fbpx

Lettere dello Yorkshire Post

I social media hanno trasformato la nostra vita quotidiana in vari modi: dalla promozione aziendale alla comunicazione interpersonale. Tuttavia, a causa della sua vasta portata, è facile dimenticare che non ci è imposto in alcun modo. Simile al consumo di prodotti zuccherati o cibo spazzatura, usare o non usare i social media è una scelta. Dove c'è una scelta, c'è sempre una responsabilità. 

Cercando di proteggere i giovani dagli effetti dannosi sulla salute dei social media, il governo li protegge anche dalla possibilità di scegliere. Per giustificare la necessità dell'intervento del governo, Chris Elmore MP, ha definito i social media un "paesaggio senza legge" in cui i bambini lavorano e giocano online. Nessuno mette in dubbio l'importanza della salute mentale dei bambini nel nostro mondo in rapida evoluzione. La domanda da porsi è perché il governo crede che sia sua responsabilità, non i genitori?

Mia sorella di 10 anni trascorreva la maggior parte del suo tempo sui social media e, nel momento in cui l'ho trovato estremamente preoccupante, ho suggerito ai miei genitori di limitarlo a un'ora al giorno. Dopo alcuni giorni di costante utilizzo limitato dei social media, quella che il governo chiamerebbe "una dipendenza" è scomparsa. 

Ha iniziato a uscire con veri amici e si è sentita molto più felice. La tassa quindi non farà altro che gravare sulle società di social media senza risolvere il vero problema, ovvero la responsabilità genitoriale.

Leggi di più qui

Descrizione