh cadangan larangan berasaskan umur tersebut dianggap sebagai tidak berpelembagaan kerana bertentangan dengan jaminan kesaksamaan dalam Perkara 8 Perlembagaan Persekutuan.

Dalam erti kata lain, sepatutnya setiap orang adalah sama rata bawah undang-undang dan berhak mendapat perlindungan yang sama. Undang-undang mesti adil per tutti i generi e setiap kumpulan masyarakat. 

Undang-undang tidak boleh memberikan kelebihan hanya kepada satu generasi dan mengetepikian generasi yang lain.

Semasa RUU itu pertama kali diperkenalkan pada 2022, perbincangan mengenai hak asasi atau hak kesamarataan tidak diberikan perhatian secara terperinci, atau ruang untuk membahaskan secara terbuka e dan selamat tidak ada.

Apabila terdapat ahli parlimen, pakar perubatan, ahli ekonomi atau mana-mana pihak cuba menyuarakan pandangan atau mewacanakan dasar ini tersebut secara kritis, mereka dilabel dengan pelbagai gelaran yang negatif.

Bahkan terdapat ahli parlimen yang tidak berani untuk membincangkan isu berkenaan secara terbuka kerana risau mereka akan dilabel e dan dimalukan di media sosial atau khayalak ramai.

Dengan mudah – dan sering kali – golongan yang menyokong generasi penamat menggunakan hujah tiada kebebasan mutlak e dan mengatakan ia memudaratkan masyarakat e dan alam sekitar tanpa mengambil kira hak pengguna untuk membuat pilihan.

Selain non berperlembangan, RUU berkenaan juga dikhuatiri non dak boleh dikuatkuasakan dengan efektif.

Presiden Persatuan Kedai Kopi Petaling Jaya Keu Kok Meng dalam perbincangan meja bulat anjuran Pusat Pilihan Pengguna mengatakan di kedai kopi, dia tidak nampak penguat kuasa datang untuk melarang orang merkok dan walaupun ada undang-undang mengenainya.

Saiz perdagangan tembakau haram Malaysia yang tertinggi di dunia juga menjadi kerisauan sama ada dasar berkenaan boleh dilaksanakan atau tidak. 

Pada Mei 2023, rokok yang diniagakan secara haram merupakan 55.3 peratus daripada pasaran domestik.

Semasa Covid-19, sekitar Mac 2020 Afrika Selatan mengenakan larangan ke atas penjualan produk tembakau selama lima bulan walaupun terdapat kelaziman perdagangan haram dalam pasaran tembakau. 

Kesan daripada itu dalam tinjauan bertajuk Impatto sul mercato del divieto nazionale di vendita di sigarette COVID-19 in Sud Africa menunjukkan 93 peratus daripada perokok masih berjaya membeli rokok. 

Purata harga rokok pula melonjak sebanyak 250 peratus berbanding sebelumnya kerana peningkatan dalam pembelian melalui pasaran gelap.

Kurangkan jumlah perokok

Meskipun keputusan berani kerajaan menarik semula generasi penamat wajar diiktiraf, sehingga kini masih belum ada undang-undang yang mengawal selia vape secara sah dan jelas. 

Terutamanya bagi memastikan keselamatan pengguna dan mengelakkan salah faham atau mitos mengenai produk pengurangan kemudaratan berkenaan.

Kerajaan perlu segera memperkenalkan undang-undang pintar untuk mengawal selia vape bagi memastikan keselamatan pengguna dapat terjamin e dan kanak-kanak bawah umur dilindungi. 

Ketiadaan undang-undang seumpama itu mendedahkan pengguna kepada risiko produk yang tidak memenuhi peraturan kesihatan di pasaran.

Ketiadaannya juga menyebabkan orang ramai tidak mendapat maklumat tepat mengenai vape yang 95 peratus lebih selamat berbanding rokok dan mampu menjadi alternative terpenting untuk mengurangkan perokok secara berkesan della Malesia.

Public Health England ha utilizzato Vape adalah 95 peratus kurang berbahaya kepada kesihatan pengguna berbanding rokok biasa. 

Salah satu kajian penyelidikan terkini daripada Institut Psikiatri, Psikologi & Neurosains (IoPPN) del King's College London, pengambilan vape boleh membawa pengurangan ketara dalam pendedahan kepada toksin yang meggalakkan kanser, penyakit paru-paru e dan penyakit kardiovaskular.

Questo è molto utile per creare miti di svapo e sfruttare le strategie di base per creare vantaggi in Malesia.

Originariamente pubblicato qui

La mancanza di fiducia di Nikki Haley nella libertà di parola è inquietante

I social media sono senza dubbio meno popolari nell’immaginario pubblico rispetto a quando l’esperimento globale è iniziato intorno al 2004. Anche se forum e comunità online esistevano già prima, il mondo non sarebbe mai più stato lo stesso una volta che Facebook, Reddit, Twitter, YouTube e Myspace tutto è emerso in un arco di circa tre anni. Inizialmente venerato come forza democratizzante per la libera espressione e i valori liberali, l’industria dei social media ha goduto di un periodo di luna di miele che è decisamente finito.

La candidata presidenziale Nikki Haley ci ha ricordato questo fatto su Fox News martedì, quando ha fatto irruzione in un discorso anonimo online definendolo la causa apparente della politica incivile americana. Haley ha proposto di obbligare le società di social media a condividere i propri algoritmi e a richiedere la verifica di ogni utente come priorità assoluta della sua futura amministrazione.

Comprensibilmente, molti americani sono disincantati dalla vita online, ma il rimedio di Haley è una trappola.

Gli anoni online rendono sicuramente la vita un po' più difficile. Gli utenti anonimi arrivano in massa, inquinano le sezioni dei commenti e inclinano l'equilibrio del discorso a favore di coloro che si nascondono dietro quello che è essenzialmente uno pseudonimo moderno.

Mentre quelli di noi che viaggiano online usando i nostri veri nomi sono vincolati da alcuni codici di condotta non detti e si preoccupano della reputazione, account anonimi con soprannomi come Comfortably Smug, the Critical Drinker, Shoe0nhead, Zerohedge, Doomcock, pakalupapitow e pourmecoffee producono contenuti e commenti. con un po' più di flessibilità. Alcuni abitanti online fanno di tutto per rimanere anonimi; altri operano a malapena nell'ombra e possono essere trovati da qualsiasi investigatore semi-esperto. Ciò è particolarmente pronunciato nello spazio delle criptovalute.

Le ragioni per rimanere anonime possono essere dannose o guidate dal buon senso. Rolling Stone segnalato sui dirigenti della HBO che hanno delegato la creazione di account anonimi per attaccare i critici televisivi. Il senatore americano Mike Lee (R-Utah) inizialmente ha gestito @BasedMikeLee su X (ex Twitter) come quasi un racconto parodico pur rivelando ciò che pensava veramente sulle questioni del giorno. 

Il fatto è che l'editoria anonima in America è vecchia quanto l'America stessa. Benjamin Franklin scrisse i suoi opuscoli pre-rivoluzionari sotto il nome di Silence Dogood. "Sai chi erano gli scrittori anonimi ai tempi?" Il governatore della Florida Ron DeSantis pubblicato su X. “Alexander Hamilton, John Jay e James Madison quando scrissero i Federalist Papers. Non erano “minacce alla sicurezza nazionale”.

Come Nikki Haley, lo è lo psichiatra canadese Jordan Peterson non divertito da anoni online. Ma quando ha intervistato il suo pubblico sulla proposta: "Non riuscendo a separare gli anonimi demoni troll codardi dalle persone reali nella sezione commenti, @youtube e altre piattaforme SM (social media) stanno abilitando psicopatici e narcisisti sadici machiavellici", 60% su 158.596 intervistati non era d'accordo.

Sarebbe stato più veritiero e democratico se, per votare nel sondaggio di Peterson, gli utenti avessero dovuto prima inserire i propri nomi e indirizzi di casa in un modulo imposto dal governo? Portato alla sua logica conclusione, questo è ciò che sostengono gli Haley del mondo: la libertà di parola richiede responsabilità pubblica. Coloro che parlano senza identificarsi sono piantagrane, devianti sociali e, secondo le parole di Haley, “una minaccia alla sicurezza nazionale”.

Forse imporre la responsabilità renderebbe il discorso pubblico più ordinato e civile, ma nel complesso ne avreste certamente meno. Le società ordinate non sono necessariamente società libere. La Cina, ad esempio, può attribuire l’inquietante silenzio nella pubblica piazza alla pressione sociale e alla minaccia di persecuzione da parte del governo se i cittadini dicono la cosa sbagliata.

"Non permettere ai demoni-troll anonimi di postare con persone vere e verificate", Peterson twittato a Elon Musk, "Mettili nel loro inferno, insieme ad altri come loro".

È strano vedere persone come Peterson, che ha sperimentato in prima persona la censura nel mondo reale e la cultura dell'annullamento, abbracciare soluzioni di moderazione dei contenuti che i loro censori vorrebbero vedere imposte in nome della "sicurezza nazionale".

Immagina quanti altri conti bancari Il Canada potrebbe essere congelato durante le proteste dei camionisti del 2022 se il paese avesse una politica in stile Nikki Haley che vietava i discorsi anonimi online. La solidarietà con i camionisti sarebbe stata molto più pericolosa per la gente comune.

Individuare la vera identità di un creatore online tende ad avere uno scopo, ovvero quello di zittirlo. Taylor Lorenz del Washington Post aveva chiaramente questo obiettivo in mente quando ha deciso di farlo doxed Libs di TikTok, poiché la portata e l'influenza crescenti dell'account sono diventate una preoccupazione per i migliori democratici e attivisti progressisti.

Per i consumatori e i cittadini online, esiste un altro modo che non coinvolge il Dipartimento per la Sicurezza Nazionale sotto la presidenza di Nikki Haley che trasmette le regole della strada ai dirigenti di Twitter. Si chiama “discernimento”. 

Per gli eserciti online di goblin anonimi con un numero di seguaci compreso tra zero e 100, molto probabilmente sotto il dominio di allevamenti di troll russi o cinesi, gli individui e le organizzazioni devono adottare una politica di coraggio e fiducia. Tratta gli account con stupidi nomi falsi e aquile calve per le immagini del profilo con il licenziamento che (in gran parte) meritano. Esistono per proiettare ombre di mostri sul muro, quando in realtà hai a che fare con troll ammassati all'interno di un trench. 

In secondo luogo, punisci le piattaforme che non soddisfano i tuoi standard per ridurre il coinvolgimento dei bot trascorrendo tempo online altrove. X ne ha molti in questi giorni, e è un problema. Nuove piattaforme si svilupperanno con un modello migliore per il discorso. Sii paziente e fidati degli imprenditori per risolvere i problemi che i consumatori vogliono che siano risolti.

Haley non è la sola ad essere stanca di bot e cretini anonimi che mostrano il didietro online, ma nel momento in cui il governo e le piattaforme di social media si coordineranno sulla verifica dell’identità online, la libertà di parola nel 21° secolo sarà effettivamente morta.

Originariamente pubblicato qui

Il decennio digitale dell’UE: le grandi idee dell’Europa non significano nulla se vengono attuate male

Il “decennio digitale” dell’UE si trova ad affrontare sfide, tra cui ritardi nel settore pubblico, surriscaldamento del mercato e un prezzo aggiuntivo di almeno 250 miliardi di euro, che potrebbero ostacolare il successo delle riforme in tutta Europa. È necessario un approccio più realistico e critico, scrive Eglė Markevičiūtė.

Eglė Markevičiūtė è il responsabile della politica digitale e dell'innovazione per il Consumer Choice Center ed ex viceministro dell'Economia e dell'innovazione della Lituania.

L’Unione Europea guarda al futuro, un “piano quinquennale” alla volta. Adottato nel 2022, il “Bussola digitale 2030: la via europea per il decennio digitale” ha acceso il dibattito sul futuro digitale dell'Europa e su come pianificare senza soffocare l'innovazione tecnologica a breve termine.

La Commissione Europea ha promesso un impegno sostanziale di oltre 165 miliardi di euro verso questi obiettivi, ma l’esperienza europea dimostra che il denaro non può comprare un piano ben coordinato. Il successo del decennio digitale dipende da livelli senza precedenti di coordinamento e riforma a tutti i livelli tra le istituzioni dell’UE e gli Stati membri. Ottenere questo risultato si rivelerà tutt’altro che semplice.

Gli Stati membri avevano tempo fino all’ottobre 2023 per definire le tabelle di marcia strategiche sull’uso dell’intelligenza artificiale da parte delle imprese per attuare il piano della Commissione, ma la maggior parte era già in ritardo. Le speranze di un piano decennale saranno probabilmente compresse a quasi la metà, se non meno.

La Commissione afferma che il successo del decennio digitale dipende da riforme politiche pertinenti, miglioramenti del contesto imprenditoriale, nuovi incentivi finanziari e maggiori investimenti nelle tecnologie e nelle infrastrutture digitali. Da tutto stime, ciò significa almeno altri 250 miliardi di euro per avvicinarsi a questi obiettivi.

La chiave di tutto ciò saranno le riforme politiche, che sono tutt’altro che facili. Il Recovery and Resilience Facility (RRF) ne è un buon esempio, con quasi il 20% dei 723 milioni di euro stanziati per le riforme digitali. Alcuni paesi, in particolare quelli più piccoli, sono alle prese con una risposta del mercato surriscaldata, in cui i fornitori IT faticano a tenere il passo con il cambiamento. Lo stato attuale del mercato unico dell’UE per quanto riguarda gli appalti pubblici e i complessi processi di appalto all’interno degli Stati membri impedisce una regolare partecipazione delle imprese transfrontaliere. Tutto ciò sta mettendo a rischio gli sforzi di riforma.

Nell’ambito della conformità e della capacità del settore pubblico, la Commissione mira ad attuare una complessa serie di regolamenti, tra cui la legge sui servizi digitali, la legge sui mercati digitali, la regolamentazione sulla e-privacy, la legge sull’intelligenza artificiale, la legge sulla governance dei dati, la legge sui dati e la legge sulla sicurezza informatica. , il regolamento aggiornato sull'identità elettronica (eIDAS 2), la direttiva aggiornata sulla sicurezza delle reti e dell'informazione (NIS2) e altro ancora. Per quanto esaustivo possa essere questo elenco per gli innovatori e gli imprenditori, richiede anche una significativa espansione della capacità del settore pubblico, che alcuni paesi, soprattutto quelli con burocrazie più piccole, hanno già silenziosamente criticato.

Un punto cruciale stabilito in questi piani è il principio di sovranità digitale dell’UE, compresa la necessità di promuovere le imprese con sede nell’UE e applicare misure di sovranità digitale ai fornitori ad alto rischio di risorse critiche. L’esclusione della tecnologia dai paesi che rappresentano una minaccia alla sicurezza nazionale dell’UE è attesa da tempo. L’esperienza di riforme simili in alcuni Stati membri dimostra, tuttavia, che il processo di esclusione è problematico, data la composizione globale del mercato ICT. Le alternative europee come il cloud computing sono ancora minime e la transizione dalle soluzioni esistenti imporrebbe oneri finanziari, normativi e architettonici ai paesi dell’UE.

Come suggerisce il piano, raddoppiare il numero degli unicorni europei è scoraggiante. L’UE segue significativamente altre aree economiche con appena 249 unicorni all’inizio del 2023, mentre gli Stati Uniti ne vantano 1.444 e la Cina ne ha 330. Le startup baltiche, in particolare, affrontare ostacoli nel conformarsi alle nuove normative UE. Insieme alle diverse normative tra gli Stati membri, ciò cospira per dissuadere le startup dell’Europa orientale e del Baltico dal perseguire opportunità e espandersi all’interno del blocco. Il ridimensionamento delle startup tecnologiche dipende in larga misura dall’accesso ai talenti, e nel frattempo la Commissione europea vuole competere con la Silicon Valley per i talenti, attrarre talenti digitali dal Sud del mondo e da altre regioni resta importante e dovrebbe rivelarsi essenziale per affrontare la continua fuga di cervelli europei verso gli Stati Uniti.

Il decennio digitale fissa un livello elevato per l’innovazione nel campo dell’informatica quantistica, dell’intelligenza artificiale, dei semiconduttori, della blockchain e altro ancora. Tuttavia, realizzare progressi tecnologici significa non solo sostegno politico e incentivi finanziari, ma anche un profondo cambiamento nella mentalità delle istituzioni scientifiche europee. Tradurre l’eccellenza accademica europea in prodotti e servizi commercializzati e commerciabili rimane una sfida. L’ecosistema europeo dell’innovazione, progettato per supportare l’intero ciclo di vita dell’innovazione, è spesso caratterizzato da frammentazione, politicizzazione e mancanza di responsabilità. Pertanto, una maggiore attenzione alle riforme dell’istruzione e della scienza è cruciale per il successo finale del decennio digitale.

Il decennio digitale dell'UE rappresenta una visione ambiziosa per il futuro dell'Europa, con obiettivi importanti nel campo delle competenze digitali, delle imprese, delle infrastrutture e dei servizi elettronici pubblici. Pianificare in grande ed essere ambiziosi ha dei vantaggi, ma data la triste esperienza dell’Europa nella progettazione in grande, nello stanziamento di ingenti finanziamenti, e tuttavia sopravvalutare la capacità burocratica e tecnologica e non raggiungere gli obiettivi desiderati, dovrebbe insegnare all’Europa a essere più realistica e critica. Solo una valutazione critica, pratica e trasparente delle capacità degli Stati membri e delle aspirazioni individuali potrebbe aiutare a evitare i soliti risultati.

Originariamente pubblicato qui

Réaffermer la neutralité suisse: le cas de l'énergie

À l'étranger, on caricature souvent la Suisse par sa seule neutralité. Cette description devrait nous interroger, car elle reflète sans doute plus qu'une simple philosophie de communications internationales.

Cette neutralité transparaît dans notre relationship à la politique. La popo- lation suisse voit ses hommes politiques comme les garants d'un cadre général et non comme des sauveurs qui permettront de réorienter la nation dans la bonne Direction. Vista dall'esterno, la politica svizzera è meno conflittuale, più tournée verso la discussione e la ricerca di soluzioni. 

Toutefois, il ya des sujets qui semblent échapper à ce principe. C'est notamment le cas de la politique énergétique, qui est devenue un sujet passionnel. Il ya des pro et des antinucléaires, des pro et des antisolaires, sans parler des éoliennes, qui détruisent le paysage ou sauvent la planète. Scelta del campo, cameratismo!

La neutralità energetica deve essere la soluzione che dobbiamo difendere collettivamente al livello politico. Questo principio poggia sulla flessibilità e sull'accettazione delle diverse soluzioni possibili, al fine di mantenere un'energia affidabile e duratura nel rispetto dell'ambiente. La diversificazione delle fonti energetiche è il capitale per garantire la nostra prosperità.

Tuttavia, ces dernières années, la politique énergétique suisse a pris un tournant controversé avec la mise en œuvre de la politique énergétique 2050, qui est en rupture avec l'histoire de notre pays.

Leggi il testo completo qui

I gruppi di consumatori celebrano che la Malesia segue le orme della Nuova Zelanda che elimina il divieto generazionale

KUALA LUMPUR, 24 novembre 2023 – Il Consumer Choice Center (CCC) ha applaudito la recente decisione del governo malese di ribaltare la prevista fine dei giochi generazionale. Questo importante passo, come ha affermato il Procuratore Generale che è contrario al principio di uguaglianza delle leggi nella Costituzione federale, è visto come una vittoria della scelta e di una politica intelligente.

Il rappresentante del Malaysian Consumer Choice Center, Tarmizi Anuwar, ha salutato la decisione come un passo avanti verso il riconoscimento dell'importanza della libertà individuale e delle potenziali conseguenze negative di un divieto generazionale del fumo. Tarmizi ha dichiarato: “Apprezziamo l'impegno del governo verso una politica scelta e sensata. Vietare a un’intera generazione l’accesso a prodotti legali non solo è paternalistico, ma può portare a conseguenze indesiderate come il commercio illecito e l’esposizione dei consumatori a rischi legati ai prodotti non regolamentati”.

Questa decisione è in linea con i recenti sviluppi in Nuova Zelanda, dove anche i piani per un divieto di generazione saranno abbandonati dal nuovo governo. Tarmizi ha commentato: “La tendenza globale si sta spostando verso il riconoscimento che gli individui dovrebbero avere l’autonomia di fare scelte per se stessi. La Malesia dovrebbe sostenere questa decisione e continuare a muoversi costantemente verso politiche che diano potere ai consumatori anziché limitarli”.

Tuttavia, Tarmizi ha sottolineato che il governo deve regolamentare immediatamente lo svapo per garantire la sicurezza dei consumatori ed evitare malintesi o miti su questo prodotto che riduce i danni.

“Il governo deve introdurre immediatamente leggi intelligenti per regolamentare lo svapo e garantire la sicurezza degli utenti e la protezione dei minori. L’assenza di questa legge espone i consumatori al rischio di prodotti sul mercato che non soddisfano le norme sanitarie”.

“Questa assenza fa sì che il pubblico non riceva informazioni accurate sullo svapo, che è il 95% più sicuro delle sigarette e può essere l’alternativa più importante per ridurre efficacemente i fumatori in Malesia”.

In precedenza, la Malesia faceva spesso riferimento alla Nuova Zelanda come paese esempio per attuare il gioco generazionale, ma oggi la stessa Nuova Zelanda ha deciso di abrogare la legge. Pertanto, il Consumer Choice Center incoraggia il governo malese a prendere in considerazione politiche basate sull’evidenza e incentrate sul consumatore che rispettino le libertà e le prove individuali.

Descrizione
it_ITIT