fbpx

Mese: Aprile2020

I sostenitori della salute stanno usando questa crisi per limitare ulteriormente l'alcol

I sostenitori della salute globale non hanno chiare le loro priorità, sostiene Bill Wirtz

Con le recenti notizie che hanno rivelato le carenze strutturali dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), si potrebbe pensare che l'organismo sanitario globale delle Nazioni Unite sia interessato a tenere il passo con altre questioni che lo renderebbero impopolare. Tuttavia, in uno strano desiderio di morte, l'OMS non può fare a meno di tornare a ciò che vuole fare di più: regolare il comportamento dei consumatori.

In una recente raccomandazione, l'OMS chiamato governi di tutto il mondo per limitare il consumo di alcol in quanto può comportare un rischio maggiore di contrarre il COVID-19. L'Europa segna il focus particolare dell'organizzazione, che ritiene che le nuove restrizioni durante il blocco siano un prerequisito per la salute pubblica. Ma le prove su cui gli esperti potrebbero basarsi sono nel migliore dei casi fragili, poiché la nostra conoscenza del coronavirus è complessivamente complicata, con gruppi di controllo che difficilmente saranno numerosi e nessuno degli studi è sottoposto a revisione paritaria.

A parte questo, l'OMS confonde immediatamente l'uso di alcol con l'abuso di alcol. Sì, in paesi come gli Stati Uniti, le vendite di alcolici sono aumentate di 55% nell'arco di una settimana il mese scorso, secondo la società di ricerche di mercato Nielsen. Tuttavia, è altrettanto probabile che questo numero sia correlato all'ondata di consumatori che acquistano in preda al panico e al fatto che i consumatori responsabili fanno scorta di vino o birra per i loro pranzi e cene. La stragrande maggioranza dei consumatori ha un senso adulto di come gestire l'alcol e il suggerimento che abbiano un disperato bisogno di regolamentazione è puramente paternalistico.

In "The Case for Defunding the WHO" nel luglio 2018, ho sostenuto proprio su questa piattaforma che la spesa di questo organismo è uno spreco e le loro priorità sono fuori luogo. L'OMS ha una storia di coccole dittatori: il direttore generale Tedros Adhanom si è affrettato a farlo nome Il dittatore di lunga data dello Zimbabwe, Robert Mugabe, è un "ambasciatore di buona volontà" dell'OMS. Che si tratti della Turchia, che ha fortemente limitato la vendita e la pubblicità di alcolici, o dell'Iran, dove la vendita di alcolici è completamente illegale, l'organismo sanitario delle Nazioni Unite sembra prendere i suoi indizi politici dai proibizionisti più religiosamente ispirati del pianeta.

In un documento del 2017, l'OMS loda una miriade di ulteriori esempi di etichettatura degli alcolici.

Mentre il mondo sta combattendo la crisi del coronavirus, la European Alcohol Policy Alliance (EUROCARE) persegue la sponsorizzazione di alcolici sportivi in Scozia. Nel comunicato stampa di EUROCARE, il gruppo dice:

“Milioni di persone – inclusi bambini e giovani – sono esposte alla sponsorizzazione dell'alcol. L'evidenza è chiara che l'esposizione al marketing di alcol è una delle cause dell'abuso di alcol e dell'insorgenza di alcol tra i giovani. Influenza anche i loro atteggiamenti e aumenta la loro probabilità di sviluppare problemi con l'alcol più avanti nella vita.

Naturalmente, questi attivisti non si riferiscono a prove specifiche che indichino questo fenomeno. Con i bambini in giovane età che iniziano a fumare, compresa la cannabis - entrambi non pubblicizzati in alcun modo - porta alla conclusione che la sponsorizzazione non è certo l'origine dell'abuso di sostanze.

Infatti, quando guardiamo a questo problema capiamo rapidamente che non è la sponsorizzazione nello sport, o la sponsorizzazione in generale, il problema per questi gruppi, ma l'alcol in sé. I bambini sono sempre stati attratti dai prodotti rischiosi. Ma questi gruppi sono i nuovi proibizionisti, incapaci di contenersi finché non hanno bandito fino all'ultima goccia di divertimento.

In definitiva, quale sponsorizzazione non può essere vista dai bambini? Che si tratti di pubblicità nei trasporti pubblici o alle fermate degli autobus, o qualsiasi canale televisivo o programma radiofonico: i bambini possono tecnicamente ascoltare e vedere tutta la pubblicità a cui hanno accesso gli adulti. I canali che sono solo per bambini già non presentano questi annunci e portali online come YouTube consentono il controllo parentale che blocca tutti i pop-up inappropriati per l'età.

Dovremmo anche sottolineare che dovrebbe essere in primo luogo obbligo dei genitori proteggere i propri figli dai pericoli, educandoli all'uso appropriato e sicuro dell'alcol. Delegare questa responsabilità alle agenzie governative culminerà in una valanga di burocrazia che non è nell'interesse della scelta del consumatore.

Vietare la pubblicità in nome della protezione dei bambini è una backdoor per i palesi divieti sulla pubblicità dei prodotti. A rischio anche altri vizi, come rivela anche il comunicato stampa:

"Questa ricerca arriva in un momento in cui il posto del gioco d'azzardo nello sport è stato messo in discussione e dobbiamo considerare l'opportunità di collegare qualsiasi prodotto che crea dipendenza e dannoso per la salute con lo sport".

La realtà è questa: i consumatori vogliono prodotti e vogliono godersi in sicurezza vizi come l'alcol. Dovremmo mirare a consumatori responsabili e istruiti, al contrario di sfacciati divieti paternalistici. L'abuso di sostanze è un problema reale, ma dobbiamo riconoscere che ci sono problemi di fondo che lo spiegano, andando oltre la semplice sponsorizzazione.

Il fatto che l'alcol venga pubblicizzato o meno non ha alcun impatto sulla disoccupazione o su qualsiasi altro disagio personale che porti a eccessi nel consumo di alcol. Questi problemi devono essere risolti attraverso diverse istituzioni educative e sociali e, soprattutto, attraverso migliori relazioni personali. Come società abbiamo una responsabilità nei confronti dei nostri amici e della nostra famiglia, più di quanto qualsiasi istituzione governativa possa proclamare di possedere.

La pubblicità svolge un ruolo importante per i consumatori: li informa su prodotti nuovi e migliori e consente la concorrenza. La pubblicità è il braccio esteso della scelta del consumatore e dovrebbe essere protetta.

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

L'eurodeputata Gianna Gancia sui rischi delle droghe false

I medicinali contraffatti rappresentano un rischio reale per la salute dei consumatori. Data l'attuale pandemia di coronavirus e i numerosi problemi posti dalle restrizioni alla libertà individuale decise dalla maggior parte dei paesi, temo che sempre più europei possano rivolgersi a fornitori online discutibili: questo perché i politici e i media non sono responsabili della corretta segnalazione. cittadini, scatenando il panico.

L'OCSE e l'EUIPO hanno pubblicato un rapporto che evidenzia i problemi dei medicinali contraffatti per i consumatori in Europa e nel mondo. Un quadro normativo trasparente e solido per il commercio elettronico farmaceutico può aiutare a combattere i malintenzionati e proteggere la salute degli europei, compensando l'apparente tumulto causato da informazioni fuorvianti.

In qualità di eurodeputato, sono profondamente convinto che l'UE debba agire rapidamente in tal senso, incoraggiando alcuni Stati membri a togliere alcune restrizioni alle farmacie online certificate e dando la possibilità di ottenere una prescrizione che sfrutti l'innovazione tecnologica del settore. pubblico: il microchip incorporato nella nostra carta d'identità elettronica è un certificato di autenticità che potrebbe consentire un'ampia gamma di servizi online per i cittadini europei. Un accesso più snello agli operatori legali riduce il rischio che i consumatori acquistino accidentalmente presso un fornitore di prodotti farmaceutici illeciti.

Si tratta di una questione di salute pubblica e può offrire all'UE uno strumento aggiuntivo per attuare un'azione forte e decisa contro il COVID-19.


Le opinioni qui espresse sono quelle degli autori e non riflettono necessariamente la politica ufficiale o la posizione del Consumer Choice Center. Qualsiasi contenuto fornito dai nostri blogger o autori è di loro opinione.


Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà dello stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta del consumatore. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo, la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in più di 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti normativi critici, e informiamo e responsabilizziamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Scopri di più su consumerchoicecenter.org

Cosa ci dicono i supereroi e i cattivi dei fumetti sull'editing genetico delle piante e dell'uomo e sul coronavirus

fd eba dd d

L'umanità sta attualmente affrontando un'enorme sfida imposta dal coronavirus. I confini vengono chiusi, gli aerei a terra e le fabbriche chiuse. Allo stesso tempo, scienziati e professionisti della sanità pubblica stanno lavorando a test, trattamenti e vaccini per fornire presto una risposta medica. Affrontare il corona potrebbe essere uno dei più grandi test che gli esseri umani hanno dovuto affrontare negli ultimi decenni, ma non sarà l'ultimo virus che dobbiamo sconfiggere. È tempo di abbracciare la bioscienza e consentire più ricerca e applicazioni dei metodi di alterazione genetica.

Per il profano, tutte queste chiacchiere tecnologiche sulla mutagenesi e l'ingegneria genetica sono difficili da comprendere e personalmente mi ci sono volute una buona quantità di letture per iniziare a capire quali metodi esistono e come questi possono migliorare enormemente la nostra qualità della vita.

Diamo prima un'occhiata ai quattro modi più comuni per alterare i geni di una pianta o di un animale:

  • dottor Saverio – Le mutazioni di per sé accadono regolarmente in natura – È così che alcuni amminoacidi sono diventati esseri umani un miliardo di anni dopo. L'evoluzione biologica può avvenire solo grazie alle mutazioni. Mutazioni in natura accadono casualmente o sono causati da fattori esogeni come le radiazioni (es. sole). Per i lettori di fumetti tra noi, gli X-men hanno mutazioni che (nella maggior parte dei casi) si sono verificate casualmente.
professore della legione xavier x
  • The Hulk - Mutazione attraverso l'esposizione (mutageni): uno dei modi più comuni per manipolare i semi è esporli alle radiazioni e sperare in mutazioni positive (ad esempio una maggiore resistenza ai parassiti). Questo metodo è molto comune dagli anni '50 e un approccio a fucile molto impreciso volto a rendere le colture più resistenti o appetibili. Richiede migliaia di tentativi per ottenere un risultato positivo. Questo metodo è ampiamente utilizzato e legale in quasi tutti i paesi. Nel nostro universo dei fumetti, Hulk è un buon esempio di mutazioni causate dalle radiazioni.
trb comp ve dab
  • Uomo Ragno – Organismi geneticamente modificati (OGM transgenici): questa procedura spesso temuta per la creazione di OGM si basa sull'inserimento dei geni di una specie nei geni di un'altra. Nella maggior parte dei casi, le colture OGM sono state iniettate con una proteina di un'altra pianta o batteri che fa crescere la coltura più velocemente o è più resistente a determinate malattie. Altri esempi possono essere visti incrociando il salmone con il pesce tilapia che fa crescere il salmone due volte più velocemente. Spiderman viene morso da un ragno e improvvisamente in grado di scalare i grattacieli grazie al suo DNA di ragno umano (transgenico) potenziato è un esempio del fumetto.
  • GATTACA/L'ira di Khan – Gene Editing (le forbici): il modo più recente e più preciso per alterare i geni di un organismo è il cosiddetto Gene Editing. Contrariamente agli OGM tradizionali, i geni non vengono impiantati da un altro organismo ma vengono modificati all'interno dell'organismo a causa di un metodo preciso per disattivare determinati geni o aggiungerli.
star trek ii l'ira di khan int sc

Questo può essere fatto anche negli esseri umani adulti che sono vivi, il che è una benedizione per tutti coloro che soffrono di malattie genetiche. Siamo in grado di “riparare” i geni negli organismi viventi. L'editing genetico è anche migliaia di volte più accurato del semplice bombardamento dei semi con le radiazioni. Alcuni esempi applicati stanno disattivando il gene responsabile della generazione del glutine nel frumento: il risultato è frumento senza glutine. Ci sono diversi metodi per raggiungere questo obiettivo. Uno dei più popolari in questi giorni è il cosiddetto CRISPR Cas-9. Queste "forbici" sono solitamente batteri riprogrammati che trasmettono le nuove informazioni sul gene o disattivano i geni defunti o indesiderati. Molti romanzi e film di fantascienza mostrano un futuro in cui possiamo disattivare i difetti genetici e curare gli esseri umani da malattie terribili. Alcuni esempi di storie in cui sono state utilizzate tecniche simili a CRISPR sono film come GATTACA, L'ira di Khan di Star Trek o la serie Expanse in cui l'editing genetico gioca un ruolo cruciale nella coltivazione dei raccolti nello spazio.Articolo correlato:  Punto di vista: in che modo la politica tedesca anti-OGM e pro-biologico avvantaggia le aziende agricole statunitensi

Cosa c'entra questo con il Coronavirus?

I biologi sintetici hanno iniziato a usare CRISPR per creare parti sinteticamente del coronavirus nel tentativo di lanciare un vaccino contro questa malattia polmonare e poterlo produrre in serie molto rapidamente. In combinazione con simulazioni al computer e intelligenza artificiale, il miglior progetto per un tale vaccino viene calcolato su un computer e quindi creato sinteticamente. Ciò accelera lo sviluppo del vaccino e lo riduce da anni a pochi mesi. Le autorità di regolamentazione e gli organismi di approvazione hanno dimostrato che in tempi di crisi possono anche approvare rapidamente nuovi test e procedure di vaccinazione che di solito richiedono anni di avanti e indietro con agenzie come la FDA?

CRISPR permette anche la 'ricerca' di geni specifici, anche geni di un virus. Questo ha aiutato i ricercatori per costruire procedure di test semplici e veloci per testare i pazienti per la corona.

A lungo termine, l'editing genetico potrebbe permetterci di aumentare l'immunità degli esseri umani alterando i nostri geni e rendendoci più resistenti a virus e batteri.

Questa non sarà l'ultima crisi

Mentre il coronavirus sembra davvero mettere alla prova la nostra società moderna, dobbiamo anche essere consapevoli che questo non sarà l'ultimo agente patogeno che ha il potenziale per uccidere milioni di persone. Se siamo sfortunati, la corona potrebbe mutare rapidamente e diventare più difficile da combattere. Il prossimo virus, fungo o batteri pericolosi è probabilmente dietro l'angolo. Quindi dobbiamo abbracciare le ultime invenzioni della biotecnologia e non bloccare la ricerca genetica e il dispiegamento delle sue scoperte.

In questo momento un sacco di burocrazia e persino divieti a titolo definitivo si frappongono tra innovazioni salvavita come CRISPR e pazienti in tutto il mondo. Dobbiamo ripensare la nostra ostilità nei confronti dell'ingegneria genetica e abbracciarla. Ad essere sinceri: siamo in una lotta costante per combattere le nuove malattie e dobbiamo essere in grado di fornire risposte umane all'avanguardia a questo.

Fred Roeder è un economista sanitario dalla Germania e ha lavorato nella riforma sanitaria in Nord America, Europa e diverse ex repubbliche sovietiche. Una delle sue passioni è analizzare come le industrie e le tecnologie dirompenti consentano ai consumatori una scelta più ampia a un costo inferiore. Seguilo su Twitter @FredCyrusRoeder

Una versione di questo articolo è stata originariamente pubblicata su Centro di scelta dei consumatori ed è stato ripubblicato qui con il permesso. Il centro può essere trovato su Twitter @ConsumerChoiceC


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

Javier Fernández-Lasquetty su Libertà e innovazione nell'era del coronavirus

La crisi sanitaria del COVID-19 ha evidenziato, da un lato, le debolezze nel modo in cui abbiamo concepito i nostri sistemi istituzionali negli ultimi sessant'anni. D'altra parte, come i mercati intervenuti e diretti diventano particolarmente inefficienti in tempi di crisi. 

Così, delle tante risposte che vediamo ogni giorno, sono quelle che emergono spontaneamente e liberamente che offrono risposte più rapide ed efficaci. L'ordine spontaneo è ancora una volta la migliore risposta alla struttura complessa e petrosa dello Stato.

La gestione della fornitura di materiale sanitario e medicinali è attualmente uno dei punti più deboli dei nostri sistemi sanitari, non per la sua scarsa efficacia, ma per la lentezza delle risposte. Questa lentezza è dovuta proprio all'eccesso di controllo da parte delle autorità pubbliche che, in molti Paesi, ha portato a una intollerabile lentezza nell'acquisto di tali prodotti basilari come mezzi di protezione per gli operatori sanitari. 

Se la dotazione di mezzi di protezione è importante, è particolarmente rilevante, per l'urgenza, come gestire in modo rapido e sicuro la nuova ricerca e la successiva brevettazione di farmaci e/o vaccini per fermare la pandemia. 

A mio avviso, occorre prestare attenzione a entrambi gli aspetti. L'urgenza della ricerca di un vaccino può portare all'emergere di fornitori del mercato nero a causa dei protocolli di convalida e dei vari test che qualsiasi farmaco deve superare sul mercato ordinario, test che possono essere ignorati sul mercato nero o applicati con meno cura. Il problema è che, se non si presta adeguata attenzione al secondo aspetto – gestire la ricerca e i brevetti in modo rapido e sicuro – non solo si potrebbero causare gravi danni alla salute delle persone, ma si potrebbero anche rubare brevetti per produrre il farmaco in mercati paralleli al di fuori dei controlli medici, con ovvie conseguenze. 

Riteniamo che la sicurezza nella creazione di farmaci e vaccini debba essere particolarmente ricercata dalle istituzioni, senza distinzione tra pubbliche e private. Tale circostanza implica non solo la garanzia del rispetto degli opportuni controlli, ma anche la tutela della proprietà nella realizzazione della stessa poiché, diversamente, verrebbero scoraggiate le ricerche, in particolare in ambito privato. Procedere in questo modo comporterebbe senza dubbio difficoltà nel trovare soluzioni a questi problemi medici lasciando fuori dal circuito produttivo un agente importante che, come è stato dimostrato nella gestione di questa crisi sanitaria, fornisce un'assistenza importante e necessaria al settore pubblico.

Non è irragionevole ricordare che i tempi di crisi sono tempi di opportunità, anche in circostanze gravi come quelle attuali. È in essi che si trovano opportunità nelle debolezze del sistema per migliorarlo, con ingegno e creatività, e cercare nuove opportunità di crescita. 

È necessario a questo punto fare appello all'innovazione dirompente. La migliore lezione che già ci lascia questa terribile crisi sanitaria è che solo attraverso la collaborazione spontanea e volontaria, la libera creazione e l'assenza di ostacoli burocratici nella ricerca di soluzioni si diventa efficienti.

Javier Fernández-Lasquetty
Assessore Regionale alle Finanze. Regione di Madrid (Spagna)
Già assessore regionale alla Sanità. Regione di Madrid (Spagna)

Le opinioni qui espresse sono quelle degli autori e non riflettono necessariamente la politica ufficiale o la posizione del Consumer Choice Center. Qualsiasi contenuto fornito dai nostri blogger o autori è di loro opinione.

Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà dello stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta del consumatore. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo, la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in più di 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti normativi critici, e informiamo e responsabilizziamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Scopri di più su consumerchoicecenter.org

Non, l'Afrique n'est pas épargnée!

OPINIONE. Il virus ailé che rappresenta l'invasione attuale di cricche minaccia di réduire à néant toutes les récoltes de la Corne de l'Afrique. Il faut réagir de toute urgence, en se souvenant que chimie et technologie font aussi partie du génie humain, rappelle notre chroniqueur

L'hémisphère Sud, et en particulier l'Afrique, semble en grande partie épargné par la pandémie de Covid-19 che preoccupa toute l'Asie et l'Occident. Mais pendant que nous focalisons notre attention sur cette maladie, nous détournons notre regard d'un désastre sans doute pire encore, qui devastare il continente africano.

A l'heure actuelle, des dizaines de milliers d'hectares de culture et de plantations sont ruinés par la plus grande invasion de criquets de ces vingt-cinq dernières années. En raison d'un climat automnal favorevole, ces insectes ont proliféré et leur nombre pourrait encore croître d'ici à juin.

Neuf Etats africains s'essaient aujourd'hui à maîtriser la propagation de ce virus alé qui se répand à une vitesse effarante. Mais, miglio, sorgo, herbes et feuilles: tout y passe!

Des nuages de criquets, parfois de la taille de petits pays comme le Luxembourg, se déplacent sur des kilomètres devastant tout sur leur passage et ne laissant derrière eux qu'une terre stérile. Queste regioni pauvres, che souffrent régulièrement de la carestia, se retrouvent ainsi faccia a una futura crisi alimentare di grande ampiezza.

Dopo il debutto di questa invasione, i governi di questa invasione hanno intensificato le misure di controllo che comprendono un rapido utilizzo di pesticidi in tutte le zone toccate, polverizzate con l'aiuto di pompe manuali e motori. Ces Etats sont aujourd'hui appuyés par les Nations unies, che richiede un aiuto urgente per organizzare rapidamente una polverizzazione aerea di grande ampiezza prima della stagione delle piantagioni.

L'obiettivo principale consiste nell'empêcher l'éclosion des œufs des criquets par l'utilisation de fénitrothion et de malathion, des insetticidi organophosphorés couramment utilisés pour lutter contre les moustiques et les insetti frugivori. In effetti, si un intervento n'est pas faite rapidement, la plaie des criquets pourrait s'amplifier et réduire à néant les terres agricoles restantes de la Corne de l'Afrique.

Pandémie et prolifération des criquets: face à ces catastrophes d'ampleur biblique, l'Humanité se retrouve confrontaée à ses éternels ennemis naturels qui lui rappellent sa fragilité. La nature nous rappelle aujourd'hui qu'elle n'est pas que Gaïa la nourricière mais également Nemesis la colérique.

Par ces épreuves, nous prenons conscience que la technologie et la science non sont pas des oppressions qui nous éloignent d'un état naturel fantasmé mais au contraire le résultat de notre vie et notre confrontation à notre milieu.

Energie nucléaire, produits chimiques, médicaments de synthèse, vaccinans: toutes ces solution qui sont décriées par des minorities qui font beaucoup de bruit sont pourtant les fruits de l'ingéniosité humaine et la source de sa prospérité.

Après le passage de ces heures sombres, nous devrions ressortir plus reconnaissants de ce qui nous permet d'échapper à une vie «courte, brutale et indigente», come le disait Thomas Hobbes. Retrouvons foi en notre ingéniosité et notre capacité à créer plutôt que porter sans cesse le poids d'une culpabilité infondée de notre présence sur cette Terre.

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

Après le coronavirus, faisons des améliorations à notre cadre législatif

Après des semaines de changements à notre façon de consommer, nous voyons qu'il ya des migliorie importantis à faire, in questo che riguarda le nostre catene di approvazione e le moyens disponibili per se procuratore di prodotti e servizi. Profitons de cette phase de lucidité pour faire des changements appropriés.

Plusieurs semaines de reclusione nous montrent que tout ne s'est pas
déplacé sur internet et qu'une présence physique est difficilement sostituible avec une connexion internet. Tout de même, nous voyons aussi qu'il ya raison de se réjouir du fait que cette pandémie nous tombe dessus en 2020 et pas il ya vingt ans. Nous avons la possibilité de rechercher et commander des produits et services, presque sans
aucune nécessité de se déplacer.

Gli strumenti di lavoro a distanza come Zoom, Asana o gli strumenti di Google hanno già rivoluzionato il mondo del lavoro. La plupart des réunions peuvent
être convertiti in appel video. Dans des pays comme le Royaume-Uni, i consumatori possono dire che grazie ai servizi di spedizione di prodotti alimentari come Amazon Fresh etOcado, noi possiamo costituire una buona quantità di riserve di conserve, di prodotti secondari e di prodotti per la vendita bains, sans même avoir à nous battre pour les
derniers produits dans certains supermarchés presque vides.

Au Luxembourg, où ces services n'existent pas, la question se pose si notre cadre réglementaire n'est pas à l'origine de ce défaut. L'assenza di servizi come Uber, o le trottinettes elettriche come Bird, nous indique qu'une législation fautive est à l'origine de cette défaillance. Tant que des villes comme Bruxelles ou Paris bénéficie de l'économie de partage, les restaurateurs et la clientèle luxembourgeoises doivent se contenter de sites web incomplets de restaurantes, et l'HORESCA qui organizza un service de livraison à 10 euros par commande (pour ceux qui n'ont pas de service intégré de livraison).

Si sa che le applicazioni decentralizzate sono già preparate per affrontare le crisi e la domanda dei clienti. Un grande cambiamento nell'approvazione di prodotti e servizi è quello dei farmaci e dei servizi medici. Pendant la pandémie, nous voyons l'arrivée des télé-consultations, dont on espère qu'elles ne resteront pas une innovation temporaire. Afin de récupérer leurs ordonnances, les pazienti ont dû se déplacer en pharmacies - un obbligo superfluo.

Huit paga dans l'Union européenne concedendo il diritto ai suoi cittadini de commander des médicaments sur ordonnance en ligne: le Royaume-Uni, l'Allemagne, la Suisse, les Pays-Bas, le Danemark, la Suède, la Finlande et l' Estonia. Au Luxembourg, le gouvernement nous informa que “Seuls les médicaments sans ordonnance peuvent être vendus sur internet. Il n'est pas prévu d'autoriser la vente à distance de médicaments sur ordonnance. Espérons che la crisi attuale darà la motivazione necessaria ai parlamentari per interessarsi a una legalizzazione di questi servizi.

Au niveau de l'Agence européenne des médicaments (EMA), noi aurions besoin d'un audit pour comprendre pourquoi un fast-tracking des process-
dures d'approbation n'a pas encore été possibile. Dans une situation d'urgence comme celle du coronavirus, il nous faut des recherches efficacis, et une burocratie qui autorise au plus vite les médicaments nécessaires. L'Agence luxembourgeoise des médicaments et des produits de santé (ALMPS) deve funzionare dopo le mêmes principes: dare la priorità per massimizzare il numero di nuovi farmaci sûrs, riducendo gli ostacoli amministrativi. Nello stesso tempo, il Lussemburgo doit aussi autorizzare et incoraggiare il "droit à l'essai" médical. La loi sur le droit d'essayer ou loi Trickett Wendler, Frank Mongiello, Jordan McLinn et Matthew Bellina, a été promulguée le 30 mai 2018 aux États-Unis. Cette loi est un autre moyen pour lespatients chez qui on a diagnostiqué des maladies mortelles, qui ont ha provato tutte le opzioni di traitement approuvées et qui non può partecipare a un essai clinique, d'accéder à certains traitements non approuvés. Les cliniques permettonont de savoir se un prodotto è sûr à l'emploi et peut traiter ou prévenir efficacemente una malattia. Les personnes peuvent avoir de nom-
breuses raisons de participer à des essais cliniques.

En plus de contribuer aux connaissances médicales, certaines personnes participent à des essais cliniques parce qu'il n'existe aucun traitement pour leur maladie, que les traitements qu'elles ont has s n'ont pas fonctionné ou qu'elles non sont pas en mesure de tolérer les traitements actuels.

Au-delà, il faut aussi plus de cybersécurité chez les Luxembourgeois et les entreprises contre les cyberattaques qui se propagent lors de cette pandémie. La sicurezza del fondo deve essere garantita per proteggere l'at-
tractivité de la place financière – pour ce faire, une esclusion de somes acteurs du marché de télécommunication, dont la Chine, ne doit pas être exclue. Et qui dit vie privé, doit aussi garantirà une révision de la
Costituzione che ha incontrato in evidenza le idee reçues de cette crise, afin de prévenir encore plus les abus de pouvoir dans des urgences futures.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

Україна не може дозволити собі заборони на експорт пшениці

У середу, заступник міністра економіки Тарас Висоцький повідомив Reuters, що Україна готова ввести заборону на експорт пшениці, якщо його обсяг перевищить узгоджений з трейдерами рівень Цьому кроку передувало звернення Всеукраїнської асоціації пекарів та асоціації «Борошномели України» до президента Володимира Зеленського, прем'єра Дениса Шмигаля, міністра економрозвитку Ігоря Петрашка та секретаря Ради нацбезпеки і оборони (РНБО) Олексія Данілова з проханням вплинути на ситуацію з підвищенням цін на продовольчу пшеницю .

Заборони на експорт – це причинену пандемією. Метою є запобігання дефіциту пшениці та зростання цін на зерно всередині країни. Anche se, in queste storie, questo crock può essere visto da un punto di vista economico.

Однак проблема у тому що у перспективі такі рішення можуть призвезти до втрат у вигляді погіршення відносин з країнами-торговими партнерами та втратою багатьох експортних можливостей у майбутньому. Так як україна є одни Questi

Зростання експорту в 2018-ому році забезпечили в основному кукурудза, пшениця, ріпак, м'ясо і субпродукти птиці, олії, тютюн і вироби з нього, яйця і кондитерські вироби. Найбільшими імпортерами української сільгосппродукції в 2018 році були Індія, куди було експортовано аграрної продукції на суму понад 1,8 млрд дол., Китай – 1,2 млрд. дол., Нідерланди – 1,2 mlrd. дол., Spagna – 1 млрд. дол. in Єгипет – 0,9 млрд. Dol.

Міжнародна торгівля важлива тим, що вона дозволяє кожній стороні використовувати свою дозволяє і отримувати вигоду зашивев. Таким чином, rраїни, в які ми постачаємо зерно є залежними від наших імпортів так само як наші експортери залежні від від продажу на світовий ринок. Alla fine, assicurati di vedere. Lo stesso per cui ti sei reso conto delle tue attività, e osserva che il tuo programma di esportazione non è più disponibile.

L'esportazione di energia da parte di un'economia controllata è sufficiente per ottenere un'esportazione di denaro. Цілком ймовірно, що тоді вони – цілком виправдано – вимагатимуть від держави певну грошову підтримку для збереження сзбереження Україна, як країна, яка водночас веде війну з Росією, і коронавіруcом і яка по голову в кредитах, і коронавіруcом і яка по голову в кредитах, не може собі цьдог.

Але це не лише Україна. Il kraїн заявили про готовність повернутись всередину. Нещодавно Румунія ввела заборону на вивезення зерна та переробленого зерна (включаючи хлібобулочні вироби) за межі Європейського Союзу, і румунські фермери вже висловили свою стурбованість. Зокрема, вони побоюютьс, щщ заборона не бroche скаquisiti “Це було б катастрофою, оскільки фермери не мають потужностей для зберігання,” – стверджує Строеску.

Економічний націоналізм є привабливим, але він так само є неймовірно небезпечним в довгостроковій перспективі і підштовхне нашу економіку ще більше вниз.

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

Cinque misure che potrebbero prevenire futuri lockdown

Che l'Organizzazione mondiale della sanità non abbia esattamente brillato nella crisi del coronavirus è ora ben documentato. Dovrebbe ricordarci i pericoli di seguire un approccio guidato centralmente per affrontare la malattia. Per fortuna, visto come sono stati anche gli esperti incerto su come rispondere a questa enorme sfida, non c'è stata una risposta unificata dell'UE al Covid-19. Invece, i paesi europei hanno affrontato il virus usando tentativi ed errori.

Di conseguenza, esaminando le risposte dei paesi europei e asiatici, ora possiamo distinguere cinque cose importanti che sembrano aver funzionato per prevenire la necessità di un blocco rigoroso ed economicamente devastante.

Leggi di più qui


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

I blocchi eccessivi stanno appiattindo i nostri mezzi di sussistenza

Milioni di americani sono in panca puniti mentre parliamo.

Hanno seguito i consigli dei funzionari statali e locali e sono rimasti a casa per fermare la diffusione del COVID-19.

Le aziende sono sospese, i compleanni vengono annullati, i viaggi sono limitati e siamo incollati ai nostri schermi per vedere come tutto questo va a finire. Mentre alcuni di noi sono stati in grado di portare avanti il lavoro, essenziale o meno, durante questo periodo di prova, per la maggior parte non è possibile.

Più di 16 milioni di americani hanno archiviato per i sussidi di disoccupazione da quando gli ordini di blocco sono entrati in vigore a metà marzo, e gli economisti affermano che potremmo affrontare una disoccupazione fino al 20% entro l'estate.

È certamente vero che molti stati e città hanno salvato vite ordinandoci di restare a casa. Ma ora i blocchi generali stanno appiattindo i nostri mezzi di sussistenza in un modo che è più pericoloso di questa pandemia.

Il politologo danese Bjorn Lomborg afferma che chiudendo tutte le scuole e i posti di lavoro, stiamo "effettivamente creando più danni, più morti a lungo termine, più disoccupazione a lungo termine e disagio per l'intera popolazione rispetto a ciò che si ottiene salvando vite umane. "

Ha ragione. È per questo che l'Austria e la Danimarca hanno già iniziato ad allentare i loro blocchi e ad aprire le loro economie, ma con le regole di distanziamento sociale ancora in vigore. I leader europei vedono il vero danno che è stato arrecato alle società ed è tempo di invertire la rotta pur rimanendo responsabili.

Questo è esattamente ciò che può fare anche il popolo americano.

Possiamo ancora essere responsabili allontanandoci socialmente dove necessario, indossando mascherine, mettendo in quarantena i gruppi a rischio e utilizzando la tecnologia per monitorare la diffusione del virus. Questo è ciò che i paesi che tornano al lavoro hanno fatto fin dall'inizio.

Ciò sarà più efficace che costringere le imprese a chiudere, spingendo molti dei nostri compatrioti verso banche del cibo o sull'orlo dei senzatetto.

Non dobbiamo guardare oltre i nostri ospedali.

È vero che molte strutture sanitarie nelle grandi città sono sopraffatte e dovremmo inviare loro ogni risorsa ove possibile.

Ma annullando gli interventi chirurgici e le operazioni elettive che alimentano i loro budget, gli ospedali rurali e di contea hanno ironicamente iniziato a licenziare centinaia di migliaia di operatori sanitari e personale amministrativo. Questo non è perché sono sopraffatti dai pazienti COVID-19, ma piuttosto perché non hanno alcun paziente.

Se stiamo perdendo operatori sanitari durante una pandemia, allora stiamo facendo qualcosa di sbagliato.

Un approccio unico per tutti è di solito fuorviante nel nostro sistema federale, e ora è sbagliato. Ci sono 27 stati che hanno avuto meno di 100 morti, ma stanno ancora imponendo blocchi schiaccianti. Non c'è da meravigliarsi se così tanti non vedono l'ora di tornare al lavoro.

È tempo di ammettere che i blocchi non sono una risposta universale alla crisi che dobbiamo affrontare.

Molti criticano il presidente Trump per il suo desiderio di aprire l'economia americana. Ma la sua ansia è un segnale per i lavoratori e gli imprenditori di tutto il mondo: il dolore e la sofferenza del nuovo coronavirus sono reali, ma perdere il proprio reddito e le prospettive di nutrire la propria famiglia è altrettanto grave o talvolta anche peggiore.

Gli americani sono un popolo robusto, forte e resiliente. Comprendiamo che le cose potrebbero non essere più le stesse, ma dovremmo fidarci di continuare la nostra vita seguendo la guida dei nostri scienziati e medici. Questo è l'equilibrio di cui abbiamo bisogno per proteggere i nostri mezzi di sussistenza e salvare i più vulnerabili.

Originariamente pubblicato qui.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

L'eurodiputata Isabel Benjumea su COVID-19

La terribile pandemia di Covid-19 che ci ha colpito non solo trae consigo una crisi sanitaria e umanitaria, sino anche una crisi economica, sociale e politica. Prima di questo scenario, non dobbiamo dimenticare che i momenti di debilitazione e crisi sono un terreno fertile per gli interventisti e gli statisti di tutte le condizioni, che pretenderanno di "approvare" questi momenti di tremenda incertezza per inoculare i suoi dogmi in una società temerosa. 

El confinamiento de los ciudadanos bajo la tutela dello Estado come principale mezzo di prevenzione dal virus e las amplios poderes conferidos a los Gobiernos può essere interpretata da dichos statistas come il salvoconducto ideale per trasmettere i suoi dogmi: “es el Estado el único capacitado para protegerte de esta amenaza, es el Estado el único capaz de comprender lo que está sucediendo y actuar a tal efecto (administrando por tanto la información y la gestión de la verdad), es el Estado quien marca los tiempos y quien administra tu vida cotidiana… Ergo : es el Estado quien te acabará salvando”.

Come sempre succede, la realtà si impone all'utopia e los hechos alle ensoñaciones dogmáticas. Basta poner como ejemplo lo que sucede en mi país, España, uno de los más afectados por questa terribile pandemia.

Fronte alle medie ricentralizzate e intervencionistas de un gobierno socialista poco amico della libertad, ha sido la iniciativa privada quien ha conseguido desbloquear la exasperante lentitud gestora del gobierno. Mentre il governo centrale amontonaba materiale sanitario per procedere a un reparto justo y solidario, diverse aziende si uniscono per comprare materiale sanitario e traerlo a nuestro país. Mentre il gobierno si perde nei canali burocratici e nelle difficoltà di stampa sin periodiche, la collaborazione pubblico-privata nelle regioni e nelle città consente l'acquisizione di materiale, la gestione diretta della crisi sanitaria e la costruzione o l'adeguamento dei nuovi ospedali. Mentre il governo socialista vende supuestas ayudas che aumentano il gasto pubblico, son piccole, mediane e grandi imprese, insieme a soggetti individuali che stanno donando miglia di ayudas e aportaciones per luchar contro il virus e dar risposta ai colectivos più vulnerabili e afectados.

Tengamo chiaro questo punto di partenza per capire che questa nuova epoca si aprirà tras la crisi del coronavirus correrà il rischio di regresar hacia un passaggio oscuro e fracasado si permette che la propaganda abituale estatista manipoli la realtà e maquille lo che sta succedendo. Tutte le soluzioni a questa crisi e tutti gli interventi per costruire il futuro hanno dovuto venire, come sempre, da una delle istituzioni efficienti ed efficaci e limitate in potere e da un'iniziativa privata e con capacità di attuazione e sviluppo che possono collaborare alla ricostruzione e nella ricerca di soluzioni.

E anche noi sappiamo chiaramente che chi ha capito tutto non è in grado di chiedersi di voler entrare come lui. Uno stato voraz che ha avuto l'opportunità di gestire la vita cotidiana dei cittadini non va a regalare questo potere. Deh, dobbiamo vigilare sul recupero di tutti e ogni uno dei diritti individuali coinvolti in questa crisi.

È imprescindibile capire questo contesto prima di abbandonare il terreno delle medie. Antes de adentrarnos en las propuestas de ámbito sanitario, fiscal, laboral o social hay que tener claros los peligro que nos acechan y el camino a seguir.

Più concretamente, in relazione alla somministrazione di farmaci e materiale sanitario, anteriormente poni come esempio il caso spagnolo: ha tenuto che ser la collaborazione pubblico-privata che salva la situazione di blocco che vive il paese. Y ahí debe haber normas y regulación, por supuesto, siguiendo la sencilla máxima: “pocas y claras”.

Frente a la hiperregulación y la burocracia que bloquea los canales de compra, encarece los productos y retrasa su entrega y posterior reparto, agilicemos las compras delimitando la seguridad de las mismas. La liberalizzazione del settore farmaceutico, permettendo la vendita di farmaci che non necessitano di prescrizione medica fuera dalle farmacie e online, così come una maggiore libertà nel settore tanto nella sua organizzazione interna come nella creazione di nuovi stabilimenti, può essere linee a tenerne cuenta para lograr el abaratamiento de los medicamentos.

Oltre a questa liberalizzazione, le istituzioni hanno dovuto incentrare la propria normativa sull'assicurazione della qualità del prodotto, soprattutto su un tema così sensibile come la salubrità. Evidentemente, l'esistenza di brevetti che devono superare tutti gli esigenti filtri di sicurezza e qualità, è un'arma imprescindibile. A su vez, aseguran el interés de la investigación private, tan necesaria para el beneficio público y sanitario. Ma sarà anche carta delle istituzioni limitare la gestione dei brevetti, evitando monopoli e abusi nel mercato che potrebbero ostacolare la libera competenza e il conseguente abbattimento del prodotto. 

Medidas liberalizadores che si combinano con il marco de seguridad che hanno da portare le istituzioni, la riduzione e la semplificazione dell'iperregolazione che ritrasmette la gestione delle soluzioni e la collaborazione pubblico-privata nella ricerca delle soluzioni sul percorso a seguire. E la chiave è che non sono dogmi ideologici, son apuntes extraídos de observar lo que sucede; de observar la tozuda realidad.


I punti di vista e le opinioni qui espresse sono quelle degli autori e non riflettono necessariamente la politica ufficiale o la posizione del Consumer Choice Center. Qualsiasi contenuto fornito dai nostri blogger o autori è della loro opinione.


Il Consumer Choice Center è il gruppo di difesa dei consumatori che sostiene la libertà di stile di vita, l'innovazione, la privacy, la scienza e la scelta dei consumatori. Le principali aree politiche su cui ci concentriamo sono il digitale, la mobilità, lo stile di vita e i beni di consumo e la salute e la scienza.

Il CCC rappresenta i consumatori in oltre 100 paesi in tutto il mondo. Monitoriamo da vicino le tendenze normative a Ottawa, Washington, Bruxelles, Ginevra e altri punti caldi della regolamentazione e informiamo e attiviamo i consumatori a lottare per #ConsumerChoice. Ulteriori informazioni su consumerchoicecenter.org

Descrizione
it_ITIT