fbpx

Giorno: 16 Febbraio 2022

È uscito il nuovo Pandemic Resilience Index, cosa è cambiato dal 2021?

La pandemia di Covid-19 ha preso d'assalto il mondo. I sistemi sanitari della maggior parte dei paesi si sono dimostrati del tutto impreparati a una crisi sanitaria di questa portata. Alcuni paesi sono stati in grado di reagire e adattarsi più rapidamente di altri. Indice di resilienza alla pandemia (PRI), presentato dal Consumer Choice Center nel 2021, ha classificato i paesi in base alla loro resilienza al Covid-19 e ad altre crisi simili. 

Il PRI ha esaminato 40 paesi in base a diversi fattori: l'approvazione della vaccinazione, la sua spinta e i ritardi che l'hanno frenata, la capacità dei letti di terapia intensiva e i test di massa. Israele è arrivato primo, seguito dagli Emirati Arabi Uniti, mentre Australia, Nuova Zelanda e Ucraina sono finite all'ultimo posto. 

Di recente, abbiamo aggiornato il PRI. Rispetto ai risultati iniziali, il cambiamento nella classifica è dovuto principalmente ai ritardi nell'introduzione del vaccino di richiamo. 

Quest'anno gli Emirati Arabi Uniti si sono trovati in cima alla classifica, seguiti da vicino da Cipro. Gli Emirati Arabi Uniti sono stati pionieri nell'implementazione del booster, avendo dato colpi di richiamo a circa 42% dei suoi 10 milioni di abitanti. Sfortunatamente, non tutti i paesi hanno reagito rapidamente alle nuove varianti e alla conseguente necessità di dosi aggiuntive. Paesi come il Canada, la Nuova Zelanda, l'Australia e l'Ucraina hanno impiegato cinque mesi in più rispetto agli Emirati Arabi Uniti, il primo paese ad avviare il programma, per avviare e far funzionare il booster. 

L'Ucraina e l'India sono gli unici paesi che non hanno lanciato il programma di richiamo entro il 30 novembre 2021 (il PRI 2022 utilizza il 30 novembre 2021 come data limite). Secondo il primo viceministro della salute ucraino, volevano raggiungere l'obiettivo di avere almeno 50% della popolazione pienamente vaccinato, prima di consentire la somministrazione del tiro di richiamo, obiettivo ancora da raggiungere. Al momento, entrambi i paesi hanno riconosciuto la necessità di colpi di richiamo e l'hanno lanciata all'inizio di quest'anno. 

Israele, al primo posto nel PRI 2021, è stato retrocesso al 5° posto, principalmente a causa del ritardo con il lancio del vaccino, iniziato 75 giorni dopo gli Emirati Arabi Uniti. Gli Emirati Arabi Uniti hanno iniziato a somministrare colpi di richiamo ai propri residenti nel maggio 2021, mentre in media altri paesi sono rimasti indietro di 3 mesi. 

Cipro ha raggiunto il secondo posto principalmente grazie ai suoi alti tassi di test. La media giornaliera pro capite del test covid è 128 volte superiore a quella del Brasile, ad esempio.

La Grecia ha registrato la variazione percentuale più significativa in termini di test giornalieri. La maggior parte dei paesi ha registrato un aumento di questo aspetto, ad eccezione di Lussemburgo e Svezia, dove la variazione è stata negativa. L'Ucraina, con il secondo numero più basso di test covid giornalieri, rimane in fondo. 

Quando si tratta di tassi di vaccinazione, il Brasile ha registrato il miglioramento più impressionante nei numeri di vaccinazione da quando è stato pubblicato il Pandemic Resilience Index 2021. Il numero di persone vaccinate in Brasile è aumentato da 2.4% a 63% entro la fine di novembre 2021.

La disponibilità di colpi di richiamo è particolarmente importante in quanto non solo fornisce una migliore protezione, ma sempre più paesi impongono date di scadenza ai vaccini. Ad esempio, per visitare la Francia, se sono trascorsi più di nove mesi dall'ultima vaccinazione, devi prima fare un richiamo. Nonostante i ritardi, tutti i paesi studiati (ad eccezione di Ucraina e India) avevano già iniziato a offrire colpi di richiamo alla loro popolazione prima dell'emergere della nuova variante di Omicron. 

Nonostante lo shock iniziale durato un anno che tutti hanno vissuto, con la revoca delle restrizioni, la demolizione dei passaporti per i vaccini in alcuni paesi e la riapertura delle frontiere, sembra che stiamo finalmente tornando alla vita di tutti i giorni. Mentre speriamo di non dover mai più affrontare una pandemia di tali dimensioni, i paesi di tutto il mondo devono imparare una lezione da questa orribile esperienza e preparare meglio i loro sistemi sanitari per eventuali minacce imminenti. 

Descrizione