fbpx

Giorno: 18 aprile 2022

Il piano abitativo liberale manca il bersaglio

Ottawa, IL: Oggi il governo federale ha rilasciato il proprio budget, che include una parte significativa per affrontare la crisi degli alloggi. I principali annunci politici includono il divieto di offerte alla cieca, un nuovo conto di risparmio per la prima casa esentasse, un divieto di acquirente straniero e $4 miliardi per i comuni che crescono più rapidamente della media storica.

Il direttore degli affari nordamericani del Consumer Choice Centre, con sede a Toronto, David Clement, ha risposto affermando: "Sfortunatamente, il piano abitativo del governo non è abbastanza audace per affrontare adeguatamente la crisi abitativa e affrontare efficacemente il problema della cronica carenza di offerta".

“Hanno proposto di vietare le offerte alla cieca, cosa che è già avvenuta mostrato di non avere alcun impatto sui prezzi e non fa nulla per aumentare l'offerta. Il loro divieto agli acquirenti stranieri è un'altra politica che sta tentando di armeggiare con la domanda, senza affrontare l'offerta. E mentre alcune delle risposte di Ottawa consentiranno ai consumatori di risparmiare di più, come il Tax Free First Home Savings Account, anche queste modifiche alla politica fiscale non fanno nulla per aumentare l'offerta di alloggi ", ha affermato Clement

“L'unica politica dal lato dell'offerta che il governo federale ha annunciato è il loro stanziamento per le comunità che crescono a un ritmo più rapido della media storica. Secondo le stime del governo, ciò potrebbe comportare la costruzione di 100.000 nuove abitazioni entro il 2025, ma il problema è che una provincia come l'Ontario ha bisogno altro 650.000 nuove case solo per raggiungere la media nazionale, il che non sarebbe molto da festeggiare considerando che il Canada è all'ultimo posto nel G7 per unità abitative per 1000 persone”, ha affermato Clement.

“Piuttosto che armeggiare con la domanda e un programma di stanziamento deludente, il governo federale avrebbe dovuto concentrarsi sulla riforma della zonizzazione. Il governo federale potrebbe facilmente legare i finanziamenti federali per alloggi a prezzi accessibili e infrastrutture pubbliche agli obiettivi di densità, con la riforma della zonizzazione come meccanismo centrale per raggiungerlo. Ciò sarebbe sostanzialmente simile ai recenti accordi di assistenza all'infanzia che comportano il trasferimento di dollari federali in cambio di una serie di risultati provinciali ", ha affermato Clement.

Big Tech'deki antitröst baskıları tüketicilere yardımcı olmayacak

Son on yılda ağ tarafsızlığı mücadelesinin en parlak döneminde, teknoloji aktivistleri ve işletmeler ağ tarafsızlığının olmadığı bir kıyamet senaryosu konusunda uyardılar: internet geçiş ücretleri, veri yasakları ve daha duşük hızlar.

Washington, ISP'leri kamu hizmetleri olarak yeniden sınıflandırmazsa ve Federal İletişim Komisyonu'na denetim verirse, tüm çevrimiçi deneyimimizin daha da kötüye gideceğini savundular.

Şimdi, FCC Başkanı Ajit Pai'nin net tarafsızlığı yürürlükten kaldırmasından beş yıl sonra, çevrimiçi hızlar rekor seviyelere ulaştı, her zamankinden daha fazla Amerikalı çevrimiçi durumda ve Internet ekonomisi Amerikan toplumunda baskın gelline bir güçkın. Il suo zamankinden daha açık.

Bununla birlikte, her zaman huzursuz olan bu aktivistlerin çoğu, yeni bir siyasi mücadele için ağ tarafsızlığı savaş bayrağını bir kenara attı: yenilikçi teknoloji şirketlerini ezmek ve kısıtlamak için antitröst yasalarını knmak.

Günümüzün aktivistleri ve politikacıları, despotik bir çevrimiçi geleceğe başvurmak yerine, sayısız “teknoloji tekeli”nden ve onların yaşamlarımız ve verilerimiz üzerindeki bariz kontrollerinden yakınıyorlar.

In un'area di gioco etkilenen, basata su un'area geografica americana milyonlarca, l'Internet è stata creata da Internet per ottenere informazioni su Amazon, Meta Platforms, Google e Apple. ayrıldıklarına odaklanılmıştır.

Bununla birlikte, bu şirketlerin her biri, Kongre tarafından bekleyen bekleyen veya işletmelerinin operasyonlarının daha sıkı düzenleyici incelemesi bekleyen başsavcılardan davalarla karşı karşıyadır.

Sosyal medya hesaplarını yasaklamak veya yasaklamak ya da kendi ürünlerini pazarlarında tercih etmek olsun, il suo şirketi kendi eylemleri veya politikaları nedeniyle eleştirmek için birçok neden olsa da, duezenleyicileri bu şirketlerin nasıl daha fazla kontrol dalmya sabir ikır impedito. işletmek çok ileri gidiyor.

I messaggi di Twitter e Facebook sono stati pubblicati su domande dirette a livello federale, ma il governo federale ha dichiarato che i messaggi di sole più importanti potrebbero essere interrotti.

Gerçek şu ki, teknoloji sektörü inanılmaz derecede rekabetçi ve tüketici çıkarlarına hitap eden çeşitli farklı ürünler ve hizmetler sunuyor.

Facebook e Twitter sono stati segnalati, kendi Mastodon sunucunuzu e Matrix sono stati resi disponibili. YouTube, istediğiniz içeriği barındırmıyorsa, Rumble veya Odyssey'e kolayca kaydolabilirsiniz. Amazon'a tahammül edemiyorsanız, Shopify, ürünlerini müşterilere listelemeleri için milyonlarca girişimciye bir satış noktası daha sağlar. Seçimler sonsuzdur.

Bu nedenle, bir tüketici savunucusu olarak, Fight for the Future gibi geniş bir koalisyonun yükselişini gördüğümde hayal kırıklığı yaşıyorum.

Con koalisyon, Automattic (WordPress), Brave Browser, Protonmail e Spotify dahil olmak üzere sevdiğim ve sık kullandığım birçok şirketi e aynı zamanda uzun süredir yenilikçileri e serbest girişimi kısıtlamaya çalışan birçok çıkar grubunu içeriyor.

Se la tecnologia è stata acquistata in modo affidabile, l'edildiğini potrebbe non essere disponibile, l'uso di dispositivi di riscaldamento o l'installazione di dispositivi di ricarica è stata effettuata in modo indipendente.

Kongre, teknolojinin gücünü dizginlemek için antitröst yasalarını değiştirmeyi başarırsa, bu tipik İnternet kullanıcısı ve tüketicisinin yararına olmayacaktır. Bunun yerine, birleşme ve satın almaları kısıtlamaktan çok daha fazlasını yapmak isteyen bir koalisyonun politika hedeflerini karşılayacaktır: belirli siyasi konuşmalar, düşmanca gördüğü hareketler e tüketicilerin erişmek istemediği ürünler.

Antitröst baskısı, Facebook'taki tipik muhafazakarlara veya YouTube'daki liberal çevrecilere yardımcı olmaz. Non è stato possibile accedere a messaggi di posta elettronica precedenti che richiedono un'unica informazione in merito a ciò che è stato detto in precedenza, selezionare le impostazioni predefinite e attivare l'opzione.

Antitröst eylemi çok ileri giderse, bize mükemmel bir rekabet veya geniş seçenekler çağı getirmez. Internet kullanıcılarını yenilikçi seçeneklerden mahrum bırakacak e büyümelerine ve değer yaratmalarına izin veren girişimci güçleri engelleyecektir. Önceden uyarmalıyız.

Originariamente pubblicato qui

POLITIQUE AGRICOLE : À QUAND LA FIN DES UTOPIES ?

Le secteur énergétique n'est pas le seul concerné par la guerre en Ukraine, les sanzioni qui l'ont suivie, et des problèmes d'approvisionnement en ressources essentielles. La stratégie de l'UE semble en revanche faite pour aggraver la situation…

In Europa, tutti i consensi politici degli ultimi anni e dei decenni sono spariti dalla finestra. Le pacifisme allemand, la convinzione di Macron che l'Otan sia « en mort cérébrale » et, maintenant, toute la stratégie de durabilité du continent en matière d'agriculture sont remis en question.

Le Parti populaire européen (PPE), le plus grand groupe parlementaire du Parlement européen, demande en effet que la strategia « Dal campo alla tavola » soit annulée.

Une stratégie remise en cause… depuis le début

Per rappel, questa strategia della Commissione europea vise à réduire de 50% l'utilisation de pesticidi et de 20% celle des engrais, anche qu'à consacrer 25% des terres agricoles à l'agriculture biologique. Criticata in un premier temps dai rappresentanti del mondo agricolo, poi confrontata con uno studio dell'USDA che mostrava che questa politica causava una considerevole riduzione della produzione agricola, la Commissione europea a néanmoins poursuivi il processus législatif.

Nonostante ciò, mantenne la battaglia in Ucraina e le sanzioni contro la Russia mettendo l'approvvigionamento alimentare europeo sui margini più le étroites que jamais, una conclusione dell'USDA a causa di grandi inquiétudes a Bruxelles. In effetti, solo questo studio americano, seguito dall'applicazione di questa strategia, les prix agricoles s'envoleraient de 20 à 53%. Cette étude prédit aussi une baisse de la produzione agricola in Europa comprende tra 7 e 12%.

Parallelamente, la baisse du PIB de l'UE rappresenta 76% de la baisse du PIB mondial. Et la situazione de la sécurité alimentaire et des prix des produits alimentaires de base se détériorerait considérablement, dans le quadro d'un scénario d'adoption mondiale, comme l'ont constaté les chercheurs de l'USDA.

Maintenant, les politiciens du PPE, comme l'italien Herbert Dorfmann, dissent que la Commission européenne «devrait éviter de présenter d'autres propositions qui ont des impacts negatifs sur la sécurité alimentaire européenne». Le fait que l'une des plus fortes influences politiques de l'UE déclare que nous devrons oublier la réforme agricole la plus importante depuis des décennies « pour le moment » devrait soulever des questions.

Se un nuovo sistema alimentare è intrinsecamente vulnerabile ai cambiamenti geopolitici, cela ne le squalifica-t-il pas sur le long terme plutôt que sur le court terme ?

Et ce principe n'est pas attaqué qu'au niveau européen. Emmanuel Macron a rajouté son grain de sel, spiegando che « [les] objectifs [de la stratégie] doivent être revus car l'Europe ne peut en aucun cas se permettre de produire moins », avant de mettre en garde contro una « crisi alimentare profonde » qui pourrait sopravviver dans les mois à venir.

L'Ucraina rappresenta 30% des échanges mondiaux de blé et d'orge, 17% du maïs et plus de la moitié de l'huile et des graines de tournesol (88% pour l'Europe). È inoltre il principale partner commerciale dell'UE per la soja non OGM, utilizzato per l'alimentazione animale, oltre che per 41% di colza e 26% di miele.

Les prix du blé et du mais se sont déjà envolé depuis le début de la guerre. Mantenendo l'Ucraina allo stesso tempo interdetta a tutte le esportazioni di denrées alimentaris essenziali verso l'Europa affinchè garantiscano il proprio approvisionnement, il Vieux Continent si trova di fronte a una situazione catastrofica per il settore agricolo.

Que peut faire l'Europe?

L'UE potrebbe riattivare le antiche armi a disposizione per la protezione delle culture, autorizzare il genio genetico moderno e sicuro, e ridurre i diritti d'importazione nei paesi che potrebbero fornire a questo continente i beni che non ce l'hanno. .

Ce n'est vraiment pas le moment de faire un discours de vertu sur le fait que l'Europe possède les normes alimentaires imaginaires les plus élevées, qui n'ont ni protégé l'environnement ni fourni une alimentation plus saine aux citoyens. Ce n'est pas non plus le moment de miser sur les aliments biologiques, qui nécessitent plus d'eau et de terres agricoles, tout en esigenant une abondance de pesticidi.

Malheureusement, de nombreux ecologistes voient dans cette crise une raison de revoir leurs ambitions à la hausse, et non de revoir leurs promesses. Per l'istante, l'Unione europea a Bruxelles è interessata all'obiettivo di riduzione del 50% dei pesticidi, malgrado le avvertenze dei rappresentanti degli agricoltori sulla base dei pagamenti.

Tout récemment, l'UE a cependant publié un document qui appelle les Etats membres à faire avantage pour raggiungere les objectifs fixés : au lieu de la réduction de 25% convenue précédemment, l'UE vise désormais 40 % des terres agricoles dédiés au bio. Et peu importe que de nombreux Etats membres soient aux prises avec des problèmes de chaîne d'approvisionnement causati da Covid-19, un tasso di inflazione record et la guerre in Ucraina...

Nous devons supponiamo che, comme elle le fait si souvent, Bruxelles estime que la nourriture est tout simplement trop bon marché actuellement.

Quel fenomeno strano che, in questa crisi, Emmanuel Macron se soit révélé être l'une des voix les plus raisonnables: construction de centrales nucléaires, soppression des règles de durabilité prévues. C'est presque comme si le président français avait tiré des leçons du mouvement des gilets jaunes. Semble que face à la crise en Ukraine, qui se résume à l'ideologie contre la réalité, Macron a fait son choix.

Tuttavia, poiché la politica dell'UE è réellement affectée, non è sufficiente che Macron soit de la partie. Certe decisioni agricole relative a questi ultimi anni non possono essere annullate se i dirigenti non sono pronti a vedere gli errori dei loro metodi.

L'UE deve remettre en question son approche de la durabilité et envisager sérieusement la sécurité alimentaire dans les mois à venir. Tout devrait être sur la table, d'une réévaluation plus rapide des règles parents au génie génétique à un moratoire sur les nouvelles réglementations agricoles. Questo rapporto servira d'avertissement à ceux qui cherchent à modificare radicalmente la réglementation des systèmes alimentaires mondiaux et nationaux.

Originariamente pubblicato qui

Un giorno di ritardo e un dollaro in meno: il budget liberale fallisce i consumatori

Il piano abitativo di Ottawa non è abbastanza audace da affrontare il problema della cronica carenza di offerta

Chrystia Freeland ha acquistato un paio di scarpe nuove di zecca la scorsa settimana, come è tradizione per il ministro delle finanze quando il governo introduce un budget, e i canadesi si chiedono che tipo di tracce Freeland lascerà l '"accordo" liberale-NDP nel loro giorno per -vita quotidiana. IL 304 pagine documento ha molto da disimballare e molte modifiche alle politiche che avranno un impatto sui consumatori.

Sul lato positivo, il governo federale ha abrogato l'accisa sulla birra analcolica. Sì, hai letto bene, ecco era una tassa sul peccato sulla birra analcolica. Questa è una grande vittoria per i consumatori attenti alla salute e per coloro che sostengono i principi della riduzione del danno. La birra analcolica non comporta gli stessi rischi della birra tradizionale, quindi è sempre stato assurdo che il governo tassasse questi prodotti.

Sfortunatamente, però, l'approccio intelligente del governo federale alla riduzione del danno e alla politica fiscale basata sul rischio ha subito una rapida inversione di tendenza sul tema dello svapo. Il governo federale implementerà una nuova tassa sullo svapo a $1 per 2 ml per contenitori di liquidi da svapo inferiori a 10 ml; $5 per contenitori superiori a 10 ml; e $1 per ogni 10 mL aggiuntivi. Questo è incredibilmente problematico dal punto di vista della riduzione del danno perché i prodotti per lo svapo sono uno strumento utile per i fumatori che cercano di smettere e il 95% meno dannoso rispetto alle sigarette secondo Public Health England. Aumentare le tasse sui liquidi da svapare rende questi prodotti a rischio ridotto più costosi e quindi meno attraenti per i fumatori che cercano di smettere. Più difficile rendiamo ai fumatori l'accesso ai prodotti di svapo, più è probabile che continuino a fumare e nessuno vince in quello scenario.

Per quanto riguarda l'accessibilità economica degli alloggi, che è la questione più urgente per i millennial canadesi, i liberali sono in ritardo di un giorno e mancano un dollaro. Sfortunatamente per i millennial esclusi dal mercato immobiliare, come me, il piano immobiliare del governo non è abbastanza audace da affrontare efficacemente il problema della cronica carenza di offerta.

Hanno proposto di vietare le offerte alla cieca, cosa che è già stata mostrato di non avere alcun impatto sui prezzi e non fa nulla per aumentare l'offerta. Il loro divieto agli acquirenti stranieri è un'altra politica che sta tentando di armeggiare con la domanda, senza affrontare l'offerta. E mentre alcune delle risposte di Ottawa consentiranno ai consumatori di risparmiare di più, come il conto di risparmio per la prima casa esentasse, anche queste modifiche alla politica fiscale non fanno nulla per aumentare l'offerta di alloggi.

L'unica politica dal lato dell'offerta che il governo federale ha annunciato è il suo stanziamento per le comunità che crescono a un ritmo più rapido della media storica. La stima del governo stesso prevede che ciò potrebbe portare a 100.000 nuove case entro il 2025, ma il problema è che solo l'Ontario ha bisogno altro 650.000 nuove case solo per raggiungere la media nazionale, il che non sarebbe molto da festeggiare considerando che il Canada è all'ultimo posto nel G7 per unità abitative ogni 1.000 persone.

E mentre un aumento dei tassi contribuirà sicuramente a smorzare l'inflazione dei prezzi delle case senza precedenti, la vera soluzione politica qui è la riforma della zonizzazione. Il governo federale avrebbe potuto legare abbastanza facilmente i finanziamenti federali per alloggi a prezzi accessibili e infrastrutture pubbliche agli obiettivi di densità, con la riforma della zonizzazione come meccanismo centrale per raggiungerlo. Ciò sarebbe sostanzialmente simile ai recenti accordi per l'assistenza all'infanzia che comportano il trasferimento di dollari federali in cambio di una serie di risultati provinciali. Per quanto riguarda gli alloggi, sembra che i consumatori millennial rimarranno in attesa - almeno fino al 2025, quando scadrà l'accordo Liberal-NDP - per un cambiamento politico significativo.

Originariamente pubblicato qui

Non lasciarti ingannare da chi vuole salvarti dai monopoli tecnologici

Nel periodo di massimo splendore della lotta alla neutralità della rete dello scorso decennio, gli attivisti e le aziende tecnologiche hanno avvertito di uno scenario disastroso senza di essa: corsie a pedaggio Internet, blocco dei dati e velocità più basse.

Se Washington non l'avesse fatto Riclassificare fornitori di servizi Internet come servizi di pubblica utilità e dare alla Federal Communications Commission la supervisione, hanno sostenuto, la nostra intera esperienza online sarebbe cambiata in peggio.

Ora, cinque anni dopo che il presidente della FCC Ajit Pai ha abrogato la neutralità della rete, le velocità online stanno raggiungendo record, più americani lo sono in linea che mai, e l'economia di Internet è diventata un forza dominante nella società americana. È più aperto che mai.

Per sempre irrequieti, tuttavia, molti di questi stessi attivisti hanno gettato da parte la bandiera della neutralità della rete per una nuova lotta politica: utilizzare le leggi antitrust per smantellare e limitare le società tecnologiche innovative.

Piuttosto che predire un futuro dispotico online, gli attivisti e i politici di oggi lamentano i molteplici "monopolio tecnologici" e il loro apparente controllo delle nostre vite e dei nostri dati.

Le aziende più colpite sono Amazon, Facebook, Google e Apple, che insieme forniscono una suite di prodotti e servizi che danno lavoro a decine di milioni di americani, sono utilizzate dalla stragrande maggioranza degli utenti di Internet e forniscono valore a innumerevoli imprenditori e aziende che fare affidamento su di loro.

Detto questo, ciascuna di queste società sta affrontando azioni legali da parte dei procuratori generali dello stato, in attesa di una legislazione da parte del Congresso o di un controllo normativo più elevato nei loro rapporti commerciali.

Sebbene ci siano molte ragioni per criticare ogni singola azienda per le proprie azioni e politiche, che si tratti di vietare o sospendere gli account dei social media o preferire i propri prodotti sui propri mercati, invitare le autorità di regolamentazione ad assumere un maggiore controllo su come operano queste aziende è un passo troppo lontano.

Twitter o Facebook che sospendono un account controverso non dovrebbero essere il catalizzatore per qualsiasi regolatore federale per decidere quali servizi dovrebbe offrire un'azienda.

Resta il fatto che il settore tecnologico è incredibilmente competitivo e offre una serie di prodotti e servizi diversi che soddisfano gli interessi dei consumatori.

Se sei stanco di Facebook o Twitter, sei libero di ospitare il tuo server Mastodon o la chat Matrix. Se YouTube non ospita i contenuti che ti piacciono, puoi facilmente registrarti su Rumble o Odysee. E se proprio non sopporti Amazon, Shopify offre a milioni di imprenditori un altro punto vendita per elencare i loro prodotti per i clienti. Le scelte sono infinite.

In qualità di sostenitore dei consumatori, ecco perché sono deluso quando vedo l'ascesa di un'ampia coalizione come “Lotta per il futuro” facendo pressioni per un'applicazione più severa dell'antitrust sull'innovazione americana e ospitando varie campagne antitrust.

Questa coalizione include molte aziende che mi piacciono e che uso spesso, tra cui Automattic (WordPress), Brave Browser, Protonmail e Spotify, ma anche molti gruppi di pressione che hanno cercato a lungo di limitare gli innovatori e la libera impresa.

Ci si aspetta che queste aziende si sentano minacciate dalle grandi aziende tecnologiche, ma che collaborino con le forze politiche per presentare una petizione al governo per dividere i loro concorrenti diretti o indiretti dovrebbe essere preoccupante per i consumatori.

Se il Congresso riesce a modificare le leggi antitrust per frenare il potere tecnologico, non andrà a vantaggio del tipico utente e consumatore online. Piuttosto, soddisferebbe gli obiettivi politici di una coalizione che cerca di ridurre molto di più delle fusioni e acquisizioni: certi discorsi politici, movimenti che considerano ostili e prodotti a cui preferirebbero che i consumatori non avessero accesso.

Un giro di vite antitrust non aiuterà il tipico conservatore su Facebook o l'ambientalista liberale su YouTube. Invitare il governo ad avere molto più voce in capitolo su ciò che è nel tuo feed di notizie o su chi consegna la tua e-mail limiterà e danneggerà solo la scelta del consumatore.

Se le azioni antitrust andassero troppo oltre, non ci consegnerebbe un'era di concorrenza perfetta o vaste scelte. Negherebbe ai consumatori di Internet opzioni innovative e bloccherebbe le forze imprenditoriali che hanno permesso loro di crescere e fornire valore. Dovremmo essere avvisati.

Originariamente pubblicato qui

La carenza di erbicidi ne sottolinea l'importanza

Gli Stati Uniti stanno affrontando una carenza storica di diserbanti a causa dei continui problemi della catena di approvvigionamento. I produttori stanno lottando per mettere le mani su alcuni dei prodotti chimici inerti necessari per produrre erbicidi, nonché scatole di cartone e brocche di plastica per i tappi. Il glifosato è una delle sostanze chimiche più colpite da questi problemi della catena di approvvigionamento, con gli agricoltori che cercano prodotti alternativi per combattere le erbacce indesiderate.

Ciò avviene in concomitanza con un giro di vite normativo e legislativo su un'ampia gamma di erbicidi in tutto il paese, limitando quest'anno la capacità degli agricoltori di controllare le erbacce.

Il fatto che le regole varino tra le contee complica ulteriormente la questione, con i professionisti dell'agricoltura confusi su quali ingredienti rimangano legalmente accessibili e che necessitano dell'assistenza di scienziati della cannabis per setacciare la giungla normativa. Ciò è particolarmente problematico in quanto molti agricoltori hanno terreni che si estendono in diverse contee.

Mentre le carenze influenzano la vita quotidiana degli agricoltori, le azioni a lungo termine dei legislatori hanno conseguenze di più vasta portata.

I diserbanti sono stati presi di mira da gruppi di attivisti che si oppongono all'uso della protezione delle colture, accusandola di danneggiare le specie in via di estinzione. La prevenzione dell'estinzione di queste specie è garantita dall'Endangered Species Act (ESA), un atto legislativo problematico a causa dei suoi standard ottusi su ciò che costituisce esattamente una specie in via di estinzione in primo luogo.

Come spiega Hank Campbell di Science 2.0, l'ESA è stata dirottata dagli avvocati del processo, che usano la legge per adattare arbitrariamente i loro scopi di contenzioso e perpetuano definizioni di "in pericolo" che sono molto lontane da ciò che il pubblico in generale intende con il termine. In effetti, Campbell mostra che il numero di specie in via di estinzione secondo l'ESA è salito alle stelle sotto le amministrazioni Clinton e Obama. Di conseguenza, abbiamo visto un gran numero di aziende chimiche citate in giudizio, poi risolte, con gruppi ambientalisti per la loro produzione di pesticidi.

Come consumatore, perché preoccuparsi? Come consumatori dobbiamo renderci conto che la protezione delle colture gioca un ruolo nella nostra vita quotidiana, e non nel modo in cui viene rappresentata dagli attivisti e, troppo spesso, dai media. Quando i notiziari pubblicano storie con il titolo "Diserbante al glifosato trovato nelle birre tedesche, risultati di studio", ha senso leggere l'intero pezzo e capire che una singola persona dovrebbe ingerire 264 litri di birra al giorno per farlo dannoso per la salute. Siamo d'accordo che una persona che ingerisce 264 litri di birra in un giorno avrà presumibilmente problemi più grandi dell'esposizione a un diserbante. A loro volta, gli erbicidi che vengono attaccati così ferocemente su basi non scientifiche forniscono vantaggi essenziali per gli agricoltori.

Pre-erbicidi che usavamo per consegnare l'erba, una pratica così dolorosamente visibile nelle nazioni in via di sviluppo che ancora la praticano. Gli erbicidi alleviano il carico sulle donne e troppo spesso sui bambini che devono diserbare a mano. Infatti, 80% di diserbo manuale in Africa è svolto da donne e 69% di bambini di età compresa tra 5 e 14 anni sono costretti a lasciare la scuola per lavorare nel settore agricolo durante i periodi di picco del diserbo, portando a deformità spinali a lungo termine. .

Gli erbicidi hanno anche aumentato la nostra produzione agricola e garantito la sicurezza alimentare. Sicurezza alimentare: quanto è immenso il progresso tecnologico che non pensiamo nemmeno alle possibilità che i prodotti alimentari non siano disponibili sui nostri scaffali.

Detto questo, l'attuale inflazione dei prezzi alimentari mostra quanto possa essere vulnerabile il nostro sistema. L'agricoltura è molto più che mettere un seme nel terreno e sperare che cresca. L'agricoltura è diventata un'intricata orchestra di attori, tutti interdipendenti, tutti basati sulla tecnologia e sulla scienza moderna. In qualità di consumatori, se vogliamo opzioni alimentari sicure, disponibili e convenienti, dobbiamo riconoscere il lavoro incredibilmente importante svolto dagli agricoltori e riporre la nostra fiducia nel loro rigore professionale.

Originariamente pubblicato qui

Gli Stati Uniti hanno fatto bene a mettere in guardia l'UE sull'agricoltura verde

Le Nazioni Unite hanno messo in guardia sull'incombente crisi alimentare alla luce della guerra in Ucraina. I paesi più poveri dell'Africa, fortemente dipendenti dall'Ucraina e dalle forniture di grano della Russia, sono ad alto rischio di fame e malnutrizione. La sicurezza alimentare si sta sgretolando anche in Europa, piena di rifugiati dall'Ucraina e da altre regioni politicamente instabili.

Fino all'ultimo momento, nessuno al mondo⁠—tranne il presidente russo Vladimir Putin—sapeva se la guerra sarebbe scoppiata. Si può quindi affermare che la crisi alimentare abbia colto di sorpresa l'Europa. Ma sarebbe sbagliato. L'Europa ha semplicemente ignorato le bandiere rosse⁠—e ora ne sta pagando il prezzo.

L'Europeo Strategia dal produttore al consumatore (F2F), presentato nel 2019, inteso a “consentire e accelerare la transizione verso un sistema alimentare equo, sano e rispettoso dell'ambiente”. Ciò implicava una riduzione dei pesticidi di 50% entro il 2030 e un aumento dell'agricoltura biologica di almeno 25%. Molti politici europei hanno difeso con veemenza gli obiettivi verdi di F2F. Nell'ottobre 2021, la maggior parte dei membri del Parlamento europeo ha votato a favore dell'F2F. 

Gli Stati Uniti, tuttavia, non si facevano illusioni sull'F2F. Un rivoluzionario Rapporto 2020 dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti ha rilevato che F2F ridurrebbe "la produzione agricola da 7 a 12% e diminuirebbe la competitività dell'UE sia nei mercati interni che in quelli di esportazione". Gli Stati Uniti hanno inoltre riconosciuto che l'F2F imporrebbe oneri aggiuntivi ai colloqui commerciali UE-USA. 

Commentando l'F2F, David Salmonsen, direttore senior delle relazioni congressuali presso l'American Farm Bureau Federation, stressato: "Una preoccupazione che ne deriva per noi è che, in futuro, [Dal produttore al consumatore] potrebbe portare a nuove barriere commerciali se decidono che il modo in cui vogliono produrre cibo è l'unico modo e vogliono solo far entrare i prodotti dall'esterno che producono cibo allo stesso modo? Queste preoccupazioni erano particolarmente giustificate e condivise soprattutto dai paesi africani Kenia, anche. A casa, diverse associazioni agricole dell'UE hanno messo in guardia sull'impatto negativo di F2F.

Tuttavia, ci è voluta la guerra in Ucraina per far capire all'UE la portata dannosa delle sue ambizioni verdi. L'Ucraina è uno dei principali partner agricoli dell'UE ed è naturale che l'interruzione del commercio abbia sollevato interrogativi sulla sicurezza alimentare dell'UE. A meno di due settimane dall'inizio della guerra, l'UE si è resa conto che l'agenda verde non è fattibile.

L'8 marzo, il Partito popolare europeo (PPE), il gruppo più numeroso del parlamento, ha chiesto di sospendere l'F2F. Anche il presidente francese Emmanuel Macron disse che "l'Europa non può permettersi di produrre di meno". L'UE ha impiegato meno di un mese di guerra⁠—nemmeno sul suo suolo⁠—per rendersi conto che l'agenda verde non è adatta alle sfide di oggi. E chi ha bisogno di politiche così insostenibili per cominciare?

Da un lato, è fantastico che l'UE abbia ora capito che l'agricoltura verde è impraticabile. D'altra parte, l'intero dramma avrebbe potuto essere evitato in primo luogo se l'UE avesse considerato attentamente le preoccupazioni degli Stati Uniti. Andando avanti, sia l'UE che gli Stati Uniti dovrebbero utilizzare l'F2F per ricordare che le politiche verdi suonano bene sulla carta⁠, ma non sono fattibili.

Originariamente pubblicato qui

Descrizione
it_ITIT