fbpx

Mese: Agosto2023

Le peggiori stazioni ferroviarie in Europa

Secondo l'ultimo studio “European Railway Station Index”, condotto dall'organizzazione dei consumatori americana Consumer Choice Center, che opera a livello globale, le peggiori stazioni ferroviarie in Europa quest'anno erano quelle tedesche. La buona notizia è che non tutte le stazioni ferroviarie tedesche sono pessime.

Gli ultimi posti nella classifica sono occupati da tre stazioni metropolitane: la stazione Ostkreuz (Berlin Ostkreuz), la stazione Gesundbrunnen (Berlin Gesundbrunnen), la stazione del Giardino Zoologico (Berlin Zoologischer Garten). Ognuno di loro ha segnato solo 54 punti. La stazione della capitale bavarese “München-Pasing” (München-Pasing) ha ricevuto un punteggio ancora più basso – 52 punti. I punti più bassi sono la stazione centrale di Brema – solo 39. L'anno scorso, la stazione ferroviaria di Santa Maria Novella a Firenze, in Italia, e la stazione della metropolitana Haussmann-Saint-Lazare a Parigi sono state le ultime.

Il vecchio merito non basta

Per diversi decenni la stazione ferroviaria di Brema è stata considerata la stazione della categoria più alta. Questo importante nodo ferroviario nel nord-est della Germania è apparso a metà del XIX secolo e oggi tutti i treni che attraversano la città, compresi quelli internazionali, si fermano qui: in media 80 treni a lunga percorrenza e 450 treni a breve percorrenza. treni gamma.

Esternamente l'edificio neorinascimentale è decorato da quattro alte torri in mattoni rossi con stemmi di città tedesche, mentre all'interno si trovano magnifiche sculture e al centro un'aquila imperiale. Ci sono 9 binari sotto un tetto di vetro e ogni anno circa 150mila passeggeri utilizzano i suoi servizi. Tuttavia, solo questi vantaggi nel ritmo di vita moderno non sono più sufficienti per mantenere la concorrenza. Quest'anno la stazione ferroviaria di Brema è stata la peggiore delle cinquanta d'Europa.

Leggi il testo completo qui

Pentingnya Upaya Riduzione del danno Melalui Inovasi e Informasi yang Tepat

Sudah menjadi rahasia umum bahwa, rokok merupakan salah satu musuh besar kesehatan publik yang ada di dunia. Di dalam sebatang rokok, terkandung berbagai komponen yang, bila dikonsumsi secara rutin dalam waktu tertentu, bisa menyebabkan berbagai penyakit kronis, seperti kanker dan serangan jantung.

Tidak hanya itu, rokok juga mengandung nikotin yang membuat penggunanya menjadi kecanduan, e dan sangat sulit untuk berhenti merkokk. Adanya berbagai zat beracun yang membuat penyakit kronis, hingga zat yang membuat penggunanya kecanduan, merupakan kombinasi yang mematikan yang harus dihadapi oleh para perokok.

Oleh karena itu, berbagai yurisdiksi di seluruh dunia memberlakukan berbagai regulasi dan aturan ketat yang mengatur segala aspek industri rokok, dari dari produksi, distribusi, dan juga konsumsi rokok. Adanya aturan ini bermacam-macam, mulai dari yang paling ringan, seperti mengenakan pajak dan cukai tinggi untuk produk-produk tembakau, hingga yang paling berat, seperti pelarangan total seluruh kegiatan produksi e dan konsumsi produk-produk hasil olahan tembakau.

Sebagaimana dengan negara-negara lainnya, Indonesia juga memiliki serangkaian kebijakan yang bertujuan untuk meregulasi dan mengatur peredaran e dan konsumsi rokok atau produk tembakau lainnya. Beberapa diantaranya yang sangat umum e dan bisa kita amati adalah kewajiban bagi produsen rokok untuk mencantumkan Damak berbahaya dari rokok, adanya cukai rokok yang semakin meningkat, larangan iklan rokok dengan menunjukkan produknya di televisi, dan lain sebagainya.

Namun, sepertinya berbagai upaya tersebut memilki Damak yang belum cukup. Dilansir dari Kementerian Kesehatan Republik Indonesia (Kemenkes) misalnya, Indonesia mengalami peningkatan jumlah perokok dalam kurun waktu 1 dekade (2011 – 2021), dari 60,3 juta menjadi 69,1 juta (badankebijakan.kemkes.go.id, 3/6/ 2022). Hal ini tentu tidak mengherankan, mengingat bahwa rokok mengandung zat yang dapat membuat penggunanya mengalami kecanduan e dan sulit untuk berhenti.

Dengan demikian, dibutuhkan berbagai kebijakan lain yang ditujukan untuk mengurangi jumlah perokok yang ada di Indonesia, yang berfokus pada masalah besar yang membuat seseorag tidak bisa berhenti mercanduan, yakni karena rokok mengandung zat yang membuat penggunanya mengalami kecanduan. Salah satu dari langkah yang bisa dilakukan adalah dengan menyediakan produk alternative dari rokok, yang terbukti jauh lebih tidak berbahaya.

Nel 2015, la società pubblica inglese Public Health England (PHE) ha pubblicato un articolo sul prodotto 95% e il prodotto 95% non è più disponibile con il prodotto convenzionale. Oleh karena itu, vape merupakan salah satu alat yang bisa digunakan per membantu perokok per tuk berhenti merkok (theguardian.com, 28/12/2018).

Inggris sendiri menjadi salah satu negara yang secara resmi sudah menjadikan vape sebagai salah satu alat yang bisa digunakan oleh para perokok untuk berhenti merkok. Badan kesehatan Inggris, National Health Service (NHS) misalnya, menyatakan bahwa vape bisa membantu perokok per mengatur dan mengelola keinginan mereka akan nikotin, Telah ada banyak bukti orang-orang perokok yang dapat menghentikan kebiasaan merokoknya dengan bantuan vape (nhs.uk, 10/ 10/2022).

Sayangnya, diffondere informazioni mengenai upaya riduzione del danno untuk mengurangi jumlah perokok dengan bantuan vape dan produk nikotin alternatif lainnya masih sangat kurang, termasuk juga di Indonesia. Per farlo, diffondi le tue informazioni sulla diffusione delle informazioni per poterlo fare per poterlo fare, e jumlah perokok aktif dapat semakin ditekan e berkurang.

Il 10 maggio 2023 si è tenuto il 10 maggio 2023, anno in cui si è svolto il Summit sull'innovazione nel sud-est asiatico 2023 del Center for Market Education (CME), della Property Rights Alliance e della Tholos Foundation. Sono stati dilaksanakan ibukota Malesia, Kuala Lumpur, e membahas berbagai topik seputar inovasi, baik dari sisi institusi, aspek ketahanan pangan, perdagangan bebas, e anche la riduzione del danno (gatra.com, 2/6/2023).

Dalam salah satu panel yang membahas mengenai Harm Reduction misalnya, para panelis menyatakan bahwa sangat penting untuk mengimplementasikan program Harm Reduction yang bertumpu pada inovasi, salah satunya adalah melalui produk-produk nikotin alternative. Pelarangan belaka merupakan kebijakan yang tidak efektif karena setiap individu akan cenderung berupaya untuk mencari kesenangan, salah satunya tentu melalui rokok.

Untuk itu dibutuhkan serangkaian kebijakan agar programma di riduzione del danno bisa terlaksana dengan baik. Misalnya, dengan kebijakan perpajakan yang berbeda untuk menodorong inovasi dan meningkatkan insentif perokok untuk beralih ke produk lain yang terbukti lebih aman (gatra.com, 2/6/2023).

Dalam panel tersebut disampaikan juga mengenai “The Tobacco Control Plan for England” yang dirilis oleh Pemerintah Inggris pada tahun 2017 lalu. Dalam rencana tersebut, disampaikan mengenai peroduk alternative yang bisa berperan mengurangi berbagai resiko kesehatan yang disebabkan oleh rokok. Tidak hanya Inggris, Jepang juga menjadi salah satu negara yang memperkenalkan produk nikotin alternative pada tahun 2013 dengan pengguna yang semakin meningkat, dan jumlah perokok yang semakin menurun (vapeboss.co.id, 29/5/2023).

Di sisi lain, bila ada negara yang mengambil langkah pelarangan, bukan tidak mungkin hal tersebut justru akan menjadi hal yang kontra produktif, karena akan semakin menyuburkan peredaran produk-produk ilegal. Selain itu, melalui pelarangan, hal ini juga akan semakin membuka kesempatan korupsi yang lebih besar liputan6.com, 22/5/2023).

Sebagai penutup, adanya acara seperti Innovation Summit Southeast Asia 2023 ini merupakan sesuatu yang penting untuk menyebarkan pentingnya inovasi, dan juga mendiseminasikan sikan magenai riduzione del danno. Terlebih lagi, Indonesia sendiri merupakan salah satu negara dengan jumlah populasi perokok tertinggi di dunia.

Semoga, melalui diseminasi informasi mengenai riduzione del danno yang semakin meningkat, akan semakin banyak perokok di Indonesia yang beralih ke produk lain yang lebih tidak berbahaya. Dengan demikian, akan semakin sedikit perokok aktif di Indonesia, dan kesehatan publik akan semakin membaik.

Originariamente pubblicato qui

Le nuove norme dell'UE sugli oli essenziali danneggeranno le imprese e i consumatori onesti

Per molte persone, l’Unione Europea e le sue istituzioni hanno sempre significato un eccesso di regolamentazione e burocrazia. Le loro convinzioni vengono alimentate di volta in volta da specifiche sentenze o proposte. Questa volta è l'Agenzia chimica dell'Unione europea (ECHA) a individuare gli oli essenziali come sostanze che necessitano di un controllo rigoroso. Molto probabilmente stai usando oli essenziali senza saperlo e senza alcun danno. Centinaia di tali estratti di acqua o distillati a vapore trasformarlo in repellenti per insetti,profumi, cosmetici e altri articoli da toeletta come shampoo a piccole dosi che hannosuperato i test cutanei e allergici. Ma l’ECHA non ha intenzione di consultarli registro della sicurezza e i livelli effettivi di esposizione (quello che, in termini di politica pubblica, si chiamerebbe “pensiero basato sul rischio”). Invece, modificherà le norme CLP (Classificazione, Etichettatura e Imballaggio) e REACH per contrassegnare gli oli essenziali come sostanze chimiche complesse pericolose di più di una sostanza costituente. Supponiamo che una molecola nella miscela possa essere caratterizzata come una minaccia in condizioni di laboratorio isolate o dedotta tramite ragionamento statistico. In tal caso, i politici possono etichettare questi oli naturali come pericolosi o vietarne del tutto l’uso.

Sia i produttori legittimi che i consumatori europei non hanno motivo di accogliere favorevolmente la notizia. L’inflazione, l’aumento dei prezzi nell’economia europea, non si è ancora attenuata: il tasso medio annuo dell’UE si è attestato a6.4% nell'UE (5.5% nell'area dell'euro), sopra quello della BCE obiettivo di stabilità dei prezzi di 2%. Tuttavia, la media nasconde notevoli variazioni in cui i paesi più poveri dell’UE sono colpiti più dei loro omologhi benestanti. Il tasso annuo del Lussemburgo è asolo 1%, mentre l'Ungheria si registra 19.9% (il più alto nell'UE), Polonia a 11%, Romania a 9.3%, e Bulgaria a 7.5%. Poiché i consumatori dei paesi più poveri tendono a spendere una quota maggiore del proprio reddito in beni essenziali e trovano difficile risparmiare denaro, è probabile che soffrano in modo sproporzionato a causa dell’inflazione.

Allo stesso modo, i produttori legali (che si prefiggono l’obiettivo di rispettare pienamente le regole) in questi paesi vedranno un aumento generalizzato del costo dei servizi, lasciando incerte le loro prospettive finanziarie. Richiedendo procedure più onerose, la decisione dell'ECHA rende più difficile per i fornitori immettere i propri prodotti sul mercato. Poiché sono disponibili meno beni per l’acquisto, la misura sta alimentando lo slancio dell’aumento dei prezzi, che lascia i consumatori in condizioni ancora peggiori di prima.

La decisione dell'ECHA è particolarmente dannosa se si considera come funziona il mercato europeo degli oli essenziali. In particolare, sono le aziende più piccole a guidare il settore nell’UE. Non meno di Il 95% della fornitura mondiale di bergamotto proviene da 4500 famiglie italiane coltivandolo nella regione Calabria. Il team di Essential Citrus in Portogallo estrae l'olio da oltre 350 varietà di agrumi ad Alejento. Quello dell'Estonia Fattoria Tedreutilizza un unico nel suo genere metodo del monossido di carbonio da cui distillare l'olio 2,5 ettari di lamponi. Pertanto, queste imprese hanno margini di profitto molto più ridotti, il che significa che hanno meno probabilità di potersi permettere di operare in un ambiente con restrizioni più costose e dove i loro acquirenti dedicati sono spaventati da spaventose etichette di avvertimento. La loro perdita comporta una perdita di entrate, che mette potenzialmente in pericolo il mercato europeo della bellezza pulita da 2,29 miliardi di euro e ulteriori problemi economici per i consumatori.

I politici, i produttori e i consumatori dovrebbero incoraggiare l’ECHA a invertire la rotta ed evitare questo risultato. Sono iniziate le discussioni preliminari sul 30thdi giugno quando il Comitato dei Rappresentanti Permanenti dell'UE ha chiesto alla Commissione UE di rivalutare la classificazione degli oli essenziali tra quattro anni. Ma questo dovrebbe essere solo l’inizio. Meglio ancora, la regolamentazione dovrebbe concentrarsi sulla reale minaccia rappresentata dai truffatori che promettono troppo e non mantengono gli effetti medici degli oli essenziali utilizzando prove concrete (come test di sicurezza basati su livelli plausibili di esposizione) piuttosto che ragionamenti ipotetici. I consumatori potranno quindi stare al sicuro senza rendere la crisi del costo della vita più complicata di quanto non sia già.

Originariamente pubblicato qui

La riduzione del danno, non la polizia, migliorerà la salute pubblica in Alabama

Di: Elizabeth Hicks e Stephen Kent

Con una mossa storica all'inizio di quest'anno, i legislatori dello stato dell'Alabama hanno approvato il primo nel suo genere legislazione vietando di fatto l'uso di sigarette e prodotti da svapo nei veicoli quando è presente un bambino di età pari o inferiore a 14 anni. Quella legge è ora in vigore in tutto lo stato. Sebbene l'intento alla base di questa legislazione sia indubbiamente nobile, il trattamento dello svapo e del fumo alla pari causerà danni reali in Alabama. Questo non andrà come pensano i legislatori. 

L'idea della nuova legge è semplice. Gli adulti non dovrebbero sottoporre i bambini al fumo di sigaretta e avere un impatto negativo sulla loro salute quando i bambini non hanno voce in capitolo. Il fumo, dopotutto, è una scelta che i consumatori adulti fanno da soli. 

Le persone anziane che sono cresciute nel periodo d'oro del fumo di sigaretta spesso condividono alcuni ricordi di essere in auto fumose con i finestrini alzati, resistendo in un momento in cui i fumatori non erano ampiamente consapevoli del pericolo rappresentato dal fumo passivo per i loro passeggeri. Quel tempo è passato. 

Preso atto di questo fatto, dobbiamo chiederci tutti quale protezione è dovuta ai giovani passeggeri in auto con fumatori, e anche quale tipo di legge ridurrà i danni sia per i bambini che per i loro genitori/tutori al posto di guida. La rappresentante dell'Alabama Rolanda Hollis ha fatto uno sforzo per affrontare questo problema in HB3, ma l'incapacità della legge di fare distinzioni tra sigarette e prodotti di svapo che hanno dimostrato di essere 95% meno dannosi delle sigarette tradizionali, non sarà un vantaggio netto per la salute pubblica. 

L'Alabama è uno stato che vede un numero impressionante di decessi legati al fumo, vicino a 8.600 morti annualmente, insieme a quasi $309 milioni di costi Medicaid sostenuti dallo Stato. Ridurre questi danni è importante e dovrebbe iniziare con l'incentivare i fumatori di sigarette a cambiare. Le leggi approvate che insinuano i due prodotti sono letture ugualmente dannose per un fumatore come scusa per continuare con il prodotto a cui sono abituati. Il passaggio può essere difficile, ma il potenziale per piccoli benefici sociali come non essere buttato sul marciapiede ogni volta che vuoi fumare è una di quelle cose che rende più facile il passaggio allo svapo. Lo stesso vale per i fumatori al volante. 

Strategie di riduzione del danno lavoro. Ci sono poche prove, tuttavia, per dimostrare che misure punitive come le multe $100 per aver fumato in macchina mentre si è genitori saranno un vantaggio per la salute pubblica in stati come l'Alabama. 

Come è noto, le sigarette contengono un cocktail dannoso di sostanze chimiche e catrame, che contribuiscono alle malattie respiratorie e al cancro. Questi componenti non sono presenti nel vapore prodotto dalle sigarette elettroniche. Il tossicologo Igor Burstyn della Drexel University notato che il contenuto del vapore delle sigarette elettroniche "giustifica la sorveglianza", ma che il vapore espirato contiene così poca contaminazione che il rischio per gli astanti è insignificante. Questo è stato supportato dall'aggiornamento di Public Health England revisione prove nel 2018. 

Infliggendo sanzioni pecuniarie allo svapo in macchina, anche con i finestrini abbassati e l'aria fresca che entra, sa di All'inizio dell'allarmismo COVID-19 quando la polizia stava arrestando persone per essere fuori in spiagge pubbliche o per praticare sport acquatici. Quando si tratta di svapare, il livello di rischio e lo sforzo che sarà richiesto per sorvegliare l'attività, non fare la fila. 

Sì, la nicotina alimenta entrambi i prodotti in questione e non c'è modo di sfuggire alle sue qualità di dipendenza per il fumatore. Se Heart of Dixie vuole aprire la strada alla protezione della salute pubblica, non è mai troppo tardi per adottare strategie di riduzione del danno quando si tratta di fumo. 

Elizabeth Hicks è l'analista degli affari degli Stati Uniti e Stephen Kent è il direttore dei media per il Consumer Choice Center

Dividere Amazon, Prime e AWS? Se la FTC di Biden scioglie l'azienda di Bezos, i consumatori perdono.

FTC e Lina Khan pensano che i consumatori debbano prenderne uno per il team quando si tratta di sacrificare i propri risparmi, sia in termini di tempo che di denaro, che Amazon crea.

Lina Khan non è stanca di perdere. Fresca della sua ultima sconfitta in tribunale all'inseguimento dell'applicazione dell'antitrust contro Microsoft, del presidente Joe Biden Secondo quanto riferito, il presidente della Federal Trade Commission pronta a lanciare la battaglia della sua carriera per smantellare Amazon.

Da quando Khan ha iniziato a lavorare nel 2021, la FTC ha messo Amazon in costante difesa, ma è stato tutto un preludio al suo obiettivo di costringere l'azienda a dividersi. 

Per i consumatori, le entità di Amazon, Amazon Prime e Amazon Web Services sono onnipresenti e sinonimi. L'attività complessiva comprende vendita al dettaglio online, negozi fisici, servizi di abbonamento, servizi pubblicitari, cloud computing, logistica e servizi di vendita di terze parti. Ogni componente supporta e serve gli altri, con conseguente incredibile efficienza, costi operativi inferiori e, a sua volta, forti riduzioni di prezzo per i consumatori. 

Non c'è da meravigliarsi Amazon gode di un'approvazione e di una fiducia pubbliche quasi pari a quella di Amazonl'esercito americano, 72% favorevole secondo un sondaggio Harvard-Harris del 2021. Questa è una statistica scioccante data la tendenza più ampia di sfiducia istituzionale in questa era. 

La FTC di Biden pensa che i consumatori debbano prenderne uno per il team quando si tratta di sacrificare i propri risparmi, sia in termini di tempo che di denaro, che Amazon crea.

La visione di Khan di ciò che costituisce un monopolio non è ciò che la maggior parte delle persone, o la legge, riconosce. Suo quadro antitrust, denunciato dall'ex senatore Orrin Hatch, R-Utah, come "antitrust hipster”, considera i prezzi predatori, le truffe dei consumatori e la mancanza di concorrenza come un modo antiquato di pensare all'antitrust.

È tutto ben riassunto in a Profilo del 2018 nell'Atlantico, dove Lina Khan osserva con disprezzo i prezzi più bassi dell'avocado in un Whole Foods di proprietà di Amazon. I consumatori e le loro preferenze rivelate sono il problema che la FTC cerca davvero di risolvere nel suo prossimo attacco ad Amazon. 

Amazon è diventata parte del panorama americano

Per la maggior parte degli americani, Amazon non è più solo un'azienda; fa parte dello scenario in cui risiedono. I furgoni di Amazon sono in ogni quartiere e una scatola decorata con il logo Prime potrebbe essere a portata di mano da un momento all'altro. Questo è quello che succede quando hai 200 milioni di consumatori in tutto il mondo si sono iscritti a un servizio che semplifica loro la vita. 

Forse sei qualcuno che risente del mondo che ho descritto; forse vedi l'onnipresenza di Amazon come distopica. Hai diritto a questa opinione, ma combattere in questi termini non è ciò per cui è stata creata la FTC.

La FTC di oggi è impegnata in una guerra contro “la maledizione della grandezza”, un sentimento espresso dal giudice della Corte Suprema Louis Brandeis nel 1934, ed è vero che gli affari di Amazon sono molto grandi.

Anche se non sei un cliente fedele di Amazon, però, conosciamo tutti qualcuno che ha trovato lavoro con l'azienda, è passato a una TV migliore a un prezzo migliore durante il Prime Day o ha utilizzato i servizi Web di Amazon che alimentano milioni di siti Web per le aziende in tutto il mondo. 

Gli avvocati di Khan presso la FTC affermano che Amazon "costringe" i commercianti a utilizzare i suoi servizi di distribuzione e richiede loro di abbassare i prezzi per beneficiare di un posto ambito all'interno del mercato Amazon. Dovranno dimostrarlo e dimostrare che i commercianti non hanno altra strada con cui fare affari se non per i termini di Amazon. 

Alcune delle pratiche di Amazon possono sembrare pesanti o preferenziali per le autorità di regolamentazione, ma non costituiscono nulla di lontanamente vicino al danno per i consumatori, la rubrica con cui la dottrina antitrust è stata seguita per un secolo. Non ci sono cartelli, baroni rapinatori e accordi segreti che aumentano i prezzi per i consumatori. Semmai, il sistema di incentivi di Amazon per i venditori sulla sua piattaforma sembra appositamente progettato per soddisfare il fondatore Jeff Bezos autodescritto “ossessione” per i consumatori. 

Siamo tutti i vincitori qui. Perché Khan e la FTC non possono lasciar perdere? 

La Federal Trade Commission dovrebbe concentrarsi sui veri problemi di Amazon, non sulla sua popolarità tra i consumatori

Diamo credito alla sua agenzia, tuttavia, poiché ci sono questioni rilevanti e preoccupanti che la FTC ha affrontato nei casi dove Amazon ha avuto torto.

False recensioni inquinare la piattaforma di commercio online e indurre i consumatori ad acquistare cose che altrimenti non comprerebbero. La FTC sta intraprendendo azioni utili lì.

Ring, il campanello di sicurezza domestica di Amazon, ha forniti dipartimenti di poliziacon innumerevoli ore di filmati di sorveglianza del quartiere, sollevando importanti problemi di privacy per i consumatori e i vicini inconsapevoli. 

Ma piuttosto che concentrarsi esclusivamente sul modo in cui i consumatori sono danneggiati da specifiche cattive pratiche, la FTC sta oltrepassando il suo mandato. Fa parte di un caso più ampio contro Amazon, con l'obiettivo di smantellare l'azienda e i suoi servizi che piacciono a molti di noi. 

Questo perché per Khan la FTC esiste per combattere "la maledizione della grandezza" e solo a volte si sovrappone all'interesse dei consumatori, come nel caso di lei offerta fallita per bloccare Microsoft da acquisizione di Activision-Blizzard. 

I consumatori americani meritano un'economia libera con una forte concorrenza, scelte abbondanti e servizi che aggiungano valore alle loro vite.

Se Khan e i suoi colleghi commissari fossero consapevoli, piuttosto che sdegnosi, delle scelte che i consumatori fanno volentieri, si concentrerebbero sui cattivi attori invece che su un marchio così affidabile che fa bene ai suoi clienti. 

Originariamente pubblicato qui

I propagandisti russi reinventano costantemente la realtà

I propagandisti hanno dimostrato di essere molto abili nel reinventare costantemente la realtà nei paesi autocratici, in particolare in Russia, dove il fatto che la realtà abbia costantemente sfatato le affermazioni del Cremlino non è riuscito a scuotere del tutto la fiducia russa nella sua guerra contro l’Ucraina.

“L’Oceania era stata in guerra con l’Estasia e in alleanza con l’Eurasia. Ma quella era semplicemente una conoscenza furtiva che gli era capitato di possedere perché la sua memoria non era sufficientemente sotto controllo. Ufficialmente il cambio di partner non era mai avvenuto. L’Oceania era in guerra con l’Eurasia: quindi l’Oceania è sempre stata in guerra con l’Eurasia”, scriveva George Orwell nel suo romanzo 1984.

Questo doveva simboleggiare un mondo immaginario in cui coloro che detengono il potere hanno molto successo nell'ingegnerizzare la propria realtà, anche quando si verificano cambiamenti sostanziali che normalmente ci si aspetterebbe di scuotere la fiducia della popolazione nei propri propagandisti.

Sfortunatamente, la vita reale si è rivelata sorprendentemente simile al mondo immaginario di Orwell, poiché i propagandisti russi hanno cercato di spiegare gli eventi sul campo di battaglia in Ucraina.

Il 26 febbraio 2022, due giorni dopo l'invasione ingiustificata dell'Ucraina da parte della Russia, un testo (ora rimosso) sull'agenzia di stampa statale russa Ria Novosti dichiarato Vittoria russa, elogio del Cremlino per aver ripristinato l'unità russa e aver posto fine all'esistenza dell'Ucraina come “anti-Russia”.

Tuttavia, la vittoria totale della Russia divenne presto impossibile, quindi era necessario creare un perno verso una nuova narrazione. Dopotutto, secondo la propaganda russa, le persone in patria avrebbero dovuto aspettarsi che i loro soldati tornassero presto a casa.

Quindi, è stata rinnovata la vecchia narrativa secondo cui la NATO provocava la guerra con la Russia attraverso il suo “soggetto” ucraino. In effetti, è stata la NATO e il suo sostegno a Kiev a esserlo primo alla “escalation militare”. Nell’aprile 2022, la direttrice di RT Margarita Simonyan, un pilastro fondamentale della propaganda russa, ha dichiarato alla TV di stato russa che Paese stava “facendo guerra alla NATO”.

Gestire le aspettative

La situazione per la Russia è peggiorata quando l’Ucraina ha lanciato una controffensiva di grande successo nell’autunno del 2022, riguadagnando molto terreno perduto. I propagandisti lo erano confuso, incolpando i servizi di sicurezza, i consiglieri del Cremlino e la mancanza di mobilitazione generale. Tuttavia, sono tornati rapidamente alle loro precedenti affermazioni sulla Russia essere in guerra con la NATO piuttosto che con l’Ucraina. "Bruxelles" è stato accusato di prolungare la sofferenza sostenendo l’Ucraina e il ovest. Alcuni sostenevano che la guerra fosse durata più a lungo del previsto Perché La Russia “ha molto a cuore i civili”.

Altrove, attori che affermano di sostenere la pace – come il governo ungherese – affermano che l’Ucraina ha fatto “quello che poteva” sul campo di battaglia; non poteva avanzare. Ha smesso di esserlo sovranoperché potrebbe funzionare solo con il denaro occidentale, quindi dovrebbe tornare al tavolo delle trattative.

Pertanto, le aspettative riguardo alla guerra sono state costantemente ridefinite dai propagandisti russi o filo-russi. Da una battaglia di tre giorni, le aspettative sono cambiate a causa di un presunto conflitto con la NATO o perché la Russia “si prendeva cura dei civili”. Le battute d’arresto sono state spiegate dal fatto che la Russia non ha messo tutto ciò che aveva nella lotta.

Nel giugno 2023, secondo un sondaggio di Levada, la maggioranza dei russi (73%) sostiene le azioni delle forze armate russe in Ucraina, e il 54% afferma che “l’operazione militare speciale” sta procedendo con successo.

Tuttavia, solo il 40% ha sostenuto il proseguimento delle azioni militari, in calo rispetto al 48% di maggio. Anche se consideriamo estremamente impegnativo misurare l’opinione pubblica in Russia, i dati suggeriscono che il completo fallimento delle forze armate russe in Ucraina sembra ancora essere un successo per la maggior parte dei russi, anche se molti vogliono la fine della guerra.

Cuori e menti

Va notato che l’Occidente è attualmente impegnato in una guerra d’informazione con il Cremlino per conquistare i cuori e le menti delle persone, in particolare delle popolazioni occidentali; il sostegno ai governi che aiutano l’Ucraina non sta crollando.

Il Cremlino nel frattempo sta giocando a lungo, aspettando l’esaurimento dell’Occidente e il suo abbandono dell’Ucraina. Questa guerra è profondamente asimmetrica. L’Occidente ha a malapena accesso allo spazio informativo russo, mentre la Russia può (per lo più) trasmettere liberamente i suoi messaggi in Europa e Nord America tramite eludere sanzioni o tramite intermediari.

Inoltre, le popolazioni dei regimi autoritari potrebbero essere più resistenti all’esaurimento bellico a causa dei loro ambienti informativi restrittivi.

Nel complesso, l’Occidente deve investire di più nel miglioramento della resilienza delle sue popolazioni, non attraverso la repressione ma, invece, attraverso l’istruzione, l’alfabetizzazione mediatica e un’adeguata comunicazione strategica da parte dei governi.

Ciò, ovviamente, richiederà più tempo di quello impiegato dal Cremlino per trasformare la Russia in un’autocrazia. Gli investimenti in queste azioni strategiche devono iniziare a fluire proprio adesso.

Originariamente pubblicato qui

Il crash del videogioco del 1983 e una lezione di storia per Lina KhanCoke non ti farà venire il cancro

Il presidente più giovane nella storia della FTC dovrebbe familiarizzare con il modo in cui l'industria dei videogiochi è sopravvissuta e prosperata sin dal suo inizio invece di bloccare le fusioni a vantaggio dei consumatori.

L'industria dei videogiochi sta ricevendo molta attenzione ultimamente grazie a entrambe le tecnologie entusiasmanti avanzamenti e interferenze senza precedenti da parte della Federal Trade Commission (FTC). Il settore ha registrato una crescita sostanziale negli ultimi anni, motivo per cui l'antitrust preoccupazioni sono stati sollevati dal presidente della Federal Trade Commission (FTC), Lina Khan. Spesso può sembrare storia antica, ma il futuro dei videogiochi non è sempre stato così roseo negli Stati Uniti. Infatti, all'inizio degli anni '80 il business era quasi finito.

Il crollo del videogioco del 1983, come è noto oggi agli addetti ai lavori del settore, ha lasciato il mercato dei videogiochi senza una chiara via di ripresa. Uno dei principali colpevoli della caduta del settore sono stati gli editori di terze parti, che stavano inondando il mercato con prodotti scadenti. Fino a quel momento, Activision era uno dei principali fornitori di videogiochi e, con l'interesse per i giochi in rapida crescita, altre aziende opportuniste cercarono di entrare in azione offrendo ai consumatori giochi a prezzi inferiori e di qualità inferiore.

I genitori raccoglierebbero una manciata di questi giochi fuori marchio al prezzo di un videogioco Activision, supponendo che i loro figli sarebbero entusiasti. Imparano rapidamente che non era così.

Le recensioni degli utenti non esistevano in quel momento e poiché i genitori non stavano consultando altri bambini per un feedback sui giochi venduti, era difficile capire cosa valesse la pena acquistare.

La fiducia nel mercato dei giochi è diminuita e i consumatori sempre più avversi al rischio erano riluttanti ad acquistare i giochi di fascia alta per paura di essere ingannati di nuovo.

Non è stato fino a Nintendo rilasciato il Nintendo Entertainment System nel 1985 quell'interesse per i giochi è rimbalzato. Super Mario Bros, insieme ad altri giochi avvincenti come Tetris, Atari's Gauntlet e Sega's OutRun, ha ripristinato l'interesse e la fiducia nei prodotti di gioco. Da allora, il settore è cresciuto a un ritmo impressionante.

L'accesso e le opzioni per i giocatori sono notevolmente migliorati grazie alla tecnologiainnovazioni nei giochi per dispositivi mobili, così come l'aumento del coinvolgimento durantei blocchi del COVID-19. I consumatori erano particolarmente desiderosi di nuovi sistemi di intrattenimento domestico e il multiplayer, così come i giochi online, hanno permesso loro di connettersi e creare reti di affinità come mai prima d'ora. E sebbene la pandemia sia stata un incubo per milioni di americani, il gioco lo è stato accreditato come "una forza positiva nel campo della salute mentale".

Oggi il gioco è un grande business, su traccia valere $321 miliardi entro il 2026, motivo per cui Lina Khan e la FTC hanno gli occhi puntati sul settore. Dalla sua nomina a presidente della FTC da parte del presidente Joe Biden, Khan l'ha chiarita visione negativa della crescita aziendale, il che è un peccato, dato che le società di giochi statunitensi devono ancora mettersi al passo con artisti del calibro dei giapponesi Sony Interactive Entertainment Studios.

La lunga marcia del colosso giapponese verso il dominio del mercatosolidificato nel 2020, quando Sony ha rilasciato la Playstation 5 (PS5), che velocementediventato il globale preferito per le console di gioco di nuova generazione.

In risposta, Microsoft con sede negli Stati Uniti Xbox Games Studios è andato in difesa,annunciando il suo piano per l'acquisto di Activision-Blizzard nel gennaio 2022. La fusione ha portato Guitar Hero, World of Warcraft, Call of Duty, Diablo e Candy Crush Saga sotto lo stesso tetto. L'interesse di Microsoft, quindi, non sorprende, ma questa transazione commerciale reciprocamente vantaggiosa tra Microsoft e Activision-Blizzard è stata sufficiente per attirare l'attenzione e la forza legale della FTC di Lina Khan.

Invece di consentire a Microsoft di migliorare la sua posizione competitiva nei confronti di Sony, la FTC ha cercato di bloccare la fusione. La battaglia legale si è rivelata un enorme spreco di tempo e risorse a spese dei contribuenti. Ciò che lascia particolarmente perplessi è il fatto che lo fossero già altre giurisdizioni in tutto il mondo dare il via libera all'affare, eppure il nostro stesso governo si è opposto all'avanzamento di un'azienda americana contro un'entità straniera con quota di mercato del 70%..

Fortunatamente per Microsoft, le affermazioni di Khan contro la fusione hanno avuto poco peso in tribunale. Sfortunatamente per Khan, il suo deposito fallito ha portato molti a farlo chiamare in causa la sua conoscenza del diritto commerciale e antitrust. Ad esempio, la FTC ha affermato che la fusione potrebbe portare Microsoft a limitare i giochi Activision-Blizzard solo alle console Xbox, un'affermazione poco convincente data la posizione di Microsoft impegno per mantenere lo status quo della distribuzione con Sony.

L'ipocrisia era chiara ai giocatori che guardavano il caso svolgersi in tribunale, che sono tutti consapevoli del fatto che il popolare titolo di Sony, L'ultimo di noi, è disponibile solo su console PlayStation. E chi può dire che c'è qualcosa di sbagliato nell'esclusività in primo luogo?

Il ruolo della FTC è garantire il benessere dei consumatori sul mercato, e in questo momento sembra che Khan stia deliberatamente oltrepassando la sua autorità. Non è chiaro chi esattamente lei pensi che la FTC stia proteggendo nel rallentare Microsoft. L'interferenza della FTC sta ritardando le opportunità per giocatori e sviluppatori in un momento in cui la creatività per i contenuti di gioco sta davvero decollando. Sebbene i blocchi del 2020 abbiano accresciuto l'interesse per gli utenti di giochi, la possibilità per gli sviluppatori di collaborare e curare nuovi giochi è stata ostacolato dal lavoro a distanza e da altre difficoltà causate dalla pandemia.

Se abbiamo imparato qualche lezione dal Video Game Crash del 1983, dovrebbe essere che i miglioramenti nell'accesso e nella qualità dei giochi dovrebbero essere incoraggiati, non deragliati. I giocatori di oggi hanno grandi aspettative per esperienze nuove e innovative e l'interferenza della FTC ostacola solo lo sviluppo e la distribuzione dei contenuti.

Sebbene il grande crollo del gioco sia avvenuto poco prima della nascita di Lina Khan, il presidente più giovane della sua storia della FTC dovrebbe familiarizzare con il modo in cui questo settore è sopravvissuto e prosperato sin dal suo inizio. I giocatori chiamano i colpi e, come altri consumatori, sono la più potente fonte di responsabilità per un settore supportato dai loro sudati dollari.

La FTC è uscita molto al di fuori della sua corsia a spese dei contribuenti e si può solo sperare che sia stata appresa una lezione.

Originariamente pubblicato qui

LA JUSTE BATAILLE DE RYANAIR CONTRE LE CONTROLE AÉRIEN FRANÇAIS

La compagnie aérienne a interpellé la Commission européenne pour que les contrôleurs aériens français suivent les mêmes règles que leurs collègues d'ailleurs en Europe.

La compagnie aérienne à bas prix RyanAir a récemment présenté à la Commission européenne una petizione da più di un milione di firme, dans laquelle elle plaide pour un traitement équitable par le contrôle aérien français.

Au début de l'année, les contrôleurs aériens français ont été en grève pendente une longue période, moltiplicant par 10 le nombre total de jours de grève de l'année précédente. Istintivamente, a causa del fatto che un grande controllore aereo influenza tutti i volumi della stessa maniera, mais ce n'est pas le cas.

Una forma di protezionismo

Alors que de nombreux vols traversant l'espace aérien français doivent être annulés, les règles protégeant le service Minimum des compagnies aériennes au départ de la France permettent à ces opérateurs de décoller et d'atterrir. Così, mentre la compagnia irlandese ha annullato 4 000 volumi, Air France e le sue filiali sono molto meno toccate.

In un comunicato stampa, il direttore generale di RyanAir, Michael O'Leary, presenta le sue argomentazioni:

«A peine 10 semaines après le lancement de notre pétition […], abbiamo più di 1,1 milioni di firme di cittadini europei affaticati che hanno presentato ricorso alla Commissione europea d'Ursula von der Leyen per proteggere i sopravvissuti durante le gravi repliche dell'ATC. 

Il est inaccettabile che des grèves ATC possano trascinare l'annulation de milliers de vols de transiters européens, alors que la France et d'autres Etats membres de l'UE utilisent des lois sur le service Minimum pour protéger leurs vols intérieurs. Les passaggiors européens en ont assez de subir des annulations de survol inutiles pendente les grèves de l'ATC. 

La Commissione europea deve continuare a rispondere alla petizione di oltre 1,1 milioni di cittadini europei e insistere affinché tutti gli Stati proteggano le sopravvivenze presso i grandi nazionali dell'ATC, come se ciò fosse avvenuto già in Grecia, in Italia e in Italia. in Spagna. »

Il fatto che RyanAir sia tornata a casa nei confronti della Commissione europea e nei confronti della propria clientela è un segno forte che, da una parte, si allinea agli interessi dei consumatori, in particolare durante il periodo delle feste, e che D'altra parte, l'approccio francese consistente nel prevenire le eccezioni specifiche per le proprie industrie s'apparente à du protezionismo.

Un problema europeo

Outre l'argument de la discrimination spécifique du marché, la législation française sur le service minimal pourrait devenir la cible de Bruxelles pour la simple raison pratique que la France est trop centrale et trop grande. Voler du Portugal vers l'Allemagne sans traverser l'espace aérien français ajoute des heures de vol à l'horloge. Questo significa: più petrolio, più ore di lavoro per il personale, e anche potenziali litigi con i consumatori che hanno riservato un tempo di volo più corte alla partenza.

Alcuni senatori si sono sforzati di risolvere questo problema proponendo di allineare le regole di gravità dei controlli aerei su celle di tutte le altre giurisdizioni europee, notando in anticipo che devono notificare la loro partecipazione a una grève 48 ore prima . Questa misura aiuta gli aeroporti ad attenuare le perturbazioni. Attualmente, gli aeroporti non risparmiano la combinazione di controlli aerei da mettersi in greve e annulent souvent plus de vols que nécessaire – environ 30%, in medio, ogni giorno di greve.

« Quelque 12 Mds€ ont été perdus à cause des blocages », « la France [étant] à l'origine de 97% de perturbations aériennes au sein de l'Union européenne », affermare il senatore Vincent Capo-Canellas, che ha deposto questa proposizione di legge. Avec 97%, il ne s'agit pas seulement d'un problème interne que la France doit résoudre, mais d'un problème européen. Il est inammissibile che les passaggiors européens soient pris en otage par la suffisance de contrôleurs aériens qui n'ont même pas la décence d'annoncer leur understanding de grève.

Esiste uno scenario giustificato in base al numero dei lavoratori che possono vendicarsi delle migliori condizioni nel quadro della legge? Certezza. Tuttavia, la loro professione deve essere accompagnata da un certo insieme di etica, comprensione e utilità, motivo per cui quella bella coppia d'entre eux l'ont choisie en premier lieu. C'est pourquoi le législateur français devrait durcir les règles relatives aux conditions des préavis.

La Commissione europea deve proteggere anche le condizioni di mercato equi dell'Unione europea e non può discriminare gli operatori. Manifestement, le système français ne discrimine pas di per sé RyanAir perché qu'il s'agit d'une compagnie étrangère, poiché les vols des compagnies étrangères au départ de la France sont aussi peu influenceés que ceux d'Air France.

Tuttavia, les compagnies aériennes françaises bénéficient d'un avantage comparatif : au lieu d'effectuer le vol Amsterdam-Madrid en passant par la France – un vol qui risque d'être annulé en cas de grève des contrôleurs aériens – les passaggiors peuvent choisir de prendere una corrispondenza dans un aéroport français avec une compagnie aérienne française pour éviter les tracas. C'est pourquoi la Commission deve richiedere condizioni di concorrenza eque per il servizio minimo.

Originariamente pubblicato qui

Viktor Orban non è il conservatore che stai cercando

In una delle sue più recenti interviste radiofoniche del venerdì mattina, il primo ministro ungherese Victor Orban ha sostenutoche “le grandi catene alimentari e le multinazionali si stanno comportando come speculatori sui prezzi; stanno aumentando i prezzi anche in circostanze in cui non vi è alcuna base per farlo. 

Il suo governo ha fissato limiti di prezzo su vari prodotti alimentari, Compreso petti di pollo, e mentre quella politica viene gradualmente eliminata in cambio di un nuovo regime di sconti imposti dal governo nei negozi di alimentari, ci si deve chiedere come Orban sia diventato un stella del Nord a tanti conservatori americani. Le sue politiche di controllo dei prezzi e le insinuazioni secondo cui il prezzo di un uovo è guidato dall'avidità aziendale più che dalle condizioni di mercato mette Orban più vicino alla sinistra americana come Robert Reich, Bernie Sanders ed Elizabeth Warren che al Partito Repubblicano dove risiede il suo fandom.

Ma nemmeno i socialisti aperti del Partito Democratico seguirebbero il modello di Orban, perché le politiche antinflazionistiche ungheresi sono state così inefficaci che i prezzi sono in aumento più nettamente in Ungheria che in qualsiasi altro stato membro dell'Unione Europea.

Tali politiche anti-imprenditoriali sono stranamente simili a quelle sostenute dai signori ungheresi dell'era comunista. All'inizio degli anni '50, l'ufficio nazionale dei prezzi ungherese ha rivisto solo il mandato prezzi tre volte tra il 1952 e il 1956. Fu nel 1957 che il capo della NPO Bela Csikos-Nagy reagì ai cosiddetti aumenti nascosti dei prezzi da parte delle piccole imprese che avevano guadagnato un po' di spazio di manovra dopo la rivoluzione del 1956, avvertendo in un colloquiocon Nepalkarat che "se durante un'analisi futura scopriamo che l'azienda ottiene profitti illegali dall'impostazione errata dei prezzi, agiremo non solo per togliere loro i profitti ma anche per ridurre i prezzi".

Il primo leader comunista ungherese, Matyas Rakosi, usava spesso la parola “speculazione” nei suoi discorsi economici. Nel 1947 Rakosi disse ai minatori della città di Pecs che i prezzi dei prodotti industriali stavano aumentando mentre i salari e le spese no. “Ciò che è sorto è stata la speculazione e il lavoro nero”, ha concluso. Nello stesso anno, ha promesso che il Partito Comunista avrebbe intrapreso una "lotta vigorosa" contro "la speculazione e coloro che fanno salire i prezzi".

Qualsiasi osservatore casuale della politica americana coglierebbe il legame tra questa retorica dell'Ungheria dell'era comunista e l'ala sinistra contemporanea americana. I prezzi sono inquadrati come cospirazioni contro il consumatore, mai il risultato di una cattiva gestione dell'economia da parte del governo. Se non fosse per l'agenda sociale di destra di Orban, i deputati Ilhan Omar, Alexandria Ocasio-Cortez e Jamaal Bowman sarebbero orgogliosi.

Piuttosto che agire come "l'icona conservatrice" a volte si afferma che Orban sia, il primo ministro fa appello ai resti dell'Ungheria comunista proponendosi come baluardo tra gli ungheresi comuni e le corporazioni corrotte. Orban e i suoi funzionari parlare regolarmente dei cosiddetti profitti extra e riscuotendo tasse straordinarie su questi guadagni apparentemente illeciti.

Naturalmente, il governo ungherese non articola ciò che considera un livello di profitto accettabile, proprio come Sanders negli Stati Uniti non deve definire la "quota equa" che ha così spesso richieste dei ricchi d'America. Orban può affermare in qualsiasi momento che un'azienda sta guadagnando troppi profitti e tassarli, compresi quelli delle società americane che operano in Ungheria. Quale investitore o azienda americana vorrebbe fare affari in Ungheria sotto quella nuvola di vendetta e incertezza?

Le narrazioni anticapitaliste che si propagano nel tempo dai tempi dell'Unione Sovietica non sono qualcosa che i repubblicani dovrebbero accettare. Nemmeno gli ungheresi dovrebbero, come lo è il paese classificato 77° su 180 nell'indice di percezione della corruzione di Transparency International. Secondo il suo Global Corruption Barometer, 40% di quelli intervistato hanno affermato di ritenere che la corruzione in Ungheria sia aumentata negli ultimi 12 mesi. La corruzione può assumere molte forme, una delle quali è un sistema arbitrario come quello ungherese, in cui le imprese possono avere successo solo quando godono del favore del governo.

I Tucker Carlson del mondo potrebbero essere innamorati della capacità di Orban di farlo articolare un bene comune con un tocco nazionalista, ma è difficile credere che la realtà dell'Ungheria sia ciò che vuole Carlson.

Il mito di Orban come icona conservatrice è proprio questo: un mito. Orban non è né un conservatore né un sostenitore del governo limitato, ma semplicemente un altro politico in una lunga sequenza di leader ungheresi che sfruttano il risentimento per mantenersi al potere. E con il potere, il regime di Orban può continuare a farlo concessione miliardi di fondi statali e dell'UE agli oligarchi favorevoli al governo. È comprensibile che i conservatori desiderino trovare un modello nella comunità internazionale con cui spiegare il trumpismo e inserirlo nell'ecosistema conservatore di idee, ma Orban non lo è, o almeno non dovrebbe esserlo.

Originariamente pubblicato qui

Interferenza del governo nell'energia, il gioco sta danneggiando la PA

Le piccole imprese in tutta la Pennsylvania hanno dovuto affrontare molte difficoltà negli ultimi anni, che vanno dai colli di bottiglia della catena di approvvigionamento alla prepotenza mandati burocratici. E il bilancio non è passato inosservato, come dimostra la visita del presidente Joe Biden nello Stato poco dopo l'insediamento. 

Durante la sua visita del marzo 2021, il presidente Biden ha notato che alcuni 400.000 aziende nello stato stavano rischiando la chiusura. Le sue politiche, però, non hanno aiutato: quelle dell'amministrazione Proposta di bilancio 2023 fa poco per alleviare gli oneri per gli imprenditori della Pennsylvania. 

In effetti, l'amministrazione Biden ha chiesto aumentare le tasse sui residenti e sulle imprese anche se i Pennsylvaniani pagano già una delle aliquote fiscali più alte della nazionePrezzi della benzina più alti sono anche probabili, dato che Biden sta promuovendo nuove normative sull'energia che lo faranno inibire la fornitura di energia alternativa. I prezzi del gas in Pennsylvania sono già tra i più alti negli Stati Uniti e le bollette del riscaldamento domestico dei residenti stataliraggiunto livelli record alla fine dello scorso anno.

Tutto ciò spiega perché le riserve di gas naturale dello stato dovrebbero essere sfruttate. Un recente Articolo del Wall Street Journal accredita il gas naturale per mantenere gestibili le bollette energetiche durante questa calda estate; e per i residenti in Pennsylvania, il gas naturale è vantaggioso non solo per abbassare i costi energetici, ma anche per guidare la crescita economica. La capacità totale di stoccaggio di gas naturale della Pennsylvania è la quarta più grande della nazione, a circa 763 miliardi di piedi cubi, e il fracking genera sostanziali effetti di ricaduta economica, fornendo posti di lavoro e opportunità di investimento.

Oltre a violare l'approvvigionamento energetico, l'amministrazione Biden sta anche interferendo con accordi commerciali privati, più recentemente nel settore dei giochi, un'altra industria importante per la Pennsylvania. 

Di recente, la presidente della Federal Trade Commission di Biden, Lina Kahn, ha cercato di bloccare l'acquisizione da parte di Microsoft dello sviluppatore di giochi Activision-Blizzard. Fortunatamente, il caso della FTC non è andato a buon fine in tribunale e gli utenti Xbox di Microsoft possono aspettarsi opzioni migliori quando si iscrivono a i suoi piani Game Pass.

L'accordo Microsoft-Activision migliora le scelte di gioco per i consumatori e aiuta anche a elevare lo status di Microsoft nel mercato globale dei giochi. Tencent, con sede in Cinae Sony, con sede in Giappone, attualmente dominano il regno del gioco.

L'acquisizione di Activision-Blizzard da parte di Microsoft è un passo importante per l'economia della Pennsylvania poiché, secondo la rivista Fortune, la Pennsylvania è uno dei primi 10 stati per lo sviluppo di videogiochi. Si pensa che il settore dei giochi dello stato valga la pena oltre $80 milioni a livello locale. È allarmante che Khan e l'amministrazione Biden abbiano cercato di soffocare la competitività americana in questo settore, soprattutto quando le giurisdizioni internazionali semaforo verde la transazione. Quando l'UE difende meglio le aspirazioni di un'azienda americana rispetto al nostro stesso governo federale, c'è chiaramente qualcosa che non va.

Grazie in parte a politiche economiche così restrittive, la Pennsylvania ora si classifica 44 su 50 nel contesto imprenditoriale per la crescita economica. E, secondo il 2023 Indice del clima fiscale delle imprese statali, lo stato si classifica 42° su 50 per le imposte societarie e 33° su 50 per le aliquote fiscali complessive. In vista delle elezioni presidenziali del 2024, l'amministrazione Biden dovrebbe riconoscere l'importanza politica della Pennsylvania e alleggerire le restrizioni normative per consentire ai residenti dello stato di prosperare.

Originariamente pubblicato qui

Descrizione
it_ITIT