fbpx

Mese: Agosto2020

Fai attenzione a coloro che vengono dopo le tue app di consegna

Beware Those Coming After Your Delivery Apps

La pandemia, nel bene e nel male, ci ha costretto a vivere online. Ciò ha reso la vendita al dettaglio su Internet, i servizi digitali e le app di consegna una manna dal cielo per milioni di noi sequestrati a casa.

Questo settore dell'economia completamente nuovo ci ha permesso di acquistare e goderci in sicurezza senza il rischio del coronavirus. Con la semplice pressione di un pulsante, i tuoi cibi e bevande preferiti vengono magicamente consegnati a casa tua.

Ma mentre addenta il tuo pasto consegnato da Grubhub, Uber Eats o DoorDash, c'è un movimento in atto per renderlo ancora più difficile.

Mettersi tra te e la tua consegna di cibo è una coalizione di gruppi di difesa che lavorano in tutto il paese per regolamentare, limitare e limitare severamente le aziende che offrono la consegna tramite applicazioni.

Si doppiano”Proteggi i nostri ristoranti”, questa coalizione di gruppi di giustizia sociale con sede a Washington chiede al governo statale e locale di limitare le commissioni sulle app di servizio di consegna.

Hanno già avuto successo nel Distretto di Columbia, Seattle e San Francisco, dove le commissioni per le consegne di cibo sono ora limitate al 15%. E c'è uno stuolo di altri consigli comunali in fila per unirsi a loro, alcuni volevano ancora più basso cap al 5 per cento.

Affermano che le società di consegna, le stesse che hanno dato potere ai consumatori, dato nuove vaste capacità ai ristoranti e fornito buone entrate ai corrieri, stanno "sfruttando" ciascuno di questi gruppi alla ricerca del dollaro onnipotente.

Il settore dell'ospitalità è già all'ultima tappa a causa dei blocchi imposti dallo stato. Perché intromettersi tra te e il tuo prossimo pasto caldo dovrebbe essere la nuova questione della giustizia economica e sociale?

A luglio è stato progettato da il gruppo NPD che le consegne al ristorante rappresentavano fino al 7% degli ordini di cibo, il 50% in più rispetto al periodo pre-pandemia. Quel numero è sottovalutato, ma dimostra che la corsa non è ancora finita.

Ciò significa che più clienti utilizzano le app di consegna di cibo per mettere i pasti in tavola, assaggiando ristoranti e cucine così disperati per il reddito. E quel servizio ha un prezzo.

Per gli ordini effettuati tramite un'app di consegna a un ristorante, l'app addebita una commissione fissa o percentuale come commissione, che finanzia la logistica, la retribuzione del corriere e i costi di marketing. Questo importo varia tra il 13,5% e il 40%, a seconda delle opzioni accettate da un ristorante al momento dell'iscrizione.

È quella variazione delle aliquote delle commissioni che fa infuriare così tanto gli attivisti in questo spazio. Un sacco di aneddoti hanno affollato i social media avvertendo di commissioni elevate per la conduzione di attività commerciali tramite le app.

E sebbene questi massimali su commissione siano ben pensati, sono controproducenti.

Ciò significherà meno volumi di ordini che possono essere elaborati, meno denaro sarà disponibile per i corrieri che si iscrivono per consegnare l'app e le app dovranno limitare le attività che accettano. Ciò danneggerebbe ristoranti, corrieri e consumatori che dipendono da questi servizi.

Questo finirebbe per ferire più persone di quanto pretende di aiutare. Sarebbe sia anti-consumatore che anti-innovazione nello stesso colpo, il che sembra impazzire da diversi mesi all'inizio di una pandemia.

L'altra denuncia presentata riguarda le preoccupazioni antitrust, simili alle audizioni del Congresso contro Apple, Amazon, Facebook e Google all'inizio di questo mese. Gli attivisti vogliono usare le armi della Federal Trade Commission per spezzare il "potere di monopolio" dei servizi di consegna.

La maggior parte di queste aziende, tuttavia, sono vere storie di successo americane. Esistono da meno di 10 anni, si sono trasformati più volte, hanno ampliato i loro servizi e hanno trovato una buona nicchia che consente ai ristoranti di consegnare il cibo ai clienti in modo rapido e affidabile.

Migliaia di addetti alle consegne hanno un lavoro facile e veloce, dando il reddito tanto necessario agli studenti, a coloro che hanno un lavoro e alle persone che desiderano un reddito extra. Spesso stipulano contratti con più servizi, a seconda di quale offre la commissione più alta per consegna, in modo simile ai conducenti di ridesharing.

Anche i vantaggi per i ristoranti sono evidenti: meno soldi vengono spesi per assumere un fattorino o un veicolo, le commissioni addebitate sono trasparenti e la collaborazione con una nota app aiuta ad attirare più clienti che altrimenti non ordinerebbero mai da quel ristorante specifico. La maggior parte di questi ristoranti probabilmente non ha mai ricevuto la consegna prima di registrarsi per queste app. Non è certo un caso di abuso di fiducia.

Se quelli che mirano a regolamentare le aziende di consegna di cibo e ci riescono, creeranno un paradosso di loro creazione: le uniche aziende che saranno in grado di rispettare le normative e i massimali saranno le aziende con più capitale e risorse. Ciò bloccherebbe qualsiasi nuova potenziale concorrenza e farebbe di più per limitare la scelta dei consumatori che non migliorarla.

Gli ultimi mesi hanno fornito a tutti i consumatori molte incertezze. Essere in grado di ordinare i prodotti direttamente a casa nostra, tuttavia, è stata una benedizione.

Intervenire sul mercato per minare la scelta dei consumatori e dei contratti commerciali con i ristoranti renderebbe questo processo probabilmente peggiore, e non migliore.

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

Menjaga Hak Kekayaan Intelektual untuk Mendorong Ekonomi Kreatif

Hak kekayaan intelektual (HAKI) merupakan hal yang sangat penting untuk dilindungi untuk mendorong inovasi di berbagai bidang. Tanpa adanya perlindungan HAKI, maka akan makin kecil pula insentif yang dimiliki oleh para individu untuk berkarya, karena setiap orang dapat dengan mudah mencuri ide dan hasil karya yang mereka buat untuk mendapatkan keuntungan materi.

Salah satu inovasi yang pallido penting untuk didorong di era perkembangan teknologi yang makin pesat seperti saat ini adalah ekonomi kreatif. Istilah "ekonomi kreatif" (economia creativa) sendiri merupakan istilah yang diperkenalkan oleh penulis dan akademisi asalh Britania Raya, John Howkins, yang mendefinisikan ekonomi kreatif sebagai sistem ekonomi di mana aktivitas yang dilakukan dan nilai yang diciptakannya didasari pada ide dan kreativitas, dan bukan pada sumber daya tandisional set modale. (Howkins, 2001).

Howkins sendiri mendasari gagasanya mengenai ekonomi kreatif dengan melihat fenomena yang terjadi di Amerika Serikat pada akhir dekade 1990-an, di mana banyak perusahaan baru yang tumbuh dengan bertumpu dari eksplorasi dan pengembangan ide-ide kreatif. Perusahaan-perusahaan ini umumnya adalah perusahaan-perusahaan teknologi yang revolusioner, yang melakukan disrupsi terhadap berbagai sektor-sektor konvensional.

Badan Pariwisata dan Ekonomi Kreatif (Bekraf) sendiri membagi ada 16 sektor ekonomi kreatif di Indonesia. Bidang-bidang tersebut antara lain adalah (1) aplikasi dan pengembangan permainan, (2) arsitektur, (3) desain produk, (4) moda, (5) desain interior, (6) desain komunikasi visual, (7) seni pertunjukan, (8) film, animasi dan video, (9) fotografi, (10) kriya, (11) kuliner, (12) musik, ( 13) penerbitan, (14) periklanan, (15) seni rupa, dan (16) televisi dan radio (Elshinta.com, 30/08/2018).

Namun, perkembangan industri ekonomi kreatif, yang sangat penting untuk menopang ekonomi Indonesia di masa depan, juga bukan tantangan. Salah satu tantangan terbesar bagi pelaku industri ekonomi kreatif adalah masih rendahnya perlindungan hak kekayaan intelektual (HAKI) terhadap karya yang mereka buat. Hal ini tenunya memiliki dampak yang negativo, di mana praktik-praktik pembajakan yang akan sangat merugikan per pelaku usaha kreatif akan makin mudah dilakukan dengan rendahnya pendaftaran terhadap HAKI.

Catatan Badan Pusat Statistik (BPS) tahun 2019, misalnya, hanya ada 11,05% pelaku sektor ekonomi kreatif yang memiliki HAKI, dari 8,2 juta pelaku usaha yang bergerak di sektor industri tersebut. Ini berarti hanya sekitar 900.000 per pelaku usaha sektor industri kreatif yang memiliki HAKI atas karyanya.

Hal ini salah satu sebabnya karena kurangnya pengetahuan dan kesadaran. Hal ini menndoong Bekraf untuk makin mendorong para pelaku ekonomi kreatif untuk mendaftarkan karyanya agar bisa menjadi aset di masa depan (Indopolitika, 27/10/2019).

Salah satu upaya dari Bekraf untuk mendorong dan menyosialisasikan pentingnya HAKI kepada para pelaku industri kretif adalah melalui program pendaftaran HAKI yang tidak dipungut biaya, yang diberlakukan di berbagai daerah. Melalui program ini, diharapkan akan makin banyak para pelaku industri kreatif yang mendaftarkan karya-karya yang mereka buat (Kliklegal.com, 2017).

Akan tetapi, pendaftaran HAKI oleh pelaku ekonomi kreatif juga tentu harus diikuti degan penegakan hukum yang jelas dan kuat. Apabila makin banyak para pelaku ekonomi kreatif yang mendaftarkan karyanya kepada pemerintah, namun tidak diikuti dengan perlindungan yang kuat atas HAKI tersebut, maka tentu pendaftaran tersebut menjadi sia-sia belaka.

Bila kita ke pertokoan atau pusat perbelanjaan di berbagai daerah, misalnya, kita bisa dengan mudah menemukan berbagai produk kreatif bajakan yang dijual bebas dengan harga murah. Produk-produk tersebut bukan saja hasil karya per produsen dan seniman luar negeri, namun tak jarang juga dari dalam negeri.

Hal tersebut tentu akan sangat merugikan per pekerja kreatif yang menghasilkan karya-karya tersebut. Mereka menjadi tidak bisa mendapatkan manfaat finansial dari karya-karyanya. Bagi per pelaku usaha kreatif, untuk membuat karya tertentu, tentunya dibutuhkan waktu yang tidak sedikit dan usaha yang besar.

Bila kita tidak memberikan perlindungan HAKI terhadap para pekerja industri kreatif, maka mereka tidak akan dapat memiliki kontrol atas karya yang mereka buat dengan menggunakan kreativitas yang mereka miliki. Setiap ora bisa mengopi dan menjiplak marca atau produk yang mereka hasilkan, dan tentunya insentif seseorang untuk menggunakan kreativitasnya akan makin berkurang. Hal ini tentu merupakan sesuatu yang berbahaya, mengingat bahwa industri ekonomi kreatif merupakan sektor industri yang makin terus berkembang dari tahun ke tahun.

Industri ekonomi kreatif sendiri, di Indonesia, merupakan sektor yang mengalami pertumbuhan yang sangat pesat dari tahun ke tahun. Berdasarkan data dari Badan Pusat Statistik (BPS) pada 2010, kontribusi industri ekonomi kreatif di Indonesia adalah 528 triliun rupiah. Angka ini menjadi meningkat di tahun 2014 menjadi 784 triliun rupiah (Rahman, 2018).

Pada 2015, kontribusi industri kreatif di Indonesia terhadap Prodotti interni lordi (PIL) mencapat 852 triliun rupiah, dan di tahun 2016 dan 2017, angka tersebut tidak juga menurun. Kontribusi industri kreatif di Indonesia pada 2016 adalah 922 triliun rupiah, dan mencapai 990 triliun rupiah di tahun 2017, atau sekitar 7,4% dari total GDP Indonesia (Rahman, 2018).

Angka tersebut tentu adalah jumlah yang tidak kecil dan sangat besar. Industri kreatif merupakan sektor yang mengalami pekembangan yang sangat pesat dan terus tumbuh dari waktu ke waktu.

Untuk itu, perlindungan terhadap HAKI, khususnya untuk para pelaku industri kreatif merupakan sesuatu yang sangat penting agar industri kreatif di Indonesia dapat makin bertumbuh ke depannya, yang tenunya akan membawa manfaat yang sangat besar bagi perekonomian dan peningkatan kesejahteraan negara kita.

Selain itu, kontribusi industri ekonomi kreatif di Indonesia yang terus meningkat di Indonesia juga membawa dampak yang sangat positif terhadap meningkatnya tenaga kerja di sektor tersebut. Berdasarkan data dari Kementerian Sekretariat Negara Republik Indonesia, pada 2016, sektor ekonomi kreatif di Indonesia sudah menyediakan 16,2 juta lapangan kerja bagi tenaga kerja Indonesia. Angka ini meningkat menjadi 16,4 juta lapangan kerja di tahun 2017 (Kementerian Sekretariat Negara Republik Indonesia, 2018).

Sebagai penutup, untuk itu, perlindungan hak kekayaan intelektual adalah hal yang sangat esensial untuk mendorong perkembangan dan kemajuan ekonomi kreatif di Indonesia. Pemerintah harus bisa memberi perlindungan dan menjaga para pekerja kreatif atas karya yang mereka buat.

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

I controlli sui prezzi delle telecomunicazioni in Argentina sono masochismo economico

BUENOS AIRES, Argentina – La scorsa settimana, nel tentativo di garantire a tutti un accesso illimitato ai servizi di telecomunicazione, il governo argentino ha deciso di prorogare fino alla fine dell'anno il blocco dei prezzi per TV, Internet e servizi mobili, ritenendoli “servizi pubblici essenziali ”.

I prezzi di questi servizi sono stati congelati da maggio e si prevedeva che il divieto sarebbe stato revocato alla fine di questo mese.

In risposta, Luca Bertoletti, Senior European Affairs Manager presso il Consumer Choice Center, critica la mossa affermando che una tale politica era populista ed economicamente analfabeta e distruggerà il rapporto dell'Argentina con il Fondo monetario internazionale che ha sostenuto, anche se senza successo, il finora – strada per la prosperità.

“La crisi del Covid-19 ha sovraccaricato la maggior parte delle economie del mondo e l'Argentina non è diversa. Per aiutare l'economia a rimettersi in carreggiata, il governo argentino dovrà finalmente attuare riforme a favore del libero mercato invece di attenersi a politiche socialiste come il controllo dei prezzi sui servizi di telecomunicazione", ha affermato Maria Chaplia, Associate per gli affari europei presso la Consumer Choice Centro.

“Il governo argentino dovrebbe rimettersi in sesto e iniziare a prendere le decisioni giuste, invece di spingere il Paese più in basso. L'Argentina merita di meglio di un governo populista che pretende di agire nell'interesse dei consumatori estendendo i controlli sui prezzi di tv, internet e servizi mobili a spese della prosperità futura”, ha concluso Bertoletti.

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

Análisis internacional: “Cómo los controles de precios en Argentina podrían tener consecuencia de gran alcance”

Luca Bertoletti e Maria Chaplia, Senior European Affairs y Asociada de Asuntos Europeos, en el Consumer Choice Center rispettivamente, analizzano la decisione del governo argentino declarar "esenciales" a los servicios de telecomunicaciones y las consecuencias que traerá no sólo en el país, sino nel mondo.

La semana pasada, en un intento por asegurar el acceso irrestricto de todos a los servizi di telecomunicazioni, el gobierno argentino decidio extender la congelación de precios de los servicios de TV, Internet e móviles hasta fin de año, por considerarlos “servicios públicos esenciales”. Los precios de estos servicios han estado congelados desde mayo, y see esperaba que la prohibición se levantara a finales de este mes.

Proibire che las imprese di telecomunicazioni suben los precios puede parecer una politica sensata, pero es todo lo contrario. Los controles de precios son una politica economica desastrosa e irresponsable que solo conduce a una escasez de oferta, lo que priva a los consumidores de opciones, expulsa del mercado a las empresas que alguna vez tuvieron éxito y ridurre la calidad de los servicios prestados.

La crisi di Covid-19 ha sobrecargado a la mayoría de las economías del mondo e Argentina no es diverso. El camino hacia la recovery economica richiede una gran inversione que richiede la certezza legislativa. Las empresas latinoamericanas a menudo tienen que recurrir al financiamiento externo y cuando surgen riesgos sin precedentes, como los controles de precios, el costo del financiamiento también aumenta, secun Maryleana Méndez, segretaria generale dell'Associazione Interamericana delle Imprese di Telecomunicazioni.

A primera vista, la decisione del gobierno argentino de extender los controles de precios puede verse como la que beneficia a los consumidores. La lógica detrás de dichos controles de precios es clara: asegurarse de que todos los consumidores argentinos, incluso los de bajos ingresos, puedan disfrutar de los servicios de televisión, Internet y móviles.

Si bien este enfoque tiene su origen en motivos nobilis, lamentablemente está condenado al fracaso y, al final, las empresas perderán todos los incentivos para operar en el mercado. Si las empresas no tienen la libertad de fijar precios como deseen, teniendo en cuenta sus costos operativis, ¿cuál è la razón per continuare? Una solución es reducir la calidad de sus precios simplemente para mantenerse a flote. Per el contrario, los consumidores que pueden pagar más se quedan fuera y no se puede satisfacer su demanda.

La introduzione del gobierno argentino en las fuerzas del mercato è inaccettabile e socialista in su esencia, e también empeorará la relazione del paese con il Fondo Monetario Internacional. Y aunque el gobierno del presidente Alberto Fernández (y sus predecesores) ha ampliamente ampliamente la definizione della FMI, Argentina e il principale cliente della FMI.

El país ha recibido más de 20 programas de ayuda financiera del FMI desde finalis de la década de 1950. Argentina permanentemente al bordo del colapso, por lo que ya es hora de que el país tome el camino de la liberalización económica y comience a tomar su relazione con el FMI más en serio en lugar de llevar a cabo otra intervento dañina y populista. Los controles de precios son masoquismo económico.

Todo consumidor desea tener tante opzioni per elegir como sea posible y poder equilibrar razonablemente el precio y la calidad. Si no hay nadie que les proporcione estas opciones, todos pierden, specialmente un largo plazo. Al igual que con los derechos de propiedad intelectual, si las empresas no obtienen protection para sus invenciones, hay pocos incentivos para que innoven.

La sobreregulación de la industria de las telecomunicaciones es una politica costosa que tenderà un impatto negativo nel clima dell'inversione dell'Argentina nel futuro, ostacolando il recupero economico e distruggendo la relazione con el FMI. El gobierno de Argentina debería recuperarse e comenzar a tomar las decisionis correctas, en lugar de empujar al país más hacia abajo. L'Argentina se non altro è più che un governo popolare che pretende attuare negli interessi dei consumatori ampliando i controlli dei prezzi dei servizi di televisione, Internet e cellulari in costa della prosperità futura.

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

Come i controlli sui prezzi in Argentina potrebbero avere conseguenze di vasta portata

La scorsa settimana, nel tentativo di garantire a tutti l'accesso illimitato ai servizi di telecomunicazione, il governo argentino deciso di prorogare fino a fine anno il blocco dei prezzi dei servizi TV, internet e mobile, ritenendoli “servizi pubblici essenziali”. I prezzi di questi servizi sono stati congelati da maggio e si prevedeva che il divieto sarebbe stato revocato alla fine di questo mese.

Vietare alle società di telecomunicazioni di aumentare i prezzi potrebbe sembrare una politica sensata, ma è vero il contrario. Il controllo dei prezzi è una politica economica disastrosa e irresponsabile che porta solo a una carenza di offerta, privando così i consumatori della scelta, spingendo fuori dal mercato le aziende un tempo di successo e riducendo la qualità dei servizi forniti.

La crisi del Covid-19 ha sovraccaricato la maggior parte delle economie del mondo e l'Argentina non è diversa. La strada per la ripresa economica richiederà molti investimenti che richiedono certezza legislativa. Le società latinoamericane devono spesso ricorrere a finanziamenti esterni e quando sorgono rischi senza precedenti, come il controllo dei prezzi, aumenta anche il costo del finanziamento, secondo a Maryleana Mendez, segretaria generale dell'Associazione interamericana delle società di telecomunicazioni.

A prima vista, la decisione del governo argentino di estendere i controlli sui prezzi può essere vista come quella a vantaggio dei consumatori. La logica alla base di tali controlli sui prezzi è chiara: fare in modo che ogni consumatore argentino, anche quelli a basso reddito, possa godere di servizi TV, Internet e mobili.

Sebbene questo approccio derivi da nobili motivazioni, è purtroppo destinato a fallire e, alla fine, le aziende perderanno ogni incentivo ad operare sul mercato. Se le aziende non hanno la libertà di fissare i prezzi come desiderano, tenendo conto dei costi operativi, qual è il motivo per cui continuano? Una soluzione è ridurre la qualità dei loro prezzi semplicemente per tenersi a galla. Al contrario, i consumatori che possono permettersi di pagare di più vengono esclusi e la loro domanda non può essere soddisfatta.

L'ingerenza del governo argentino con le forze di mercato è inaccettabile e socialista al suo interno, e peggiorerà anche le relazioni del paese con il Fondo monetario internazionale. E mentre il governo del presidente Alberto Fernandez (e dei suoi predecessori) è stato ampiamente diffidente nei confronti del FMI, l'Argentina è il più grande cliente del FMI.

Il paese ha ricevuto più di 20 programmi di aiuti finanziari dal FMI dalla fine degli anni '50. L'Argentina rimane costantemente sull'orlo del collasso, quindi è giunto il momento che il paese intraprenda la strada della liberalizzazione economica e inizi a prendere più sul serio le sue relazioni con il FMI invece di portare a termine un altro intervento dannoso e populista. I controlli sui prezzi sono masochismo economico.

Ogni consumatore desidera avere quante più opzioni possibili tra cui scegliere ed essere in grado di bilanciare ragionevolmente prezzo e qualità. Se non c'è nessuno che fornisca loro queste scelte, tutti perdono, soprattutto nel lungo periodo. Analogamente ai diritti di proprietà intellettuale, se le aziende non ottengono protezione per le loro invenzioni, hanno scarsi incentivi a innovare.

L'eccessiva regolamentazione del settore delle telecomunicazioni è una politica costosa che avrà un impatto negativo sul clima degli investimenti dell'Argentina in futuro, ostacolando così la sua ripresa economica e distruggendo i suoi rapporti con il FMI. Il governo argentino dovrebbe rimettersi in sesto e iniziare a prendere le decisioni giuste, invece di spingere il paese più in basso. L'Argentina merita di meglio di un governo populista che pretende di agire nell'interesse dei consumatori estendendo i controlli sui prezzi di TV, Internet e servizi mobili a spese della prosperità futura.

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

Classifica 2020: Das sind die besten Flughäfen in Europa

Am Flughafen kann vieles schiefgehen – oder gut laufen. Ein Ranking zu den 30 größten Aeroporti in Europa zeigt nun, wie passagierfreundlich sie sind. In den Top 10 sind auch zwei deutsche Flughäfen.

Trotz Pandemie und wochenlangem Stillstand an zahlreichen Flughäfen hat die internationale Verbraucherschutzorganisation Consumer Choice Center (CCC) auch im Corona-Jahr 2020 die 30 größten europäischen Flughäfen auf ihre Passagierfreundlichkeit hin untersucht und daraus ein Classifica erstellt. Auf dem jährlichen European Airport Index landen im Corona-Jahr 2020 zwei deutsche Flughäfen in den Top 10.

Leggi di più qui


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

Zürich er den bedte lufthavn

Copenaghen Lufthavn (CPH) har ikke haft meget at glæde sig over her i foråret, hvor den – som andre lufthavne også – har ligget øde hen uden fly og passagerer. Corona pandemien havde skylden.

Nu får CPH lidt af glaede sig over. Danmarks største lufthavn er nemlig blevet kåret som Europas tredje-bedste. Kun Zürich e Düsseldorf per i punti vendita.

Kåringen kommer fra Centro di scelta dei consumatori, der repræsenterer forbrugere og forbruger-organisationer i 100 lande verden over.

Detto no ”Indice aeroporti europei” er det andet, som CCC har produceret. Det fokuserer alene på kundevenlighed.

Leggi di più qui


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

La sentenza della Corte di giustizia sulla privacy ha costi enormi

A luglio, la Corte di giustizia europea ha annullato l'accordo sullo scudo per la privacy, utilizzato dalle aziende per trasferire dati tra l'UE e gli Stati Uniti.

Il governatore della PA Wolf ha ragione sulla legalizzazione della cannabis

Washington DC – Svelare le sue priorità legislative martedì, il governatore della Pennsylvania Tom Wolf formalmente chiamato sulla legislatura statale per legalizzare la cannabis come mezzo per aiutare a sostenere il finanziamento delle piccole imprese in tutto lo stato.

Ha proposto che i proventi delle attività di cannabis vadano a programmi di giustizia riparativa e al finanziamento di piccole imprese come misura del sollievo dal COVID-19,

Yaël Ossowski, vicedirettore del gruppo di difesa dei consumatori Consumer Choice Center, ha elogiato l'appello di Wolf.

“Per troppo tempo, vite e risorse sono state sprecate nella fallita Guerra alla Droga. Invitando i legislatori statali a legalizzare la cannabis ricreativa, il governatore Wolf sta compiendo il prossimo passo pratico per salvare vite umane e migliorare le nostre comunità", ha affermato Ossowski.

“I vantaggi della legalizzazione hanno già distribuito enormi dividendi alle persone in Colorado, California, Michigan, Oregon e altri, attraverso le entrate fiscali e anche invertendo la dura criminalizzazione che ha avuto un impatto sproporzionato sulle comunità a basso reddito e minoritarie.

"In quanto quinto stato più popoloso e uno dei più diversificati del paese, la Pennsylvania può dimostrare a tutti gli stati della nostra nazione che la legalizzazione della cannabis è un passo avanti positivo per la giustizia e l'economia", ha affermato Ossowski.

“I funzionari dovrebbero garantire che la Pennsylvania adotti una politica sulla cannabis intelligente, che incoraggi la concorrenza, l'imprenditorialità, eviti la burocrazia ed elimini il mercato nero per stimolare una nuova rivoluzione nell'imprenditorialità e nelle opportunità.

"Il Consumer Choice Center applaude gli sforzi del governatore e spera che i legislatori si allineino dietro la sua proposta", ha affermato Ossowski.

Leggi di più sulle raccomandazioni sulla politica sulla cannabis intelligente del Consumer Choice Center

CONTATTO:

Yael Ossowski

Vicedirettore

Centro di scelta dei consumatori

yael@consumerchoicecenter.org

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra, Lima, Brasilia e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org.

Descrizione