fbpx

Giorno: 31 Gennaio 2023

Impianto di batterie cinese che pone problemi di sicurezza

Ricorda quando alla fine del 2021, l'ambasciatore ungherese a Pechino ha affermato che l'Ungheria è orgogliosa di servire come punto d'entrata per le imprese cinesi nell'Unione europea? La maggior parte delle persone stava già pensando alla creazione di a Fudan Campus universitario di Budapest, il Ferrovia Belgrado-Budapest, il famigerato respiratorio affare del ventilatore durante il Covid e persino aiutando le aziende high-tech a entrare nel mercato dell'UE. Tuttavia, l'ultimo e più discusso investimento è la costruzione di un impianto di batterie nella città di Debrecen da parte di Contemporary Amperex Technology Ltd (CATL). Dovrebbe essere un investimento da 8 miliardi di dollari (più i sussidi del governo ungherese filo-cinese), che ora è uno dei temi più caldi in Ungheria visto che molti partiti di opposizione e organizzazioni verdi sono stati manifestando pubblicamente a causa di preoccupazioni ambientali. Ciononostante, vanno menzionate altre questioni preoccupanti per quanto riguarda l'impianto.

Secondo Intelligenza in linea, il nuovo impianto serve gli interessi geopolitici del Partito Comunista Cinese (PCC). Inoltre, l'investimento è controllato dal PCC e i ministri degli Esteri cinese e ungherese prendono le decisioni più strategiche. Non sorprende che l'Ungheria abbia spostato la sua attenzione commerciale da ovest a est nell'ultimo decennio. Inoltre, il primo ministro Orban, che non è solo il più grande alleato di Putin nell'Unione europea, negli ultimi anni ha elogiato il capitalismo di stato di tipo cinese. Oltre a questi, c'è un'argomentazione secondo cui la Cina vuole premiare l'Ungheria per essersi schierata dalla sua parte riguardo a Taiwan.

CATL si inserisce perfettamente nella linea di TikTok, Huawei, Hikvision, Dahua e altri quando si tratta di conquistare i mercati europei e utilizzare tecnologie e aziende che servono direttamente gli interessi politici del partito comunista. Sembra addirittura che il governo cinese stesse correndo con il tempo per stabilire i suoi punti chiave in Europa prima che fosse troppo tardi. E come stiamo sperimentando ora, la finestra di opportunità si è chiusa rapidamente di recente. Alcuni paesi dell'UE si sono già sbarazzati della rete Huawei 5G, introdotta dagli Stati Uniti un divieto su TikTok nelle istituzioni federali, e Anche il Canada si sta muovendo in questa direzione. Nell'UE, alcuni politici hanno anche espresso le loro preoccupazioni per l'espansione economica cinese e un possibile divieto di TikTok a causa dei diritti umani e delle preoccupazioni per la sicurezza. Noi del Consumer Choice Center hanno anche espresso la nostra preoccupazione per l'eccessiva presenza cinese in Europa e abbiamo già invitato i legislatori dell'UE a prendere in considerazione un divieto simile agli Stati Uniti su TikTok. Il nostro punto di vista è chiaro: fintanto che il PCC è coinvolto in affari "privati", non dovrebbe avere nulla a che fare con il commercio europeo. Se esiste la possibilità che i dati sensibili dei cittadini dell'UE vengano gestiti dal partito comunista, i leader dell'UE dovrebbero optare per un approccio di tolleranza zero. Sebbene molti commentatori e politici offrano soluzioni allettanti, la maggior parte accontenterebbe i cinesi. Sosteniamo la nostra tesi secondo cui ogni volta che si tratta di problemi di sicurezza, un "la cessione forzata di una società regolamentata e supervisionata dalle autorità di regolamentazione nelle nazioni democratiche liberali sembra essere la misura più prudente.”

Descrizione