fbpx

Mese: Giugno2023

La neutralità tecnologica è il miglior meccanismo di sicurezza informatica e protegge la privacy dei dati dei consumatori

KUALA LUMPUR, 26 giugno 2023 – Il Consumer Choice Center (CCC) sottolinea il
importanza che i governi sostengano e mantengano la neutralità tecnologica nell'introduzione
posizionare i migliori meccanismi per i sistemi di sicurezza informatica e la protezione dei dati dei consumatori.

Il rappresentante del Malaysian Consumer Choice Center, Tarmizi Anuwar, ha dichiarato: “Tecnologia
cambia molto rapidamente e più velocemente degli emendamenti o delle modifiche legislative. A questo proposito, leggi che
sono amichevoli per l'innovazione e la tecnologia o la cosiddetta tecnologia neutra devono essere preparate in tal senso
che la sana concorrenza tra aziende private diventa il miglior metodo di determinazione
il meccanismo nelle normative sulla privacy dei dati.

Inoltre, Tarmizi ha commentato la raccomandazione del ministro delle Comunicazioni e
Digital che il settore privato effettua investimenti legati ad aspetti di sicurezza informatica e dati
privacy secondo l'adeguatezza dei rispettivi livelli operativi ovvero
considerato positivo. Tuttavia, è necessario rimanere coerenti e non esagerare
gravare sul settore privato.

“La raccomandazione può essere considerata buona perché l'applicazione dell'interoperabilità
gli standard possono essere preparati e implementati dall'azienda che gestisce i dati, e non lo è
necessariamente determinato dalla legge. Ciò darà spazio anche alle start-up per operare a
costo che corrisponda alle loro capacità.

“Fondamentalmente, ogni azienda ha il proprio interesse a proteggere la sicurezza informatica o i dati sulla privacy di
loro consumatori. Clausole legali eccessive come l'imposizione di software specifico causeranno un
aumento dei costi aziendali e conseguente aumento dei prezzi per i consumatori”, ha affermato.

Spiegando gli sforzi della Malesia per collaborare con i paesi del sud-est asiatico nella creazione di un dato
protocollo di condivisione per diventare un hub di elaborazione dati regionale, ha detto che il governo deve fare
il concetto di portabilità dei dati basata sul settore come standard principale.

“Per diventare un centro di elaborazione dati regionale, il governo deve utilizzare l'industria
standard come politica e strategia principale. Questo standard è un modo più veloce ed efficiente e
è in grado di coordinare le differenze legislative in ogni paese per far rispettare e regolamentare la portabilità
sopra la legge”. ha concluso.

COMMENT ÉCHAPPER À LA CENSURE GOUVERNEMENTALE ?

Un outil se democratizzato che permette di accedere a più contenuti… tanto che lo Stato non è mêle pas directement. 

Il plus e il plus degli utenti che utilizzano la VPN sui loro dispositivi che si collegano a Internet. Ce qui était autrefois una tecnica plutot oscuro che permette l'accesso a siti diversi da parte dell'intermédiaire de server virtualls devenu un outil de plus en plus courant, qui a suscité l'intérêt degli utilizzatori di Internet e delle autorità di regolamentazione.

Una VPN (Virtual Private Network), in francese RPV (réseaux privé virtuall) consente ai suoi utenti di connettersi a un server diverso da quello in cui si trova effettivamente. Attraverso diverse tecniche crittografiche, la VPN maschera l'indirizzo IP dell'utente e gli dà accesso ad altri contenuti.

Déménager sans bouger

Esistono diverse utilizzazioni di una VPN: l'una d'entre elles, très courante, è l'accesso ai contenuti video in streaming. In effetti, alors qu'une nouvelle émission de télévision populaire peut être disponible aux Etats-Unis, il n'est pas possible de la regarder depuis la France. Collegando la tua VPN a un server situato a New York, puoi accedere al contenuto che può essere visto dall'altra parte dell'Atlantico, dopo il comfort della tua casa.

I fornitori di servizi di streaming affermano che Netflix o Amazon Prime non sono disposti a farlo, perché sono interessati a risolvere i problemi con la regolamentazione dei diritti d'autore. La raison pour laquelle certains contenus télévisés ne sont pas distribués en France est que ces chaînes n'ont pas acquis les droits pour ces emissions dans l'Hexagone – parfois en raison du prix, parfois parce qu'elles ne pensent pas qu'une certaine émission suscitera beaucoup d'intérêt en France, par rapport aux Etats-Unis.

Cela dit, l'utilizzo della VPN dépasse de loin les avantages qu'il ya à à considerar Game of Thrones sur son tartine. Indipendentemente dal tuo indirizzo IP, si riducono considerevolmente i rischi di pirateria o sorveglianza se ti connetti a una rete Wi-Fi pubblica. Al fine di misurare il fatto che le VPN siano diventate più popolari, i fornitori di servizi VPN hanno trovato altri modi per proteggere i tuoi dati quando sei pubblico.

Alcuni servizi VPN propongono anche una funzione appelée « Internet Kill Switch ». Nel caso in cui la tua connessione VPN venga interrotta o disconnessa, questa funzione protegge il tuo dispositivo e i tuoi dati dagli indiscreti. Elle bloque tout the trafic Internet vers votre appareil jusqu'à ce que la connexion avec votre VPN soit rétablie.

Quand l'Etat adotta le VPN

Les VPN sono anche un buon moyen d'échapper alla censura governativa. Benché cela soit moins problématique dans de nombreux pays européens, les VPN sont couramment utilisés par les consommateurs en Autriche pour contourner les réglementations gouvernementals. Ciondolo longtemps, Wikipédia n'a pas été accessibile en Turquie sans l'utilisation d'un VPN. Le VPN sono anche molto utilizzate nelle dittature, perché gli utenti accendono i servizi di informazione internazionale che vengono bloccati da loro a pagamento.

Toutefois, bon nombre de ces Etats se sont ralliés à cette tendence. È legale utilizzare una VPN in Cina, ma il governo impone alcune restrizioni. Le VPN nazionali dovrebbero essere approvate dal governo e quelle che non sono interdette. Le città possono fare oggetto di sanzioni, contrairement aux estrangers, che possono restare impuniti se il loro costo è dovuto all'utilizzo di VPN non autorizzate. Evidemment, puoi immaginare che le VPN localizzate in cinese non siano contraints de ne pas débloquer du contenu interdit par le parti communiste.

In Europa, l'utilizzo della VPN non è limitato. Cela dit, il mondo occidentale a connu des textes législatifs suscettibili d'enfreindre l'utilisation des VPN.

Per esempio, un progetto di loi récemment proposto aux Etats-Unis non solo ma principalmente è quello di interdire l'utilizzo di TikTok fait vaguement référence à la possibilité pour les utilisateurs de contourner cette interdiction. Benché la loi non menzioni la VPN in quanto ti dice, Reason Magazine spiega che «questa formulazione lascia ancora più spazio alla loi RESTRICT per toccare un ampio ventaglio di attività. Può essere che un tribunale finisca per il giudice inutile contre persone saggie semplicemente d'échapper a un'interdizione di TikTok, ma questo non significa che i procuratori non siano d'accordo, né che le autorità non utilizzino le misure di sorveglianza invasiva per provare a rilevare un'evasione. »

Des services inégaux

Il tuo ultimo punto è che i consumatori non devono essere coscienti. Se le VPN garantiscono une plus grande sicurezza in linea, non è loin d'être une panacée. De nombreux VPN populaires vous promettent que vous pourrez « surfer sur le web de manière anonyme » ou que vous serez « complètement à l'abri de la sorveglianza governativa ». Malheureusement, il semplice fait de payer per una VPN non ti mette completamente al limite della sorveglianza e delle minacce di pirateria.

L'anonimato completo in linea è molto difficile da raggiungere, poiché necessita di una vasta gamma di apparecchi e di logiche di bruciore che deve essere inclusa nel tuo utilizzo quotidiano.

Lors de la mise en place d'un VPN, è importante informarsi sul prodotto che si acquista. È inoltre consigliabile rinunciare all'utilizzo di VPN «gratuite». Si le VPN est gratuit, vos données sont le produit. L'utilizzo di una VPN deve avere un comportamento banale in linea, ma continua ad esigere che tu faccia le tue ricerche.

Originariamente pubblicato qui

La battaglia per la condivisione della piscina nella contea di Montgomery è puro NIMBYismo liberale

I suoni di estate sono una cosa di gioia per la maggior parte delle persone. Gli uccelli, gli schizzi, i cani che abbaiano e i bambini del vicinato che giocano fuori. Il calore e la vita tornano nelle strade. Ma poi ci sono luoghi come la contea di Montgomery, Maryland . 

Il Washington DC , sobborgo e sede di Chevy Chase, Gaithersburg, Rockville e Takoma Park è una roccaforte liberale all'interno di una regione già liberale. È il tipo di posto in cui puoi individuare una bandiera dell'orgoglio del progresso in qualsiasi direzione e sentire la presenza accogliente di cartelli con la scritta "Nessun essere umano è illegale" ogni pochi metri. Naturalmente, questo non si applica se sei un "estraneo" che visita un quartiere della contea di Montgomery con la speranza di nuotare in una piscina privata nel cortile.

Un'app in rapida crescita chiamata Nuoto ha suscitato scalpore nelle comunità a livello nazionale, ma soprattutto nelle eleganti strade della contea di Montgomery, dove i residenti sono voce rabbia e paura per le piscine private affittate a sconosciuti che cercano di combattere il caldo. È un "enorme fastidio" che ha "disturbato" i residenti e li ha portati a chiedere un giro di vite locale sul servizio, che funziona in modo molto simile a un Airbnb ma per le piscine. La funzione della condivisione del pool è semplice in un mondo in cui i mercati degli affitti a breve termine basati su app sono ormai un'idea mainstream.

Invece che i consumatori debbano sborsare $500 a stagione per accedere a una piscina della comunità privata, Swimply consente alle famiglie e agli individui di connettersi con i proprietari di case che affittano le loro piscine su base oraria. Tariffe medie tra $45 e $75 su Swimply. È un buon affare per tutti i soggetti coinvolti.

Ma poi di nuovo, questo sta accadendo in un quartiere che famigerato ha cercato di vietare ai cani di abbaiare nel 2019. La città di Chevy Chase ha pensato ingenuamente di poter far cadere $134.000 per trasformare una fossa di fango in un parco per cani senza una protesta da parte dei residenti, che allo stesso modo l'hanno definito un "fastidio" che porta estranei al quartiere.

Questa lingua sembra terribilmente codificata per il sobborgo bianco 86.7% in una contea in cui 60% di residenti sono democratici e solo 14% sono repubblicani registrati. È dubbio che i preoccupanti estranei di cui parlano nelle riunioni cittadine siano altrettanto omogenei. 

È comprensibile che alcuni proprietari di case trovino fastidioso quando si tiene una festa in piscina accanto. Per fortuna, la contea di Montgomery dispone già di strumenti per aiutare i residenti a gestire i disordini nella loro zona, come a portale web per la presentazione di reclami sul rumore. C'è anche il minimo indispensabile del comportamento di buon vicinato, che è la comunicazione verbale e la conversazione su questioni comunitarie. La scorciatoia adottata più spesso è arringare i consiglieri comunali affinché vietino questi servizi nella speranza di far scomparire le innovazioni nell'economia della condivisione. Ma non lo faranno.

Questo perché nulla di tutto ciò è nuovo, grazie in gran parte al successo di Airbnb nel promuovere l'idea di buon senso secondo cui i proprietari di case mantengono il diritto di guadagnare un reddito mensile aggiuntivo condividendo la loro proprietà con altri, se lo desiderano. Molto probabilmente Swimply si aggiudicherà il diritto a un'eguale protezione nell'ambito delle politiche di noleggio a breve termine già in atto per attori più grandi come Airbnb.

I servizi offerti da Swimply, piscine private e adesso campi da pickleball, fanno già parte di ciò che un utente di Airbnb può godere quando affitta un'intera proprietà per un breve soggiorno. Non possono essere negati a un utente Swimply in base a un diverso insieme di regole arbitrarie.

Gli aspiranti regolatori della porta accanto non possono decidere quale sia realmente la preoccupazione. In un lettera al consigliere Will Jawando, 36 residenti si sono appoggiati a tutto, dal rumore e dagli annegamenti alla cacca di cane, alle tensioni sul sistema fognario e, sì, al razzismo intrinseco della condivisione di app economiche come motivi per vietarle. Sulla carta, questi tipi di "In questa casa in cui crediamo" non sono ansiosi di visitare gli affittuari del centro città; invece dicono: "Queste piscine NON devono rispettare le leggi che coprono la discriminazione sulla base di razza, credo, credo religioso, ecc. Ciò significa, ovviamente, che i proprietari che affittano queste piscine potranno rifiutarsi di affittare su queste basi. La Contea vuole davvero promuovere attività che possono discriminare?”

Nessuno crede che questa sia la loro vera preoccupazione.

Uno dei cittadini preoccupati detto i media locali sui parchi per cani, "Mi piacerebbe potermi sedere sul mio terrazzo e magari leggere un libro e chiacchierare con un amico o bere un bicchiere di vino, e i cani abbaiano". Un altro cofirmatario della lettera detto il Washington Post che una volta ha dovuto chiudere la finestra a causa del rumore occasionale.

La condivisione della piscina è solo l'ultima aggiunta al crescente rete di servizi peer to peer che portano così tanta flessibilità, divertimento e avventura nell'economia moderna. Di certo non sarà l'ultima. I consumatori lo adorano, così come innumerevoli proprietari di case con proprietà private che desiderano condividere. Lascia che la gente nuoti.

Originariamente pubblicato qui

Il comitato ristretto speciale per la salute del Parlamento deve essere indipendente dall'influenza del MOH

Il Consumer Choice Center (CCC) chiede una tempistica chiara per lo Special Select Committee on Health (SSCH) di Dewan Rakyat per rivedere il Control of Smoking Product for Public Health Bill 2023 per garantire che il processo possa essere svolto in modo completo e olistico.

Il rappresentante del capitolo malese del CCC Tarmizi Anuwar ha affermato che le autorità devono annunciare una chiara tempistica per dare spazio all'SSCH per condurre uno studio dettagliato e olistico nella preparazione di un rapporto di feedback per il controllo del prodotto da fumo per la salute pubblica Bill 2023.

"È importante garantire che questo comitato abbia il tempo adeguato per preparare il suo rapporto", ha sottolineato nella dichiarazione ai media.

Nel frattempo, Tarmizi ha esortato il governo a dare la priorità alla regolamentazione dell'industria dello svapo che opera da tempo nella zona grigia.

“Regolamentare l'industria dello svapo deve essere la massima priorità del governo. Nel frattempo, mentre l'SSCH esamina il suddetto disegno di legge, il governo può esaminare l'ampliamento delle legislazioni esistenti per includere lo svapo ", ha suggerito.

“Questo è ancora più vitale ora che la nicotina è stata esentata dalla legge sui veleni. A lungo termine, è necessario compiere sforzi per distinguere lo svapo dal tabacco. Si tratta di due prodotti molto diversi e funzionano in modi completamente diversi”.

Leggi il testo completo qui

I consumatori hanno bisogno di fatti sull'alcol, non di avvertimenti fuorvianti

Scorso mese, in occasione della Giornata mondiale senza tabacco, il ministro federale della salute mentale e delle dipendenze Carolyn Bennett ha annunciato su Twitter che il Canada sarebbe diventato il primo paese al mondo a imporre che ogni singola sigaretta venduta rechi un'etichetta di avvertenza, rispecchiando ciò che i consumatori già vedono sulla parte anteriore di il branco. Questa sembrerebbe essere la fine della strada in termini di etichette di avvertenza per il tabacco: in realtà non è rimasto molto su cui apporre un'etichetta, a meno che qualcuno non riesca a trovare un modo per far pronunciare "CANCRO" al fumo di sigaretta esalato.

Sfortunatamente per i consumatori, questa spinta non si esaurisce con il tabacco. C'è una lobby molto attiva per gli avvertimenti sulla salute in stile tabacco alcool, pure. Cosa è iniziato Irlanda è lentamente diffusione in Canada, con la sanità regionale autorità e gruppi come il Canadian Center for Substance Use and Addiction (CCSA) che sostengono avvertenze sanitarie obbligatorie.

Il problema qui non è se i consumatori debbano o meno conoscere i fatti su quando bere può essere dannoso per te salute. Il problema è se sono presentati in modo veritiero che spieghi realisticamente come il bere può causare esiti negativi sulla salute.

Coloro che fanno pressioni per maggiori avvertimenti citano invariabilmente il rischio relativo piuttosto che assoluto del bere. Ad esempio: "Quattordici drink a settimana per le donne aumentano il rischio di cancro al seno del 27%". Preso al valore nominale è una cifra stridente, che probabilmente spaventerà alcuni bevitori. A molte persone sembrerà che bere due drink al giorno produca una probabilità del 27% di sviluppare il cancro al seno.

Ma guardare a quell'aumento in termini assoluti piuttosto che relativi, a partire dal rischio di base per ogni malattia, comunica un messaggio molto diverso e molto meno scioccante. Utilizzando i dati del CCSA, il cancro al seno è responsabile di 17,3 morti premature ogni 100.000 donne canadesi, che è una base di 1,7 centesimi di punto percentuale. Un aumento del 27% di tale rischio lo porta a 22 morti premature ogni 100.000 donne, o 2,2 centesimi di punto percentuale, che è ancora molto piccolo.

Quel rischio extra - che deriva dal bere 14 drink a settimana, ricorda - è simile al rischio di cancro al seno associati con l'assunzione del controllo delle nascite, come sottolineato da Chris Snowdon dell'Institute for Economic Affairs. Comprensibilmente, i ricercatori che hanno studiato quel leggero cambiamento nel rischio derivante dall'uso della pillola hanno concluso che "Tali rischi devono essere bilanciati con i benefici dell'uso di contraccettivi durante gli anni della gravidanza". Per centinaia di milioni di donne, evitare una gravidanza indesiderata evidentemente vale più del piccolo cambiamento nel rischio di cancro al seno.

Per gli uomini, vale la stessa differenza tra rischio relativo e rischio assoluto. Prendi il cancro del colon-retto, per esempio. Rappresenta 13,9 morti premature ogni 100.000 uomini. Secondo il CCSA, gli uomini che bevono 14 drink a settimana aumentano il rischio di cancro del colon-retto del 20%. Ma ancora una volta, guardando al rischio assoluto, 14 drink a settimana spostano il rischio di base da 13,9 decessi per 100.000 a 16,7, con un aumento di 2,8 decessi per 100.0000. In termini percentuali, l'incremento è di 2,8 centesimi di punto percentuale.

Ironia della sorte, il rapporto della CCSA contiene un'informazione che mina radicalmente la narrativa del "non uso sicuro" che essa e altri gruppi di temperanza stanno spingendo. Per gli uomini, consumando fino a sette drink a settimana in realtà riduce il rischio di morte prematura per emorragia intracerebrale, ictus ischemico e cardiopatia ischemica. Questo è importante perché la cardiopatia ischemica è responsabile di 47,5 morti premature ogni 100.000 uomini. Sette drink a settimana riducono del 5% il rischio di morte prematura per cardiopatia ischemica, spostando tale cifra di base a 45,12, con una diminuzione di 2,38 decessi ogni 100.000.

Le malattie cardiache sono il più grande killer prematuro di uomini tra tutti i 19 problemi di salute valutati nel rapporto CCSA. Rappresenta più morti premature in Canada rispetto alla cirrosi epatica, al cancro al fegato, al cancro del colon-retto e al cancro orale messi insieme. Dovrebbe la salute benefici dalla riduzione della sua scadenza non essere inclusa anche su un'etichetta informativa sulla salute?

Ci sono due modi diversi per informare i consumatori sul rischi associati al bere. Uno è con il numero più grande e spaventoso che i dati sosterranno che, sebbene tecnicamente vero, non fa molto per educare i consumatori o incoraggiare scelte informate. L'altro è fornire ai consumatori l'intera profondità delle informazioni disponibili sul rischio assoluto. Meglio ancora, possiamo comunicare queste informazioni ai consumatori senza seguire il playbook del tabacco, che equipara falsamente il fumo al bere. Europa ha già avviato questo processo, in cui le bevande alcoliche possono avere un codice QR sulla bottiglia che rimanda a informazioni sulla nutrizione e sui rischi e sull'abuso di alcol. Dato che il programma è ancora nuovo, non disponiamo di dati sulla frequenza con cui viene utilizzato, ma è un buon passo avanti per i consumatori che desiderano maggiori informazioni.

Maggiori informazioni sono generalmente una buona cosa per i consumatori, ma solo quando tali informazioni non sono fuorvianti, che è ciò che sarebbero gli avvertimenti sul cancro sulle bottiglie.

Originariamente pubblicato qui

FTC fa causa ad Amazon Prime per essere troppo conveniente e troppo conveniente per i consumatori 

WASHINGTON DC – Mercoledì lo era segnalato che la Federal Trade Commission ha intentato una causa contro la società tecnologica Amazon, sostenendo che il suo abbonamento Prime ha "ingannato" i consumatori inconsapevoli offrendo prezzi più bassi e consegne più rapide per i clienti che si iscrivono al servizio. La causa afferma che la società ha "intrappolato" i clienti negli abbonamenti Prime.

Yaël Ossowski, vicedirettore del Consumer Choice Center ha reagito alla causa:

“I consumatori sanno che stanno ottenendo una miriade di vantaggi con il loro abbonamento Prime che possono annullare in qualsiasi momento, che si tratti di consegna più rapida, prezzi più convenienti o servizi in bundle come l'archiviazione dei dati e lo streaming di contenuti. Questo è ciò che vogliono i consumatori.

“Il fatto che la FTC sprechi le proprie risorse cercando un'azienda innovativa che offre costantemente valore ai consumatori rivela più del rancore politico dell'agenzia che di qualsiasi danno percepito per i consumatori. I consumatori hanno visto aumentare in modo schiacciante il loro benessere grazie ai prodotti e ai servizi di Amazon.

“Dietro l'esercito americano, Amazon è il istituto più favorevole nel paese, principalmente perché milioni di consumatori hanno avuto esperienza con la piattaforma di Amazon, sono stati assunti dall'azienda o hanno utilizzato i loro servizi in qualsiasi modo", ha affermato Ossowski.

"È risaputo che la presidente della FTC Lina Khan ha trascorso la sua carriera cercando di costruire una causa antitrust contro Amazon, come rivelato nel suo articolo del 2017 su "Amazon's Antitrust Paradox", ma questi sforzi falliscono con i consumatori che traggono vantaggio e apprezzano i loro servizi. "

“I consumatori hanno votato con i loro portafogli quando si tratta dei servizi di Amazon, incluso Amazon Prime. Che un'agenzia del governo federale spenda tempo e risorse preziose cercando di punire un'azienda per aver offerto troppi prodotti e servizi a prezzi accessibili in un modo unico sembra solo ridicolo", ha aggiunto Ossowski.


Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra, Lima, Brasilia e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org.

**Si prega di inviare richieste dei media a yael@consumerchoicecenter.org.***

Il cartello canadese delle notizie e la tassa sui collegamenti ai social media interrompono un Internet aperto e danneggiano il giornalismo digitale

Questa settimana sono stato invitato al "Quotidiano”, un notiziario quotidiano canadese, per discutere l'impatto di C-18, che consente a un cartello dei media di costringere i social network a pagare una "tassa sui link" per consentire gli articoli sulle loro piattaforme.

Al Consumer Choice Center, il mio collega David Clement ha scritto in precedenza su questo qui e qui, ed è stato un punto di interesse su Radio scelta del consumatore per un po 'di tempo.

Questo è qualcosa che l'Australia ha già introdotto nel 2021, di cui ho scritto, e gli Stati Uniti stanno attualmente discutendo una proposta simile al Senato degli Stati Uniti, che anche il mio collega Bill Wirtz coperto di recente, COME così come il nostro compagno La dottoressa Kimberlee Josephson.

Negli Stati Uniti, il disegno di legge è il Legge sulla concorrenza e la conservazione del giornalismo, guidato dal nemico della competizione Amy Klobuchar. Una versione in California, il Legge sulla conservazione del giornalismo della California, è in commissione al Senato dello Stato e si prevede che il governatore Gavin Newsom lo firmerà.

L'idea principale di questo piano, indipendentemente dal paese o dalla lingua, è che le aziende tecnologiche stiano mangiando il pranzo dei media tradizionali. Per "livellare il campo di gioco", le aziende tecnologiche devono pagare i media tradizionali ogni volta che una storia (o un collegamento) viene condivisa sulla loro piattaforma. Sembra che sia Rupert Murdoch contro Mark Zuckerberg, o scegli il tuo titano legalmente mediatico contro il CEO di una start-up tecnologica. Ma realisticamente, sono i funzionari del governo, che lavorano con i media tradizionali, contro di TE, il consumatore.

Questo, ovviamente, non è solo un attacco alla libertà di parola e alle cattive politiche pubbliche, ma rappresenta anche un cambiamento fondamentale nel modo in cui consideriamo la natura democratica di Internet.

I notiziari hanno bisogno dei social media per condividere storie, trovare il loro pubblico e continuare a supportarli. Allo stesso tempo, spetta alle testate giornalistiche proporre modelli innovativi per prosperare e competere. In Canada, come in molti paesi europei, i sussidi governativi hanno preso il posto della vera innovazione.

Ma su Internet, piattaforme come Substack, Patreon, Locals.com, YouTube e ora anche Twitter consentono a singoli e team di media di offrire notizie che piacciono davvero ai consumatori.

Al Consumer Choice Center, sosteniamo i consumatori che abbracciano l'innovazione, la concorrenza e un'ampia varietà di scelta. I nuovi modelli di distruzione creativa sono qualcosa che celebriamo e noi consumatori ne traiamo vantaggio in ogni fase del processo.

Continueremo a respingere l'idea di cartelli giornalistici, tasse sui collegamenti o altre pratiche normative sleali che cercano di sostenere un settore a spese di un altro. Non solo è sbagliato, uno spreco di fondi e poco pratico, ma riduce anche seriamente la nostra capacità di scegliere liberamente i nostri media scelti come consumatori.

Questa è almeno una cosa per cui vale la pena lottare.

Il comitato ristretto speciale per la salute deve essere indipendente dall'influenza del ministero della salute

KUALA LUMPUR, 15 annith giugno 2023 – Il Consumer Choice Center (CCC) chiede una tempistica chiara sul processo dello Special Select Committee On Health per rivedere il Control of Smoking Product for Public Health Bill 2023 per garantire che il processo possa essere svolto in modo completo e olistico.

Il rappresentante del Malaysian Consumer Choice Center, Tarmizi Anuwar, ha dichiarato: “Il governo deve annunciare una tempistica chiara per dare spazio allo Special Select Committee on Health per condurre uno studio dettagliato e olistico nella preparazione di un rapporto di feedback per il controllo del fumo Product for Public Health Bill 2023. È importante garantire che questo comitato abbia il tempo adeguato per preparare il suo rapporto.

Nel frattempo, Tarmizi ha esortato il governo a dare la priorità alla regolamentazione dell'industria dello svapo che opera da tempo nella zona grigia. 

“Regolamentare l'industria dello svapo deve essere la massima priorità del governo. Nel frattempo, mentre lo Special Select Committee On Health rivede il Control of Smoking Product for Public Health Bill 2023, il governo può esaminare l'espansione delle legislazioni esistenti per includere lo svapo. Ciò è ancora più vitale ora che la nicotina è stata esentata dalla legge sui veleni".

“A lungo termine, è necessario compiere sforzi per distinguere lo svapo dal tabacco. Questi sono due prodotti molto diversi e funzionano in modi completamente diversi. Mentre il tabacco provoca un bilancio annuale di otto milioni di persone ogni anno, è stato scientificamente dimostrato che lo svapo è 95% meno dannoso del tabacco e l'aiuto più efficace per smettere di fumare ", ha affermato.

Tarmizi ha anche esortato il comitato a tenere ulteriori sessioni di coinvolgimento con le parti interessate che sono particolarmente colpite, in particolare i consumatori. Coinvolgendo anche esperti di vari settori.

“Sulla base della dichiarazione sull'impatto normativo rilasciata dal governo neozelandese, durante il processo Proposal for a Smokefree Aotearoa 2025 Action Plan, 5.200 persone e organizzazioni sono state coinvolte attraverso metodi faccia a faccia o scritti. Tuttavia, il Ministero della Salute ha condotto solo circa 70 sessioni di coinvolgimento senza rivelare quante persone e organizzazioni fossero coinvolte", ha affermato.

“Questo impegno deve anche coinvolgere esperti di vari campi che non si limitino solo a un punto di vista, ma devono includere una varietà di opinioni perché il problema delle sigarette è un problema complesso e richiede una soluzione globale. Tra loro Tun Zaki, l'ex presidente della Corte Suprema, una volta toccò la questione della libertà individuale nell'attuazione dell'endgame generazionale.

Elaborando il ruolo del Comitato ristretto speciale per la salute, Tarmizi ha affermato che il Ministero della salute deve garantire che il comitato sia libero dall'influenza del Ministero della salute e abbia autonomia nello svolgimento delle proprie responsabilità.

“Il Ministero deve garantire che il comitato ristretto speciale abbia autonomia nello svolgimento dei propri studi senza alcuna interferenza da parte del Ministero. Questo è importante per garantire che i membri del comitato siano in grado di svolgere le proprie responsabilità senza alcun conflitto di interessi del Ministero della Salute come è accaduto in precedenza.

Gli Stati Uniti hanno ragione a prendere di mira le politiche alimentari protezionistiche dell'Europa

Mentre l'Organizzazione mondiale del commercio si riunisce a Ginevra questa settimana, i funzionari dell'amministrazione Biden hanno preso di mira le politiche commerciali protezionistiche dell'Europa.

L'ambasciatore degli Stati Uniti presso l'OMC, Maria Pagán, ha delineato le "barriere persistenti" che i beni ei servizi americani devono affrontare per entrare nel mercato europeo. In cima all'ordine del giorno c'erano gli standard enogastronomici dell'UE, che svantaggiavano in modo sproporzionato i produttori americani.

La strategia "Farm to Fork" dell'UE – una tabella di marcia per riformare radicalmente le politiche agricole nel blocco – estenderà solo quelle controversie transatlantiche esistenti. La questione centrale non è solo che Bruxelles lo sia già sovvenzionando i suoi agricoltori in misura ancora maggiore rispetto agli Stati Uniti, ma che ora richiede sempre più ai partner commerciali di adottare le proprie politiche.

Un buon esempio è l'applicazione della protezione chimica delle colture: l'anno scorso l'UE ha annunciato che avrebbe chiesto agli importatori di rifiutare qualsiasi prodotto alimentare trattato con insetticidi neonicotinoidi, nonostante il fatto che i paesi membri dell'UE abbiano ancora deroghe di emergenza per queste sostanze chimiche. Gli agricoltori americani usano queste sostanze chimiche per prevenire gravi perdite di raccolto a causa di insetti che mangiano il raccolto.

Come ha giustamente notato Pagán a Ginevra, l'insistenza dell'UE nell'esportare i suoi standard di produzione ai partner commerciali "non sono appropriati, efficaci o efficienti in altre parti del mondo" e ridurrà la sostenibilità dei sistemi alimentari per i produttori non europei. La corretta applicazione della protezione delle colture garantisce la sostenibilità perché garantisce rese elevate e quindi riduce gli input, motivo per cui il modello alimentare americano non è solo più produttivo, ma anche più sostenibile rispetto a quello europeo.

Intrigante,. l'esperimento dell'UE con la politica agricola è ora messo in discussione nel proprio parlamento. In effetti, il più grande gruppo del Parlamento europeo ha recentemente ritirato il proprio sostegno a una legge che dimezzerebbe l'uso di pesticidi entro il 2030, adducendo preoccupazioni per l'aumento dei costi alimentari, nonché per gli effetti della politica sugli agricoltori. Mentre l'Europa affronta le ripercussioni della guerra in Ucraina, gli obiettivi politici di una politica sognata un decennio prima sembrano molto meno prioritari.

Dal punto di vista della politica commerciale, l'UE si sta ritirando in un angolo. Durante la presidenza di Donald Trump, gli Stati Uniti erano ampiamente visti come protezionisti e disorganizzati, con l'amministrazione che trattava l'OMC più come un trading floor che come una seria organizzazione internazionale. Tuttavia, dall'arrivo di Joe Biden alla Casa Bianca, ci sono stati pochi segni di un ritorno alla "normalità", anche se questo non è dovuto solo agli Stati Uniti.

Negli ultimi anni, infatti, l'approccio ossessivamente unilaterale dell'UE alle riforme agricole è stato esposto come impraticabile e sconsiderato nei confronti delle politiche alimentari di altre nazioni. È una posizione che racconta il resto del mondo: nessuna nuova tecnologia di allevamento, nessuna agricoltura convenzionale, nessuna agricoltura ad alto rendimento, nessuna apparente concorrenza con i produttori europei. Per fare un esempio particolarmente assurdo, Bruxelles limita persino le parole "tawny", "ruby", "reserve", "classic" e "chateau" alle bottiglie importate di vino americano, nel caso in cui qualcuno le scambi per il più "autentico" ' Versioni europee.

Sono i consumatori su entrambe le sponde dell'Atlantico a pagare il prezzo dell'intransigenza e della meschinità dell'UE, con una scelta di prodotti ridotta e prezzi più elevati. Ecco perché è incoraggiante vedere il Rappresentante per il commercio degli Stati Uniti e altri funzionari mantenere la linea quando si tratta degli interessi dei loro agricoltori e respingere l'approccio protezionistico, iper-cauto e anti-consumatore di Bruxelles alla politica agricola.

Originariamente pubblicato qui

Lascia la scelta ai consumatori e risparmia l'innovazione per assicurare lo sviluppo economico dell'UE

Si le principe de précaution est louable dans son principe, il semble aujourd'hui dévoyé de sonambition première. Di fatto, grazie a precauzioni eccessive, un abus réglementaire et parfois une forme de populisme, il Vieux Continent est aujourd'hui en retard dans bien des domaines. E se lasciare la scelta ai consumatori è la soluzione?

Un principe louable qui a perdu son objectif

All'origine, le principe de précaution visait avant tout à protéger consommateurs et citoyens d'évolutions aux conséquences inconnues et potentiellement dangereuses. Las, depuis des années il semble avoir perdu sa boussole, et d'un principe de précaution nous sommes passés à un excès de précaution, contreproductif et, à bien des égards, infantilisant. Così, quando l'IA s'annuncia come un gioco strategico per il mondo di dominio e per gli americani e i cinesi che investono massicciamente nello sviluppo di questa tecnologia, il rapporto di 12 pagine dell'UE a questo elenco di 11 pagine di rischio per una sola opportunità. Questo esempio potrebbe anche essere in declino per il genio genetico, alors che gli agricoltori europei perdono ogni anno da parti di mercato, devono essere interamente dipendenti da aiutanti per sopravvivere, e che noi devrons in quelques décennies nourrir plus de 8 miliardi di umani ─ ce qui sera impossibile sans recourir aux OGM.

La questione cruciale della scelta

Ceci pose la question du risque et du hasard. A partir de quelle probabilité peut-on acter qu'il s'agit d'un osé, et non d'un hasard? Una delle preoccupazioni principali dell'Agence pour le Choix du Consommateur è la questione – e la gestione – dei rischi. Una grande maggioranza delle regolamentazioni attuali fa riferimento ai comportamenti ad alto rischio dei consumatori: un consumo benefico di alcol non implica un rischio di malattia, al contrario di un consumo eccessivo. Un altro esempio è l'autore controverso della sigaretta elettronica: ben inteso, non fumare è preferibile in termini di salute. Toutefois, les dommages potenzialiels du vapotage sont bien moindres que ceux de la cigarette, et ne pas en restreindre l'usage offre une alternative moins dangereuse aux consommateurs. Il s'avère hélas que les régulateurs ne comprennent pas suffisamment la différence scientifique entre « hasard » et « risque », même si certains signes vont aujourd'hui dans le bon sens.

Il nous appare donc comme hautement préférable, pour lo développement de l'économie européenne, de laisser le choix aux consommateurs, qui arbitreront cette question de la pertinence des innovations par l'intermédiaire de la concurrence et du marché. Certes, il sera facile d'objecter la question de l'information complète, et du poids de certains intérêts. Toutefois, ce serait oublier que ces fameux intérêts vont dans les deux sens, comme chaque médaille a, nécessairement, son revers. Mais laisser les consommateurs, qui sont aussi des citoyens, faire leurs choix n'est-il pas le propre de la démocratie? C'est ce dont nous restons convaincus, et ce pour quoi nous luttons chaque jour.

Verbatim : « L'innovazione e la libertà dei consumatori sono i migliori leviers per lo sviluppo dell'Europa »

Originariamente pubblicato qui

Descrizione
it_ITIT